all-appello-mancano-i-punti-degli-scontri-diretti
Ti-Press/Crinari
Reduci da una domenica casalinga iniziata ottimamente ma finita con l’amaro in bocca
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
9 ore

‘Contro il Lugano II voglio vedere l’atteggiamento giusto’

Debutta domani a Giubiasco il Bellinzona di David Sesa, già rimasto colpito da Pablo Bentancur e ‘dal suo amore ed entusiasmo per il club’
Nuoto
10 ore

Rientro da Budapest con (spiacevole) sorpresa per Noè Ponti

Reduce dai Mondiali in Ungheria, il gambarognese, via social, ha comunicato la sua positività al coronavirus
Tennis
11 ore

Golubic non stecca l’entrata. Laaksonen e Bencic invece sì

La zurighese supera il primo turno di Wimbledon battendo in due set (chiusi con il punteggio di 6-4 6-3) la tedesca Perkovic
Tennis
12 ore

Wimbledon finisce ancora prima di iniziare per Berrettini

Finalista lo scorso anno, l’italiano deve alzare bandiera bianca a poco dal suo esordio. Fermato dalla positività al coronavirus
Atletica
12 ore

Doping, quattro anni di stop per Alex Wilson

Lunga squalifica per lo sprinter elvetico, positivo al trenbolone. A 31 anni, la sua carriera rischia di chiudersi qui
Storie mondiali
20 ore

Buff Donelli, una star del football prestata al soccer

La seconda edizione della Coppa del Mondo di calcio, nel 1934, fu voluta e accomodata da Mussolini in persona
nuoto sincronizzato
1 gior

Il nuoto sincronizzato in Svizzera fa i conti con gli abusi

Bufera sul dipartimento gestito da Swiss Aquatics, respingono le accuse ma si dimettono i co-direttori sportivi Markus Thöni e Patricia Fahrni
Tennis
1 gior

Wawrinka cede alla distanza a Jannik Sinner

Il vodese deve salutare Wimbledon al primo turno, sconfitto dal talentuoso italiano 7-5 4-6 6-3 6-2
ciclismo
1 gior

Tour de France, non ci saranno Alaphilippe e Cavendish

I due non sono stati convocati dalla Quick-Step
footbalino
1 gior

Anche tre atleti disabili ai Mondiali di Footbalino

La partecipazione è il frutto della collaborazione tra la federazione svizzera e quella ticinese
Calcio
1 gior

Mercato, Cragno al Monza

Il portiere arriverà in prestito dal Cagliari
ginnastica artistica
1 gior

Ginnastica, oro e argento ai Campionati svizzeri per Lena Bickel

La ticinese è prima alle parallele asimmetriche e seconda nel concorso multiplo. Argento e bronzo (ad anelli e sbarra) anche per Mattia Piffaretti
Calcio
1 gior

Simone Rapp a Karlsruhe

Il ticinese lascia Vaduz per la Germania
Calcio
1 gior

Lucas Leiva torna in Brasile

Il 35enne centrocampista giocherà nel Gremio
Triathlon
1 gior

Sasha Caterina si mette in evidenza ai Mondiali di Montreal

Con il contributo del triatleta ticinese la giovane squadra svizzera conclude sesta e si guadagna il pass per le Olimpiadi di Parigi
Calcio
1 gior

Il Bellinzona sfida in amichevole il Lugano II

A Giubiasco mercoledì sera prima uscita stagionale per entrambe le squadre
hockey inline
1 gior

Il Malcantone finisce in bellezza, il Sayaluca avanza

I primi battono il Bienne Seelanders di misura, i luganesi puniscono Givisiez I e II
TENNIS
1 gior

Wimbledon, eliminata in entrata Ylena In-Albon

La rossocrociata, al debutto in un torneo dello Slam, è stata sconfitta al primo turno da Alison Riske
laR
 
24.11.2021 - 05:30
Aggiornamento: 18:45

‘All’appello mancano i punti degli scontri diretti’

Il presidente Davide Mottis traccia il bilancio della prima parte della stagione dei Ticino Rockets

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Poteva essere il weekend della svolta. Invece, il doppio confronto direttissimo con il Winterthur ha restituito due sconfitte ai Ticino Rockets, che in classifica si sono così visti scavalcare dagli stessi zurighesi. C’è ovviamente del rammarico a Biasca, soprattutto per come è maturato il k.o. casalingo di domenica, con gli uomini di Eric Landry e Mike McNamara sconfitti 3-5 dopo essersi portati sul 3-0 in loro favore in addirittura cinque minuti e spiccioli di gioco... «Forse, a ben guardare, quel vantaggio ci ha illusi un po’ tutti. In tanti avranno pensato che l’essere riusciti a infilare tre dischi alle spalle del portiere avversario in così pochi minuti di gioco fosse il preludio a una domenica tutta in discesa... – sottolinea il presidente dei Rockets Davide Mottis –. Ma, purtroppo per noi, le partite durano appunto sessanta minuti, non cinque e mezzo, e alla fine a fare festa sono stati i nostri avversari. Ed è un vero peccato, perché sul ghiaccio eravamo comunque scesi con un lineup di valore». Ultimo weekend a parte, quello che traccia Mottis di questa prima parte della stagione è comunque un bilancio positivo per i Razzi biaschesi: «Col rientro di Colin Fontana, il nostro reparto arretrato ha finalmente trovato una certa stabilità: Colin è un giocatore dalla spiccata personalità, capace di dare la giusta tranquillità a tutto il difensivo. Certo, guardando alla classifica era forse lecito attendersi qualche punto in più, in particolare dalle sfide dirette, come appunto il doppio del weekend con il Winterthur. Paradossalmente sono appunto i risultati contro le squadre maggiormente alla nostra portata a mancare all’appello (penso a questi sei punti lasciati sul ghiaccio col Winterthur, ma anche alle due vittorie trovate solo ai rigori contro l’Evz Academy o alla pesante sconfitta nel primo confronto stagionale contro i Gck Lions), mentre contro le squadre più quotate del torneo siamo comunque stati capaci di toglierci qualche bella soddisfazione: è vero che ci sono state partite in cui sul piano del punteggio il nostro avversario si è rivelato una spanna sopra, ma ce ne sono anche state altre in cui abbiamo mancato di pochissimo il risultato». Al di là della stretta contabilità della classifica, il presidente dei rivieraschi spende parole di elogio per il lavoro di Landry e McNamara: «Eric e Mike stanno facendo un egregio lavoro. Per misurare la bontà del lavoro dello staff tecnico non si deve guardare unicamente alla classifica, ma alla qualità che si vede sul ghiaccio. E sotto questo aspetto possiamo dirci soddisfatti, alla luce non da ultimo dei feedback che ci giungono dai nostri partner-team».

Sul piano sportivo, nel mirino dei Rockets c’è pur sempre la qualificazione ai pre-playoff: «Abbiamo iniziato la stagione puntando a ripetere il bel risultato della passata stagione (decimi al termine della regular-season, ndr) e quello resta il nostro obiettivo. Pur non perdendo di vista il nostro obiettivo principale, che è quello di crescere e far crescere i giovani che vestono la maglia dei Rockets». Già, perché non va dimenticato che la vocazione della squadra è appunto quella di formare i giovani per il salto di categoria, lavorando in stretta collaborazione con i partner-team Ambrì, Lugano e Davos: e come va il partenariato con queste società? «La collaborazione è soddisfacente, anche se, ovviamente, proprio per la natura stessa della nostra squadra, dipendiamo direttamente dalle contingenze dei nostri partner in National League. Il fatto che qualche elemento venga prelevato da Biasca per completare i ranghi di uno dei nostri club ci gratifica, anche se al tempo stesso ci priva di una pedina importante. D’altro canto è una realtà con cui dobbiamo convivere, cercando di essere più maturi e cinici in certe partite, come quella di domenica, in cui l’effettivo per fare il risultato c’era, così come le opportunità sul ghiaccio, ma non siamo riusciti a centrare l’obiettivo».

Guardando alle squadre d’alto bordo, i Rockets la passata stagione si erano rivelati una sorta di bestia nera del Kloten, addirittura battuto tre volte in quattro scontri diretti. Quest’anno, invece, le cose sono un po’ cambiate, con i Rockets sconfitti, in modo piuttosto perentorio, in entrambe le sfide sin qui giocate contro gli Aviatori: 1-7 alla Raiffeisen BiascArena il 21 settembre e 9-1 a Kloten il 6 novembre). Cosa è cambiato? «Indubbiamente quest’anno le migliori del campionato cadetto hanno fatto un ulteriore salto di qualità. Penso in particolare al Kloten, ma anche a Olten e Chaux-de-Fonds, perché in palio c’è la promozione diretta, obiettivo che nessuna di queste vuole lasciarsi sfuggire, anche perché non sono ancora chiari quelli che saranno gli scenari per il futuro in fatto di promozioni e retrocessioni tra National e Swiss League. È dunque comprensibile che contro queste formazioni tutti fatichino un po’ di più rispetto al passato».

Proprio al capitolo partner-team, il club è anche al lavoro per definire le date delle partite ‘extra muros’ sulle piste dei club che hanno stretto la collaborazione con i Rockets: «L’idea è quella di disputare una partita casalinga alla nuova pista di Ambrì, come pure una alla Cornèr Arena, e fors’anche una a Davos. Stiamo lavorando in questo senso, anche se per concretizzare le cose occorre combinare la disponibilità delle rispettive piste con le esigenze del calendario, e non da ultimo tenere in considerazione tutti quegli aspetti di natura logistica, esercizio tutt’altro che facile».

‘Al lavoro per le partite extra muros’

Un altro obiettivo che Mottis si era posto per la stagione corrente, era quello di incrementare il numero di spettatori alla Raiffeisen BiascArena. Domenica erano ben 642, ma nonostante ciò il presidente smorza gli entusiasmi: «Sì, domenica c’era un bell’ambiente, ma il dato è falsato dal fatto che era il ‘Family Day’, ossia una partita con entrata gratuita offerta da Raiffeisen e Mobiliare Assicurazioni. Altrimenti, l’affluenza allo stadio è in linea con quella delle passate stagioni. A conti fatti non nascondo un po’ di delusione, per l’affluenza, e per il sostegno solo tiepido da parte dei sostenitori, visti i nostri sforzi, non da ultimo con una campagna abbonamenti a prezzi davvero popolari».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
davide mottis hockey swiss league ticino rockets
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved