laRegione
la-formula-uno-ovvero-il-circo-della-finzione
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
GALLERY
Hockey
14 ore

Zaccheo Dotti: 'Dovremmo riuscire noi a fare il primo gol'

All'Ambrì non sono bastati i passi avanti rispetto a martedì. 'In powerplay o a 5 contro 5 le reti devono arrivare', spiega il difensore biancoblù
Hockey
14 ore

'La 'bolla'? Dovesse ricapitarci, sappiamo cosa ci aspetta'

Per Serge Pelletier l'esperienza degli scorsi giorni non è stata tutta negativa. 'Abbiamo dimostrato che si può tornare subito vincenti'
Gallery
Hockey
16 ore

Il Lugano ricomincia con due punti: Davos k.o. all'overtime

Alla Cornèr Arena Arcobello risolve tutto nel prolungamento, e i bianconeri inaugurano il post-quarantena con una vittoria
Hockey
16 ore

L'Ambrì resiste metà partita ma è costretto ancora alla resa

Seconda sconfitta consecutiva per i biancoblù contro i vodesi, nuovamente trascinati da Malgin e Bertschy. Leventinesi traditi dal power-play
Hockey
17 ore

La Regio League si sgancia: in pausa tutti i dilettanti

In Svizzera si ferma tutto l'hockey non professionistico, dalla MySportsLeague fino ai settori giovanili. 'In un simile contesto proseguire non è più possibile'
CICLISMO
20 ore

Giro, ad Asti successo ceco nella tappa della discordia

La terz'ultima tappa va a Cerny, mentre il vallesano Pellaud è ottavo e Keldermann resta in rosa. Mentre non si spegne la polemica: 'Qualcuno pagherà'
Basket
21 ore

A Nosedo la Sam ospita il temibile Neuchâtel

Massagno in campo domani contro la squadra di Goethals: Gubitosa: ‘Una delle migliori squadre del campionato’
Hockey
21 ore

Riecco le porte chiuse, ma l'hockey continua. 'Così fino al 2'

Nonostante quarantene e nuove restrizioni, come la National League anche la Swiss League andrà avanti lo stesso. 'Seguiamo gli sviluppi con inquietudine'
Calcio
22 ore

Un Lugano 'aggressivo e propositivo', finché si può

In un clima sempre più incerto i bianconeri domani ospitano la capolista San Gallo, che negli ultimi 4 scontri diretti ha rifilato loro ben 12 gol
Calcio
22 ore

Rinviata Winterthur-Chiasso, ‘leoni’ in isolamento

Nel frattempo è stata riscontrata anche la positività di un componente dello staff tecnico dei rossoblù, ma la squadra prosegue gli allenamenti
Inline e unihockey
23 ore

Stop ai campionati fino alla fine di novembre

Le due discipline (competizioni e allenamenti) ‘in ghiaccio’ almeno fino al 30 novembre
Podismo
1 gior

Vittoria con primato per Roberto Delorenzi sui 5'000

Mercoledì sera a Tesserete ‘Tutti in pista’ ha chiuso il Tris Capriaschese
Formula 1
08.08.2020 - 11:300

La Formula Uno, ovvero il Circo della finzione

Con il bis a Silverstone si festeggiano i 70 anni del Mondiale automobilistico, ma la vicenda Racing Point (e altri problemi) ne mettono a nudo i limiti attuali

Lo sport talune volte sa diventare un luogo ove avvengono decisioni poco sensate a prima vista, ma in realtà rispondenti a vuoto tecnico o normativo.

Da un lato Silverstone festeggia 70 anni di Formula Uno con tante iniziative, specie digitali o social data l'assenza di pubblico. Addirittura giovedì in mattinata la Ferrari ha girato alcune immagini per il video che promuoverà in occasione del Mugello e delle 1000 gare alle quali ha preso parte nel massimo campionato motoristico. D'altro canto l'altra la vicenda Racing Point mette a nudo che poi da uomini, semplici uomini è popolato il mondo. Antefatto: ricordate la Brawn, quella monoposto tutta bianca e gialla fluorescente voluta da Ross Brawn, piloti Button e Barrichello, con il buco sotto pancia capace di attivare l'effetto Venturi che la schiacciava al suolo con una tenuta degna della colla? Vittorie a gogo nei primi Gp, poi la decisione che, anche se non indicato correttamente nei regolamenti tecnici, il trucchetto era illegale e da quel momento risultati meno allettanti, anche se lo stesso Button è poi diventato campione del mondo nel 2009.

In questa stagione 2020 già strana di per sé scende in pista una monoposto rosa, ma che in tutto e per tutto è simile alla Mercedes-Benz F1 del 2019. La Renault presenta immediatamente ricorso, poi si accoda la Ferrari che dubita che l'intero progetto sia davvero una copia banale, a cominciare dalla presa dei freni semplicemente identica. Per i tecnici della Federazione chiamati a deliberare iniziano i problemi grossi: innanzitutto sono in 14 a dover controllare stormi di ingegneri che un minuto dopo l'apparizione del regolamento, sanno già come aggirarlo. Allora iniziano, sul tema della Bella Rosina, a lavorare sulla presa che semplifica legalmente - leggete bene - il loro lavoro, in quanto questo particolare della monoposto non rientra tra quelli che potrebbero portare all'esclusione dal Mondiale, come invece per parti di propulsore o sospensioni. Sanciscono così, coprendosi di ridicolo, di togliere alla Racing i 15 punti del secondo gran premio dalla classifica costruttori e invitare il team a lavorare sul cambiamento.

Letta la sentenza Binotto della Ferrari chiede tempo affinché i legali della Rossa possano sporgere reclamo nelle 24 ore deputate, in quanto d'accordo per la presa, ma il tema è la monoposto nel complesso. Anche in questo caso la Renault si accoda e si definisce non soddisfatta della sentenza, considerata marginale e offensiva. In casa Mercedes-Benz, di solito prodiga di giudizi solonici, cade un silenzio imbarazzato perché papà Stroll, proprietario del team, è un grosso cliente con Aston Martin di motori AMG, mentre Wolff è azionista della casa di Graydon e futuro Team Principal della Rosina. Insomma come diceva un noto comico, "imbarazz tremendo imbarazz".

A ciò va aggiunto un altro tema: in F1 mancano soldi e sponsor. Per questa ragione Binotto aveva proposto, a giusta ragione, di fare come in MotoGp: piuttosto che avere team satelliti, perché non vendere delle monoposto (ad esempio Ferrari al 100%) a una seconda scuderia? Risparmio di budget, coerenza di sviluppo, maggior agonismo in pista. Proprio Toto Wolff disse di non poter accettare una proposta siffatta perché non ama le monoposto fotocopia. Al lettore lasciamo migliore e libera opinione.

Dalle prove solo conferme

Perez è risultato ancora positivo al tampone e dunque non correrà nel weekend, sostituito da Hulkenberg, che inutile dirlo spera di percorrere qualche chilometro in più con la Rosina, lui che nelle libere si è subito distinto con buoni tempi, confermando tra l'altro che una monoposto così perfetta deve avere una sorella di riferimento.

Bottas è stato confermato dalla Mercedes per la stagione 2021, perché va d'accordo con Hamilton ha detto il team oltre ai complimenti di rito. Le ferite della lotta intestina ai tempi di Rosberg sono ancora evidenti e dunque Brackley ha preferito in seguito avere sempre una chiara gerarchia. Sarà il 2021 secondo nostre informazioni l'ultimo mondiale Mercedes-Benz.

Nulla di nuovo sotto il sole delle seconde libere che sono spesso una buona indicazione della preparazione alle qualifiche odierne: Vettel sempre in difficoltà con la Rossa (la prossima settimana sarà annunciato il suo ingaggio alla Racing Point dal prossimo anno), Sauber inconsistenti e oramai superate dalle Williams (che hanno il propulsore della Stella d'Argento), Hamilton e Bottas facenti parte di un campionato a parte.

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved