siamo-un-po-all-angolo-ma-siamo-ancora-vivi
‘Ora più che mai un passo alla volta’ (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
L'ANGOLO DELLE BOCCE
34 min

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
48 min

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
2 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
3 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
3 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
3 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
5 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
19 ore

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
23 ore

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
23 ore

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
Hockey
1 gior

Sei turni di squalifica per Marc-Antoine Pouliot

Esemplare sanzione per l’attaccante del Ginevra Servette, reo di aver caricato un arbitro nella partita contro il Friborgo
Gallery
Nuoto
1 gior

Noè Ponti in forma nonostante i carichi di lavoro

Parata di stelle al 55esimo Challenge International di Ginevra. Buoni i tempi del ticinese della Nuoto Sport Locarno e di Benjamin Pfeiffer dell’A-Club
FOOTBALL
1 gior

Playoff infuocati, sfida da favola tra Mahomes e Allen

Weekend elettrizzante nella Nfl. Eliminati i grandi vecchi Tom Brady e Aaron Rodgers. Tre partite decise all’ultimo secondo, una all’overtime
Sci
1 gior

Lara Gut-Behrami si prende una pausa per rigenerarsi

La ticinese ha ammesso di sentirsi affaticata ‘sia mentalmente sia fisicamente’ e ha deciso di non partecipare alle ultime prove di Cdm prima dei Giochi
tennis
1 gior

Melbourne, nei quarti Tsitsipas contro Sinner

Il greco ha domato non senza fatica e in cinque set l’americano Taylor Fritz. L’italiano ha battuto De Minaur in tre set
Pechino 2022
1 gior

168 atleti per ripetere Pyeongchang: obiettivo 15 medaglie

Il capomissione elvetico Ralph Stöckli, già arrivato a Pechino, fissa il traguardo auspicato da Swiss Olympic
Unihockey
1 gior

Verbano e Ticino agguantano i playoff

Il Vuh si è imposto 6-3 in rimonta sul campo del Grünenmatt, il Tiuh ha piegato 4-3 il Basilea secondo in classifica
 
25.03.2021 - 18:330

‘Siamo un po' all'angolo, ma siamo ancora vivi’

Con il sesto derby stagionale, per l'Ambrì inizia la volata ai pre-playoff. Cereda: ‘Vista la posta in palio ci saranno molte emozioni’

È il momento della verità per l'Ambrì Piotta, che nel giro di 24 ore si gioca, se non tutte, parecchie delle sue carte a disposizione per agganciare il treno dei pre-playoff. A cominciare dal derby di domani alla Cornèr Arena, verosimilmente l'ultimo di una stagione che finora ha visto i leventinesi uscire sempre sconfitti nelle sfide con il Lugano (amichevoli estive comprese), per poi proseguire con la sfida direttissima di sabato alla Valascia contro il Rapperswil. «A questo punto della stagione, quando al termine della regular season mancano ormai solo sei partite, ogni punto in palio è importante – sottolinea l'allenatore dei biancoblù Luca Cereda –. Ed è appunto su questa necessità di apportarne il maggior numero alla propria causa che occorrerà mettere priorità e accento nelle prossime partite. Iniziando con il derby, match che in termini di classifica sarà importante per entrambe le squadre». Proprio l'importanza della posta in palio potrebbe contribuire a rialzare la tensione in un derby che ancora una volta non potrà beneficiare della sua abituale cornice di pubblico: «Sì, non fatico a credere che vista la posta in gioco, in pista ci saranno più emozioni. Nessuna delle due squadre vorrà offrire all'altra vantaggi, ragion per cui mi aspetto una partita disciplinata su entrambi i fronti, sia sul piano individuale, sia su quello del collettivo. I precedenti derby di questa stagione erano stati tutti tirati, e non mi aspetto nulla di diverso per questo sesto atto».

E come si presenta l'Ambrì Piotta a questa sfida? «Siamo tutti coscienti che queste sono le ultime partite della stagione, quelle in cui bisogna impegnarsi maggiormente. Alla Cornèr Arena si apre per noi un rush finale che ci vedrà disputare sei partite in appena nove giorni; partite che decideranno il nostro destino. Ma non dobbiamo guardare troppo avanti: ora più che mai dobbiamo fare un passo alla volta, senza pensare a quello successivo, tempo per tempo, cambio per cambio».

Per la seconda volta in stagione (l'altra era capitata in occasione del derby del 14 novembre) l'Ambrì si presenta al derby sullo slancio di un successo. Ma se in autunno la vittoria era arrivata 24 ore prima, contro il Berna, stavolta il successo porta la data del 19 marzo. Da quell'exploît di Zugo è infatti passata quasi una settimana. Che avete speso come? «All'indomani della vittoria alla Bossard Arena ci siamo allenati. Poi abbiamo staccato la spina per qualche giorno, prima di riprendere il lavoro nella seconda parte della settimana: questo mini-break in vista dell'impegnativo rush finale ci voleva, considerando che da ottobre in poi è stata quasi un'unica tirata. Da inizio stagione non ci sono praticamente mai stati momenti di riposo concreto. Dal profilo della tempistica, questo ultimo derby l'abbiamo potuto preparare sicuramente meglio di come avevamo fatto con le partite che abbiamo disputato nell'ultimo mese, visto che con un calendario così serrato, più che veri allenamenti, la maggior parte delle volte abbiamo dovuto ripiegare su sedute di recupero tra una partita e l'altra. Se poi questa marcia di avvicinamento darà i suoi frutti lo sapremo solo al momento di andare in pista alla Cornèr Arena». Dove, oltre che di punti pesanti, i biancoblù andranno, come detto, a caccia del primo successo stagionale nei confronti del Lugano: peseranno le cinque sconfitte nelle precedenti sfide stagionali? «Quello è un aspetto relativo. Non sono i precedenti quelli a cui dobbiamo pensare, ma al fatto che di fronte avremo una delle squadre più in forma del momento, come indicano le sedici vittorie raggranellate dai bianconeri nelle loro ultime venti partite. Questo per dire che ci aspetta una partita sicuramente tosta e difficile, contro una squadra che sta dando parecchio filo da torcere a qualsiasi avversario». Qualora l'esito della sfida della Cornèr Arena dovesse essere già deciso anzitempo, penserete già a quella col Rapperswil, magari risparmiando un po' di energie in vista di quel delicato confronto? «Ora più che mai la nostra strategia dev'essere quella di giocare pensando cambio per cambio. È vero che siamo un po' all'angolo in fatto di punti e classifica, ma siamo comunque ancora vivi, e per poterlo restare dobbiamo restare concentrati sul presente». Dunque, almeno quest'anno, un occhio alla classifica l'hai dato... «A essere sincero l'ho guardata giovedì sera per la prima volta, e sono rimasto positivamente sorpreso nel vedere che una volta tanto tutte le squadre hanno disputato quasi lo stesso numero di partite. Considerando la particolarità di questa stagione, ciò che sono riusciti a fare Vögtlin e i suoi collaboratori è qualcosa di straordinario; e non mancherò di congratularmi con loro per questo».

Più vicini i rientri di Nättinen e Goi

Oltre che a preparare al meglio il rush finale, la settimana di tregua agonistica in casa Ambrì Piotta è servita a Cereda per svuotare almeno in parte l'infermeria. Eccezion fatta per Bianchi e D'Agostini, la cui stagione è finita da tempo, presenti sul ghiaccio per la seduta di questa mattina c'erano tutti gli effettivi a disposizione del tecnico di Sementina. Compresi Goi e Nättinen, che si sono allenati senza la maglia distintiva destinata ai convalescenti: «Ma è ancora presto per dire se Julius potrà tornare effettivamente a disposizione per gli impegni di questo weekend: la decisione finale la prenderemo solo domani mattina. Certo è che se potesse essere arruolabile, per noi sarebbe un'arma in più a disposizione... Anche l'impiego di Goi sarà comunque oggetto di valutazione: oggi era il suo primo allenamento a pieno carico con i compagni. Per gli impegni di settimana prossima con tutta probabilità rientrerà nei ranghi, ma è ancora preso per dire se lo farà già per quelli del weekend».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved