Genoa
0
Udinese
0
1. tempo
(0-0)
Genoa
0
Udinese
0
1. tempo
(0-0)
italia-e-svizzera-ecco-come-la-vedo-io
+7
EURO 2020
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
2 ore

Discesa femminile a Cortina, la vincitrice è Sofia Goggia

La sciatrice italiana si aggiudica la sesta vittoria di stagione. Al quarto, sesto e nono posto le rossocrociate Suter, Gisin e Gut-Behrami
Gallery
Hockey
17 ore

L’Ambrì Piotta vince in scioltezza a Langnau 

Contro un avversario decimano, i leventinesi s’impongono 4-0. Decima sconfitta consecutiva per i bernesi. Moses di nuovo a segno
Calcio
20 ore

Valon Behrami rescinde con il Genoa

Il 36enne centrocampista ticinese in questa Serie A è sceso in campo con il club ligure solo in dieci occasioni, per un totale di 305 minuti
Calcio
20 ore

Oltre un milione di richieste in 24 ore di prevendita

A ruba la domanda per un biglietto per la fase clou del Mondiale in Qatar. Ben 140mila per la sola finale
CALCIO
21 ore

Irruzione in casa Lindelöf, moglie e figli si nascondono

L’episodio è avvenuto mercoledì, quando il difensore del Manchester United era impegnato in trasferta a Brentford. Domani non giocherà contro il West Ham
CALCIO
21 ore

Il Grasshopper deve fare a meno di Pusic

Il 23enne centrocampista è alle prese con i postumi dell’infezione da Covid
BIATHLON
21 ore

Svizzere nelle retrovie nella 15 km di Anterselva

Il forte vento ha condizionato la gara e nessuna atleta è stata capace di uscire indenne dallo stand di tiro. Amy Baserga ha chiuso al 28esimo posto
BASKET
22 ore

Il Lugano cerca il miracolo contro il Friborgo

Quella che non molto tempo fa era una sfida per il titolo, è diventata una contesa impari. Sam Massagno a Boncourt pensando alla Coppa di Lega
CALCIO
1 gior

Adrian Durrer, obiettivo esordio in Super League

Il ventenne del Lugano, giunto quest’inverno dal Basilea, vuole approfittare dell’occasione per compiere il salto di qualità
Sci
1 gior

Dietro alla solita Goggia Gisin e Hälen, Gut-Behrami non forza

Nel secondo allenamento in vista della discesa di sabato a Cortina vinto ancora dall’italiana, l’obvaldese ha chiuso terza, la bernese quarta
TENNIS
1 gior

Gli Australian Open perdono la detentrice del titolo

La giapponese Naomi Osaka è stata battuta in tre set dalla statunitense Anisimova. In campo maschile, Berrettini resiste al talento di Alcaraz
Sci
1 gior

Marco Odermatt sfiora il podio a Kitzbühel

Sulla Streif vince il norvegese Aleksander Kilde davanti al 41enne francese Johan Clarey, terzo l’austriaco Mayer. Settimo Beat Feuz
Sci freestyle
1 gior

Forse non c’è più, il sogno a testa in giù di Nicole Gasparini

La mancata qualifica per i Giochi di Pechino è un brutto colpo per la 24enne di Cadro, troppo spesso colpita da infortuni nella sua carriera sulle gobbe
SCI ALPINO
1 gior

Per Kryenbühl il cerchio si è finalmente chiuso

A un anno esatto dalla terribile caduta sul salto finale, lo svittese è tornato sulla Streif di Kitzbühel. Non senza una buona dose di ansia
Hockey
1 gior

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
1 gior

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
1 gior

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
1 gior

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
HOCKEY
1 gior

Recuperi: il Lugano in febbraio, l’Ambrì in marzo

Fissate le date di sei incontri. Bianconeri a Rapperswil il 23, biancoblù in casa con il Friborgo l’8 e a Berna il 9
CALCIO
2 gior

Giro di vite della Fifa contro i prestiti di giocatori

A partire dal primo luglio entrerà in vigore un nuovo regolamento che limiterà il numero di calciatori che ogni anno posono essere girati a un altro club
TENNIS
2 gior

La calma olimpica di Daniil Medvedev

Agli Australian Open, il russo riesce a spegnere il fuoco appiccato nel terzo set da Nick Kyrgios. Fuori i britannici Murray e Raducanu
SCI ALPINO
2 gior

Nils Hintermann in evidenza sulla Streif

Lo zurighese ha chiuso la seconda discesa di prova al terzo posto. In campo femminile Lara Gut-Behrami quinta nel primo allenamento a Cortina
Tennis
2 gior

Djokovic, espulsione legittima: rischio emulazione per i no-vax

La Corte federale australiana ha pubblicato le motivazioni della decisione. Per i giudici, con la sua notorietà poteva indurre i fan a non vaccinarsi
Hockey
2 gior

Steve Moses resta ad Ambrì, Cajka va a Rapperswil

Ridiscussi i termini del prestito dell’attaccante americano. Il club segnala l’infortunio al ginocchio a Cédric Hächler
Olimpiadi
2 gior

Boicottaggi e sport ai Giochi e non solo

Olimpiadi e politica, una storia senza fine. A Pechino 22 la ritorsione sarà solo diplomatica
Sci
2 gior

La sua Vlhova fa faville, ‘ma la Fis rispetti di più le atlete’

Mauro Pini: ‘Il circuito femminile sembra la ruota di scorta. La coppa di slalom? Contenti, non appagati’. E poi Olimpiadi, pandemia e Marco Odermatt.
Calcio
2 gior

Confermati i nove anni inflitti a Robinho

La Cassazione giudica inammissibile l’istanza avanzata dai legali del calciatore brasiliano. Fu stupro di gruppo
Gallery
Pallanuoto
2 gior

Sharks in vasca con umiltà e grinta

I luganesi ai blocchi di partenza del campionato con alcune novità. Argentiero: ‘Non siamo tra i favoriti, ma vogliamo rendere la vita difficile a tutti’
SCI ALPINO
2 gior

Cambio di programma a Kitzbühel, la libera spostata a domenica

Le forti precipitazioni nevose hanno costretto ad anticipare a sabato lo slalom. Rimane in calendario la prima discesa di venerdì
CALCIO
3 gior

Marchesano tra i candidati della Swiss Football Night

Il ticinese dello Zurigo tra i finalisti per il titolo di miglior giocatore della Super League. Il 27 gennaio la cerimonia di premiazione
SKICROSS
3 gior

Lesione al ginocchio per Fanny Smith

La vodese si è infortunata in Canada nell’ultima tappa di Coppa del mondo. Conta di ristabilirsi prima dell’inizio dei Giochi di Pechino
Hockey
3 gior

Se ne va una bandiera: Vauclair lascia l’Hcl e torna all’Ajoie

È il direttore sportivo del club giurassiano, con cui ha firmato un contratto di cinque anni. ‘Mi sentirò sempre parte della famiglia bianconera’.
Calcio
3 gior

Monzialo e Lungoyi lasciano il Football Club Lugano

L’attaccante francese in prestito fino a giugno alla squadra austriaca Skn St. Pölten; il nazionale U21 girato al San Gallo
Tennis
3 gior

Con Bencic si chiude il sogno svizzero agli Australian Open

È la prima volta dal 1995 che la Svizzera non è rappresentata nel terzo turno del tabellone maschile o femminile a Melbourne
Tennis
3 gior

Jil Teichmann si inchina a Victoria Azarenka

La svizzera ha perso 6–1 6–2 contro la ex numero uno al mondo
Hockey
3 gior

Non è un martedì facile, ma il Lugano torna a sorridere

Traber e Bertaggia spianano la strada, ma poi i bianconeri debbono fare i conti con il ritorno dell’Ajoie, prima di centrare la prima vittoria del 2022
15.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:21

Italia e Svizzera, ecco come la vedo io

Sensazioni, attesa ed emozioni di alcuni primattori dello sport ticinese alla vigilia della sfida di domani a Roma tra i rossocrociati e gli azzurri

Nell’attesa di passare formalmente la mano a Thyago Rodrigo de Souza e a Giammarco Valbusa («Oggi dovrebbe essere depositata in Lega la garanzia per sbloccare la concessione della mini licenza»), Angelo Renzetti si gode gli Europei che vedono partecipi anche alcuni protagonisti della sua lunga avventura alla testa dell'Fc Lugano (Ezgjan Alioski, Akos Kecskes, Filip Holender). Per il numero uno bianconero, molto legato alle sue origini abruzzesi, la sfida di domani tra Italia e Svizzera avrà un sapore particolare… «La vivrò in maniera ambigua. Da un lato vorrei che la Svizzera ottenesse un bel risultato perché mi scoccia che nella Penisola il nostro calcio non goda di considerazione. È l’occasione per dimostrare che anche noi sappiamo giocare a calcio. D’altra parte, l’Italia ha cambiato mentalità, è una squadra piacevole da seguire e mi piacerebbe se questo trend non si interrompesse. Sono convinto che sarà una bellissima partita. Con Mancini l’Italia ha cambiato il modo di proporsi, mentre la Svizzera si trova meglio proprio contro formazioni che sanno costruire. A mio modo di vedere, l’esito della sfida non è affatto scontato».

E degli Europei in generale cosa si può dire? «Ho guardato tutte le partite, a volte un po’ distrattamente. Mi sembra che il livello spettacolare sia superiore al previsto, a maggior ragione dopo un anno e mezzo di problemi legati alla pandemia».


Angelo Renzetti ha origini abruzzesi (Ti-Press)

Morandi: ‘Inutile creare una rivalità supplementare’

«Per me la rivalità scatta con qualsiasi squadra giochi contro la Svizzera – afferma Davide Morandi, tecnico del Bellinzona –. Il fatto che l’avversario di mercoledì si chiami Italia non mi porta a vivere l’appuntamento in modo particolare. Ovvio, sarebbe falso affermare che tra Italia e Galles non ci sia differenza, perché in questo momento la squadra di Mancini è una delle favorite di questo torneo, ragion per cui la sfida assume un gusto particolare. E sono anche convinto che sarà una partita aperta, perché non credo che la Svizzera giocherà per difendersi, ma in compenso sono certo che l’Italia scenderà in campo per attaccare. I rossocrociati dovranno essere bravi a trovare il punto d’equilibrio tra le due fasi e a non perdere il controllo del centrocampo, in caso contrario andrebbero in grave difficoltà. Nel complesso, devo ammettere che in questo primo scorcio di Euro non mi sarei aspettato un ritmo così elevato».


Davide Morandi (Ti-Press)

Bordoli: ‘Giovedì mattina appuntamento al bar’

Per Livio Bordoli, responsabile tecnico della Ftc, non sarà una partita come tante... «Ma scherzi? Da buon ticinese la rivalità la sento, eccome. Con i miei amici italiani sono già fioccate le scommesse. Giovedì mattina, appuntamento al bar: chi vince, paga. Nel complesso, però, questi Europei non li sto seguendo con l’assiduità di un tempo, quando non perdevo nemmeno un minuto. Adesso guardo le partite che mi interessano, in particolare quelle che vedono impegnate le squadre per le quali tifo: oltre alla Svizzera, Germania e Portogallo. Comunque, sono convinto che a partire dagli ottavi di finale il mio interesse crescerà e di molto. Tornando alla sfida con l’Italia, ritengo che rivedremo la Svizzera di sempre, quella che con le grandi sa offrire le cose migliori. Alla fine, la differenza starà tutta in qualche dettaglio, magari a nostro favore. Perché sono convinto che il risultato non sia così scontato come tutti vorrebbero far credere».

Rossini: ‘Non guardare l’Euro sarebbe un sacrilegio’

Cinque anni fa era volato in Francia in qualità di osservatore per la Nazionale Vlado Petkovic, quest’anno, Arno Rossini l’Euro se lo guarderà alla televisione. «E cercherò di non perderne nemmeno un minuto, anche per capire qual è la direzione, dove sta andando il mondo del pallone. Per il momento, ho assistito a partite bellissime, rese ancora più attraenti e spettacolari dalla presenza del pubblico sugli spalti. A maggior ragione, guarderò quella di mercoledì sera. Con l’Italia c’è una rivalità storica, la stessa che passa tra i basilesi e la Germania. E, paradossalmente, sono convinto che la sfida contro gli azzurri possa essere semplice da impostare. L’Italia è una delle favorite per la vittoria finale e con sei punti in due partite potrebbe far rifiatare i titolari contro il Galles. Di fronte a una compagine che sembra possedere caratteristiche sudamericane, la Svizzera dovrà fare di più rispetto all’esordio con il Galles. La prestazione dovrà essere perfetta, ma sono convinto che il risultato positivo possa essere portato a casa. Occorrerà però cambiare attitudine, evitando quei passaggi a vuoto costati carissimo contro il Galles. È inutile negarlo, in ottica qualificazione contro l’Italia ci giochiamo moltissimo».

Sannitz: ‘Pronto per gli sfottò’

«Gli Europei? Sì, li seguo. Forse non assiduamente – dice Raffaele Sannitz, ex giocatore dell’Hc Lugano – ma cerco comunque di guardare le partite più interessanti. Il fatto che, come la fase finale della Coppa del mondo, la loro cadenza non sia annuale, ma addirittura quadriennale (o più, se ci si mette di mezzo la pandemia), li rendono un evento ancora più particolare, che val la pena seguire. Le partite rappresentano lo sfondo ideale delle calde serate di inizio estate, spesso guardate in compagnia di amici». Il cuore dell’ex numero 38 dei bianconeri è tutto a tinte rossocrociate o c’è posto per altre simpatie? «Bene o male cerco di vedere anche altre partite, ma è innegabile che il cuore batta più forte quando in campo c’è la Svizzera». E Svizzera-Italia di domani, come la vivrai? Come un derby tra Lugano e Ambrì Piotta? «Sicuramente sarà una partita un po’ più sentita delle altre, ma al di là di questo la seguirò come tutte altre, se possibile in compagnia degli amici. Anche quelli di fede azzurra, sperando di essere noi quelli che al termine della partita potranno fare gli sfottò agli altri. Sfottò che del resto c’erano anche all’interno del nostro spogliatoio quando si sfidavano Svizzera e Italia». Niente carosello per le strade suonando il clacson qualora dovesse vincere la Svizzera? «No, assolutamente. Mi reputo un tifoso molto calmo. I caroselli era bello farli quando eravamo noi a festeggiare sul ghiaccio un titolo nazionale, ma quella è tutta un’altra storia».

«A essere sincero questi Europei li sto seguendo con un certo distacco – spiega Mirko Bertoli, team manager dell’Hc Lugano –, anche perché alle prese con parecchie faccende professionali. Diciamo che finora ho seguito le partite di Svizzera e Italia, ma poco altro». Imperdibile dunque l’appuntamento di domani con la sfida tra elvetici e Azzurri… «Quella senz’altro. Perché in campo ci saranno le due squadre che seguo con piacere. Da svizzero, il mio cuore non può che battere per i colori rossocrociati, ma nel mio cuore c’è anche spazio per l’Italia. Proprio così: sarò forse uno dei pochi in Ticino, ma tifo sia per la Svizzera, sia per l’Italia». Ma domani ci dovrà per forza essere una squadra preferita… «Beh, al di là di tutto la prima scelta è la Svizzera. Ma qualora i rossocrociati dovessero chiudere anzitempo il loro percorso europeo, la mia prima scelta diventerebbe l’Italia». Chi vincerà il ‘derby’ di domani? «Oggettivamente sarà dura per gli uomini di Petkovic: l’Italia ammirata contro la Turchia ha dimostrato di essere veramente una squadra tosta».

Cereda: ‘Mi piace il calcio in generale’

Luca Cereda (allenatore dell’Ambrì Piotta): «Quando gli impegni con la preparazione a secco della squadra e quelli in famiglia me lo permettono, cerco di seguire le partite. Non solo quelle della Svizzera: mi piace il calcio in generale, e dunque nel limite del possibile cerco di vedere ogni sfida. Anche se, chiaramente, quando è la nostra nazionale a giocare, allora è quasi imprescindibile fermarsi a guardarla». Come sabato: e che Svizzera hai visto contro il Galles? «È stata una Svizzera dai due volti. Partita abbastanza bene, dominando a tratti l'incontro. È poi calata un po’ nella seconda parte della ripresa, e il Galles ne ha approfittato per pareggiare: forse si è un po’ ‘seduta’ dopo aver trovato il gol del vantaggio, chi lo sa… È difficile giudicare dall’esterno, ma è innegabile che vi sia stata una sensibile differenza tra la qualità di gioco espressa nei primi minuti e quella della fase centrale del secondo tempo». Come le segui le partite di questo Europeo? «In tutta franchezza quando c’è una partita importante, mi piace guardarla privatamente, a casa mia. E così farò appunto domani per la sfida tra Svizzera e Italia». Che vivi come un derby tra Ambrì e Lugano? «È sicuramente una partita speciale, più sentita rispetto a qualsiasi altra. Anche se il suo ‘peso emotivo’ in questi anni è andato un po’ scemando. In passato, quando magari le due selezioni si sfidavano nelle qualificazioni a un Mondiale o un Europeo, la tensione che precedeva un simile incontro era sicuramente maggiore».

Duca: ‘Un derby con in palio anche il prestigio’

«Cerco di seguire le partite serali della rassegna e quelle della Svizzera – dice Paolo Duca, direttore sportivo biancoblù –. Domenica ad esempio, in seconda serata di sono guardato la ripresa di Olanda-Ucraina, e in appena 45’ mi sono visto 5 reti; quasi come una partita di hockey! Non sono un grande tifoso di calcio, ma quando ci sono Mondiali o Europei, la passione per il pallone, e segnatamente per quello a tinte rossocrociate, si risveglia». Un tifo tutto svizzero dunque… «Sì, ovviamente, non possono esserci alternative». Deluso dall’1-1 con il Galles? «Più che deluso, spero che quel pareggio non finiremo col pagarlo a caro prezzo nel prosieguo di questa prima fase. Con un atteggiamento un po’ più grintoso e aggressivo, magari avremmo potuto anche portare a casa qualcosa di più. Ma nello sport i ‘se’ e i ‘ma’ nello servono a molto…». Domani c’è la sfida con l’Italia: una partita che vale come un derby? «Assolutamente sì. Quando sfidi i tuoi ‘vicini di casa’, in palio, oltre che i tre punti, c’è anche il prestigio».

Righetti: ‘Non sono uno da tifo contro’

«Sono contento che ci siano questi Europei, mi stanno facendo tornare la voglia di vedere partite di calcio – spiega Paolo Righetti, presidente Acb –. Nell’ultimo anno, nonostante l’Acb, era venuta meno. È una festa alla quale contribuisce anche il pubblico tornato sugli spalti, rendendo tutto molto più piacevole». Italia-Svizzera? Ogni partita ha la sua storia, anche se considero l’Italia leggermente favorita. Al debutto li ho visti bene. Questa Italia è un bel gruppo, coeso. È una partita che sento molto, la vivo come un derby, ma non sono uno di quelli scatenati del “tifo contro”. Voglio che vinca la Svizzera, ma non auguro nulla di male all’Italia».

Nicola Bignotti, direttore generale dei rossoblù, un’occhiata interessata agli Europei la dà, benché senza un particolare coinvolgimento emotivo. «Guardo Italia e Svizzera con interesse, ma non da addetto ai lavori, bensì da appassionato di calcio, da tifoso. Devo riconoscere che lo sto seguendo poco. Mi coinvolge meno di altri eventi passati, non ho la passione con la quale avevo seguito altri grandi tornei del genere». Fari puntati su Italia e Svizzera. «Una partita importante per entrambe, perché ritengo che siano le due squadre favorite per il passaggio del turno. L’una è la Nazionale del Paese in cui sono nato e cresciuto. L’altra, è la Nazionale allenata da Petkovic e Manicone, due persone che conosco molto bene e che stimo tanto. Spero che il risultato possa essere d’aiuto a entrambe affinché superino le insidie del girone. Mi aspetto una bella sfida, divertente. Gli Azzurri all’esordio hanno disputato un’ottima partita, proponendo un bel gioco. La Svizzera meritava di più, contro il Galles».


Paolo Righetti, presidente dell'Acb (Ti-Press

EURO 2020: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved