SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
i mondiali dal divano
4 ore

Ipercinetico Armando: fenomenologia di un telecronista

Fra metafore, immagini, neologismi e modi di dire, Ceroni tramanda ai posteri un modo di fare giornalismo sportivo singolare e (forse) sottovalutato
il dopopartita
9 ore

Sarebbe servita una terza fase ‘e più velocità’

Dopo quattro vittorie di fila e una buona prima metà di gara, il Lugano ritorna a perdere a Friborgo. Marco Müller: ‘Entrambe le squadre brave in difesa’.
IL DOPOPARTITA
9 ore

Il ritorno della sconfitta. ‘Avessimo dato il 5% in più...’

Johnny Kneubuehler e un venerdì a secco di gol e di punti, con il portiere del Bienne Harri Säteri assoluto protagonista. ‘È frustrante perdere così”
CALCIO
10 ore

Bellinzona ancora sconfitto, benvenuta pausa invernale

Allo Sciaffusa basta una rete di Bobadilla nel primo tempo per superare uno spento e incostante Bellinzona, quasi mai in partita
QATAR 2022
11 ore

Inghilterra tenuta in scacco dagli ottimi Stati Uniti

Il Team Usa offre una prestazione di qualità e va più vicino al successo rispetto ai cugini di sua Maestà
MOUNTAIN BIKE
13 ore

Beat Müller nuovo responsabile della Nazionale maschile

Prende il posto di Bruno Diethelm che lascerà Swiss Cycling. Per il nuovo coach gli obiettivi sono i Giochi di Parigi 2024 e i Mondial in Vallese nel 2025
SCI ALPINO
13 ore

Le condizioni meteo costringono a rinviare la discesa libera

Niente da fare a Lake Louise per i velocisti, ancora fermi al palo in questo tribolato inizio di stagione. Donne in gara nel weekend a Killington
QATAR 2022
14 ore

L’Ecuador di Valencia mette alle corde l’Olanda

La sfida finisce in parità e a entrambi basterà un punto nell’ultima partita per accedere agli ottavi di finale. Tanti applausi per i sudamericani
QATAR 2022
16 ore

L’ultimo arrivato fa già tanto rumore

A Fabian Rieder sono bastati 9’ più recupero nell’esordio in rossocrociato per dimostrare di essere un jolly importante per Yakin: ‘Mi tremavano le gambe’
CURLING
17 ore

Anche gli uomini in finale: non accadeva dal 2009

Come le ragazze di Silvana Tirinzoni, anche Yannick Schwaller e compagni si guadagnano il diritto di giocarsi l’oro europeo: sfideranno la Scozia
23.06.2021 - 20:02
Aggiornamento: 21:01

La Spagna spazza via la Slovacchia (che le dà una mano)

Prima rigore sbagliato, quindi clamoroso autogol di Dubravka, ma poi le Furie Rosse tengono fede al loro nome. Primato di gruppo alla Svezia, Polonia a casa

la-spagna-spazza-via-la-slovacchia-che-le-da-una-mano
Più autogol di questo... (Keystone)

Doveva essere lui il grande protagonista di Slovacchia-Spagna, almeno per i tifosi slovacchi, dopo quel rigore sentenziato dal Var già al decimo (per fallo di Hromada su Koke) e battuto dallo juventino Morata, che il portiere Martin Dubravka riesce invece a intuire. Invece no: il trentaduenne gigante in forza agli inglesi del Newcastle, da primattore in men che non si dica si trasforma in  zimbello degli appassionati di calcio, fabbricando da solo il vantaggio iberico al trentesimo. Da solo si fa per dire, visto che tutto parte da un scellerato passaggio del difensore Satka, che nel tentativo di dare il là a un azione slovacca consegna la palla all'incredulo Sarabia, il cui tiro da fuori finisce sulla traversa e, dopo essersi impennato torna in campo, dove l'indisturbato Dubravka anziché acchiapparlo decide di metterlo in porta. La Spagna, che sa di dover vincere altrimenti è fuori, non chiede di meglio. Anche perché un quarto d'ora dopo, nei minuti di recupero, lo stesso Dubravka non brilla per convinzione nell'uscita, e il numero 24 Laporte ha buon gioco nel segnare il raddoppio. A quel punto, la partita è decisa, e gli spagnoli legittimano la loro superiorità segnando una terza volta, al 56' con il già citato Sarabia, e pure una quarta (Torres, al 67'), prima di un secondo autogol slovacco, satavolta confezionato da Kuckla, al 71'.

Intanto, nell'altra partita la Polonia vende cara la propria pelle. Nonostante due reti incassate nella prima ora di gioco, entrambe a firma Forsberg, di cui la prima dopo appena due minuti, ciò che costituisce un nuovo record per gli Europei di calcio. I polacchi (a cui viene negato pure un gol dal Var, per fuorigioco, al 64') si aggrappano al loro giocatore più rappresentativo, Robert Lewandowski, che li riporta a galla con una doppietta. Per passare il turno, però, la Polonia avrebbe bisogno di un terzo gol, che nonostante gli sforzi non arriverà. Anzi, sarà ancora la Svezia a segnare, in pieno recupero, con Claesson.

Slovacchia - Spagna (0-2) 0-5

Reti: 30' Dubravka (autorete) 0-1. 48' Laporte 0-2. 56' Sarabia 0-3. 67' Torres 0-4. 71' Kuckla (autorete!) 0-5.

Slovacchia: Dubravka; Pekarik, Satka, Skriniar, Hubocan; Haraslin (69' Suslow), Kucka, Hromada (46' Lobotka), Mak (69' Weiss); Hamsik (90' Benes); Duda (46' Duris).

Spagna: Simon; Azpilicueta (77' Oyarzabal), Garcia (71' Pau Torres), Laporte, Alba; Koke, Busquets (71' Alcantara), Pedri; Sarabia, Morata (66' Ferran Torres), Moreno (77' Traoré).

Arbitro: Kuipers (Olanda).

Note: Siviglia, 11'000 spettatori. Al 12' rigore sbagliato da Morata. Ammoniti: 12' Duda, 40' Busquets, 60' Alba, 94' Skriniar.

 

Svezia - Polonia (1-0) 3-2

Reti: 2' Forsberg 1-0. 59' Forsberg 2-0. 61' Lewandowski 2-1. 84' Lewandowski 2-2. 94' Claesson 3-2

Svezia: Olsen; Lustig, Danielsson, Lindelöf, Augustinsson; Larsson, Ekdal, Olsson, Forsberg; Isak, Quaison.

Polonia: Szczesny; Bereszynski, Glik, Bednarek; Klich, Krychowiak, Puchasz, Jozwiak; Zielinski, Swiderski, Lewandoski..

Arbitro: Oliver (Inghilterra).

Note: San Pietroburgo, 14'252 spettatori. Ammoniti: 10' Danielson, 74' Krychowiak, 83' Glik.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved