GOLUBIC V. (SUI)
0
FRIEDSAM A-L. (GER)
0
1 set
(4-5)
EURO 2020
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
40 min

La vittoria contro il Basilea lancia definitivamente il Chiasso

Contro l’U21 renana decide il gol di Manicone al decimo della ripresa e settimana prossima c’è la capolista Stade Nyonnais
tennis
1 ora

Stan Wawrinka fuori in semifinale a Metz

Il vodese costretto al forfait dopo 17 minuti del penultimo atto contro Bublik, per un problema alla coscia
MOTOMONDIALE
1 ora

MotoGp, vince Miller, Quartararo ottavo, Bagnaia a terra

L’australiano della Ducati ha terminato la gara nipponica davanti a Binder e Martin. Il francese allunga in vetta al Mondiale
CICLISMO
2 ore

Evenepoel campione del mondo

Dietro il belga, argento per il francese Laporte, bronzo all’australiano Matthews. 17° l’evetico Mauro Schmid
NATIONS LEAGUE
13 ore

Svizzera corsara, successo storico in Spagna

Dominando nel primo tempo e soffrendo nella ripresa, i rossocrociati trovano tre punti importantissimi: a segno Akanji ed Embolo
Hockey
14 ore

Il Lugano accelera ma non decolla

Buona prestazione dei bianconeri che però soccombono anche al Losanna
Hockey
14 ore

Ambrì, la prima sconfitta sotto gli occhi di McCourt

In vantaggio di un gol fino al 49’, i biancoblù di Cereda beffati da un Ginevra Servette che aggancia il capolista Bienne grazie a due gol in un minuto
CALCIO
19 ore

Rossocrociati in Spagna pensando già al Qatar

La nazionale Svizzera affronta stasera le Furie rosse per la Nations League
CICLISMO
22 ore

Le speranze mondiali dell’emergente Mauro Schmid

Domani a Wollongong, in Australia, in palio il titolo iridato della corsa in linea
laR
 
13.06.2021 - 14:29
Aggiornamento: 16:14

La 'Nati' e una valigia che comincia già a pesare

Da Baku (dove ha esordito solo con un pareggio contro il Galles) a Roma la Svizzera si è portata più dubbi che certezze. E mercoledì c'è l'Italia...

la-nati-e-una-valigia-che-comincia-gia-a-pesare

Roma – Un punto, qualche certezza ma anche alcuni dubbi. È quello che la Svizzera si è messa in valigia a Baku dopo l’1-1 con il Galles nel suo esordio europeo e che si è portata, dopo un volto di oltre 3’000 chilometri, a Roma, dove è sbarcata sabato notte e dove rimarrà fino a venerdì, quando due giorni dopo aver sfidato l’Italia tornerà nuovamente nella capitale azera per l’ultimo match del girone A con la Turchia. Se la sfida con i gallesi da una parte ha certificato la superiorità quasi totale dei rossocrociati (18 a 9 i tiri, anche se solo 4 in porta; 12 corner battuti a 4; 62% di possesso palla, tutto in favore di Embolo e compagni) e la loro capacità di mettere sotto, seppur solo a tratti, l’avversario, dall’altra ha per l’ennesima volta evidenziato la loro incapacità di tradurre tale supremazia in gol (troppi gli errori al tiro) e vittorie. E alla, a prevalere è l’amarezza e un pizzico di preoccupazione per quello che verrà.

La fa infatti un po’ facile, Vladimir Petkovic, quando afferma che la Svizzera ha “ancora tutto nelle sue mani”. Già, perché tale affermazione sarebbe calzata a pennello con qualsiasi risultato ottenuto dai suoi ragazzi, dato che si trattava pur sempre della prima di tre partite di un girone A che potrebbe comunque portare tre delle sue quattro squadre agli ottavi di finale (ai quali accederanno le prime due classificate dei sei gruppi più le quattro migliori terze). La verità è che l’1-1 con Bale e compagni scaturito a Baku complica non poco la strada dei rossocrociati nel primo Europeo itinerante della storia, se non ancora in maniera evidente dal punto di vista numerico, perlomeno da quello mentale e di approccio alla prossima partita, l’attesissima sfida di mercoledì a Roma contro i padroni di casa dell’Italia.

Ora bisognerà cercare di uscire perlomeno imbattuti dalla tana di una selezione azzurra che ha confermato con il 3-0 rifilato alla Turchia di stare bene, anzi benissimo. Una missione che sarebbe stata un pelino meno complicata con in tasca quei due punti in più che avrebbero soprattutto permesso a Xhaka e compagni di scendere in campo contro i “Mancini boys” più liberi e con meno pressione addosso. E si sa, che è proprio in queste circostanze, quando possono concentrarsi unicamente sul proprio gioco e sui compiti affidati loro dal proprio allenatore – meglio ancora se i favoriti sono gli altri – che gli elvetici riescono a esprimersi al meglio. Cosa che come detto è avvenuta solo in parte in Azerbaigian, dove oltre a un grande Embolo ha convinto la cerniera difensiva, mentre ci si sarebbe decisamente aspettati qualcosa di più in fase di spinta dai vari Xhaka, Freuler e Shaqiri, nonché sotto porta da un Seferovic ancora troppo impreciso e a secco per l'undicesima partita consecutiva in rossocrociato (Gavranovic, in gol al primo pallone toccato anche se in fuorigioco, scalpita). E così mercoledì all’Olimpico oltre alla tensione per una partita comunque speciale, Schär e colleghi dovranno gestire anche quella di una classifica che a dipendenza anche del risultato di Turchia-Galles, potrebbe già diventare esageratamente brutta.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved