DJOKOVIC N. (SRB)
1
PAUL T. (USA)
0
2 set
(7-5 : 5-1)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9867
2
LucHC Lions
9639
3
Sparta Becherovka
9402
4
Team Belozoglu
9342
5
FHM2223
9301
6
TrigoAce1
9215
7
HC Kaski Male
9203
8
thibault_gav
9191
9
Hirschi21
9008
10
Team7
9007
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
3 ore

‘Tifosi granata, stateci sempre vicini’

A due giorni dalla ripresa del campionato cadetto, il nuovo coach dell’Acb Stefano Maccoppi fa il punto della situazione e presenta tre nuovi arrivi
TENNIS
13 ore

Nadal conferma un’assenza di 6-8 settimane

Gli esami effettuati a Barcellona hanno confermato diagnosi e tempi di recupero scaturiti dai primi controlli a Melbourne
PATTINAGGIO ARTISTICO
13 ore

Kimmy Repond può sognare il podio europeo

Ad Espoo, la 16.enne basilese ha chiuso al terzo posto il programma corto. Bene anche Livia Kaiser (18 anni) in nona posizione
SNOWBOARD
13 ore

Prima vittoria in Coppa del mondo per Ladina Jenny

A Blue Mountain (Canada), la svittese ha superato in finale l’italiana Dalmasso. Fuori agli ottavi le altre rossocrociate
CALCIO
16 ore

Nel 2022 la Fifa ha certificato più di 70’000 trasferimenti

Oltre 20’000 quelli di calciatori professionisti, cifra superiore al 2019 pre-Covid. Boom anche in campo femminile
MOUNTAIN BIKE
18 ore

Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità

Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
19 ore

Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League

Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
19 ore

Ufficiale, Sefolosha a Vevey

Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
21 ore

Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka

La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
23 ore

Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open

La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Calcio
1 gior

Abramovich, Todd Boehly e il calciomercato del Chelsea

Il nuovo padrone dei Blues, dopo aver fatto piazza pulita dello staff, ha adottato un’innovativa e azzardata politica di ingaggio dei giocatori
COSE DELL'ALTRO MONDO
1 gior

Il sogno prosegue, Mr. Irrelevant non si vuole più svegliare

Brock Purdy ha vinto l’undicesima partita consecutiva, portando San Francisco alla finale della Nfc. A Kansas City brividi per l’infortunio a Pat Mahomes
Sci
1 gior

A Schladming arriva il gran giorno di Loïc Meillard

Il 26enne di Hérémence conquista infine il primo trionfo in gigante, lasciandosi alle spalle il grigionese Gino Caviezel in un mercoledì da incorniciare
SPORT
1 gior

Discriminazione nello sport, Berna scende in campo

Etica e competizione, il Consiglio federale vara un pacchetto di misure volte a rafforzare, in particolare, la protezione dei giovani atleti
hockey
23.03.2022 - 18:15
Aggiornamento: 19:41

‘Abbiamo superato delle sfide impossibili, altre quasi’

Dopo un campionato salvato in extremis, alla Gottardo Arena si tirano le somme. Lombardi: ‘Alcune squalifiche ci lasciano l’amaro in bocca’

abbiamo-superato-delle-sfide-impossibili-altre-quasi

La sconfitta di ieri sera contro il Losanna ha decretato la fine stagione dell’Ambrì. Stagione in cui l’obiettivo sportivo dei pre-playoff è stato centrato (non senza qualche difficoltà), ma in cui soprattutto non sono mancate le emozioni, fin dall’inizio con l’inaugurazione, l’11 settembre scorso, della Gottardo Arena. Non meno emozionante è stato il finale di stagione e le ultime sfide ai vodesi, come riconosce il presidente biancoblù Filippo Lombardi: «La serie con il Losanna è la conclusione di una stagione sofferta che ci ha proposto un inizio molto bello, una fase centrale più dura e un finale grandioso, di cui i pre-playoff sono stati il coronamento. L’ho vissuta con molta sofferenza e partecipazione, sperando di potercela fare ancora e c’è mancato poco. Ma sapevo che eravamo bersagliati da squalifiche e infortuni e che quindi era una sfida quasi impossibile. Altre sfide impossibili le abbiamo superate, questa quasi».

Appunto, proprio sul più bello si è dovuto fare i conti con assenze per infortuni e squalifiche, alcune delle quali hanno lasciato qualche dubbio: «Non si possono fare i processi sulle percezioni, in ogni caso abbiamo avuto l’impressione di una maggiore severità nei nostri confronti e una minore severità nei confronti degli altri. Abbiamo più volte mostrato dei video di situazioni simili in cui un nostro giocatore era stato penalizzato e un avversario no, per cui ci rimane dell’amaro in bocca. Non essendo però qualcosa di dimostrabile, non possiamo fare granché».

Un’altra "mission impossible" pareva esserlo la qualificazione ai pre-playoff, messa in dubbio da una fase centrale deficitaria: «Già a inizio inverno eravamo stati confrontati con gli infortuni di Fora e Conz, quindi con il Covid e i conseguenti rinvii di partite e anche l’annullamento della Spengler ha svuotato la squadra di un po’ di carica, per cui sì, c’è stata l’influenza di fattori esterni, che però hanno colpito anche le altre squadre. Penso che questi fattori abbiano influito più sull’immaginario dei nostri tifosi, che magari dopo la bellissima inaugurazione e l’ottima partenza avevano delle alte aspettative. Ma come dice sempre Cereda "ricordiamoci chi siamo e da dove veniamo" e non montiamoci la testa, che è pure una reazione umana e naturale. Con dirigenza e staff ci siamo però sempre concentrati a prendere partita dopo partita e, sebbene non sia stato facile spiegarlo nei momenti più difficili, alla lunga si è rivelato pagante grazie al finale di stagione esaltante».

Trasloco riuscito, in attesa del nome

Per quanto riguarda gli aspetti positivi della stagione al primo posto va ovviamente messo l’avvenuto trasloco nel nuovo stadio multifunzionale, che non è tuttavia stato scevro d’insidie: «Tutta la società ha pagato un prezzo, poiché molte attenzioni sono state rivolte alla questione della nuova arena e del trasloco, come già ne avevano risentito altri club quali per esempio il Langnau, che appena dopo aver ristrutturato il suo stadio era stato retrocesso, o il Bienne, che nella prima stagione nella Tissot Arena si era salvato per poco. Quando tutte le attenzioni sono rivolte ad altro il settore sportivo può pagare dazio».

Al nuovo stadio manca però ancora uno sponsor da cui prendere il nome: «Non abbiamo potuto fare tanto, non solo per il poco tempo: la pandemia ha fermato per degli anni le aziende e annullato i contatti, e certi aspetti non si possono certo spiegare per lettera, facendo rinviare decisioni impegnative. Inoltre noi all’interno credevamo di arrivare a poter inaugurare la pista l’11 settembre, ma all’esterno non ci credeva quasi nessuno, per cui era difficile motivare i potenziali sponsor. E adesso dopo una stagione vissuta a duecento all’ora, ci ritroviamo nuovamente in una situazione d’incertezza economica, dovuta alla guerra in Ucraina».

Buone notizie arrivano anche da un settore giovanile in crescita: «Lo so che il 99% dei tifosi guarda solo ai risultati della prima squadra, è umano. Ma per una società che deve durare nel tempo, ciò che stiamo facendo è veramente importante e infatti stanno arrivando i migliori risultati da diverso tempo. La promozione degli U17 era fondamentale per tornare ad avere tutta la filiera Elit dopo tanti anni, mentre gli U20 dopo diversi anni a serio rischio relegazione, sono stati capaci di qualificarsi per i playoff, che è una bella soddisfazione. E anche la promozione delle Girls dalla B alla A, sebbene non abbia un influsso sulla prima squadra, ha un significato per la famiglia che sta crescendo».

E se per i giocatori (fatta eccezione per chi sarà impegnato in nazionale) è ora di pensare alle vacanze, per la dirigenza la situazione è ben diversa: «Affrontiamo l’estate rimboccandoci le maniche, abbiamo già oggi pomeriggio un primo debriefing con il consiglio d’amministrazione, abbiamo molto lavoro da fare sia sugli aspetti finanziari, che sono da sempre la preoccupazione numero uno ad Ambrì, sia su come far durare nel tempo l’effetto Gottardo Arena, che a inizio stagione ha superato le nostre aspettative».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved