laRegione
Berna
0
Zugo
0
fine
il-servette-si-ripete-e-il-lugano-va-kappao
Anche di venerdì è il Servette a festeggiare (Keystone)
+2
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
14360
2
Minoly
12190
3
Fazz17
11718
4
HCLM
11190
5
Luganesina
10962
6
O la va O la spacca
9548
7
Capseicina Peppers
9520
8
Wee
9509
9
Highliner Giazz
9465
10
HC Petronilla
9429
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Hockey
2 ore

Losanna una spanna sopra l'Ambrì Piotta

I vodesi chiudono la pendenza gi<â a metà partita. Leventinesi travolti da un secco 0-6
Formula 1
2 ore

Se la Ferrari è (anche) donna. 'Ho fatto bene a sognare'

La sedicenne olandese Maya Weug è la prima ragazza a venir ammessa alla Driver Academy di Maranello. 'Ricorderò questa giornata per sempre'
Sci
3 ore

Multiple lesioni per Urs Kryenbühl, stagione finita e lungo stop

Lo svizzero è stato vittima di un volo spaventoso sull'ultimo salto quando era lanciato a quasi 150 all'ora, dove nel 2009 cadde Daniel Albrecht
Calcio
5 ore

L'acquazzone ferma il Chiasso: ci si riprova domani

Al Riva IV le forti piogge impongono il rinvio della sfida in programma stasera contro il Winterthur. Tutto rinviato al pomeriggio di sabato, alle 17
FOOTBALL
6 ore

Tutti insieme appassionatamente: in 22 mila al Superbowl

Nonostante il Covid, molta gente potrà assistere dal vivo alla finale di Tampa, il 7 febbraio. Tra loro oltre 7000 tra medici e infermieri già vaccinati
Altri sport
6 ore

Il Motomondiale parte il 28 marzo. Con due Gp in bilico

Pubblicato il calendario della nuova stagione: il via con un doppio appuntamento in Qatar, ma la corsa in Argentina e quella delle Americhe sono in sospeso
Sci
9 ore

Gut-Behrami e compagne steccano nella vittoria di Goggia

Nella discesa di Crans-Montana dominata dall'italiana le "big" rossocrociate chiudono lontanee così le migliore elvetiche sono Flury (quinta) e Nufer
Sci
10 ore

Un grande Feuz vince a Kitzbühel, terribile caduta per Kryenbühl

Il bernese, quattro volte secondo sulla Streif, autore di una discesa strepitosa, s'impone davanti a Mayer e Paris. Schianto dello svittese sul salto finale.
Calcio
12 ore

Il Lugano accoglie il terzino Opara e saluta Odgaard

Christopher Lungoyi diventa di proprietà della Juventus (operazione inversa per Monzialo) ma può restare in bianconero fino al 2022. Parte anche Seferaj.
Altri sport
16 ore

Olimpiadi di Tokyo, il Giappone smentisce The Times: 'Si faranno'

Dopo un articolo pubblicato dal quotidiano britannico che ventilava un posticipo al 2032 viene dichiarato che ogni tentativo verrà effettuato
Calcio
17 ore

Sepp Blatter è in coma artificiale

L'ex presidente della Fifa 'sta facendo progressi ogni giorno, ma ci vorrà molto tempo per guarire' afferma intervistata la figlia
Hockey
08.01.2021 - 22:170
Aggiornamento : 23:21

Il Servette si ripete e il Lugano va kappaò

Seconda sconfitta in ventiquattr'ore per i bianconeri alle Vernets. Con attimi di paura per il brutto infortunio di Elia Riva in avvio

Anche di venerdì non c'è gloria per il Lugano sul ghiaccio delle Vernets. In una serata che si apre con una di quelle scene che non vorremmo mai vedere: è solo il trentottesimo secondo di gioco, quanto Elia Riva è costretto a uscire dal ghiaccio malconcio dopo una violenta carica alla balaustra di Damien Riat, che spedisce il difensore bianconero direttamente con il capo contro la balaustra. Il ventitreenne ticinese rimane a lungo a terra, e poi viene scortato fuori dagli inservienti del Lugano, prima di venir ovviamente portato all'ospedale per gli accertamenti del caso. Le primissime informazioni, confermate da un tweet della stessa società, sono comunque confortanti: RIva è cosciente e riesce a muovere tutti gli arti.

L'episodio, manco a dirlo, costa una penalità di 5' più disciplinare di partita all'attaccante ginevrino, che il Lugano sfrutta per segnare due volte: prima grazie a un preciso polsino di Lajunen (al 3'45''), poi per merito dell'astuzia di Herburger, che sorprende Manzato al 5'40'', proprio alcuni istanti dopo lo scadere della superiorità numerica. All'11'50'' il Servette riesce però a dimezzare lo scarto, con il caparbio Winnik che riesce a segnare persino da sdraiato. 

Poi, in un secondo tempo combattuto ma anche piuttosto caotico, il Servette riesce a trovare il pareggio. Con il Lugano che, però, glielo offre su un piatto d'argento: è il 30'38'' quando Linus Omark si fa sbatter fuori per un bastone alto, e qualche secondo dopo il difensore svedese Tim Heed regala letteralmente il disco al canadese Winnik, che in compagnia del connazionale Fehr inscena il contropiede e va realizzare il più classico dei gol in shorthand.

Nel periodo conclusivo per i bianconeri le cose di certo non migliorano: con Morini e Fehr sulla panchina dei puniti, al Ginevra bast una trentina di secondi per operare il sorpasso, con il solito Winnik che serve Tömmernes, il cui missile senza preavviso non lascia scampo a Schlegel. Il Lugano a quel punto prova a reagire, ma è soprattutto il Servette a rendersi più pericoloso. E alla fine i padroni di casa trovano anche una quarta rete, a sette minuti dal termine, con l'immancabile Winnik che trasforma anche un rigore causato da un fallo d'emergenza di Julian Walker, mettendo fine alle speranze ticinesi, prima del definitivo 5-2 di Rod a porta vuota. 

Ginevra Servette - Lugano (1-2 1-0 3-0) 5-2

Reti: 3'45'' Lajunen (Heed/esp. Damien Riat) 0-1. 5'40'' Herburger (Bertaggia, Fazzini) 0-2. 11'50'' Winnik (Miranda) 1-2. 30'49'' Winnik (Fehr/esp. Omark!) 2-2. 40'34'' Tömmernes (Winnik, Jacquemet/esp. Morini e Fehr) 3-2. 52'27'' Winnik (rigore) 4-2. 57'23'' Rod (Vermin/a porta vuota) 5-2 

Ginevra Servette: Manzato; Jacquemet, Tömmernes; Karrer, Le Coultre; Mercier, Maurer; Völlmin; Omark, Winnik, Damien Riat; Vermin, Richard, Rod; Moy, Fehr, Patry; Miranda, Berthon, Fritsche; Arnaud Riat 

Lugano: Schlegel; Riva, Heed; Wellinger, Loeffel; Wolf, Nodari; Chiesa; Boedker, Arcobello, Bertaggia; Walker, Lajunen, Suri; Bürgler, Herburger, Fazzini; Lammer, Sannit, Traber; Morini.

Arbitri: Wiegand, Salonen (Fin); Steenstra (Can), Duarte.

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 3 x 2’ + 1 x 5' e penalità disciplinare di partita (Damien Riat, al 44esimo secondo!) + 1 x 10' (Fehr) contro il Ginevra Servette; 6 x 2’ + 2 x 10' (Herburger e Lammer) contro il Lugano. Tiri in porta: 45-40 (17-15, 17-13, 12-12). Ginevra Servette senza Kast, Guebey, Smirnovs, Smons (in soprannumero); Lugano privo di Zurkirchen (infortunato). Lugano dal 44esimo secondo senza Riva (portato all'ospedale dopo una carica alla balaustra di Damien Riat). Al 18'47'' palo colpito da Lajunen. Al 56'37'' timeout chiesto dal Lugano, che gioca senza portiere fino al 57'23''.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 6 immagini
© Regiopress, All rights reserved