Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
il-derby-dei-colpi-di-scena-lo-vince-il-lugano
Ed è ancora festa bianconera (Ti-Press)
+7
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
L'ANGOLO DELLE BOCCE
1 ora

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
1 ora

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
3 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
4 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
4 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
4 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
6 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
20 ore

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
1 gior

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
1 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
Hockey
1 gior

Sei turni di squalifica per Marc-Antoine Pouliot

Esemplare sanzione per l’attaccante del Ginevra Servette, reo di aver caricato un arbitro nella partita contro il Friborgo
Gallery
Nuoto
1 gior

Noè Ponti in forma nonostante i carichi di lavoro

Parata di stelle al 55esimo Challenge International di Ginevra. Buoni i tempi del ticinese della Nuoto Sport Locarno e di Benjamin Pfeiffer dell’A-Club
FOOTBALL
1 gior

Playoff infuocati, sfida da favola tra Mahomes e Allen

Weekend elettrizzante nella Nfl. Eliminati i grandi vecchi Tom Brady e Aaron Rodgers. Tre partite decise all’ultimo secondo, una all’overtime
Sci
1 gior

Lara Gut-Behrami si prende una pausa per rigenerarsi

La ticinese ha ammesso di sentirsi affaticata ‘sia mentalmente sia fisicamente’ e ha deciso di non partecipare alle ultime prove di Cdm prima dei Giochi
tennis
1 gior

Melbourne, nei quarti Tsitsipas contro Sinner

Il greco ha domato non senza fatica e in cinque set l’americano Taylor Fritz. L’italiano ha battuto De Minaur in tre set
26.03.2021 - 22:040
Aggiornamento : 22:35

Il derby dei colpi di scena lo vince il Lugano

Due volte in avanti, il Lugano si fa rimontare e superare dall'Ambrì. Che però nel finale la combina grossa. Alla Cornèr Arena finisce 6-4

È una piega chiara quella che prende nei venti minuti iniziali il derby numero 239 della storia (e l'ultimo di questa stagione regolare). Ed è una piega che sorride agli uomini di Serge Pelletier, che riguadagnano gli spogliatoi per prima pausa avanti di due reti. Sul ghiaccio con Josephs al suo esordio in bianconero al posto dell'acciaccato Lajunen e con il rientrante Riva, i padroni di casa partono subito spingendo forte. E si creano già nei minuti iniziali un paio di buone occasioni per sbloccare il punteggio. Per il gol devono tuttavia attendere il 7'05", quando Ciaccio, preferito a Conz, si fa battere da un diagonale teso di Fazzini che s'insacca a fil di palo. L'Ambrì prova a replicare, e poco dopo Müller si procura una buona opportunità per pareggiare, ma dopo essersi liberato per il tiro, il numero 13 dei leventinesi conclude sul portiere. Nulla da fare nemmeno nella prima occasione di giocare con l'uomo in più per gli uomini di Cereda, che durante quei 120 secondi con l'uomo in più non chiamano nemmeno una volta in causa Schlegel. C'è più lavoro, invece, sull'altro fronte per Ciaccio, che al 12'36" sventa una pericolosa minaccia di Boedker. Poco dopo, quando è il Lugano a giostrare con un uomo in più, Heed centra il palo, imitato poco dopo da Boedker: il raddoppio è nell'aria, e arriva al 17'41" con la firma dello stesso danese, che raccoglie un rebound di Ciaccio su precedente tiro di Bürgler.

Prima la doppia rimonta e poi il sorpasso biancoblù

È però tutta un'altra musica quella del secondo tempo, che si apre subito con la rete di Fischer che dimezza lo scarto per i suoi. Il numero 90 dei biancoblù trafigge Schlegel (forse coperto da Zwerger) con un bel tiro teso dalla distanza. E sul 2-1, la manovra dell'Ambrì Piotta riprende vigore, fruttando anche il 2-2, siglato da Perlini con un potente slap rasoghiaccio che manda il disco in fondo al sacco dopo aver fatto il... flipper con i pali. Ma il ritrovato pareggio dura però lo spazio di nemmeno due minuti, perché il Lugano torna a fare gara davanti grazie a una deviazione con la gamba di Josephs sul tiro dalla distanza di Heed (con Müller espulso): 3-2. L'Ambrì però non ci sta, e con Fora (pure con un uomo in più) ristabilisce la situazione di parità. E dopo due rincorse, gli uomini di Cereda nel finale del secondo tempo (al 37'59") vanno per la prima volta avanti nel punteggio grazie a Müller, ben pescato al centro da Kostner.

Nuovo ribaltone con... frittata dei leventinesi

I bianconeri iniziano così il terzo periodo negli inediti panni degli inseguitori, con un Ambrì che dopo aver il comando nel punteggio, sembrano anche più sicuri nella loro manovra, e riescono anche a superare indenni una delicata inferiorità numerica provocata da uno sgambetto di Novotny. A una decina di minuti dalla terza sirena è poi Schlegel a tenere in partita i suoi, togliendo dal bastone di Trisconi disco del possibile 3-5. Poi per l'Ambrì arriva un'altra fase delicata, quando il rientrante Nättinen si fa espellere per un copo di bastone ai danni di Josephs: i bianconeri provano a stringere d'assedio Ciaccio, senza tuttavia riuscire a batterlo. E allo scadere della penalità sul conto del finlandese, gli uomini di Pelletier si ritrovano con meno di tre minuti. Ma bastano appena 4 secondi a Heed per riportare tutti in parità. E poi, in situazione di penalità differita, i biancoblù fanno la frittata: un passaggio a ritroso d i Trisconi non controllato da Fischer va a finire nella porta lasciata sguarnita da Ciaccio, regalando la rete del nuovo sorpasso, quello definitivo, al Lugano. Che poi con Suri abbellisce ulteriormente il punteggio, dandogli la forma definitiva: 6-4.

Lugano - Ambrì Piotta (2-0 1-4 3-0) 6-4

Reti: 7'05'' Fazzini 1-0. 17'31'' Boedker (Bürgler, Heed) 2-0. 20'59'' Fischer 2-1. 23'56'' Perlini (Zwerger) 2-2. 25'50'' Josephs (Heed, Arcobello/esp. Müller) 3-2. 29'51'' Fora (Zwerger/esp. Arcobello) 3-3. 37'59'' Müller (Kostner) 3-4. 57'07'' Heed 4-4. 57'35'' Sannitz (autorete Trisconi, penalità differita contro il Lugano!) 5-4. 59'40'' Suri (a porta vuota) 6-4.

Lugano: Schlegel; Heed, Wellinger; Loeffel, Chiesa; Wolf, Nodari; Riva; Bürgler, Arcobello, Boedker; Fazzini, Morini, Suri; Lammer, Herburger, Josephs; Zangger, Sannitz, Haussener; Romanenghi.

Ambrì Piotta: Ciaccio; Fora, Isacco Dotti; Hächler, Fischer; Fohrler, Zaccheo Dotti; Ngoy; Trisconi, Kostner, Mazzolini; Zwerger, Flynn, Perlini; Grassi, Novotny, Müller; Incir, Dal Pian, Kneubuehler; Nättinen.

Arbitri: Tscherrig, Stolc (A); Fuchs, Gnemmi.

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 5 x 2' + 2 x 10' (Fazzini e Zangger) contro il Lugano; 4 x 2' contro l'Ambrì Piotta. Tiri: 40-39 (12-9, 10-20, 18-10). Lugano privo di Lajunen, Bertaggia, Traber, Lajunen, Walker (tutti infortunati), Antonietti (in soprannumero), ma per la prima volta con il canadese Troy Josephs; Ambrì Piotta senza Goi, Bianchi (infortunati), D'Agostini (stagione finita), Östlund, Pinana, Cajka, Joël Neuenschwander, Rohrbach e Pezzullo (in soprannumero). Al 14'43'' palo colpito da Heed. Al 59'19'' timeout chiesto dall'Ambrì, che gioca senza portiere dal 57'50'' al 59'19'' e dal 59'28'' al 59'40''. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Tim Heed e Brendan Perlini.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved