occhio-al-rapperswil-non-e-solo-clark-cervenka-e-moses
Ritorno nei ranghi per il finlandese (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BOXE
16 ore

Il giorno che Mike sbranò le orecchie a Holyfield

25 anni fa su un ring del Nevada Mike Tyson si rese protagonista di un episodio davvero clamoroso
calcio
23 ore

La nazionale femminile demolita dalla Germania

Nella penultima amichevole prima degli Europei le ragazze di Nils Nielsen vengono sconfitte addirittura per 7-0
calcio
23 ore

Il Basilea si aggiudica Zeki Amdouni

Il pezzo pregiato del calciomercato elvetico si accasa ai rossoblù con un prestito biennale con successiva possibilità d’acquisto definitivo
tennis
1 gior

Tennis, la favola di Bellier si conclude contro Bautista Agut

Lo spagnolo elimina l’elvetico nella semifinale del torneo di Maiorca
atletica
1 gior

Us Ascona protagonista nella prima giornata degli Svizzeri

Oro di Gian Vetterli nel lancio del disco, argento di Ajla Del Ponte sui 100 m, bronzo di Emma Piffaretti nel lungo. Mujinga Kambundji da record
nuoto
1 gior

Noè Ponti chiude ottavo nella finale dei 100 delfino

Vince Kristof Milak, mentre Noè crolla nel finale ed è ultimo
ATLETICA
1 gior

Athletissima, si prepara un 200 di grande livello

Presentati i primi nomi della 47esima edizione in programma il 26 agosto. Ma il cartellone definitivo verrà stilato solo dopo Mondiali ed Europei
CALCIO
1 gior

Parte la campagna abbonamenti dell’Fc Lugano

I detentori di una tessera stagionale potranno entrare gratuitamente alla prima partita casalinga di Conference League
CALCIO
1 gior

‘A Lugano per ultimare il mio apprendistato’

Lukas Mai, nuovo difensore centrale dei bianconeri, chiamato a sostituire Maric: ‘La dirigenza mi ha fatto capire di essere davvero interessata a me’
TENNIS
1 gior

A Wimbledon Wawrinka pesca l’italiano Sinner

Subito un pezzo grosso per il vodese, presente a Londra grazie a una wild card. In campo femminile, Golubic contro Petkovic, Bencic contro Wang
CALCIO
1 gior

Il norvegese Ole Selnaes a Zurigo

Il centrocampista ha firmato per una stagione. Il Sion cede in prestito al Winterthur il portiere Timothy Fayulu
NUOTO
1 gior

Sasha Touretski eliminata, resta solo Noè Ponti

La ginevrina non ha superato le batterie dei 50 stile libero e ha chiuso con il 21° tempo. Il ticinese ultimo svizzero ancora impegnato ai Mondiali
Calcio
2 gior

Calendario Liga, il Real debutta ad Almeria

Si gioca dal 14 agosto, il Barça riceve il Rayo, trasferta breve per l’Atletico (Getafe)
Calcio
2 gior

Un centrocampista congolese per lo Zurigo

Jonathan Okita ha firmato per tre anni con i campioni svizzeri
NUOTO
2 gior

Mondiali, Noè Ponti va in finale

Obiettivo raggiunto a Budapest nei 100 delfino. Domani alle 18.44 tornerà in acqua per una medaglia. Roman Mityukov nei 200 dorso ha chiuso al 7. posto
atletica
2 gior

Del Ponte, Petrucciani e tutti gli altri

Ticino come al solito ambizioso ai Campionati Svizzeri assoluti di Zurigo. Spiccano le presenze di Ajla Del Ponte e Ricky Petrucciani
CALCIO
2 gior

Roman Hangarter e Mijat Maric, nuovi acquisti del Team Ticino

Lo zurighese prenderà il posto di Immersi quale responsabile tecnico, mentre l’ex difensore bianconero rivestirà il ruolo di talent manager
ciclismo
2 gior

Suter e Hartmann campioni nazionali a cronometro

Entrambi hanno approfittato dell’assenza degli specialisti. Domenica, sempre a Steinmaur, la gara in linea
laR
 
12.04.2021 - 17:54
Aggiornamento : 18:27

‘Occhio al Rapperswil: non è solo Clark, Cervenka e Moses’

Serge Pelletier lancia il quarto di finale contro i sangallesi. Che per i tifosi del Lugano porta con sé una novità per le partite casalinghe

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

L'attesa è quasi finita. Ed è stata una lunga attesa, visto che l'ultima volta che alla Cornèr Arena si è respirata aria di playoff è stata oltre due anni fa. Era la sera del 16 marzo 2019, alla fine di un'interminabile gara 4 poi conclusasi a pochi minuti dallo scadere del secondo tempo supplementare. Quella sera i bianconeri – allora diretti alla transenna da Greg Ireland – rimediarono la loro quarta sconfitta in altrettante partite nella serie dei quarti di finale contro lo Zugo, chiudendo lì la loro stagione. Due anni e un mese dopo, e dopo un playoff cancellato dalla pandemia (in cui il primo ostacolo nella corsa verso il titolo sarebbe dovuto essere lo Zurigo), la Cornèr Arena si rimette l'abito dei playoff. Con tutto quel che ne consegue, a cominciare dagli allenamenti rigorosamente a porte chiuse. E con l'aggiunta, dettata ovviamente dall'emergenza sanitaria, della doppia bolla per giocatori e staff. «Ma in fondo, a questa condizione siamo abituati – premette il tecnico dei bianconeri Serge Pelletier –. Avevamo già dovuto allenarci in questa modalità in occasione del primo stop causa quarantena, e bene o male è tutta la stagione che siamo confrontati con un sistema che prevede allenamenti e partite con contatti ridotti ai minimi termini. Ciò che cambia è la vita fuori dalla pista, ma del resto durante i playoff di vita fuori dal ghiaccio non ce n'è mai granché». Questo per dire che a entrare in modalità playoff non è solo la pista, ma anche tutta la squadra: «Siamo pronti per il grande ballo. È vero che rispetto al solito abbiamo avuto qualche giorno in meno per studiare l'avversario, ma ci siamo allenati bene: la nostra preparazione è stata ideale». Entrando nel dettaglio, come avete trascorso la settimana di tregua agonistica? «Dopo la partita di Ginevra i giocatori hanno potuto beneficiare di un paio di giorni di congedo, per recuperare le energie ma anche e soprattutto per fare una sorta di 'reset' mentale in modo da poter affrontare al meglio la seconda, distinta, parte della stagione. Al momento di riattaccare la spina la squadra ha sostenuto due allenamenti piuttosto intensi, a cui ha fatto seguito un altro giorno di stop. Da ultimo, domenica e oggi, ci siamo concentrati sull'aspetto tattico». Anche perché il nome dell'avversario del Lugano in questi quarti di finale, il Rapperswil, Pelletier e i suoi uomini l'hanno saputo solo venerdì sera. Stupito che l'avversario sia la formazione di Tomlinson anziché il Bienne? «In una serie al meglio delle tre partite può succedere di tutto: è più facile che si verifichi qualche sorpresa, perché di tempo per rimediare a eventuali scivoloni praticamente non ne hai. Abbiamo guardato le due partite della serie tra sangallesi e Seeländer, e abbiamo comunque potuto vedere un Rapperswil determinato, capace di portare in pista un buon hockey. Per quanto mostrato, Clark e compagni il loro biglietto per i quarti di finale se lo sono pienamente meritato».

Avversario che i bianconeri in stagione hanno affrontato sei volte, con un bilancio di tre successi a testa: (due casalinghi e uno in trasferta per entrambi; 17-15 in favore del Lugano il bilancio delle reti). «Sfide che ci hanno permesso di prendere un po' le misure dell'avversario che ci troveremo di fronte in questa serie. Ed è un avversario assai disciplinato, che può contare su un ottimo primo blocco. Inoltre sa essere parecchio pericoloso in superiorità numerica, ragion per cui più staremo alla larga dalla panchina dei penalizzati meglio sarà per noi. E non si commetta l'errore di pensare che tutta la forza del Rapperswil siano unicamente i vari Cervenka, Clark e Moses: Tomlinson ha nelle sue corde diversi altri elementi di tutti rispetto: Lehmann, con la sua velocità, è ad esempio un attaccante che sa rendersi parecchio pericoloso. Se devo citarne un altro, mi piace anche Eggenberger, dotato di un buon gioco anche fisico. Per non parlare di Nyffeler ed Egli». Chiedere al Bienne per le conferme del caso...

Una delle novità di questo post-season della stagione della pandemia è la cadenza delle partite, con match che anziché i classici martedì, giovedì e sabato, saranno programmati ogni due giorni. Con gara 4 che si giocherà dunque già lunedì anziché martedì, come sarebbe stato il caso negli anni precedenti. «Novità che per la prima settimana non comporta particolari cambiamenti, ma che sì, a conti fatti potrebbe portare due squadre a giocare addirittura quattro partite nella seconda. Ma, nei playoff più che mai, è inutile pensare a così in là, a quanto succederà da qui a una settimana: meglio, molto meglio concentrarci sul presente, e in particolare su gara 1».

E la squadra, è già al livello che ti aspettavi per questo primo assaggio di playoff? «Questa settimana di lavoro ho visto tanta energia in pista e la giusta concentrazione, per cui mi sembra che la squadra sia nelle condizioni ideali per affrontare il primo atto di questi playoff».

Dagli spogliatoi

Riecco Lajunen, Josephs in soprannumero

È Traber l'unica assenza nelle file del Lugano per il primo atto dei quarti di finale contro il Rapperswil. Rientrano dunque nei ranghi Herburger, Wellinger e Lajunen, che per vari motivi avevano saltato l'ultima trasferta di stagione regolare a Ginevra. A far posto nel roster al finlandese («È un piacere riaverlo in squadra: Jani è molto importante per l'assetto della squadra») sarà di conseguenza Josephs, in soprannumero così come l'ultimo arrivato Brennan.

Pubblico più vicino via social

Impossibilitati ad assistere le partite dal vivo, i tifosi bianconeri avranno la possibilità di manifestare la loro vicinanza alla squadra attraverso i social. Negli scorsi giorni infatti il club ha posato uno schermo gigante lungo la Tribuna Ovest, sul quale durante le partite casalinghe saranno proiettati i post più originali (che non potranno contenere video, stories o contenuti audio al fine di non ostacolare la produzione televisiva) che i tifosi possono pubblicare (sin da subito) con l’hashtag #forzaluganoforza tramite Instagram, Facebook e Twitter. Si potranno ovviamente sfoggiare i gadget della squadra, acquistabili allo Shop'41 domani tra le 13.30 e le 19.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
hc lugano hockey playoff serge pelletier

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved