WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
3
ANA Ducks
3
overtime
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0)
Detroit Red Wings
3
CHI Blackhawks
5
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 0-1)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
3
ANA Ducks
3
overtime
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0)
Detroit Red Wings
3
CHI Blackhawks
5
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 0-1)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
ambri-a-testa-bassa-invece-di-pensare
Keystone
Fischer, Grassi e Zwerger sperano di tornare a sorridere
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9823
2
Maxim la biere
9587
3
25 Francs trop cher
9120
4
Iselis Punktebuebe
9000
5
Team Gobbi
8973
6
ADTC
8948
7
BalaBala
8887
8
TrigoAce2
8821
9
HC Iron Pam
8811
10
Wild Hogs
8808
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
5 ore

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
6 ore

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
8 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
9 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
10 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
10 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
10 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
11 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
11 ore

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
11 ore

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
HOCKEY
 
10.01.2022 - 19:100
Aggiornamento : 19:37

Ambrì, ‘a testa bassa, invece di pensare’

Daniele Grassi e compagni si preparano a tornare in pista per invertire il trend negativo. ‘La classifica? Quando giochiamo tanto non la guardo spesso’

Due partite, zero punti. Ma soprattutto tre soli gol in 120 minuti: l’anno nuovo, insomma, non inizia certo nel migliore dei modi per l’Ambrì. Né sul piano dei risultati, né tantomeno su quello della classifica, pensando alla lotta per il decimo posto, visto che con il nuovo sistema della graduatoria basata sui punti per partita (Covid oblige), prima di affrontare il Servette venerdì sera la media di 1,182 punti a serata è scesa a 1,114 dopo la sconfitta di domenica a Bienne. «Il punto è che ci sono momenti in cui giochiamo veramente bene, ma poi non riusciamo a sfruttare le occasioni e alla fine veniamo puniti, pure troppo severamente. Ed è difficile da accettare» racconta l’attaccante verzaschese Daniele Grassi. Il quale – e lo si scopre spulciando l’inesauribile archivio di Brenno Canevascini – l’altro giorno alla Tissot Arena è arrivato a quota 302 partite in biancoblù, salendo così al trentesimo posto nella graduatoria dei giocatori che più hanno giocato per l’Ambrì, al pari di Filippo Celio e Mattia Baldi.

In attesa della terza uscita del 2022, stasera contro lo Zugo, il bilancio parla però di ben otto sconfitte nelle ultime dieci partite, dopo una domenica a Bienne a secco anche di reti. «È vero – aggiunge Grassi – ma la situazione non era molto diversa da venerdì: a Ginevra avevamo segnato sì tre volte, ma avevamo pure avuto un gran numero di chance, e avremmo dovuto segnare di più. Cos’è mancato? Credo un po’ di fiducia, oltre alla freddezza. Specialmente nel secondo tempo di domenica, in cui abbiamo mostrato buone cose ma non siamo stati in grado di concretizzare. Stiamo vivendo un momento così, difficile, e quando perdi le partite in questo modo sicuramente non fa bene al morale. Ma c’è una sola cosa da fare, adesso: rimettiamoci a lavorare, a testa bassa. Solo così potremo uscire da questa situazione».

Siete reduci praticamente da un mese di pausa, ma non va dimenticato che gran parte di quel periodo l’avete passato in isolamento dopo che erano emersi i primi casi di Covid tra squadra e staff tecnico: quanto questa situazione ha pesato e quanto pesa ancora? «A pesare è soprattutto il fatto che è tutto così strano, davvero. Un po’ tutte le squadre fanno dentro e fuori dalle quarantene, e fa tornare alla mente ciò che era successo un anno fa. Sono situazioni non facili da valutare e neppure da gestire: a volte ci si può allenare, altre no… Cos’altro possiamo fare, se non adattarci?».

Voi, almeno, siete stati tra le prime squadre toccate da questa nuova ondata: ciò vi dà qualche sicurezza in più, qualche tranquillità in più adesso? «Diciamo che in questi ultimi due anni di sicurezze non ce ne sono state molte… La verità è che ne possono succedere di cose, e noi possiamo soltanto adattarci. Prendendo una cosa alla volta, vivendo alla giornata, cercando di focalizzarci sulle cose che possiamo controllare, perché le altre sfuggono al nostro controllo. Del resto, non vale solo per noi».

Il ritorno massiccio delle quarantene ha portato la Lega a rispolverare una decisione già messa in atto nelle ultime partite della scorsa regular-season, cioè la classifica basata sulla media dei punti a partita. «Diciamo che io la classifica non la guardo spesso. Soprattutto non quando stiamo attraversando un periodo con molte partite: se cominci ad analizzare sprechi solo energie, per pensare a questo o a quello. La verità è che sappiamo ciò che ci aspetta ogni giorno, sappiamo come farlo e cercheremo di farlo al meglio».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved