Fiorentina
1
Bologna
2
fine
(1-1)
Inter
0
Milan
0
1. tempo
(0-0)
KIRKIN E./PIROS Z.
0
RITSCHARD A./STRICKER D.
0
fine
Ginevra
1
Friborgo
3
1. tempo
(1-3)
Visp
5
Olten
1
fine
(3-0 : 1-1 : 1-0)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10388
2
LucHC Lions
10262
3
Sparta Becherovka
9991
4
TrigoAce1
9890
5
FHM2223
9869
6
thibault_gav
9824
7
Team Belozoglu
9817
8
HC Kaski Male
9765
9
Team7
9706
10
Poitu
9630
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
52 min

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
1 ora

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
2 ore

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
2 ore

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
3 ore

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
4 ore

Bellinzona ancora senza identità

I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
6 ore

Nadine Fähndrich brilla sulle nevi di Dobbiaco

La lucernese, eliminata venerdì nella semifinale dello sprint, sabato ha colto il quarto posto nella 10 km skating
SCI NORDICO
6 ore

Trionfo di Alessandro Vanzetti in Val Bedretto

L’esponente del Simano vince il tradizionale concorso del Pizzo Rotondo, mentre fra le donne ottimo secondo posto per Natascia Leonardi
Hockey
22 ore

Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten

Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
23 ore

Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis

In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
1 gior

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
1 gior

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
1 gior

Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’

I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
hockey
laR
 
01.11.2022 - 23:49

È ancora Lugano. ‘Non perfetti, ma bene nelle piccole cose’

Dal 2-0 al 2-2 in sette minuti, poi, soli dodici 12 secondi dopo (!), il gol partita di Morini. Luca Cereda: ‘Il vero Ambrì è quello del terzo tempo’

e-ancora-lugano-non-perfetti-ma-bene-nelle-piccole-cose
Ti-Press/Piccoli
I biancoblù masticano ancora amaro, come a fine settembre

Lugano – Mancava giusto dall’ultimo derby, Calle Andersson. Quando aveva dovuto lasciare il ghiaccio poco dopo aver segnato lo 0-3 a causa di una botta al costato. Nel giorno del suo ritorno in pista, un mese dopo il difensore numero 55 del Lugano si erge subito a protagonista: dopo aver scippato il posto in difesa a Kaski (e dei due, a giudicare queste prime settimane il vero straniero piuttosto sarebbe lui), lo svedese con licenza svizzera firma il gol d’apertura del 247esimo derby della storia, al suo secondo tiro in porta. «Questi tre punti erano importantissimi per noi – dice Calle Andersson –. Chiaro, sono contento di aver segnato, ma prima viene la prestazione del gruppo che penso stavolta sia stata molto buona. Sono contento del mio rientro. È stata dura star fuori cinque settimane, ma la stanchezza non si sente se si vince».

Quella rete di Andersson, al 19’03", dà un deciso scossone al primo Lugano-Ambrì della storia con due allenatori ticinesi in panchina: e se a giudicare dalle immagini del pre-partita, dei due coach il più nervoso non sembra essere Gianinazzi, a cui scappa pure un sorriso poco prima dell’ingaggio d’avvio, di sicuro alla fine il più entusiasta non è Luca Cereda. Infatti il suo Ambrì cola a picco proprio nel momento in cui sa di aver fatto la parte più difficile, rimontando due gol di svantaggio a metà di un terzo tempo in cui i leventinesi destano l’impressione migliore, dopo che lo stesso Cereda decide di dare una rimpastata alle linee, smembrando l’impalpabile secondo blocco per rimettere Pestoni a fianco di Zwerger (e Grassi) e riunendo i cechi Spacek e Chlapik vicino a Hofer. Risultato: dal 2-0 al 2-2 in sette minuti, e tra un gol e l’altro pure il clamoroso incrocio colpito al 47’54" da un McMillan che sta già esultando.

Invece al tirar delle somme a vincere è (di nuovo) il Lugano. Colpevole nel farsi sorprendere dalla reazione biancoblù in avvio di terzo tempo, ma bravissimo a sfruttare qualsivoglia sbavatura avversaria. Dall’errore di posizione dopo un cambio sì rapido, ma disordinato in occasione del citato gol di Andersson (con Marchand che abbandona la posizione mentre Isacco Dotti si trova sullo stesso lato di Heed), al ritardo in copertura sul raddoppio di Arcobello al 20’26", fino – soprattutto – alla leggerezza difensiva nello slot nell’azione che tutto decide. Appena dodici secondi dopo il 2-2 di Bürgler (che, in realtà, è uno sfortunato autogol di Koskinen), ciò che rende il tutto ancor più bruciante. «Sul terzo gol abbiamo perso il disco dietro la porta, ma gli errori possono capitare, in qualche circostanza dovevamo comunque essere più pronti – dice Luca Cereda –. Dopo un primo tempo guardingo, nel secondo è sicuramente stato il Lugano a farsi preferire, mentre nel terzo siamo stati migliori noi, è stato quello in cui si è visto il vero Ambrì e da cui vogliamo ripartire venerdì: è stata una prestazione relativamente solida, nelle ultime tre partite c’è stato un progresso, anche se pure contro l’Ajoie la prestazione non era così malvagia, ora dobbiamo insistere per far girare la fortuna dalla nostra».

«Avremmo voluto giocare tutta la partita nel migliore dei modi, ma di fronte avevamo un Lugano che non è l’ultimo arrivato, ha grandi giocatori e ha saputo sfruttare le sue occasioni – dice invece Inti Pestoni –. Il powerplay? Ultimamente non abbiamo tante occasioni per praticarlo; due a Ginevra e una sola contro l’Ajoie, per farlo funzionare dobbiamo darci più possibilità di provarci, perché con una penalità a partita è difficile vincere».

Così, anche il secondo derby va agli archivi con un successo bianconero. «Nel primo tempo la squadra ha giocato veramente bene seguendo alla lettera il nostro gameplan – dice un tranquillo Luca Gianinazzi –. Siamo stati anche molto solidi difensivamente. Nel secondo invece siamo stati un po’ troppo larghi, mentre nel terzo abbiamo fatto un passo indietro, mancando di aggressività e concedendo qualche metro all’Ambri, che è stato bravo a sfruttarlo. Però abbiamo mostrato carattere tornando subito in partita. Un plauso a tutti: grande prestazione di squadra, abbiamo bloccato moltissimi tiri. Vincere sicuramente aiuta, ma la prestazione viene al primo posto: abbiamo giocato in un modo che mi ha soddisfatto, non siamo stati perfetti ma abbiamo fatto bene le piccole cose».

Oltre che con un dubbio insolubile: quel miracoloso salvataggio di Juvonen col guantone su tocco a botta sicura dell’indomito Fazzini, a quattro minuti dal termine, avviene prima o dopo la linea di porta? Un dubbio tuttavia destinato a restare tale, perché non c’è immagine al mondo che possa chiarirlo. Non al di là di ogni dubbio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved