COB Jackets
2
PIT Penguins
2
2. tempo
(2-2 : 0-0)
CAR Hurricanes
5
NY Rangers
1
2. tempo
(2-0 : 3-1)
NY Islanders
2
ARI Coyotes
0
1. tempo
(2-0)
Detroit Red Wings
3
DAL Stars
2
2. tempo
(1-1 : 2-1)
CHI Blackhawks
0
MIN Wild
2
1. tempo
(0-2)
COB Jackets
2
PIT Penguins
2
2. tempo
(2-2 : 0-0)
CAR Hurricanes
5
NY Rangers
1
2. tempo
(2-0 : 3-1)
NY Islanders
2
ARI Coyotes
0
1. tempo
(2-0)
Detroit Red Wings
3
DAL Stars
2
2. tempo
(1-1 : 2-1)
CHI Blackhawks
0
MIN Wild
2
1. tempo
(0-2)
la-nati-e-una-valigia-che-comincia-gia-a-pesare
EURO 2020
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Hockey
4 ore

L’Ambrì Piotta vince in scioltezza a Langnau 

Contro un avversario decimano, i leventinesi s’impongono 4-0. Decima sconfitta consecutiva per i bernesi. Moses di nuovo a segno
Calcio
8 ore

Valon Behrami rescinde con il Genoa

Il 36enne centrocampista ticinese in questa Serie A è sceso in campo con il club ligure solo in dieci occasioni, per un totale di 305 minuti
Calcio
8 ore

Oltre un milione di richieste in 24 ore di prevendita

A ruba la domanda per un biglietto per la fase clou del Mondiale in Qatar. Ben 140mila per la sola finale
CALCIO
9 ore

Irruzione in casa Lindelöf, moglie e figli si nascondono

L’episodio è avvenuto mercoledì, quando il difensore del Manchester United era impegnato in trasferta a Brentford. Domani non giocherà contro il West Ham
CALCIO
9 ore

Il Grasshopper deve fare a meno di Pusic

Il 23enne centrocampista è alle prese con i postumi dell’infezione da Covid
BIATHLON
9 ore

Svizzere nelle retrovie nella 15 km di Anterselva

Il forte vento ha condizionato la gara e nessuna atleta è stata capace di uscire indenne dallo stand di tiro. Amy Baserga ha chiuso al 28esimo posto
BASKET
10 ore

Il Lugano cerca il miracolo contro il Friborgo

Quella che non molto tempo fa era una sfida per il titolo, è diventata una contesa impari. Sam Massagno a Boncourt pensando alla Coppa di Lega
CALCIO
12 ore

Adrian Durrer, obiettivo esordio in Super League

Il ventenne del Lugano, giunto quest’inverno dal Basilea, vuole approfittare dell’occasione per compiere il salto di qualità
Sci
12 ore

Dietro alla solita Goggia Gisin e Hälen, Gut-Behrami non forza

Nel secondo allenamento in vista della discesa di sabato a Cortina vinto ancora dall’italiana, l’obvaldese ha chiuso terza, la bernese quarta
 
13.06.2021 - 14:290
Aggiornamento : 16:14

La 'Nati' e una valigia che comincia già a pesare

Da Baku (dove ha esordito solo con un pareggio contro il Galles) a Roma la Svizzera si è portata più dubbi che certezze. E mercoledì c'è l'Italia...

Roma – Un punto, qualche certezza ma anche alcuni dubbi. È quello che la Svizzera si è messa in valigia a Baku dopo l’1-1 con il Galles nel suo esordio europeo e che si è portata, dopo un volto di oltre 3’000 chilometri, a Roma, dove è sbarcata sabato notte e dove rimarrà fino a venerdì, quando due giorni dopo aver sfidato l’Italia tornerà nuovamente nella capitale azera per l’ultimo match del girone A con la Turchia. Se la sfida con i gallesi da una parte ha certificato la superiorità quasi totale dei rossocrociati (18 a 9 i tiri, anche se solo 4 in porta; 12 corner battuti a 4; 62% di possesso palla, tutto in favore di Embolo e compagni) e la loro capacità di mettere sotto, seppur solo a tratti, l’avversario, dall’altra ha per l’ennesima volta evidenziato la loro incapacità di tradurre tale supremazia in gol (troppi gli errori al tiro) e vittorie. E alla, a prevalere è l’amarezza e un pizzico di preoccupazione per quello che verrà.

La fa infatti un po’ facile, Vladimir Petkovic, quando afferma che la Svizzera ha “ancora tutto nelle sue mani”. Già, perché tale affermazione sarebbe calzata a pennello con qualsiasi risultato ottenuto dai suoi ragazzi, dato che si trattava pur sempre della prima di tre partite di un girone A che potrebbe comunque portare tre delle sue quattro squadre agli ottavi di finale (ai quali accederanno le prime due classificate dei sei gruppi più le quattro migliori terze). La verità è che l’1-1 con Bale e compagni scaturito a Baku complica non poco la strada dei rossocrociati nel primo Europeo itinerante della storia, se non ancora in maniera evidente dal punto di vista numerico, perlomeno da quello mentale e di approccio alla prossima partita, l’attesissima sfida di mercoledì a Roma contro i padroni di casa dell’Italia.

Ora bisognerà cercare di uscire perlomeno imbattuti dalla tana di una selezione azzurra che ha confermato con il 3-0 rifilato alla Turchia di stare bene, anzi benissimo. Una missione che sarebbe stata un pelino meno complicata con in tasca quei due punti in più che avrebbero soprattutto permesso a Xhaka e compagni di scendere in campo contro i “Mancini boys” più liberi e con meno pressione addosso. E si sa, che è proprio in queste circostanze, quando possono concentrarsi unicamente sul proprio gioco e sui compiti affidati loro dal proprio allenatore – meglio ancora se i favoriti sono gli altri – che gli elvetici riescono a esprimersi al meglio. Cosa che come detto è avvenuta solo in parte in Azerbaigian, dove oltre a un grande Embolo ha convinto la cerniera difensiva, mentre ci si sarebbe decisamente aspettati qualcosa di più in fase di spinta dai vari Xhaka, Freuler e Shaqiri, nonché sotto porta da un Seferovic ancora troppo impreciso e a secco per l'undicesima partita consecutiva in rossocrociato (Gavranovic, in gol al primo pallone toccato anche se in fuorigioco, scalpita). E così mercoledì all’Olimpico oltre alla tensione per una partita comunque speciale, Schär e colleghi dovranno gestire anche quella di una classifica che a dipendenza anche del risultato di Turchia-Galles, potrebbe già diventare esageratamente brutta.

EURO 2020: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved