nel-derby-numero-240-a-far-festa-e-il-lugano
L'incredibile parata di Benjamin Conz su Daniel Carr a metà del derby (Ti-Press/D.Agosta)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Maxim la biere
9054
2
TrigoAce1
9027
3
25 Francs trop cher
8512
4
Iselis Punktebuebe
8483
5
Wild Hogs
8314
6
BalaBala
8287
7
TrigoAce2
8258
8
Team Gobbi
8224
9
ADTC
8187
10
BLACKHAWKS-MAF_miguelpiccand
8158
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
1 ora

Marchesano tra i candidati della Swiss Football Night

Il ticinese dello Zurigo tra i finalisti per il titolo di miglior giocatore della Super League. Il 27 gennaio la cerimonia di premiazione
SKICROSS
1 ora

Lesione al ginocchio per Fanny Smith

La vodese si è infortunata in Canada nell’ultima tappa di Coppa del mondo. Conta di ristabilirsi prima dell’inizio dei Giochi di Pechino
Hockey
3 ore

Se ne va una bandiera: Vauclair lascia l’Hcl e torna all’Ajoie

È il direttore sportivo del club giurassiano, con cui ha firmato un contratto di cinque anni. ‘Mi sentirò sempre parte della famiglia bianconera’.
Calcio
3 ore

Monzialo e Lungoyi lasciano il Football Club Lugano

L’attaccante francese in prestito fino a giugno alla squadra austriaca Skn St. Pölten; il nazionale U21 girato al San Gallo
Tennis
5 ore

Con Bencic si chiude il sogno svizzero agli Australian Open

È la prima volta dal 1995 che la Svizzera non è rappresentata nel terzo turno del tabellone maschile o femminile a Melbourne
Tennis
6 ore

Jil Teichmann si inchina a Victoria Azarenka

La svizzera ha perso 6–1 6–2 contro la ex numero uno al mondo
Hockey
16 ore

Non è un martedì facile, ma il Lugano torna a sorridere

Traber e Bertaggia spianano la strada, ma poi i bianconeri debbono fare i conti con il ritorno dell’Ajoie, prima di centrare la prima vittoria del 2022
Podismo
21 ore

Lukas Oehen e Giulia Salvadé vincono il cross di Bellinzona

Gab protagonista con cinque vittorie nella quinta prova di Coppa Ticino Ftal Aet che ha lanciato l’annata 2022. In evidenza anche Rcb e Sab.
Bob
21 ore

Follador chiude la stagione tra i migliori d’Europa

Grazie anche alle prestazioni del pilota del Bcsi (con il frenatore Nicola Mariani), la Svizzera ritorna tra le prime quattro nazioni al mondo
L’angolo delle bocce
22 ore

Si riprende a giocare da Cavergno con una gara a coppie

Stagione 2022 al via domenica con una sfida regionale proposta dalle bocciofile Stella di Locarno e Verzaschesi di Gordola
NUOTO
22 ore

Dominio azzurro nel Meeting del Ceresio

Solo 12 delle 78 medaglie in palio sono andate ai ticinesi. Tra gli atleti di casa, in evidenza Tamas Terner ed Emanuele Brivio
Unihockey
22 ore

Weekend da 6 punti, playoff più vicini per il Ticino

La squadra di Tomatis ha battuto Grünenmatt (9-7 in trasferta) e Sarganserland (8-3 all’Arti&Mestieri) ed è quarta in classifica
Hockey
23 ore

Alatalo, Loeffel, Müller, Fora e Simion voleranno a Pechino

Resi noti i 25 ‘eletti’ che Patrick Fischer porterà alle Olimpiadi. Obiettivo dichiarato della Svizzera: le semifinali
Sci nordico
23 ore

Ai Campionati nazionali l’oro va a Fähndrich e Steiner

Nello sprint vittorie di Van der Graaf e Riebli. Progressi per il ticinese Alessandro Vanzetti, dodicesimo e diciannovesimo
Tennis
23 ore

Murray l’inossidabile batte Basilashvili in cinque set

Il britannico è di ritorno a Melbourne a tre anni di distanza da quella che avrebbe dovuto essere l’ultima partita della carriera
Basket
1 gior

Senza alcun senso la formula della Coppa

Il sorteggio libero è anacronistico e sfavorisce troppo le squadre di categoria inferiore. Domani in campionato torna in campo (a Monthey) la Sam Massagno
Tennis
1 gior

Niente impresa per Henri Laaksonen, battuto da Medvedev

Il russo, numero 2 al mondo, mette fine ai sogni di gloria dello sciaffusano agli Australian Open. Eliminate anche Vögele e Golubic
Hockey
1 gior

Storica quintina di Timo Meier sulle piste di Nhl

L’appenzellese degli San José Sharks diventa il primo giocatore svizzero a realizzare cinque gol nella medesima partita di Nhl
Tennis
1 gior

‘Djokovic era sereno, gli australiani un po’ meno’

Tristan Schoolkate, sparring partner di Nole durante il suo breve soggiorno australiano, racconta a laRegione l’incontro con il campione serbo
Gallery
Calcio
1 gior

Petkovic, dall’altare di Bucarest alla polvere della Gironda

Il pesante 6-0 rimediato a Rennes pone l’ex ct della Svizzera a serio rischio esonero. Il suo Bordeaux è penultimo con la peggior differenza reti
CALCIO
1 gior

Per la Fifa, Lewandowski è il giocatore dell’anno

Il polacco del Bayern Monaco premiato con il ‘Best Player’. Ha preceduto Leo Messi e Mohamed Salah. Tra le donne vittoria di Alexia Putellas (Barcellona)
Sci
1 gior

Beat Feuz di nuovo papà: è nata Luisa

Con un tempismo perfetto, la secondogenita dello sciatore rossocrociato è venuta al mondo dopo le gare di Wengen e prima di quelle di Kitzbühel
FREESTYLE
1 gior

Dopo Deer Valley per Marco Tadè ci sono le Olimpiadi

Il ticinese è pronto a volare a Pechino, mentre Nicole Gasparini negli Stati Uniti non è riuscita a staccare il biglietto per i Giochi
01.10.2021 - 22:320
Aggiornamento : 23:40

Nel derby numero 240 a far festa è il Lugano

Entusiasmo, suspense e passione nel primo derby in Leventina lontano dalla Valascia. Si decide tutto ai rigori, dove gli unici a segnare sono Fazzini e Arcobello

Il primo derby è del Lugano. Nel venerdì in cui, finalmente, le sfide tra Ambrì e Lugano ritrovano il loro pubblico, in una serata ovviamente da tutto esaurito che arriva un anno dopo l’ultima sfida a spalti più o meno affollati, il 2 ottobre nella vecchia Valascia, quando per l’ultima volta la gente poté accomodarsi sugli spalti per la sfida più attesa (allora, contingentati, furono 2’775 spettatori). L’Ambrì, naturalmente, dopo il 4-0 al Bienne di martedì, si presenta in pista sostanzialmente con la medesima formazione, se si eccettua il ritorno nel lineup di Burren in retrovia, mentre sul fronte bianconero Chris McSorley torna a schierare sia Alatalo, sia Tschumi, di ritorno da squalifica.

Il duecentoquarantesimo derby della serie, rimarrà però soprattutto nella storia per essere il primo alla Gottardo Arena. Con Giovanni Morini che finisce a sua volta negli annali per essere il primo a segnare un gol nel primo derby nel nuovo stadio biancoblù, in una serata che parte subito a mille, e le prime occasioni sono praticamente immediate: la più nitida finisce sul conto di Boedker, che però non vede la porta. Poi l‘intensità cala, con le due squadre che lavorano molto, così di spazi per andar via in velocità non ce ne sono. Almeno fino al 7‘43’’, quando Fazzini riesce a prendere in contropiede la difesa biancoblù, e Isacco Dotti è costretto a rimediare con un fallo d’emergenza. È da quella superiorità numerica, al 9’23’’, che arriva il gol d’apertura: lo firma, appunto, Morini, grazie a una deviazione volante su conclusione dalla ‘blu’ di Elia Riva, e Benjamin Conz nulla può. L’Ambrì sembra accusare il colpo: infatti non passano che trenta secondi (abbondanti) e il Lugano raddoppia: due biancoblù s’avventurano alla balaustra a caccia del disco, mentre Arcobello può servire un disco in mezzo che è il più invitante degli assist per Luca Fazzini, dimenticato da Rocco Pezzullo davanti al povero Conz: è il 2-0 al 10’02’’. Poco dopo Riva si fa buttar fuori per uno sgambetto, ma i biancoblù non sfruttano l’occasione. Poi, a un minuto dalla pausa, sono nuovamente i bianconeri a poter giocare con l’uomo in più, dopo un colpo di gomito di Grassi su Herburger: l’occasione più ghiotta, però, capita ad André Heim, che sfrutta un’indecisione di Alatalo e va via di prepotenza, fermato all’ultimo soltanto dal gambale di Schlegel.

Il secondo periodo si apre più o meno com‘era finito il primo, cioè con i biancoblù di nuovo pericolosi durante la seconda parte della medesima penalità, con Fazzini che non si accorge del ripiegamento di Thürkauf e ferma Kozun in qualche modo davanti a Schlegel. In quei due minuti l’Ambrì spinge, ma il Lugano supera il momento difficile senza incassare reti. Non passano che un paio di minuti e i biancoblù sono di nuovo in superiorità, per una bastonata di Alatalo al volto di Pestoni: quella nuova, ghiotta occasione Diego Kostner non se la lascia scappare, dopo un astuto tocco all’indietro di McMillan, rilanciando completamente il derby al 25’33’’. Un derby vibrante più che mai, e che al 29’ vive un momento a dir poco incredibile: quando Daniel Carr, liberato da Arcobello davanti alla gabbia quasi sguarnita, centra la gabbia con il backhand, e alza una mano al cielo per festeggiare, e invece con un intervento a dir poco prodigioso, ‘Benji’ Conz, senza bastone, si lancia sul disco togliendolo dalla gabbia col guantone. Per capire se ciò avviene sulla o dietro la linea di porta, gli arbitri si rifanno alle immagini tivù, che tuttavia non possono chiarire oltre ogni dubbio, così Carr rimane con l’urlo strozzato in gola. Mentre i suoi compagni continuano a dar prova d’indisciplina: al 31’ è Boedker a finire fuori, ancora per sgambetto, ma in quei due minuti il risultato non cambia, pur se l’Ambrì va vicinissimo a segnare, con Hietaten che trova soltanto il palo. Sembra un buon momento per l’Ambrì, invece poco dopo una bastonata evitabilissima di Grassi ai danni di Thürkauf permette al Lugano di restare in pista con un uomo in più, e dopo che Alatalo riesce a tenere il puck nel terzo, il disco finisce a un Arcobello che pesca poi sulla sinistra di Conz il solito Fazzini, il quale non dà scampo al portiere biancoblù facendogli passare il disco sotto il braccio.

Il doppio svantaggio, però, non spegne l‘Ambrì. Che sin dall’inizio del periodo conclusivo si rimette a spingere, e al 42’55’’ trova il secondo gol: Pestoni libera Grassi nel terzo bianconero, e lo slap al volo del numero 12 s’infila sul primo palo. Così il derby si riaccende per la seconda volta. Al 44’50’’, però, Carr inciampa nel bastone di Fischer, e l’Ambrì si trova nuovamente costretto a giocare in boxplay. McSorley capisce l’importanza del momento e chiama il timeout, ma i suoi uomini non sfruttano l‘occasione, così a tredici minuti dal termine la contesa resta più aperta che mai, e nel corso del quarantanovesimo minuto il solito Grassi e Pestoni arrivano a un passo dal pareggio, con Thürkauf che riesce a salvare. Ma l’appuntamento col gol è solo rinviato: al 49’33’’, quando Zaccheo Dotti si sgancia all’attacco, lui che attaccante non è, e fa secco Schlegel con un siluro a fil di palo. Insomma, a dieci minuti dalla fine è tutto da rifare.

A quel punto, l’Ambrì è scatenato. I biancoblù provano ad affondare subito i colpi, ma il Lugano si difende, e al 54’ i bianconeri si ritrovano ancora una volta in superiorità numerica, dopo una bastonata al volto di Stoffel da parte di Burren: in quei due minuti, però, c’è un solo pericolo per Conz, e arriva dal bastone di Carr. Passato il pericolo, l’Ambrì prova a tornare a spingere, ma da lì al sessantesimo la situazione in pista non cambia. Così la decisione è rinviata al prolungamento, dove la prima grossa occasione è per Fazzini, che trova il palo alla sinistra di Conz. L’Ambrì va a sua volta vicino al gol-partita, con un centro di Heim per Pestoni che viene involontariamente toccato da Müller. Poi l’ultimissima chance è per Boedker, che però non trova il modo di superare il portiere biancoblù.

Così, alla fine a decidere tutto sono i rigori, dove gli unici a segnare sono Arcobello e Fazzini.

Ambrì Piotta - Lugano (0-2 1-1 2-0 0-0; 0-1) d.r. 3-4

Reti: 9’23" Morini (Riva, Stoffel/esp. Isacco Dotti) 0-1. 10’02" Fazzini (Arcobello) 0-2. 25’33" Kostner (McMillan, Regin/esp. Alatalo) 1-2. 36’12" Fazzini (Arcobello, Alatalo/esp. Grassi) 1-3. 42’55" Grassi (Pestoni, Fora) 2-3. 49’33" Zaccheo Dotti (Bianchi) 3-3. Rigori: Kozun -, Arcobello 0-1; Hietanen 0-1, Fazzini 0-2; Regin 0-2, Walker 0-2; Bürgler 0-2.

Ambrì Piotta: Conz; Fora, Isacco Dotti; Hietanen, Fischer; Fohrler, Zaccheo Dotti; Burren, Pezzullo; Trisconi, Kostner, Grassi; Bürgler, Heim, McMillan; Kozun, Regin, Kneubuehler; Pestoni, Grassi, Zwerger.

Lugano: Schlegel; Alatalo, Riva; Nodari, Guerra; Chiesa, Müller; Bernd Wolf; Fazzini, Arcobello, Carr; Boedker, Herburger, Morini; Bertaggia, Thürkauf, Walker; Traber, Tschumi, Stoffel; Vedova.

Arbitri: Piechaczek, Hebeisen; Fuchs, Thomas Wolf.

Note: 6’775 spettatori (tutto esaurito). Penalità: 4 x 2’ contro entrambe le squadre. Tiri in porta: 36-33 (10-15, 17-7, 8-9, 1-2). Ambrì Piotta senza D’Agostini, Dal Pian (infortunati), Hächler e Incir (soprannumero); Lugano privo di Haussener, Josephs, Loeffel, Näser e Werder (infortunati). Timeout Lugano al 44’50". Al 61’34" palo di Fazzini. Premiati quali migliori in pista Zaccheo Dotti e Luca Fazzini.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved