Wawrinka S. (SUI)
1
MOUTET C. (FRA)
1
3 set
(6-2 : 3-6 : 5-6)
THOMPSON J. (AUS)
0
NADAL R. (ESP)
1
2 set
(2-6 : 1-4)
KONTAVEIT A. (EST)
TOMLJANOVIC A. (AUS)
17:50
 
Kazakistan
3
Italia
2
2. tempo
(2-1 : 1-1)
Stati Uniti
0
Repubblica Ceca
1
2. tempo
(0-1 : 0-0)
il-casco-giallo-non-pesa-piu-degli-altri
Nei panni del topscorer (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
5 ore

Per il Lugano due amichevoli a Straubing

I bianconeri invitati alla Gäubodenvolksfest-Cup in Germania dal 19 al 21 agosto
Formula 1
18 ore

Verstappen e una serenità figlia (anche) della cura dei dettagli

Con la doppietta in Spagna le Red Bull hanno ripreso il comando del Mondiale ai danni di una Ferrari che ha tradito Leclerc sul più bello
Hockey
19 ore

La Svizzera e la rimonta della domenica: fanno sei su sei

Primo tempo pessimo, poi gli elvetici escono alla distanza e vincono 5-2. Ma perdono per strada Scherwey: per l’attaccante del Berna il Mondiale è finito
Calcio
19 ore

Acb, un bel successo per festeggiare la promozione

I granata, ormai certi della salita in Challenge League, battono 3-2 l’Étoile Carouge con un gol di Souza nel recupero.
Calcio
21 ore

Il Milan non trema ed è campione d’Italia!

La squadra di Pioli nell’ultima giornata di Serie A si è imposta 3-0 in casa del Sassuolo e ha chiuso il campionato con 2 punti di vantaggio sull’Inter
Calcio
22 ore

Il Manchester City è campione d’Inghilterra per l’ottava volta

Al termine di un’ultima giornata emozionante gli uomini di Guardiola si sono imposti 3-2 in rimonta sull’Aston Villa precedendo il Liverpool di un punto
CALCIO
22 ore

La stagione del Lugano si chiude con una sconfitta a Basilea

Bianconeri battuti di misura al St. Jakob al termine di una buona prestazione con una formazione largamente rimaneggiata
Hockey
23 ore

La Germania vince ancora e lancia la sfida agli elvetici

Gli uomini di Söderholm battono anche i kazaki, centrando il quinto successo di fila e mettendo pressione ai rossocrociati prima del test con la Francia
Ciclismo
23 ore

Giulio Ciccone firma il terzo successo italiano a questo Giro

Il 27enne si è imposto in solitaria nell’arrivo in quota a Cogne. Immutata la classifica generale con Carapaz che precede Hindley e Almeida.
FORMULA 1
23 ore

Verstappen vince in Spagna e scavalca Leclerc

L’olandese si è imposto al termine di un Gran premio che ha visto il monegasco abbandonare prima di metà gara per problemi al motore della sua Ferrari
TENNIS
1 gior

A Parigi buona la prima per Teichmann e Bencic

Al Roland-Garros la biennese supera nel primo turno la statunitense Bernarda Pera, mentre la sangallese non lascia scampo all’ungherese Reka Jani
TENNIS
1 gior

Parigi, primo turno fatale a Dominic Thiem

L’ex numero 3 delle classifiche mondiali, scivolato in 194ª posizione per infortunio, è stato battuto al Roland-Garros dal boliviano Hugo Dellien
CALCIO
1 gior

Clamoroso finale, crolla l’Aarau festeggia il Winterthur

Zurighesi promossi in Super League per la miglior differenza reti rispetto allo Sciaffusa e agli argoviesi
calcio
1 gior

Il Chiasso stende anche il Breitenrain

La capolista deve arrendersi alla lanciatissima squadra di Andrea Vitali con un rotondo 3-0. Settimana prossima c’è il derby
tennis
1 gior

Tennis, Casper Ruud si ripete a Ginevra

Il norvegese concede il bis dopo il successo del 2021, sconfiggendo in finale in tre set il portoghese João Sousa
pallanuoto
1 gior

Pallanuoto, il cammino del Lugano si ferma in finale

Sharks battuti all’ultimo atto della Coppa svizzera al Lido per 11-8 dai turgoviesi del Kreuzlingen, nonostante il poker di Mattia Tedeschi
16.09.2021 - 18:07
Aggiornamento : 19:24

‘Il casco giallo? Non pesa più degli altri’

Reduce da un martedì da topscorer (la sua prima volta in assoluto) Traber passa il testimone a Loeffel. ‘Ma cosa porti in testa è relativo’

Da Mark Arcobello a Romain Loeffel. Passando per... Tim Traber. Cosa hanno in comune i tre, oltre ovviamente al fatto di giocare tutti per il Lugano? Semplice: tutti e tre hanno avuto, o avranno nel futuro più prossimo (il difensore numero 58 dei bianconeri lo avrà domani sera contro il Bienne), l’onore, o l’onere, di indossare il casco giallo distintivo del miglior realizzatore della squadra. Se però nel caso dello statunitense, già abituato a farlo tanto a Berna nel suo passato, e pure alla Cornèr Arena la scorsa stagione, non si tratta di una grossa novità, diverso è il discorso per gli altri due: sebbene Loeffel sia un difensore con uno spiccato senso del gol, vederlo nei panni del topscorer, in virtù del maggior numero di reti segnate (due) rispetto agli altri compagni appaiati a quota tre punti, è sicuramente più singolare. E lo è stato forse ancora di più il vedere Tim Traber in questi panni martedì a Porrentruy, per la partita contro l’Ajoie. «A essere sincero è stata la mia prima volta in carriera – sottolinea lo stesso 28enne bianconero –. Proprio per questo l’ho vissuta come una serata speciale, iniziata in modo particolare per me e finita poi nel migliore dei modi per tutta la squadra». ‘Pesava’ di più quel casco giallo sulla testa rispetto al solito? «Non particolarmente: non è che ho ravvisato maggiore pressione rispetto a qualsiasi altra partita di regular season. In fondo, il casco giallo è qualcosa che ti infili in testa e che poi, quando sei in pista, non vedi più. Semmai sono i tuoi compagni di squadra o gli avversari a notarlo. E, in ogni caso, non conta quello che porti in testa o quanti punti porti in dote: ciò che importa per davvero è quello che fai sul ghiaccio in quella partita, non nelle precedenti. Ciò detto, non nascondo che prima di iniziare la partita un po’ di eccitazione alla prospettiva di scendere sul ghiaccio nei panni del miglior realizzatore della mia squadra c’era: non è una cosa che capita tutti i giorni, soprattutto a me. L’ho vissuto come un momento speciale, forse il più alto sin qui nella mia carriera; qualcosa di cui essere sicuramente più contento che preoccupato che magari gli avversari mi prendessero di mira».

A Traber non è tuttavia bastato il punto contabilizzato anche a Porrentruy per potersi confermare il topscorer dei bianconeri anche per la partita col Bienne: con la sua doppietta messa a segno contro i giurassiani, Loeffel gli ha infatti sfilato il casco giallo. Traber si può comunque consolare con un primato tutto suo all’interno dello spogliatoio. Il numero 21 è infatti l’unico dei bianconeri a essere andato a punti in tutte e tre le partite sinora disputate dal Lugano: un assist nella prima stagionale contro il Rapperswil, un gol contro il Langnau e ancora un assist contro l’Ajoie. Come inizio di stagione non c’è male, soprattutto considerando che il passato campionato, nelle trenta partite in cui Pelletier l’aveva schierato, aveva raccolto unicamente due punti (frutto di altrettante reti: una contro il Friborgo e una contro il Davos). «In estate mi sono preso il tempo per focalizzarmi su diversi aspetti del mio gioco, per capire come potessi migliorare. Ho lavorato sodo, e qualcosa è effettivamente migliorato. Ma so anche che devo continuare a farlo pure in futuro: non è adesso il momento per rilassarmi. Sì, posso essere contento del mio inizio di stagione, ma al tempo stesso la strada è ancora lunga: so di aver preso da direzione giusta, ma adesso devo continuare camminare».

La nuova stagione di Tim Traber si è dunque aperta sotto buoni auspici. Proprio quel che ci voleva dopo un campionato non molto fortunato sul piano personale: minutaggio sul ghiaccio modesto e infine, anche l’infortunio che l’ha costretto a saltare il finale della stagione regolare e pure i playoff. «Con l’arrivo di McSorley alla transenna, effettivamente le cose sono cambiate per me. Del resto ogni volta che arriva un allenatore nuovo, nello spogliatoio si respira un’aria diversa. E ognuno cerca di moltiplicare gli sforzi per mostrare all’ultimo arrivato le sue qualità per guadagnarsi un posto fisso nella squadra, o un po’ più di ghiaccio. Per tutti è insomma stata una nuova partenza, che ognuno ha affrontato con il giusto entusiasmo». Esattamente quello che servirà per affrontare due avversare toste come Bienne e Ginevra Servette, che costituiscono il menu di Traber e compagni per il weekend. «Esatto. Di fronte avremo due top-team e il nostro focus deve essere puntato su queste sfide, che sulla carta si presentano come le più ostiche di questo inizio di stagione». Cosa è cambiato in particolare tra il sistema predicato da Pelletier e quello di McSorley? «Il maggiore cambiamento lo abbiamo avuto nel gioco difensivo, dove i tiri bloccati sono aumentati. E ognuno dà una mano agli altri in fase di copertura. Ogni volta che andiamo sul ghiaccio per un cambio lo facciamo pensando che quello è il più importante di tutti: è così che si deve giocare per vincere. Se vogliamo essere una delle migliori squadre del campionato, dobbiamo cercare di faro a ogni cambio, indipendentemente da chi sia sul ghiaccio. Ognuno ha il suo compito e ognuno deve dare il 110 per cento per portarlo a compimento».

Le sette reti segnate martedì a Porrentruy sono sicuramente un bel modo per introdurre il big-match col Bienne... «Sette reti sono tante, ma non è un risultato realistico: la norma sarà quella di partite sempre tirate, per cui dovremo continuare a cercare di fare leva sulle cose che sappiamo fare bene e al tempo stesso lavorare sugli aspetti che ancora presentano margini di miglioramento».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
hc lugano hockey national league tim traber

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved