laRegione
andare-avanti-era-la-miglior-opzione-o-la-meno-peggio
A porte chiuse fino a nuovo avviso (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 FANTASY HOCKEY
1
OjeOje
6122
2
Fazz17
5720
3
Luganesina
5620
4
HCLM
5483
5
Minoly
5168
6
Wee
4869
7
O la va O la spacca
4257
8
Capseicina Peppers
4203
9
Highliner Giazz
4119
10
Zuccarello01
3823
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
9 ore

Lo Young Boys torna con tre punti dalla nebbia di Sofia

Grazie a una rete di Nsame i bernesi si impongono 1-0 contro il Cska Sofia e mantengono vive le speranze di passaggio del turno nel girone A di Europa League
Sci
11 ore

Lara Gut-Behrami sale sul podio nel parallelo di Lech

Nella gara vinta dalla solita Vlhova la ticinese si è fermata nei quarti contro l'americana Moltzan, prima di chiudere terza superando la svedese Hector
Calcio
14 ore

Posata a Zurigo una targa commemorativa per Köbi Kuhn

A un anno dalla morte dell'ex allenatore della nazionale svizzera, la città sulla Limmat ha inaugurato un'insegna sulla casa dove è cresciuto
Hockey
14 ore

Ciaccio pronto per la prima contro i suoi ex compagni

'Promosso' a titolare fisso dall'infortunio di Conz, il 31enne mantiene i piedi per terra: 'Voglio garantire alla squadra le chance di vincere'
Formula 1
14 ore

A Bahreïn, Robert Kubica torna al volante di Alfa Romeo

Il 35enne polacco piloterà la monoposto del finlandese Kimi Raikkonen nella prima sessione di prove libere
Altri sport
16 ore

Sci di fondo: Dario Cologna può piazzare ancora qualche acuto

Con un mini tour di tre giorni prende il via nel weekend in Finlandia la stagione. Per il 34enne grigionese sarà il 15° anno in Coppa del Mondo.
Calcio
22 ore

Un milione di persone attese per 'el Pibe de Oro'

La salma del campione argentino Diego Armando Maradona sarà esposta in camera ardente nel palazzo presidenziale Casa Rosada di Buenos Aires
GOLF
1 gior

Il gesto di Mickelson: mezzo milione all'università

E la generosità del golfista non è isolata: Barkley, Curry e Manning si schierano a sostegno di altri atenei storicamente frequentati da studenti neri
BASKET
1 gior

Alle Tigri il campionato torna a sorridere

Dopo quattro sconfitte contro le migliori della classe il Lugano festeggia il successo ai danni del Monthey.
AUTOMOBILISMO
1 gior

Riecco la Dakar. 'Avrà un percorso più tecnico'

Presentata l'edizione 2021, la 43esima della serie, che prenderà il via il 3 gennaio. Castera: 'Su un tracciato inedito nella misura del 90 per cento'
Calcio
1 gior

Antonio Cabrini: 'Maradona immarcabile e con un cuore grande'

Il Campione del Mondo 1982 a laRegione: 'Straordinario. A Napoli si prese sulle spalle una squadra e la sua città senza mai chiedere nulla in cambio'.
CALCIO
1 gior

Un campione, mille contraddizioni

Solo in Argentina è possibile capire la simbiosi che ha legato Maradona alla sua gente
GALLERY
Hockey
1 gior

Ecco il Niederreiter 2.0. 'Troverò nuovi modi per segnare'

La stella grigionese dei Carolina Hurricanes ha stravolto la sua estate nel tentativo di fare un passo in più nella sua carriera. 'Dovevo pur provare qualcosa'
Gallery
Calcio
1 gior

L'Argentina si ferma: è morto Maradona

Un arresto cardiorespiratori ha messo fine alla vita del miglior calciatore di tutti i tempi. Aveva sessant'anni. Una cavalcata folle tra eccessi e trionfi
Calcio
1 gior

L'Uefa infligge lo 0-3 a tavolino all'Ucraina, Svizzera salva

La Nazionale rossocrociata conserva il posto nella Lega A della Nations League
Tennis
1 gior

Il Masters 1000 di Madrid durerà due settimane

Dal 27 aprile al 9 maggio l'edizione 2021 dell'unico torneo Atp Masters 1000 e Wta Premier Mandatory che si disputa in Europa
Hockey
29.10.2020 - 15:330
Aggiornamento : 18:02

'Andare avanti era la miglior opzione. O la meno peggio'

Nicola Mona: 'Fermare il campionato per un paio di mesi sperando che poi la situazione sarebbe migliorata era un'idea, ma non la più plausibile'

La notte porta consiglio. Ma stavolta i contorni del quadro disegnato ieri dal nuovo giro di vite deciso dal Consiglio federale in materia di manifestazioni sportive non si sono fatti più chiari dopo averci dormito su. Anzi, all’indomani delle decisioni del Governo, adesso per i dirigenti dei vari club di hockey (e non solo per loro) è tempo di rimboccarsi ulteriormente le maniche per mettersi al lavoro. Lavoro che, invero, i Ceo dei club di Lega Nazionale hanno già iniziato a sbrogliare ieri, in occasione di una videoconferenza, al termine della quale sono giunti alla decisione di andare avanti con il campionato almeno fino al 1° dicembre (compreso), per poi fare nuovamente il punto alla situazione.

«Da già complicata, dopo le ultimi decisioni del Consiglio federale, la situazione dell’hockey, e dello sport in generale, si è fatta, se possibile, ancora più delicata - commenta Nicola Mona, direttore generale dell’Ambrì Piotta -. E in una situazione così, è inevitabile che ogni società pensi prima di tutto alla sua sopravvivenza. È inevitabile, e in fondo anche giusto che sia così: siamo tutti sulla stessa barca, e tutti siamo messi così male che occorre prima di tutto trovare il modo per scongiurare il peggiore degli scenari. È in quest’ottica che, subito dopo le comunicazioni da Berna, tutti i Ceo delle società di National League si sono consultati in una videoconferenza. Ognuno ha portato le sue idee e fatto le sue proposte circa il prosieguo della stagione». Dalla consultazione, come detto, si è così arrivati alla decisione di andare avanti fino a inizio dicembre, per poi fare nuovamente il punto alla situazione. «Una scelta non scontata, ma, a maggioranza, che è stata ritenuta quella al momento più appropriata fra le opzioni sul tavolo. O, meglio, la… meno peggio. Scartata in partenza l’eventualità di chiudere qui tutto, c’era ad esempio chi avrebbe visto di buon occhio uno stop momentaneo dei campionati per poi riprenderli in gennaio o febbraio, ma alla fine delle discussioni tutti hanno comunque propeso per andare avanti a titolo provvisorio per un altro mese prima».

'Una doccia fretta, anzi gelata, per tutti'

Quanto deciso mercoledì dal Consiglio federale in materia di manifestazioni sportive, considerato il sensibile aumento del numero di contagi, era comunque in fondo prevedibile… «Sebbene nei nostri incubi peggiori avevamo già visto profilarsi un simile scenario, per tutti noi si è comunque trattato di una doccia fredda, gelata: era uno scenario possibile, temuto, e che, ahimé, si è avverato».

Il lavoro dei Ceo non si è comunque esaurito prendendo la decisione di andare avanti per un altro mese. Anzi, da fare ce n’è ancora parecchio altro... «A questo punto per noi si aprono diversi fronti di lavoro. Visto che i parametri sono cambiati, ora ogni club adesso dovrà (ri)fare i propri conti. È vero che uno scenario con zero spettatori l’avevamo già preso in considerazione negli scorsi mesi, ma allora non erano stati contemplati tutti quegli investimenti che poi ogni società ha dovuto fare per ottemperare ai piani di sicurezza. Siamo in una fase un po’ ibrida, con da una parte i costi generati da questi adattamenti fatti per garantirci un minimo di spettatori, e dall’altra la consapevolezza che nonostante ciò le partite si giocheranno senza pubblico… Ognuno dovrà rivedere i propri conti, rifare le previsioni e vedere dove quelle lo porteranno. Come Lega, invece, nelle prossime settimane si tratterà di lavorare sul fronte dei contatti con le autorità politiche, in particolare per quel che concerne gli aiuti federali alle società sportive. Sia in termini di prestiti (rimborsabili o, come ci auguriamo, a fondo perso), sia in termini di orario ridotto, perché anche quest’ultimo è un tema che torna d’attualità, anche perché in questa fase i contratti a tempo determinato non sono più autorizzati ad accedere all’orario ridotto, come invece era stato il caso nel primo lockdown. Il potervi fare capo anche adesso sarebbe sicuramente un salvagente, seppure piccolo per far fronte a tutta la tempesta. E cercheremo anche di far riconoscere il diritto di accedere al lavoro ridotto anche i giocatori, visto che sì dovranno continuare a giocare, ma nell’impossibilità di ‘vendere’ il loro prodotto a chi ne fruisce, ossia il pubblico».

Al lavoro su più fronti

Come mai la decisione di fare nuovamente il punto alla situazione il 2° dicembre? «Il giorno prima si completeranno i quarti di finale di Coppa Svizzera, e quello ci è sembrato il momento ideale per rivalutare la situazione in base anche all’evoluzione dell’emergenza sanitaria. E fino a quella data, come dicevo, porteremo avanti un lavoro praticamente quotidiano sui diversi fronti. Come quello dei prestiti: dovremo valutare l’eventualità di accedere ai prestiti che erano stati concessi (75 milioni per quest’anno e altrettanti per quello seguente), lavorando al tempo stesso per far sì che gli stessi possano essere eventualmente convertiti in contributi a fondo perso. Prestiti a cui ora come ora non abbiamo ancora fatto capo, ma che se del caso vanno sollecitati entro fine anno per la parte relativa al 2020».

Cosa sarà delle tribune provvisorie installate in tutto lo stadio? «Dal profilo pratico, l’attuale struttura della Valascia non cambierà, da un lato la speranza che prima o poi si torni a una certa normalità c’è sempre, e dall’altro perché, comunque, questo comporterebbe ulteriori spese».

HOCKEY: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved