Seattle Kraken
2
NAS Predators
3
2. tempo
(1-1 : 1-2)
VAN Canucks
2
EDM Oilers
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Seattle Kraken
2
NAS Predators
3
2. tempo
(1-1 : 1-2)
VAN Canucks
2
EDM Oilers
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
loro-piu-forti-ma-la-svizzera-non-abbassera-la-testa
+1
EURO 2020
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
33 min

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
7 ore

Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna

I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
7 ore

A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto

Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
7 ore

A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser

Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
Calcio
8 ore

Roy Hodgson ci ripensa: dovrà salvare il Watford

A 74 anni e 188 giorni l’ex selezionatore della Svizzera prende il posto dell’esonerato Claudio Raineri e diventa il più anziano allenatore della Premier.
L'ANGOLO DELLE BOCCE
13 ore

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
13 ore

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
15 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
15 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
16 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
16 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
17 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
1 gior

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
1 gior

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
1 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
Hockey
1 gior

Sei turni di squalifica per Marc-Antoine Pouliot

Esemplare sanzione per l’attaccante del Ginevra Servette, reo di aver caricato un arbitro nella partita contro il Friborgo
Gallery
Nuoto
1 gior

Noè Ponti in forma nonostante i carichi di lavoro

Parata di stelle al 55esimo Challenge International di Ginevra. Buoni i tempi del ticinese della Nuoto Sport Locarno e di Benjamin Pfeiffer dell’A-Club
FOOTBALL
1 gior

Playoff infuocati, sfida da favola tra Mahomes e Allen

Weekend elettrizzante nella Nfl. Eliminati i grandi vecchi Tom Brady e Aaron Rodgers. Tre partite decise all’ultimo secondo, una all’overtime
Sci
1 gior

Lara Gut-Behrami si prende una pausa per rigenerarsi

La ticinese ha ammesso di sentirsi affaticata ‘sia mentalmente sia fisicamente’ e ha deciso di non partecipare alle ultime prove di Cdm prima dei Giochi
tennis
1 gior

Melbourne, nei quarti Tsitsipas contro Sinner

Il greco ha domato non senza fatica e in cinque set l’americano Taylor Fritz. L’italiano ha battuto De Minaur in tre set
Pechino 2022
1 gior

168 atleti per ripetere Pyeongchang: obiettivo 15 medaglie

Il capomissione elvetico Ralph Stöckli, già arrivato a Pechino, fissa il traguardo auspicato da Swiss Olympic
27.06.2021 - 16:350
Aggiornamento : 17:37

‘Loro più forti, ma la Svizzera non abbasserà la testa’

Impressioni e sensazioni dei senatori rossocrociati di lungo corso Yann Sommer, Granit Xhaka e Xherdan Shaqiri alle porte dell'ottavo contro la Francia

Quando le cose si fanno serie, è giusto e doveroso che a metterci la faccia siano i giocatori più. rappresentativi, i cosiddetti leader del gruppo. Quelli che hanno un ruolo spesso decisivo, in campo, ma anche al di fuori dal rettangolo di gioco, per personalità, militanza e carisma. In seno alla Nazionale, questo profilo è proprio al portiere Yann Sommer, al capitano Granit Xhaka, e a Xherdan Shaqiri, l’unico con le caratteristiche adatte a “rompere” l’equilibrio all'interno di una partita. L’unico, a poterla decidere con una giocata, come successo contro la Turchia, per esempio.

Per la Svizzera, non c’è cosa più seria, nell'immediato, dell’ottavo di finale di domani sera contro la Francia campione del mondo in carica, nonché tra le due o tre grandi favorite al titolo continentale. La fase a gironi, la Nazionale se l’é lasciata alle spalle al momento del volo di ritorno da Baku a Roma, dove ha preparato la sfida contro i transalpini. Se prima i temi erano stati (anche) l'Italia, i tatuaggi e i capelli biondi, l'attenzione si è spostata su concetti più vicini al calcio quali Kylian Mbappé e Paul Pogba, per non fare che due dei nomi dei tanti fenomeni della selezione di Didier Deschamps, a sua volta uno che la sa lunga, in tema di calcio giocato e di titoli vinti.

Sommer: ‘Non vedo l'ora’

«Non vedo l’ora di un match così - esordisce Yann Sommer -. Rappresenta qualcosa di enorme per ciascuno di noi». «I valori espressi sulla carta - commenta Shaqiri - non sempre vengono confermati dal campo. Nella fase a eliminazione diretta tutto è possibile. È però chiaro che un nostro successo presuppone che per noi sia una partita perfetta e che per i francesi qualcosa vada invece storto. Naturalmente, come in ogni partita, serve anche un po’ di fortuna. Ricordiamo che il Portogallo nel 2016 vinse il titolo dopo essersi qualificata come terza di girone». «Sulla carta la Francia è favorita - interviene Granit Xhaka -, non possiamo che riconoscerlo. Sono i campioni del mondo, del resto. Dal canto nostro, però, non dobbiamo abbassare la testa. Con un po’ di ottimismo dico 55-45 per i francesi».

Dopo la fase a gironi i “Bleus” transalpini sono ancora la squadra favorita numero uno? I tre esitano un attimo, il primo a esprimersi è Sommer: «Ci sono tante altre selezioni che hanno fatto vedere ottime cose e che all’inizio non erano forse indicate tra le super favorite. L’Olanda, per esempio, è molto affascinante. Ma anche la Svizzera lo è, perché no. Molte nazionali possono incidere su questo torneo».

Xhaka: ‘Non ci nasconderemo’

Molti osservatori dicono che la compagine di Deschamps non abbia ancora del tutto carburato. Fanno eccezione Paul  Pogba e N’Golo Kanté, titolari del centrocampo, quindi avversari diretti di Xhaka. «Pogba è uno di quei calciatori che possono decidere una partita da soli. Kanté non può che avere otto polmoni. Sono due giocatori straordinari e di rara importanza, per la Francia. Ma noi non ci nasconderemo».

Nascondersi no, ma adattarsi forse sì. La Svizzera modificherà il suo modo di giocare per reggere la forza d’urto di Benzema e compagni? «Cambiare completamente modo di giocare - riconosce Sommer - sarebbe il modo sbagliato di agire. Tuttavia qualche accorgimento va introdotto, per poter fronteggiare certi avversari. Sappiamo benissimo che la Francia in attacco esprime una velocità incredibile. Nella fase di transizione sono eccezionali. Una delle chiavi del nostro gioco deve essere la concentrazione quando siamo in possesso di palla. Una qualità che sovente, opposti agli avversari più quotati, siamo riusciti a tradurre in campo. Se a centrocampo perdiamo troppi palloni e in retrovia concediamo degli spazi, allora tutto si complica».

Le grandi non amano rincorrere il pallone

Quanto al nostro sistema di gioco - aggiunge Xhaka -, va anche detto che le grandi squadra non amano troppo rincorrere il pallone. Noi giochiamo volentieri mantenendo il possesso del pallone, è una caratteristica che ci rende forti. Non siamo un squadra che si difende per novanta minuti liberandosi continuamente del pallone in avanti. Non è il nostro stile, giocare così sarebbe controproducente».

Willy Sagnol, ex laterale del Bayern e nazionale francese, ha definito la Svizzera “di categoria inferiore”. «È la sua opinione. La Francia, però, contro l’Ungheria ha sofferto. Forse si considerano già ai quarti: per noi è un vantaggio».

«Non mi disturba che la pensi - replica Sommer - . Noi sappiamo ciò di cui siamo capaci. Per il buon esito della sfida è fondamentale che in campo riusciamo a riportare i valori espressi contro la Turchia. quei valori che, per contro, avevamo smarrito contro l’Italia: solidarietà, audacia, comunicazione, linguaggio del corpo positivo. In partite come queste, questi valori devono essere al massimo della loro espressione. Oltre, naturalmente, alla qualità. Prima, però, è necessario che ci mostriamo coraggiosi, con grande fiducia in noi stessi. Dobbiamo entrare in campo per superare il turno».

I valori ai quali Sommer fa riferimento sono riemersi contro la Turchia. In precedenza, l’attenzione era forse stata troppo spostate su questioni decisamente più superficiali? «Siamo stati tacciati di scarsa serietà - ma non è così. Di auto di lusso o cose di queste genere noi non parliamo mai. Sono argomenti che vengono tematizzati in occasione di un risultato negativo». «Da poco sono diventato papà per la seconda volta - ricorda Xhaka -. Volevo dedicare un tatuaggio al mio secondogenito prima degli Europei. Se ci ripenso, ammetto che è stato un errore, benché mi sia attenuto scrupolosamente alle regole sanitarie e mi sia sottoposto a un test poi risultato negativo. Sulla prestazione, però, questo non ha inciso minimamente». Quando accadono cose così, si sente attaccato ingiustamente? «A volte si ha l’impressione che qualcuno ambisca a perturbare l’ambiente dall’esterno. Lo trovo peccato, perché noi vorremmo essere giudicati con le prestazioni in campo».

Tante discussioni anche in passato

«Negli scorsi anni - ricorda Sommer - siamo stati più volte confrontati con storie di questo genere che hanno generato delle discussioni. Stavolta abbiamo fallito la prova contro l’Italia e tutto è risultato molto amplificato. In casi come questi, nel calderone della critica finisce davvero di tutto, ma ci siamo abituati, è parte del nostro lavoro. Come ricordato da Shaqiri, non sono cose che in seno al gruppo vengono dibattute. Non chiediamo il perché di un’auto di lusso o di un tatuaggio. Ciascuno è libero di fare ciò che vuole della propria vita».

Quanto vi sorprende che ogni volta riemerga il tema dell'identificazione con la Nazionale? «Forse qualcuno dimentica che Granit ha disputato 97 partite internazionali con la maglia rossocrociata, “Shaq” ne farà 94 contro la Francia. Stanno viaggiando entrambi verso il record di presenze in assoluto detenuto da un certo Heinz Hermann (118, ndr)».

«Se sommiamo il numero di presenze di noi tre - interviene Shaqiri - si supera abbondantemente quota 200 (254, con le 64 di Sommer, ndr). Non credo che sia più il caso di parlare di identificazione, basta guardare le statistiche per capire che abbiamo sempre dato tutto per la Nazionale e per la Svizzera».

 

EURO 2020: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved