KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
1
2 set
(3-6 : 0-0)
KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
1
2 set
(3-6 : 0-0)
lugano-ecco-altri-due-punti-firmati-fazzini
Josh Jooris cerca di disturbare Sandro Zurkirchen (Ti-Press/Golay)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Maxim la biere
9121
2
TrigoAce1
9029
3
25 Francs trop cher
8535
4
Iselis Punktebuebe
8520
5
Wild Hogs
8335
6
BalaBala
8324
7
Team Gobbi
8263
8
TrigoAce2
8260
9
ADTC
8231
10
Gep Flyers II
8229
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci freestyle
3 ore

Forse non c’è più, il sogno a testa in giù di Nicole Gasparini

La mancata qualifica per Giochi di Pechino è un brutto colpo per la 24enne di Cadro, troppo spesso colpita dagli infortuni nella sua carriera sulle gobbe.
SCI ALPINO
4 ore

Per Kryenbühl il cerchio si è finalmente chiuso

A un anno esatto dalla terribile caduta sul salto finale, lo svittese è tornato sulla Streif di Kitzbühel. Non senza una buona dose di ansia
Hockey
16 ore

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
17 ore

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
17 ore

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
20 ore

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
HOCKEY
20 ore

Recuperi: il Lugano in febbraio, l’Ambrì in marzo

Fissate le date di sei incontri. Bianconeri a Rapperswil il 23, biancoblù in casa con il Friborgo l’8 e a Berna il 9
CALCIO
21 ore

Giro di vite della Fifa contro i prestiti di giocatori

A partire dal primo luglio entrerà in vigore un nuovo regolamento che limiterà il numero di calciatori che ogni anno posono essere girati a un altro club
TENNIS
21 ore

La calma olimpica di Daniil Medvedev

Agli Australian Open, il russo riesce a spegnere il fuoco appiccato nel terzo set da Nick Kyrgios. Fuori i britannici Murray e Raducanu
SCI ALPINO
22 ore

Nils Hintermann in evidenza sulla Streif

Lo zurighese ha chiuso la seconda discesa di prova al terzo posto. In campo femminile Lara Gut-Behrami quinta nel primo allenamento a Cortina
Tennis
23 ore

Djokovic, espulsione legittima: rischio emulazione per i no-vax

La Corte federale australiana ha pubblicato le motivazioni della decisione. Per i giudici, con la sua notorietà poteva indurre i fan a non vaccinarsi
Hockey
1 gior

Steve Moses resta ad Ambrì, Cajka va a Rapperswil

Ridiscussi i termini del prestito dell’attaccante americano. Il club segnala l’infortunio al ginocchio a Cédric Hächler
Olimpiadi
1 gior

Boicottaggi e sport ai Giochi e non solo

Olimpiadi e politica, una storia senza fine. A Pechino 22 la ritorsione sarà solo diplomatica
HOCKEY
29.01.2021 - 22:050

Lugano, ecco altri due punti. Firmati Fazzini

Il ticinese completa la rimonta in una partita col Losanna che sembrava segnata. Mentre tiene banco la questione riforme: 'È in corso una discussione'

Terza vittoria di fila per il Lugano di Pelletier. Che batte in rimonta il Losanna, grazie al fulmineo contropiede di Fazzini al 1'42'' del prolungamento. Anche se i primi a passare nel venerdì della Cornèr Arena sono gli ospiti, con un tiro di Grossmann nel traffico che sorprende Zurkirchen, il quale s'accorge solo all'ultimo della traiettoria del tiro: è lo 0-1 al 3'47''. Ma la dimostrazione che non c'è come tirare senza pensarci due volte per riuscire a creare qualcosa la si ha pure al 10'38'': slap al volo di Antonietti su assist di Boedker, con Haussener che davanti a Boltshauser riesce a mettere il disco dove il portiere ospite non può arrivare.

Al ritorno degli spogliatoi, però, quell'equilibrio resiste sì e no due minuti. Finché Frick si avventa sulla respinta di Zurkirchen e riesce a mettere il puck fra i gambali del numero 29 bianconero. Rispetto al primo tempo, però, adesso il Losanna spinge con più insistenza sul fronte offensivo, al cospetto di un Lugano che nei primi due tempi può giocare per un totale di poco meno di sei minuti effettivi con l'uomo in più, ma non riesce minimamente a rendersi pericoloso. Non solo: al 32'56'' i ticinesi fabbricano da soli il terzo gol ospite proprio mentre si trovano in superiorità numerica, con lo svedese Heed che consegna letteralmente a Bertschy il disco per il più comodo degli shorthand proprio davanti a 'Zuri', al 32'56''.

A quel punto, però, non è ancora detta l'ultima parola. Di ritorno dagli spogliatoi, il Lugano ha tutta un'altra faccia, siccome non c'è una linea uguale a quelle di prima. E arrivano anche le reti: prima quella di Zangger, che accorcia sul 2-3 al 44'58'', poi quella di Boedker che approfitta del grande lavoro di Haussener davanti a Boltshauser, per il tre pari al 47'24''. 

Riforma, accordo solo sugli stranieri: 'Ma fa parte di un pacchetto più ampio'

Ma in un venerdì insolitamente poco hockeistico, visto che praticamente si gioca soltanto sul ghiaccio di Lugano, tiene banco soprattutto la questione dell'aumento del numero di stranieri in campionato a partire dal settembre 2022. Dopo che i club in giornata hanno raggiunto un accordo per aumentare il contingente dagli attuali 4 a 7, cancellando comunque nel contempo lo statuto delle cosiddette "licenze svizzere" per i giocatori d'importazione di più di ventidue anni.  «L'accordo che abbiamo raggiunto oggi fa parte di un pacchetto più ampio, di cui il 'financial fair-play' è il cuore – dice il Ceo del Lugano, Marco Werder –. Già oggi, per squadra, nel nostro Paese giocano in media tre stranieri con licenza svizzera, ci sono club che ne hanno di più e altri di meno: se in media nella Lega ce ne sono tre, sommati agli altri quattro fanno sette, quindi non siamo andati molto lontano».

Infatti inizialmente si parlava di un aumento fino a dieci stranieri impiegabili. «Abbiamo detto fin dall'inizio che questo è un processo, una discussione su un pacchetto ampio che alla fine andrà sottoscritto e che comprenderà tanti elementi - conclude Werder -. C'è una discussione in corso e si è dovuto valutare per le diverse situazioni cos'è meglio fare. Per quanto riguarda gli stranieri siamo arrivati a questo accordo, e vi garantisco che non è facile trovare un compresso fra dodici squadre...». Insomma, per avere un senso quel pacchetto di misure andrà giocoforza approvato per intero. E par di capire che non sarà per domani.  

Lugano - Losanna (1-1 0-2 2-0 1-0) d.p. 4-3

Reti: 3'47'' Grossmann (Roth, Malgin) 0-1. 10'38'' Haussener (Antonietti, Boedker) 1-1. 21'43'' Frick (Bertschy) 1-2. 32'56'' Bertschy (esp. Gibbons!) 1-3. 44'58'' Zangger (Heed, Herburger) 2-3. 47'24'' Boedker (Arcobello, Loeffel) 3-3. 61'42'' Fazzini 4-3

Lugano: Zurkirchen; Heed, Wellinger; Loeffel, Chiesa; Nodari, Eliot Antonietti; Villa; Bürgler, Lajunen, Bertaggia; Boedker, Arcobello, Fazzini; Suri, Morini, Walker; Zangger, Herburger, Haussener; Sannitz.

Losanna: Boltshauser; Barberio, Genazzi; Frick, Heldner; Marti, Grossmann; Roth; Gibbons, Malgin, Kenins; Bertschy, Jooris, Bozon; Krakauskas, Emmerton, Almond; Leone, Froidevaux, Douay.

Arbitri: Hebeisen, Nikolic (A); Cattaneo, Thomas Wolf.

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 1 x 2' contro il Lugano; 4 x 2' + 10' (Gibbons) contro il Losanna. Tiri: 35-25 (14-5, 8-13, 13-4, 2-0). Lugano privo di Bernd Wolf, Riva (entrambi infortunati), Lammer e Traber (in soprannumero); Losanna senza Hudon, Benjamin Antonietti (infortunati) e Conacher (straniero in soprannumero). Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Boedker e Bertschy.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved