Napoli
3
Torino
0
1. tempo
(3-0)
KREJCIKOVA B. (CZE)
2
BENCIC B. (SUI)
1
fine
(6-7 : 7-6 : 6-2)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
5 ore

Ambrì-Piotta in emergenza infortuni: arriva Dario Wüthrich

Il difensore in prestito al club leventinese fino alla fine di dicembre: già a disposizione con la partita contro il Rapperswil
hockey
15 ore

A Lugano tornano le luci spente. ‘Cambiamo registro’

Cornèr Arena espugnata (per la terza volta) anche dal neopromosso Kloten. Herburger: ‘Dopo il derby pensavamo di aver intrapreso la strada giusta’.
HCL
17 ore

A Lugano si chiude tra i fischi. Con la vittoria del Kloten

Dopo le buone impressioni nel derby, i bianconeri cadono di fronte agli Aviatori, che alla Cornèr Arena centrano il loro primo successo stagionale
BOXE
18 ore

Colombia, morire sul ring a venticinque anni

Luis Quiñones non ce l’ha fatta: aveva combattuto sabato per il titolo nazionale dei pesi superleggeri, è morto a causa di un trauma cranico encefalico
Tennis
20 ore

Sofia, Hüsler non si ferma: sfiderà Musetti in semifinale

Numero uno elvetico dopo il ritiro di Federer, il ventiseienne mancino zurighese elimina il polacco Majchrzak dopo aver saputo cancellare due matchpoint
CALCIO
21 ore

Cornaredo, un fortino da tornare a difendere

Il Lugano riprende il cammino in Super League ospitando il Servette, rivelazione di inizio stagione. Assenti, tra gli altri, Bottani e Celar
FORMULA 1
21 ore

La Red Bull sfora il budget cap, a Singapore scoppia la bomba

In regola, invece, Ferrari e Mercedes. Occorrono regole più chiare e semplici. Intanto, Verstappen potrebbe diventare campione del mondo già domenica
RALLY
22 ore

Balerna, con la prova spettacolo s’accendono i fari sul rally

Stasera s’inaugura l’edizione 2022 della Ronde ticinese, che vivrà il momento ‘clou’ domani a Isone. Meno iscritti del solito? ‘È anche colpa dell’euro’
Tennis
23 ore

Belinda è in semifinale a Tallinn: sfiderà Krejcikova

La sangallese in Estonia per la quarta volta in stagione arriva alla fase decisiva di un torneo Wta, sconfiggendo in due set la croata Vekic
MOTOCICLISMO
1 gior

A partire dal 2023 la MotoGp sbarcherà in India

Lo ha annunciato la Dorna che nei giorni scorsi aveva ufficializzato una tappa anche in Kazakistan
BASKET
1 gior

Molti volti nuovi per il derby tra Tigers e Spinelli

Le due ticinesi in campo domani all’Elvetico nella prima giornata di un campionato che vede l’Olympic Friborgo quale grande favorito
Calcio
1 gior

Rabbia Mihajlovic, gioia Pollero

Sentimenti contrastanti a Bellinzona, con l’uruguagio che diventerà papà di una bimba e il ticinese che vorrebbe disporre di strutture migliori
IPPICA
1 gior

Svizzera in finale a Barcellona: sfiderà il Belgio per i Giochi

In attesa di Steve Guerdat, Schmitz, Schwizer, Rutschi e Fuchs centrano l’atto conclusivo al Premio delle nazioni, dove si giocano il posto a Parigi 2024
Hockey
1 gior

Hischier è costretto a fermarsi: avvio di stagione a rischio

Un problema alla coscia obbliga alla pausa forzata il ventitreenne capitano dei New Jersey Devils, a due settimane dall’inizio del campionato Nhl
SCACCHI
1 gior

‘Hans ha barato!’. Adesso la Federazione vuol vederci chiaro

Dopo le proteste della superstar Magnus Carlsen, la Fide apre l’inchiesta sull’accusa nei confronti del rivale americano che già aveva imbrogliato sul web
29.04.2021 - 21:12
Aggiornamento: 22:36

A Portimao riparte la lotta tra la Mercedes e le Red Bull

Domenica si corre in Portogallo, circuito che si addice alle monoposto dei 'bibitari'. Così Lewis Hamilton dovrà nuovamente guardarsi le spalle

di Paolo Spalluto
a-portimao-riparte-la-lotta-tra-la-mercedes-e-le-red-bull
Si riparte dal Portogallo, dove Hamilton ha un solo punto di margine da gestire (Keystone)

Siamo arrivati a un rush di Gran premi in un breve lasso di tempo, che comprende, in sequenza, Portogallo, Spagna e Montecarlo. Per un campionato mondiale di F1 in cui la situazione si definirà certamente meglio, e la lotta esistente tra Hamilton e Verstappen si farà più interessante. Mentre Stefano Domenicali, il Ceo del Circus, ha nel frattempo iniziato a rivelare sempre in modo più chiaro la sua visione di una F1 che sappia mettere l'ambiente al centro del suoi progetti, parlando di chiara e ulteriore spinta per l'ibrido, con benzine verdi provenienti da materie prime rinnovabili e una logica di attenzione al tema ecologico che possa dare alla concorrenza con la Formula E un senso compiuto entro il 2030.

Mentre Bottas, ieri, ha parlato bene sull'idea della gara sprint il sabato per stabilire la griglia di partenza, affermando che a nessuno interessava molto delle libere del venerdì. Un nuovo sistema di qualifica che, inizialmente, sarà provata su tre piste, quelle di Silverstone e Monza e in Brasile, pur coscienti del rischio annullamento molto alto di quest'ultima corsa. In pratica, al venerdì verranno definite le posizioni per la qualifica del sabato, quando si terrà una 'Sprint Race' della lunghezza di 100 km che definirà poi la situazione vera e propria per la partenza del GP della domenica. Per rendere sempre ancor più interessante la cosa, verranno attribuiti dei punti per la classifica del Mondiale (tre al primo, due al secondo e uno al terzo) ai primi tre qualificati.

L'idea molto di Domenicali è di riportare azione e divertimento alle gare un poco soporifere delle scorse stagioni. Certamente, a ciò si aggiungeranno pure gli effetti del 'budget cap' e della normativa tecnica unificata, che avvicineranno maggiormente i team.

Hinwil pensa già al 2022. Ma quest'anno può già ambire al sesto, settimo posto

Veniamo proprio al capitolo squadre, in cui siamo già alla prova del nove per almeno due piloti multititolati: Alonso e Vettel. Se del primo nessuno teme problemi quanto alle capacità di performance, ma semmai di adattamento alla sua Alpine, cosa che riesce assai invece bene a Ocon, per il tedesco c'è lo spettro di un possibile appiedamento in tempi brevi a favore del connazionale Hülkenberg. Il signor Stroll, oggi azionista di maggioranza di Aston Martin, non è certo personaggio che accetta con facilità l'assenza prestazionale di un pilota quattro volte campione del mondo. Vettel a sua volta teme di non ricevere lo stesso materiale e cura che ottiene "il figlio del padrone", secondo uno schema già vissuto alla Ferrari con Leclerc nella scorsa stagione.

Di Ferrari e del suo buon recupero, senza dubbio, abbiamo già scritto. Certamente è il team che ha migliorato maggiormente dal 2020 e che ha in portafoglio due piloti di talento, con Sainz pronto a maturare ulteriormente. I rapporti con Binotto nel paddock non sono semplici e su lui in particolare aumentano le voci secondo cui dietro l'apparente bonarieta' si nasconda un uomo dai modi duri, licenziamento di Vettel docet. Chiedere pure a Vasseur per conferme. 

Proprio ieri eravamo a Hinwil, dove abbiamo notato come il team si sia molto concentrato sullo sviluppo in vista del 2022, Mondiale in cui il team svizzero avrà maggiori possibilità di ben figurare. Sul fronte dello sponsoring, Carlos Tavares, il Ceo di Stellantis, è  uomo di motori, di corse e sincero innamorato del marchio Alfa Romeo: se da un lato la voce della Formula E balena nel gruppo, che già vi è presente con DS, e il marchio Maserati o Alfa Romeo vengono immaginati con budget assai inferiori alla F1, dall'altro, proprio per il valore storico e unico del marchio del biscione, è lecito sperare in un rinnovo almeno biennale del contratto in essere per il 2021, ed è linfa vitale per la scuderia svizzera. Anche perché per onestà giornalistica bisogna chiedersi cosa leghi davvero il signor Finn, che ne è proprietario invisibile e mai di disturbo: certo, si parla pur sempre di una persona benestante, ma un qualche ritorno sui tanti investimenti prima o poi li vorrà pure lui. Quanto alla monoposto di questa stagione, il giudizio è che non è male, e può tranquillamente ambire a un sesto, settimo posto nel Mondiale costruttori. Ci vorrà un poco di fortuna in più e qualche errore dei box in meno.

Eccoci, poi, alla lotta tra i due campioni, Hamilton e Verstappen. Per nostra fortuna Portimao si attaglia assai bene alla Red Bull e possiamo aspettarci grande lotta. Quello che è certo è che Perez non è Bottas, e noi reputiamo che questa sarà la sorpresa del 2021: il team dei 'bibitari' può secondo noi ambire almeno a un Mondiale costruttori che si conquista con la costanza di prestazione che per ora non rientra nella situazione sportiva e psicologica di Bottas.

Per chiudere, è oramai ufficiale che questa sarà l'ultima stagione di Philip Morris con Ferrari, un sodalizio decennale che ha sempre aiutato in modo enorme il team italiano. Pagando l'ingaggio dei piloti, ad esempio, oltre a molte attivita' coperte dai teli in quel di Fiorano. Una questione, questa, che la Rossa saprà certo gestire al meglio, ma si tratta comunque di un altra cosa che narra dei cambiamenti in corso che l'emergenza Covid-19 ha certamente accelerato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved