Danimarca
Francia
11:20
 
Stati Uniti
1
Svezia
1
1. tempo
(1-1)
niente-e-scontato-finche-non-hai-la-conferma-in-tasca
Ti-Press
Il capitano dei biancoblù
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
1 ora

Thomas Bäumle, una vita tra guantoni, gambali, piste e video

L’ex portiere dell’Ambrì si occupa dei nostri estremi difensori ai Mondiali. ‘L’avvento di portieri stranieri in Svizzera? Non è ottimale, ma…’
gallery
Hockey
6 ore

Dai pascoli di Heidi al record mondiale: questo è Ambühl

L’attaccante 38enne si appresta a superare oggi il record assoluto di partite a un Mondiale. Al quale prese parte per la prima volta nel 2004
tennis
12 ore

A Wimbledon nessun punto per tennisti e tenniste

Atp e Wta hanno preso questa decisione in seguito alla scelta degli organizzatori di escludere i giocatori e le giocatrici russi e bielorussi
CICLISMO
12 ore

Démare piazza il tris a Cuneo

Il francese si è imposto in volata nella 13esima tappa. In rosa resta Juan Pedro Lopez.
Hockey
13 ore

La Slovacchia si impone di misura, la Lettonia ai rigori

Battuti rispettivamente Kazakistan e Austria per 4-3. I baltici sono ormai salvi
Formula 1
13 ore

Barcellona, dove si capisce il mondiale

Le Red Bull si presentano sul circuito spagnolo alleggerite di altri 4 kg. Per aiutare Verstappen a raggiungere Leclerc in vetta al Mondiale.
hockey
14 ore

Jonas Siegenthaler, il tailandese dell’hockey

Il 25enne difensore ci parla della sua origine e della sua avventura nordamericana. ‘Ho ingoiato tanta emme, ma alla fine ci sono riuscito’.
Calcio
15 ore

Gilardi e l’Acb ‘volano’ in Challenge League

La società granata è l’unico club di Promotion League ad aver ricevuto la licenza per la lega cadetta, che ritrova dopo 9 anni
CALCIO
16 ore

Forse non è l’uovo di Colombo, ma vale la pena provare

La Swiss Football League ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff, novità suscettibili di rendere più interessante il torneo
Calcio
17 ore

L’Acb è in Challenge League: licenza concessa in seconda istanza

L’accoglimento del ricorso, unito alla rinuncia del Breitenrain, vale di fatto la promozione a prescindere dai risultati sul campo
Calcio
17 ore

Per Michele Campana ‘più drammaticità e meno partite morte’

Il direttore operativo dell’Fc Lugano e membro di comitato della Sfl commenta la riforma della Super League, passata a larga maggioranza
Hockey
17 ore

Timo Meier: ‘La fondue appenzellese? Mi dà energia per segnare’

Incontro con la star di Nhl. La delusione per la finale di Coppa persa dal San Gallo di un ragazzo profondamente attaccato alle sue radici
Hockey
17 ore

Nette vittorie per Germania e Finlandia

I tedeschi sconfiggono l’Italia 9-4, la Finlandia (con Hietanen in gol) batte la Gran Bretagna con un tennistico 6-0
Calcio
18 ore

‘Arrivare decimi e potersi giocare l’Europa non ha senso’

L’ex allenatore di, tra le altre, Lugano e Acb Davide Morandi saluta favorevolmente l’allargamento della Super League ma ne contesta la formula
Hockey
20 ore

Mikko Koskinen a difesa della porta del Lugano?

Il gigante finlandese (due metri d’altezza esatti) gioca attualmente in Nhl negli Edmonton Oilers, ma dovrebbe già aver firmato con i bianconeri
laR
 
20.01.2022 - 18:24
Aggiornamento : 18:53

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«È un sogno che si avvera: partecipare alle Olimpiadi, in fondo, è il sogno di ogni sportivo e dunque anche il mio; ora, finalmente, tra meno di un mese lo potrò coronare». Quel sogno, per Michael Fora ha iniziato a prendere corpo domenica, quando il suo telefono ha squillato e all’altro capo c’era il selezionatore della Nazionale Patrick Fischer. «Quando ho sentito la sua voce e quello che doveva dirmi, ero euforico e pure emozionato. Sorpreso della convocazione? A dire la verità sapevo di avere qualche chance per guadagnarmi un posto nella spedizione per Pechino: ero consapevole di aver giocato un buon hockey e di aver pure fatto diversi passi avanti, in particolare sul piano mentale. Ma da qui al dire che ero certo di venir selezionato ce ne passa ancora di acqua sotto i ponti: avevo grande fiducia in me stesso, ma niente è scontato finché non hai la conferma definitiva. E quella è solo l’allenatore che te la può dare». E, appunto, domenica è arrivata anche questa: assieme a Dario Simion, il 26enne difensore giubiaschese riporterà un po’ di Ticino sulla ribalta del torneo olimpico di hockey maschile dodici anni dopo l’ultima volta (a Vancouver, nel 2010, della spedizione rossocrociata faceva parte Raffaele Sannitz).

‘L’infortunio? Non era una cosa che potessi controllare. Il gioco, invece, sì’

Il fatto di aver dovuto rinunciare tanto alla Deutschland Cup quanto al torneo di Visp perché infortunato alla spalla non ha dunque influito sulle scelte di Fischer... «Malgrado non avessi potuto disputare le amichevoli in autunno, pensavo comunque di essere in gioco per un posto sul volo per Pechino: conosco Fischer e la sua filosofia, volta a dare fiducia a quegli elementi che lui ritiene siano i migliori, indipendentemente dal fatto che abbia potuto schierarli in amichevole o no. Gli infortuni fanno parte del gioco: non erano cose che potevo controllare. Ciò che potevo fare, e l’ho appunto fatto, è stato concentrarmi sul mio gioco, cercando di mostrare a Fischer che fisicamente sarei stato pronto in caso di chiamata».

‘Orfani di alcune pedine importanti, ma con una rosa di qualità’

Dopo due Mondiali (2018 e 2019), per te ora si apre un capitolo inedito: cosa significano per te le Olimpiadi? «Sportivamente parlando, i Giochi olimpici rappresentano uno degli scalini più alti che si possono raggiungere in carriera». Il fatto che l’appuntamento di Pechino sia ancora segnato dalla pandemia cambia qualcosa? «No, onestamente non cambia granché: non vedo l’ora di andare là e vivere in prima persona quest’avventura. Logicamente non sarà la classica Olimpiade, ma, comunque sia, sarà qualcosa di speciale e incredibile, dove al di là di tutto l’importante è partecipare, esserci». Non ci saranno però le stelle della Nhl: da una parte ciò significa che il torneo perderà un po’ dal profilo tecnico, ma rappresenta al contempo un’opportunità in più per diverse nazioni (Svizzera compresa) di ritagliarsi ancora più spazio e alzare il tiro... «Mi spiace che non ci siano i big del campionato nordamericano, anche perché come sportivo è sempre bello poterti confrontare con i migliori in assoluto. D’altro canto, senza di loro, avremo ancora più voce in capitolo. E, in ogni caso, sarà comunque sempre un torneo di ottima fattura, con tante buone squadre: già questa per noi è da interpretare come una grande sfida. Anche noi non potremo contare su diversi importanti elementi ma, guardando alla rosa scelta da Fischer, sono convinto che la qualità non ci manchi».

‘Punti pesanti in palio nel weekend? Ogni partita per noi è fondamentale’

Prima di pensare a Pechino (Fora e compagni inizieranno la fase finale di avvicinamento alle Olimpiadi il 30 gennaio a Cham), ci sono però ancora diverse partite ‘pesanti’ da giocare con l’Ambrì Piotta. A cominciare dagli impegni del weekend, domani a Langnau e sabato contro il Davos: due sfide quasi cruciali per la rincorsa a un posto nei pre-playoff: «Sì, guardando alla classifica, queste sono sfide quasi dirette per noi, ma non parlerei di weekend capitale per le nostre chance, visto che, per noi, da qui al termine della stagione ogni partita sarà fondamentale».

Quella di Langnau, per i biancoblù sarà la quinta trasferta in sei partite giocate in gennaio: un carico eccessivo? «Bene o male ogni stagione presenta qualche tour de force. Noi lo stiamo vivendo ora, sotto forma di diversi impegni ravvicinati lontano da casa... Certo, un po’ di energie fisiche le bruciano i continui spostamenti con rientro a notte fonda, ma questo ruolino di marcia ora come ora non pesa particolarmente». Tolta la partita di Bienne, dove l’Ambrì Piotta non era riuscito a segnare, in questo 2022, ossia dal tuo rientro, sei sempre riuscito ad andare a punti, per un bottino complessivo di 5 punti (4 assist e un gol) in altrettante partite: non male... «Sì, fa sempre piacere fare punti, anche se non è quella la cosa che conta veramente: personalmente trovo che i bilanci ‘più/meno’ siano più indicativi del tuo stato di forma».

Leggi anche:

Alatalo, Loeffel, Müller, Fora e Simion voleranno a Pechino

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
hc ambrì piotta hockey michael fora national league

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved