HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10543
2
LucHC Lions
10326
3
Sparta Becherovka
10067
4
TrigoAce1
9963
5
FHM2223
9960
6
Team Belozoglu
9935
7
thibault_gav
9863
8
HC Kaski Male
9846
9
Team7
9741
10
Chop
9713
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
8 ore

L’esempio di Ashe, trent’anni dopo

Il 6 febbraio del 1993, non ancora cinquantenne, il grande tennista si arrendeva all’Aids, contratto in ospedale dopo un’operazione al cuore
IL DOPOPARTITA
14 ore

L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’

Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
15 ore

Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto

Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
18 ore

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
18 ore

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
19 ore

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
19 ore

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
20 ore

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
21 ore

Bellinzona ancora senza identità

I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
29.11.2022 - 22:16
Aggiornamento: 22:46

Il Losanna sbanca la Gottardo Arena

L’Ambrì recupera uno (sfortunato) doppio svantaggio, ma non basta per vincere: i vodesi vincono 3-2 e scavalcano i biancoblù in classifica

Tio/Sport, a cura di Red.Sport
il-losanna-sbanca-la-gottardo-arena
Ti-Press/Crinari
Chlapik torna al gol, ma non basta

Reduce da un weekend a secco di soddisfazioni, anche la serata infrasettimanale non ha sorriso all’Ambrì. I biancoblù sono infatti stati sconfitti per 2-3 dal Losanna sul ghiaccio di casa. Nello schieramento leventinese sono rientrati Juvonen fra i pali e Burren in difesa. Shore è nuovamente finito in sovrannumero, mentre Grassi ha occupato il centro della quarta linea fra Zwerger e Pestoni. Kneubuehler proposto ancora nel blocco dei due cechi.

Finito sotto di due lunghezze nel primo periodo, l’Ambrì ha di che prendersela con la dea bendata. Il Losanna ha inizialmente aperto le marcature con Fuchs, fattosi trovare pronto davanti allo slot dopo che Juvonen aveva perso di vista un disco scagliato da Sekac (6’31"). Poi, la compagine leventinese si è incastrata in una serie di episodi sfortunati. Spacek ha colpito una traversa, Kostner invece un palo. E ad intervallare i due ferri incocciati dai biancoblù, Frick ha siglato lo 0-2. Fortunoso il gol del numero 14 dei Leoni, la cui conclusione ha sbattuto sul palo prima di carambolare addosso a Juvonen e finire in fondo al sacco (14’42").

Decisamente più felice l’apertura di periodo centrale, quando la banda di Luca Cereda ha ristabilito la parità. In situazione di powerplay, la ribattuta di Heed sul palo di Bürgler ha dapprima dimezzato lo svantaggio (22’07"). Poco più tardi, a 26’59", Chlapik si è ritagliato lo spazio per concludere e freddare nuovamente Punnenovs (acciaccato e sostituito da Stephan dopo il gol incassato). Nonostante un autogol rischiato da Burren – per una deviazione fortuita finita sul palo – l’Ambrì pareva dunque essersi impadronito del ghiaccio. Tuttavia, una penalità inflitta a Chlapik, e il conseguente powerplay romando, ha permesso agli ospiti di tornare avanti nel punteggio. Un ingaggio vinto in zona offensiva ha infatti liberato Kovacs per infilare il 2-3 (33’51").

Nell’ultima frazione Grassi e compagni hanno cercato di riacciuffare il pari più con sparse fiammate che con una costante pressione. Una grossa chance ce l’hanno avuta Pestoni e Virtanen, lanciati in shorthand in un 2v1, ma fermati sul più bello. Chlapik è stato il più tenace, rendendosi pericoloso con un paio di iniziative personali. Nemmeno il ceco però ha saputo trovare la via del gol, e dunque a gioire al suono della sirena è stato il Losanna.

Una sconfitta poco piacevole anche in chiave classifica, perché con i tre punti conquistati oggi il Losanna (assieme al Langnau) ha scavalcato l’Ambrì in classifica: i leventinesi – fermi a 29 punti in 25 partite – occupano ora la penultima piazza.

Ambrì Piotta - Losanna (0-2 2-1 0-0) 2-3
Reti: 6’31 Fuchs (Riat) 0-1; 14’42" Frick (Sekac) 0-2; 22’07" Bürgler (Heed, Pestoni) 1-2; 26’59" Chlapik (Spacek) 2-2; 33’51" Kovacs (Gernat) 2-3.
Ambrì Piotta: Juvonen; Zaccheo Dotti, Heed; Fischer, Virtanen; Isacco Dotti, Fohrler; Burren, Zündel; Trisconi, Kostner, Hofer; Marchand, McMillan, Bürgler; Kneubuehler, Spacek, Chlapik; Zwerger, Grassi, Pestoni.
Arbitri: Tscherrig, Eriksson (Sve); Altmann, Burgy.
Note: 6’004 spettatori, Penalità: 2 x 2’ Ambrì; 4 x 2’ Losanna.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved