arcobello-e-boedker-regalano-il-quinto-derby-al-lugano
Lajunen ci prova, Conz chiude la porta (Ti-Press/Golay)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Iselis Punktebuebe
3381
2
HCB 2416
3165
3
SPARTAK JACK
3154
4
TrigoAce1
3152
5
Metallurg Bangitonov
3133
6
HC Aspi Capitals
3120
7
Chochyeta Berson
3104
8
Cam-s
3074
9
DamianOMacho
3016
10
Maxim la biere
2990
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Basket
3 ore

Nba: in palio c’è l’anello del 75esimo, le stelle lo vogliono

I campioni in carica Milwaukee Bucks saggiano subito la forza dei Brooklyn Nets nel match che inaugura la stagione del giubileo della lega
CALCIO
10 ore

Primo gol in Turchia per Mario Gavranovic

Il ticinese protagonista di una bella prova (ha fornito anche due assist), nonostante la sconfitta 6-3 del suo Kayserispor ad Alanyaspor
Tennis
11 ore

Di male in meglio: la stagione ‘folle’ di Rémy Bertola

Il ticinese di 23 anni racconta il suo anno a più facce: una prima parte ‘tutta storta’, la ripresa, la classifica più alta mai raggiunta, l’infortunio
Tennis
14 ore

Il Master a Melide ha chiuso il sesto Memorial Gandini

Ai dieci tornei in calendario quest’anno per il Circuito ArTT dedicato ai seniores, hanno partecipato in totale 149 tesserati
Hockey
14 ore

‘Ora sì che mi sento nuovamente parte del gruppo’

Un gol e un assist nel weekend del ‘comeback’ in National League dopo un anno di stop. D’Agostini: ‘È stata lunga, ma il peggio è dietro di me’
TIRO
14 ore

A Roberto Facheris e Marco Zimmermann il 23º Trofeo Raiffeisen

Ottimi risultati a Taverne per la gara federativa che ha proposto competizioni nel match olimpionico e nelle 2 posizioni
CALCIO
15 ore

La U21 si fa preferire, ma alla fine è 3-0 per il Winterthur

Ticinesi battuti nonostante la buona prestazione sul piano del gioco. Importanti vittorie per la U18 e per la U15 Academy
AUTOMOBILISMO
15 ore

Secondo posto per Marciello sul circuito di Indianapolis

Trasferta positiva, nonostante qualche problema logistico per il mancato arrivo nei tempi prestabiliti di vettura e materiale
Hockey
16 ore

È Lauri Korpikoski il quinto straniero del Bienne

Il 35enne attaccante finlandese, che nel 2019 aveva vinto il titolo con i Lions, giocherà con i Seeländer fino al termine della stagione
HOCKEY SU PRATO
16 ore

Contro lo Stade Losanna, il Lugano si impone 2-1

Buona prestazione della compagine ticinese nella prima partita della seconda fase di campionato, al cospetto di una squadra proveniente dall’élite elvetica
ROLLER
16 ore

Al Biasca non basta la partenza lampo

La compagine ticinese a segno due volte nei primi due minuti, ma poi il Ginevra torna in partita e si impone 3-2
Corsa d’orientamento
19 ore

Nel Mendrisiotto conferme e sorprese

A Rovio Noemy Cerny batte la nazionale Elena Pezzati, che però si rifà nello sprint. Tobia Pezzati firma invece la doppietta in campo maschile
Bouldering
21 ore

Ha iniziato ad arrampicare per gioco, ora sogna le Olimpiadi

Incontro con Davide Torroni, quattordicenne di Gordola campione svizzero U14 e U16: ‘Prediligo corda e boulder, perché le vie sono sempre diverse’
Calcio
1 gior

In Olanda cede una tribuna: ‘Sono senza parole’

A Nijmegen crolla parte della struttura mentre i tifosi ospiti festeggiano il successo del Vitesse Arnhem sul Nec. Il sindaco: ‘Subito un’indagine’
CICLISMO
1 gior

In Italia esce il film su Pantani. ‘La gente capirà chi era’

Parla Tonina, la madre del ciclista trovato morto 17 anni fa in un residence di Rimini. ‘Rabbia? Le promesse non mantenute. Promesse, solo promesse’
VOLLEY
1 gior

Il Lugano ci prova, ma a far festa è lo Cheseaux

Se prive della forte attaccante argentina Camila Hiruela, le ragazze di Salomoni sfiorano il successo dopo un’entrata in materia difficoltosa
Hockey
12.03.2021 - 22:040
Aggiornamento : 23:01

Arcobello e Boedker regalano il quinto derby al Lugano

In vantaggio al 26' grazie a Grassi, l'Ambrì si fa rimontare nell'ultima sfida alla Valascia, decisa dall'americano e dal danese nel periodo centrale

C'è la firma del Lugano anche sul derby numero 238 della storia, appena una settimana dopo la precedente sfida tra biancoblù e bianconeri sul medesimo ghiaccio della Valascia. Anche stavolta, come la domenica precedente, i primi farsi vedere sul fronte offensivo sono i bianconeri, anche perché Kneubueheler riesce nell'impresa di collezionare due penalità di fila, dopo quarantacinque secondi e poi al 2'47'', e così la squadra di Pelletier (soprattutto con lo svedese Heed) comincia a bombardare l'attento Conz, che però a due riprese (al 2'23'' Herburger, e al 3'14'' Fazzini) deve ringraziare i pali della propria porta. Poi, al sesto, in attacco si fa vedere anche l'Ambrì, che si crea la prima chance offensiva grazie a Flynn e Ngoy, ma il difensore fallisce il controllo davanti a Schlegel. A quel punto, però, il derby è definitivamente lanciato.

In pista senza Haussener dal sesto minuto (quando l'ala della quarta linea che si accascia al suolo dopo aver ricevuto un disco in faccia partito dal bastone di un compagno, cioè Loeffel, e il suo posto viene preso da Traber), il Lugano all'11'47'' è costretto a sua volta a giocare con un uomo in meno, per un bastone alto di Chiesa: i bianconeri, però, se la cavano senza troppi problemi. E sul finale di tempo, pali esclusi, gli ospiti si creano l'occasione migliore di tutti al 18'31'', quando Lajunen si ritrova più solo che mai davanti a Conz dopo un appoggio di Heed, ma il portieri giurassiano capisce tutto e anticipa il finlandese, con un perentorio big-save. 

I primi minuti del periodo centrale sono confusi e ricchi di errori. Ma alla fine spazio anche alle reti, e la prima dell'Ambrì: Zwerger entra nel terzo sulla sinistra di Schlegel, e dopo averlo atteso serve l'accorrente Novotny, il quale scarica il disco sul portiere bianconero, la cui respinta d'istinto incoccia però sulla gamba di Grassi e da lì finisce in rete: è l'1-0 al 25'38''. Poco dopo, però, i biancoblù sono costretti a giocare con un uomo in meno, per un'ostruzione fischiata a Cajka, e un minuto e mezzo dopo gli uomini in meno sono due, dopo un colpo di bastone di Müller: in quei 29'' a 5 contro 3 il Lugano trova il pareggio, dopo un tiro dalla blu di Fazzini, che finisce addosso all'incolpevole Fora, e poi sul primo palo Boedker gioca a fare il funambolo colpendo il disco a mezz'aria: 1-1 al 27'53''.

Poco dopo metà partita tocca all'Ambrì ritrovarsi in superiorità numerica (fuori ancora Loeffel, stavolta per una bastonata), e Perlini si ritrova sul bastone il disco del 2-1, ma l'anglo-canadese non riesce a completare l'aggiramento della gabbia. Anche se l'occasione più ghiotta arriva al 37'08'', ed è sul conto ancora di Daniele Grassi: l'autore dell'1-0 soffia infatti il puck a Tim Heed in zona neutra e poi si presenta tutto solo davanti a Schlegel, che però gli chiude la strada allungando il gambale. Negli istanti finali, poi, ancora la linea di Perlini impegna seriamente a due riprese il portiere del Lugano. Lugano a cui, però, basta una veloce ripartenza per trovare il primo vantaggio della serata, con l'Ambrì che si fa trovare scoperto: Boedker vede sganciarsi Bürgler e Arcobello, in due si scambiano il disco, e il povero Isacco Dotti, tutto solo nel mezzo, nulla può, così come nulla può Benjamin Conz sulla conclusione dell'americano: 1-2 a 1'13'' dalla seconda pausa.

Il periodo numero tre si apre subito con una penalità fischiata a Lajunen per uno sgambetto. Poi due minuti dopo a finire fuori è il biancoblù Müller, per il medesimo motivo. E in quella superiorità numerica il Lugano arriva a un niente dalla terza rete, con Arcobello che colpisce un altro palo, con Conz ormai fuori causa. Poi, a metà tempo, con Dotti in panchina per un'ostruzione, sono ancora i bianconeri a farsi minacciosi, con Bürgler che a sua volta va vicino al 3-1. La grossa occasione per i biancoblù arriva invece a quattro minuti dalla fine, quando Novotny si ritrova davanti il puck che vale il pareggio, ma Schlegel è bravissimo col guantone, in una parata d'istinto. Poi, poco dopo, tocca a Kostner a impensierire il portiere del Lugano. Finché, a un minuto e 49 dalla fine, approfittando di una liberazione vietata ospite, Luca Cereda chiama il timeout e toglie il portiere. I padroni di casa provano a schiacciare i bianconeri, e mettono sotto pressione Schlegel, ma alla prima occasione Lajunen ruba un disco a Zwerger e va a segnare il definitivo 1-3 a porta vuota.

Ambrì Piotta - Lugano (0-0 1-2 0-1) 1-3

Reti: 25'38" Grassi (Novotny, Zwerger) 1-0. 27'53" Boedker (esp. Cajka e Müller) 1-1. 38'47" Arcobello (Bürgler, Boedker) 1-2. 59'03" Lajunen (Ambrì Piotta senza portiere) 1-3.

Ambrì Piotta: Conz; Fohrler, Zaccheo Dotti; Fora, Isacco Dotti; Hächer, Fischer; Ngoy, Pezzullo; Mazzolini, Kostner, Trisconi; Perlini, Flynn, Kneubuehler; Zwerger, Müller, Incir; Grassi, Novotny, Cajka.

Lugano: Schlegel; Nodari, Wolf; Heed, Wellinger; Loeffel, Chiesa; Antonietti; Fazzini, Lajunen, Suri; Bürgler, Arcobello, Boedker; Walker, Sannitz, Bertaggia; Zangger, Herburger, Haussener; Traber.

Arbitri: Stricker, Stolc (A); Obwegeser, Fuchs.

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 6 x 2' contro l'Ambrì; 5 x 2' contro il Lugano. Tiri: 31-25 (4-7, 15-8, 12-10). Ambrì senza Bianchi, D'Agostini, Goi, Nättinen (infortunati), Dal Pian, Neuenschwander (soprannumero), Rohrbach e Pinana (Rockets); Lugano privo di Lammer, Morini, Riva (infortunati) e Romanenghi (Rockets). Pali: 2'23" Herburger, 3'14" Fazzini, 44'39" Arcobello. Al 5'01" infortunio di Haussener. Al 58'11" timeout Ambrì, poi senza portiere fino al 59'03" Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Daniele Grassi e Mark Arcobello.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved