HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5315
2
HC TUT-TUT
5251
3
HC Aspi Capitals
5248
4
HC Kaski Male
5199
5
LucHC Lions
5044
6
ASIA TEAM
5031
7
HC Klo10Flies
5031
8
AmStars
5027
9
SV Rokaner
5020
10
SR17
5006
ULTIME NOTIZIE Sport
SCI ALPINO
4 ore

Lara Gut-Behrami inizia con il botto

La ticinese si è imposta nel gigante di Killington, davanti all’italiana Bassino e alla svedese Hector
QATAR 2022
4 ore

Un buon Ambrì cede alla distanza contro gli Zsc Lions

I biancoblù disputano due tempi di buon livello ma sprecano un doppio vantaggio, mentre i padroni di casa si affidano alle fiammate e al powerplay
QATAR 2022
5 ore

Il genio di Messi tiene in vita l’Argentina

Al 69’ una rete da fuori area della Pulce stende il Messico (nel finale il raddoppio di Fernandez). Ma l’Albiceleste ancora non convince
QATAR 2022
8 ore

Doppietta di Mbappé, la Francia è agli ottavi

Battuta una Danimarca che ha saputo rispondere alla strapotenza transalpina, ma che dovrà giocarsi la qualificazione contro l’Australia
QATAR 2022
11 ore

La Polonia vince, l’Arabia Saudita si mangia le mani

La compagine europea in rete con Zielinski e Lewandowski, quella asiatica domina ma sbaglia un rigore con Al Dawsari. Szczesny migliore in campo
QATAR 2022
14 ore

All’Australia basta un gol di Duke

Grazie a una strenua difesa la Nazionale dell’Oceania resiste al tentativo di rimonta di una Tunisia che è quasi fuori dal Mondiale
CURLING
15 ore

Finali stregate, due medaglie d’argento per la Svizzera

Agli Europei di Östersund, Silvana Tirinzoni e compagne battute dalla Danimarca, il team di Yannick Schwaller superato dalla Scozia
Video
Qatar 2022
17 ore

Spogliatoio lasciato come... nuovo: il Giappone incanta

Dai tifosi ai giocatori nipponici il grande senso civico dimostrato nel ripulire spalti e cabine prima e dopo la vittoria contro la Germania
i mondiali dal divano
21 ore

Ipercinetico Armando: fenomenologia di un telecronista

Fra metafore, immagini, neologismi e modi di dire, Ceroni tramanda ai posteri un modo di fare giornalismo sportivo singolare e (forse) sottovalutato
il dopopartita
1 gior

Sarebbe servita una terza fase ‘e più velocità’

Dopo quattro vittorie di fila e una buona prima metà di gara, il Lugano ritorna a perdere a Friborgo. Marco Müller: ‘Entrambe le squadre brave in difesa’.
IL DOPOPARTITA
1 gior

Il ritorno della sconfitta. ‘Avessimo dato il 5% in più...’

Johnny Kneubuehler e un venerdì a secco di gol e di punti, con il portiere del Bienne Harri Säteri assoluto protagonista. ‘È frustrante perdere così”
CALCIO
1 gior

Bellinzona ancora sconfitto, benvenuta pausa invernale

Allo Sciaffusa basta una rete di Bobadilla nel primo tempo per superare uno spento e incostante Bellinzona, quasi mai in partita
QATAR 2022
1 gior

Inghilterra tenuta in scacco dagli ottimi Stati Uniti

Il Team Usa offre una prestazione di qualità e va più vicino al successo rispetto ai cugini di sua Maestà
MOUNTAIN BIKE
1 gior

Beat Müller nuovo responsabile della Nazionale maschile

Prende il posto di Bruno Diethelm che lascerà Swiss Cycling. Per il nuovo coach gli obiettivi sono i Giochi di Parigi 2024 e i Mondial in Vallese nel 2025
SCI ALPINO
1 gior

Le condizioni meteo costringono a rinviare la discesa libera

Niente da fare a Lake Louise per i velocisti, ancora fermi al palo in questo tribolato inizio di stagione. Donne in gara nel weekend a Killington
QATAR 2022
1 gior

L’Ecuador di Valencia mette alle corde l’Olanda

La sfida finisce in parità e a entrambi basterà un punto nell’ultima partita per accedere agli ottavi di finale. Tanti applausi per i sudamericani
QATAR 2022
1 gior

L’ultimo arrivato fa già tanto rumore

A Fabian Rieder sono bastati 9’ più recupero nell’esordio in rossocrociato per dimostrare di essere un jolly importante per Yakin: ‘Mi tremavano le gambe’
CURLING
1 gior

Anche gli uomini in finale: non accadeva dal 2009

Come le ragazze di Silvana Tirinzoni, anche Yannick Schwaller e compagni si guadagnano il diritto di giocarsi l’oro europeo: sfideranno la Scozia
Qatar 2022
1 gior

Il Senegal fa il minimo indispensabile per vincere

Dia, Diatta e Dieng mettono sotto il Qatar, che si consola con la prima rete storica di Muntari
HOCKEY
laR
 
28.09.2022 - 00:05
Aggiornamento: 15:14

Il primo derby fa bello il Lugano. Bürgler: ‘Troppo impazienti’

I biancoblù iniziano bene, i bianconeri proseguono meglio. McSorley: ‘Col nostro gioco li abbiamo messi in difficoltà. Meritiamo di stare più in alto’

il-primo-derby-fa-bello-il-lugano-b-rgler-troppo-impazienti
Ti-Press/Gianinazzi
Prima i pugni poi gli abbracci

Ambrì – Nell’hockey specialmente, non è mai facile capire dove finiscano i demeriti di una squadra e inizino i meriti dell’altra. Resta il fatto che il primo derby della stagione, il 246esimo della storia, porta la firma del Lugano. In tutto e per tutto. Con i bianconeri che dopo un avvio di stagione complicato rialzano la testa alla Gottardo Arena, in una partita iniziata invero meglio dai biancoblù, che partono bene anche appoggiandosi all’ingenuità di un Lugano che confeziona addirittura due penalità per soprannumero in un tempo. Paradossalmente, però, è proprio la seconda di quelle penalità a spianare la via dei gol agli ospiti, dopo un passaggio suicida di Shore in attacco, al 14’50". Poi il Lugano non smette di crescere, fino a diventare la squadra migliore un po’ in tutto, tranne che agli ingaggi, dove i biancoblù continuano a essere efficaci. «Dovevamo uscire dal buco in cui eravamo finiti dopo l’inizio di campionato, questa era un’ottima occasione per tornare alla vittoria – dice Calvin Thürkauf, che chiude la serata con una doppietta –. È stata una partita emozionante, un momento ideale per fare il pieno di fiducia. Nelle prime quattro partite faticavamo a segnare, oggi invece ne abbiamo fatte quattro di reti, ciò che ci dà la fiducia per le prossime partite. Certamente però dobbiamo stringere le viti sui cambi: non può succedere che in una partita sola si prendano tre penalità per troppi uomini sul ghiaccio. Koskinen? È stato un gran sostegno nel derby, ci ha tenuti in partita chiudendo la porta e sull’unico gol subìto possiamo soltanto fare i complimenti a Bürgler».

A quel punto, però, la sfida è ancora apertissima. E in fondo lo è pure dopo il 2-0 di Thürkauf: il vero momento decisivo arriva solo poco prima di metà partita, quando a Zwerger rimane l’urlo strozzato in gola dopo il tocco ravvicinato sulla destra di Koskinen, che in posizione da contorsionista toglie dalla porta un gol già fatto. Ma l’azione non finisce lì, e sul ribaltamento di fronte Fazzini ci prova, mentre Juvonen finisce involontariamente per spalancare la porta al prepotente ‘slap’ di Andersson. Il quale tra l’altro la serata non riuscirà neppure a concluderla, e tornerà negli spogliatoi già al 32’, dopo aver fatto segno ai compagni di non farcela più (per un problema muscolare, a quanto sembra). «Se nel primo tempo abbiamo avuto noi più il pallino del gioco, nel secondo quelli del Lugano erano un secondo più veloci di noi, mentre nel terzo abbiamo provato tutto per rientrare ma non ci siamo riusciti – dice il difensore biancoblù Tobias Fohrler –. Abbiamo iniziato bene, ma con le nostre penalità abbiamo dato al Lugano la possibilità di rientrare in partita. Fino all’altra sera il powerplay funzionava bene, mentre oggi gli special team non hanno dato buoni risultati, ma non per questo dobbiamo essere sfiduciati».

Se l’impressione che hanno un po’ tutti alla Gottardo Arena è che dopo il 3-0 il derby sia segnato, i bookmaker non hanno più dubbi: infatti, se in avvio di confronto le quote delle scommesse erano simili, dopo il primo tempo erano di 1,57 per il Lugano e 4,8 per l’Ambrì, quota quest’ultima schizzata addirittura al 72,51 (a 1) al quarantesimo. Naturalmente, però (e ci mancherebbe), l’Ambrì sul ghiaccio non smette di provarci: Cereda butta all’aria le linee dopo aver già chiesto il timeout sul terzo gol. Il gol biancoblù alla fine arriva, grazie al gran tiro di Bürgler che toglie le ragnatele dal ‘sette’ al 51’17", in powerplay. Una rete che è il preludio a un finale acceso: Juvonen viene richiamato in panchina a tre minuti e mezzo dalla fine, ma il solo risultato è il 4-1 di Thürkauf, prima della scazzottata tra Arcobello e uno Zwerger che prova a scaldare il pubblico, ma soprattutto tra Fohrler e Mirco Müller. Quest’ultimo, però, invece di rispondere sembra indicare al rivale il tabellone, quasi a volergli dire che forse è un po’ tardi per buttarla sulle emozioni. «Nel primo periodo, pure dopo il gol in shorthand, avevo buone sensazioni ma nel secondo tempo abbiamo avuto anche sfortuna, con quel rilancio di Juvonen fuori pista – dice il biancoblù Dario Bürgler –. È frustrante perdere così, perché a 5 contro 5 eravamo in partita, mentre in powerplay non abbiamo sfruttato le occasioni: eravamo impazienti».

Frustrazione che, invece, adesso Chris McSorley sembrerebbe non avere. «Era una partita di quelle da vincere, perché sappiamo tutti dell’importanza di questo successo e sono fiero di quanto i ragazzi hanno fatto, non ho mai percepito in nessun momento la possibilità che mollassero – dice il coach bianconero –. Il nostro sistema è piuttosto unico e siamo stati un osso duro per l’Ambrì, che ha faticato a trovare il ritmo giusto, mentre noi abbiamo saputo portare i dischi avanti e creare tanto gioco offensivo. Sappiamo di avere una buona squadra e di meritare altre posizioni di classifica: avevamo già giocato bene contro Losanna e Zsc e oggi siamo stati ricompensati per i tanti buoni tempi giocati finora».

Ambrì Piotta - Lugano (0-1 0-2 1-1) 1-4
Reti: 14’50" Granlund (Marco Müller/esp. Patry per la panchina!) 0-1, 22’50" Thürkauf (Marco Müller, Andersson/esp. Hofer per Juvonen) 0-2, 26’25" Andersson (Fazzini, Connolly) 0-3, 51’17" Bürgler (Pestoni/esp. Thürkauf) 1-3, 57’43" Thürkauf (Granlund/a porta vuota) 1-4.
Ambrì Piotta: Juvonen; Fohrler, Pezzullo; Burren, Zaccheo Dotti; Virtanen, Fischer; Zündel; Grassi, Kostner, McMillan; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Hofer, Spacek, Chlapik; Pestoni, Shore, Zwerger; Marchand.
Lugano: Koskinen; Alatalo, Riva; Bernd Wolf, Mirco Müller; Andersson, Guerra; Villa; Connolly, Thürkauf, Patry; Fazzini, Arcobello, Josephs; Marco Müller, Granlund, Bennett; Gerber, Herburger, Stoffel; Vedova.
Arbitri: Stolc (Sln), Nord (Sve); Cattaneo, Thomas Wolf.
Note: 6’775 spettatori (tutto esaurito). Penalità: 6 x 2’ contro l’Ambrì Piotta; 8 x 2’ contro il Lugano. Tiri: 37-34 (10-11 14-15 13-8). Ambrì Piotta senza Isacco Dotti, Heed, Stefan Müller (infortunati), Patenaude, Dufey (in soprannumero); Lugano privo di Walker, Carr, Kaski, Morini (infortunati), Zanetti, Fatton (in soprannumero). Al 13’54" palo colpito da McMillan. Lugano privo di Andersson dal 31’54". Ambrì senza portiere dal 56’35" al 57’43". Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Inti Pestoni e Mikko Koskinen.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved