all-appello-mancano-i-punti-degli-scontri-diretti
Ti-Press/Crinari
Reduci da una domenica casalinga iniziata ottimamente ma finita con l’amaro in bocca
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
6418
2
HC Aspi Capitals
6048
3
LHC Bombers
6030
4
Maxim la biere
5933
5
25 Francs trop cher
5862
6
Pastelitos de Guayaba
5782
7
TrigoAce2
5771
8
Iselis Punktebuebe
5723
9
HC VIEILLE POIRE A BOTZI AOP
5705
10
Metallurg Bangitonov
5690
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Pugilato
54 min

Vincente e con il sorriso: ‘Richi’ Silva il ring lo saluta così

Il professionista ticinese del Boxe Club Riazzino ha impreziosito la ‘Faido Boxing Night’ con un successo ai punti ai danni del georgiano Rati Migriauli
Hockey
1 ora

Raphael Herburger, un ‘aquilotto’ che non si fida delle Aquile

Il Lugano domani ospita alla Cornèr Arena un Ginevra-Servette che precede di soli 4 punti. L’austriaco: ‘Come noi anche loro non sono dove vorrebbero’
L’angolo delle bocce
1 ora

A Claudio Croci Torti e Morris Gualandris il Gp Borgovecchio

La coppia della Centrale di Novazzano ha battuto in finale Ridha Sediri e Rodolfo Peschiera (San Gottardo)
Atletica
2 ore

Al cross capriaschese doppietta per Roberto Delorenzi

Alla terza tappa della Coppa Ticino Ftal fanno festa gli atleti di casa, con sette vittorie e undici podi
Tennis
3 ore

Susan Bandecchi vince il torneo Itf 25’000 di Ortisei

Per la ticinese è il quarto successo in carriera, il primo nel 2021. In doppio sconfitta solo in finale, in coppia con la svizzera Ylena In-Albon
Calcio
3 ore

Dal 2022 più squadre in Promotion League e Prima Lega

L’Asf riforma le strutture delle categorie ed elimina il limite di Under 21 in Promotion League per promuovere i giovani talenti
Pugilato
3 ore

Andrija Petric vince per ko a Como

Il pugile di Minusio ha mandato al tappeto alla seconda ripresa Bojan Cestic. Previsti due incontri anche in dicembre
Roller hockey
4 ore

Biasca rimontato dall’Uttigen e playoff più lontani

Nel campionato di Lna Camillo Boll e compagni partono alla grande (2-0) ma poi subiscono la rimonta e perdono 5-2. Il quarto posto ora è a sette punti
Gallery
Unihockey
4 ore

Un successo e una sconfitta per Ticino e Verbano

Il Tiuh sbanca Altendorf ma subisce la legge dell’Eggiwil, il Vuh doma il Davos ma cede al Langenthal/Aarwangen
Sci
6 ore

Cancellate le Universiadi invernali di Lucerna

La decisione del comitato organizzatore in seguito alle restrizioni all’entrata da diversi Paesi decise dalla Confederazione
BASKET
22 ore

La Svizzera torna a galla in una povera partita

Sconfitti all’esordio in Austria nelle prequalificazioni europee, i rossocrociati rialzano la testa mettendo sotto una selezione cipriota davvero modesta
Sci
23 ore

Tra i fiocchi del Vermont fa festa Mikaela Shiffrin

Successo statunitense a Killington, davanti a Vlhova e Holdener. A Lake Louise, invece, uomini fermati ancora dalle nevicate. Ma non dal Covid
Hockey
1 gior

‘È un’altra bastonata. Non tutta meritata, ma in parte sì’

Daniele Grassi torna sulla rocambolesca sconfitta contro lo Zugo. ‘Sull’arco di tutto l’incontro abbiamo commesso tanti errori evitabili’
Gallery
Calcio
1 gior

Lugano, questione di scelte e di ‘lettura’

Bianconeri sottotono nel primo tempo del Letzigrund, ma poi Croci-Torti cambia e la squadra carbura e vince la quarta di fila: ‘Ho sbagliato e rimediato’
Tennis
1 gior

Australian Open, in dubbio la presenza di Nole

Novak Djokovic non vuole piegarsi al ‘ricatto’ dell’obbligo vaccinale imposto dagli organizzatori del primo Slam stagionale
Calcio
1 gior

Derby, un punto a testa per Bellinzona e Chiasso

La rete di Cortelezzi nel finale consente ai granata di rimediare al gol trovato da Maurin nel primo tempo
Calcio
1 gior

Martin Blaser (Fc Lugano): ‘Bene, avanti con questo entusiasmo’

Il Ceo della società bianconera, il cui futuro è garantito grazie al nuovo stadio del Pse, si dice soddisfatto e assicura: ‘Se potremo ci rinforzeremo’
Formula 1
1 gior

Il mondo dei motori piange la scomparsa di Frank Williams

L’inglese, ex pilota e patron dell’omonima scuderia dagli anni Settanta, è deceduto oggi all’età di 79 anni. Domenicali: ‘Se ne è andato un gigante’
Hockey
 
24.11.2021 - 05:300
Aggiornamento : 18:45

‘All’appello mancano i punti degli scontri diretti’

Il presidente Davide Mottis traccia il bilancio della prima parte della stagione dei Ticino Rockets

Poteva essere il weekend della svolta. Invece, il doppio confronto direttissimo con il Winterthur ha restituito due sconfitte ai Ticino Rockets, che in classifica si sono così visti scavalcare dagli stessi zurighesi. C’è ovviamente del rammarico a Biasca, soprattutto per come è maturato il k.o. casalingo di domenica, con gli uomini di Eric Landry e Mike McNamara sconfitti 3-5 dopo essersi portati sul 3-0 in loro favore in addirittura cinque minuti e spiccioli di gioco... «Forse, a ben guardare, quel vantaggio ci ha illusi un po’ tutti. In tanti avranno pensato che l’essere riusciti a infilare tre dischi alle spalle del portiere avversario in così pochi minuti di gioco fosse il preludio a una domenica tutta in discesa... – sottolinea il presidente dei Rockets Davide Mottis –. Ma, purtroppo per noi, le partite durano appunto sessanta minuti, non cinque e mezzo, e alla fine a fare festa sono stati i nostri avversari. Ed è un vero peccato, perché sul ghiaccio eravamo comunque scesi con un lineup di valore». Ultimo weekend a parte, quello che traccia Mottis di questa prima parte della stagione è comunque un bilancio positivo per i Razzi biaschesi: «Col rientro di Colin Fontana, il nostro reparto arretrato ha finalmente trovato una certa stabilità: Colin è un giocatore dalla spiccata personalità, capace di dare la giusta tranquillità a tutto il difensivo. Certo, guardando alla classifica era forse lecito attendersi qualche punto in più, in particolare dalle sfide dirette, come appunto il doppio del weekend con il Winterthur. Paradossalmente sono appunto i risultati contro le squadre maggiormente alla nostra portata a mancare all’appello (penso a questi sei punti lasciati sul ghiaccio col Winterthur, ma anche alle due vittorie trovate solo ai rigori contro l’Evz Academy o alla pesante sconfitta nel primo confronto stagionale contro i Gck Lions), mentre contro le squadre più quotate del torneo siamo comunque stati capaci di toglierci qualche bella soddisfazione: è vero che ci sono state partite in cui sul piano del punteggio il nostro avversario si è rivelato una spanna sopra, ma ce ne sono anche state altre in cui abbiamo mancato di pochissimo il risultato». Al di là della stretta contabilità della classifica, il presidente dei rivieraschi spende parole di elogio per il lavoro di Landry e McNamara: «Eric e Mike stanno facendo un egregio lavoro. Per misurare la bontà del lavoro dello staff tecnico non si deve guardare unicamente alla classifica, ma alla qualità che si vede sul ghiaccio. E sotto questo aspetto possiamo dirci soddisfatti, alla luce non da ultimo dei feedback che ci giungono dai nostri partner-team».

Sul piano sportivo, nel mirino dei Rockets c’è pur sempre la qualificazione ai pre-playoff: «Abbiamo iniziato la stagione puntando a ripetere il bel risultato della passata stagione (decimi al termine della regular-season, ndr) e quello resta il nostro obiettivo. Pur non perdendo di vista il nostro obiettivo principale, che è quello di crescere e far crescere i giovani che vestono la maglia dei Rockets». Già, perché non va dimenticato che la vocazione della squadra è appunto quella di formare i giovani per il salto di categoria, lavorando in stretta collaborazione con i partner-team Ambrì, Lugano e Davos: e come va il partenariato con queste società? «La collaborazione è soddisfacente, anche se, ovviamente, proprio per la natura stessa della nostra squadra, dipendiamo direttamente dalle contingenze dei nostri partner in National League. Il fatto che qualche elemento venga prelevato da Biasca per completare i ranghi di uno dei nostri club ci gratifica, anche se al tempo stesso ci priva di una pedina importante. D’altro canto è una realtà con cui dobbiamo convivere, cercando di essere più maturi e cinici in certe partite, come quella di domenica, in cui l’effettivo per fare il risultato c’era, così come le opportunità sul ghiaccio, ma non siamo riusciti a centrare l’obiettivo».

Guardando alle squadre d’alto bordo, i Rockets la passata stagione si erano rivelati una sorta di bestia nera del Kloten, addirittura battuto tre volte in quattro scontri diretti. Quest’anno, invece, le cose sono un po’ cambiate, con i Rockets sconfitti, in modo piuttosto perentorio, in entrambe le sfide sin qui giocate contro gli Aviatori: 1-7 alla Raiffeisen BiascArena il 21 settembre e 9-1 a Kloten il 6 novembre). Cosa è cambiato? «Indubbiamente quest’anno le migliori del campionato cadetto hanno fatto un ulteriore salto di qualità. Penso in particolare al Kloten, ma anche a Olten e Chaux-de-Fonds, perché in palio c’è la promozione diretta, obiettivo che nessuna di queste vuole lasciarsi sfuggire, anche perché non sono ancora chiari quelli che saranno gli scenari per il futuro in fatto di promozioni e retrocessioni tra National e Swiss League. È dunque comprensibile che contro queste formazioni tutti fatichino un po’ di più rispetto al passato».

Proprio al capitolo partner-team, il club è anche al lavoro per definire le date delle partite ‘extra muros’ sulle piste dei club che hanno stretto la collaborazione con i Rockets: «L’idea è quella di disputare una partita casalinga alla nuova pista di Ambrì, come pure una alla Cornèr Arena, e fors’anche una a Davos. Stiamo lavorando in questo senso, anche se per concretizzare le cose occorre combinare la disponibilità delle rispettive piste con le esigenze del calendario, e non da ultimo tenere in considerazione tutti quegli aspetti di natura logistica, esercizio tutt’altro che facile».

‘Al lavoro per le partite extra muros’

Un altro obiettivo che Mottis si era posto per la stagione corrente, era quello di incrementare il numero di spettatori alla Raiffeisen BiascArena. Domenica erano ben 642, ma nonostante ciò il presidente smorza gli entusiasmi: «Sì, domenica c’era un bell’ambiente, ma il dato è falsato dal fatto che era il ‘Family Day’, ossia una partita con entrata gratuita offerta da Raiffeisen e Mobiliare Assicurazioni. Altrimenti, l’affluenza allo stadio è in linea con quella delle passate stagioni. A conti fatti non nascondo un po’ di delusione, per l’affluenza, e per il sostegno solo tiepido da parte dei sostenitori, visti i nostri sforzi, non da ultimo con una campagna abbonamenti a prezzi davvero popolari».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved