CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
2 ore

Preparazione fisica, il tallone d’Achille della Nazionale

Pier Tami ha presentato le conclusioni dell’analisi svolta dall’Asf dopo i Mondiali. ‘Negli ottavi ci stiamo benissimo, per i quarti serve l’exploit’
Calcio
7 ore

Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur

Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
nuoto pinnato
7 ore

Nuoto pinnato, Flippers Team in evidenza a Ravenna

Al Trofeo Bizantino Hrechko si impone nei 100 e 200 m monopinna, Smishchenko nei 50 apnea e monopinna e nei 100 monopinna e Del Ponte nei 50 apnea e mono
pallanuoto
7 ore

I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera

Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
8 ore

Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’

Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
8 ore

Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis

Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
SCI ALPINO
8 ore

Lucas Braathen operato di appendicite, addio Mondiali

Il 22enne norvegese ben difficilmente sarà ristabilito per il gigante (17 febbraio) e lo slalom (19 febbraio) della rassegna al via lunedì a Courchevel
CALCIO
23 ore

Frei e il Basilea respirano grazie alla vittoria in Coppa

Al Letzigrund battuto il Grasshopper grazie soprattutto a una doppietta di Zeki Amdouni. Dopo le magre in Super League, i renani rialzano la testa
BASKET
23 ore

La Sam domina il Neuchâtel, i Tigers resistono un tempo al Vevey

Una vittoria e una sconfitta nel turno infrasettimanale. Decisivi due parziali: la Spinelli piazza un 32-0, il Lugano incassa un 10-29
hockey
1 gior

‘Sono sorpreso, contento e orgoglioso’

Grande onore per il linesman Eric Cattaneo, scelto per la finale di Champions: ‘Rispetto al campionato non c’è la stessa conoscenza con i giocatori’
CALCIO
06.11.2022 - 22:15
Aggiornamento: 23:48

Una serata storta che proprio non ci voleva

Un Chiasso forse disturbato dalle vicende extra calcistiche si arrende al Bavois. Mister Cau: ‘Fatico a trovare qualcosa da salvare’

di Emiliano Rossi
una-serata-storta-che-proprio-non-ci-voleva

Si spengono le luci al Riva IV, appena i calciatori hanno guadagnato l’ingresso degli spogliatoi e resta solo la luna. È una serata strana, amara per i tifosi e anche sul campo. Della partita si parla sì e no, i pensieri di molti sono rivolti fuori dal campo, a una situazione societaria che ai più appare drammatica, e alla assemblea del 16 novembre. Il club è oberato da scadenze non onorate, comprese quelle relative allo stadio, per cui è stato inviato un precetto esecutivo.

La squadra ha poca voglia di parlare. Nonostante le difficoltà sta facendo un ottimo campionato, sabato col Bavois è incappata in un pomeriggio decisamente no, perdendo per una delle prime volte in modo davvero meritato. Mister Cau, quando poi accetta di venire ai nostri microfoni, lo ammette: «Abbiamo beccato una giornata negativa, sbagliata in tutto e per tutto e loro hanno strameritato di vincere. Sono venuti qui, hanno giocato e menato: questo è il calcio, giusto così. Per quanto riguarda noi, è stata la peggior prestazione in assoluto». Non usa mezzi termini, insomma. «Fatico a salvare qualcosa in questa partita. Il Bavois è una squadra esperta, con una età media di 27 anni e noi l’abbiamo pagato. Siamo partiti molli, con l’atteggiamento mentale sbagliato».

Sin da subito i rossoblù si sono dimostrati privi di idee e della consueta verve che soprattutto davanti al proprio pubblico aveva permesso la scalata in classifica. Nonostante un rigore reclamato da Ortolani, c’è ben poco da segnare sul tabellino delle occasioni. Il Bavois per contro era ben messo in campo, presidiava ogni zona, correva con intelligenza e dopo 11’ ha sbloccato facilmente il match, grazie a Zeneli: palla per lui che ha eluso l’intera difesa, troppo ferma, girandosi con eleganza e calciando dove Mitrovic non poteva arrivare. Al 23’ gli ospiti hanno colpito anche una traversa.

Se nella ripresa ci si aspettava di vedere la reazione chiassese, non è stato così. I rossoblù infatti non sono mai riusciti a trovare azioni davvero pericolose, nemmeno hanno dato l’impressione di potercela fare, tanto che a rendersi ancora insidioso è stato il Bavois, con Manga che ha graziato Mitrovic con una sorta di rigore in movimento calciato a lato e che ha poi ha trovato il raddoppio, al 63’, stoppando una buona palla in area e battendo l’estremo difensore, di fatto chiudendo un match che non è mai stato veramente aperto. Da lì in poi il Chiasso quanto meno ha costruito una bella occasione, con un miracolo del portiere avversario. No, non era proprio giornata, e allora si spengono, tristemente, i fari.

«Siamo condizionati dall’extra campo? No, altrimenti i calciatori avrebbero mollato prima. Noi arriviamo e diamo tutto in allenamento, è il nostro lavoro», puntualizza Cau.

Chiasso-Bavois (0-1) 0-2

Reti: 11’ Zeneli 0-1, 63’ Manga 0-2

Chiasso: Mitrovic; Pani, Onkony, Stefanovic (46’ Mbengi); Mattei, Kamè, Bezziccheri (64’ Gentile), Martorana; Ronchetti (75’ Hassen), Manicone, Ortolani (55’ Spadoni).

Bavois: Enrico; Misic (69’ Qela), Ivanov, Bühler, Danner; Iseni, Kadima; Alvarez (C) (86’ Diallo), Rochat (69’ Kurtic), Zeneli (75’ Begzadic); Manga Tabi (75’ Talovic).

Note: 250 spettatori, ammoniti: 9’ Alvarez, 24’ Kadima, 38’ Misic, 51’ Bezziccheri, 53’ Rochat, 86’ Gentile, 87’ Begzadic, 90’ Martorana.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved