CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
9 ore

Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’

Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’.
HOCKEY
11 ore

Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto

La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
12 ore

Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa

Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
15 ore

La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno

A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
16 ore

L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’

I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
Calcio
17 ore

Acb, anno nuovo e problemi vecchi

Prestazione davvero deludente dei granata, sconfitti senza appello in casa dall’Yverdon (0-2)
Tennis
17 ore

Doppio colpo per Novak Djokovic

Il serbo a Melbourne fa suo il primo Slam dell’anno e riconquista la vetta dell’Atp. Fra le donne vince la bielorussa Sabalenka
Bob
18 ore

Bronzo mondiale per Vogt e Michel

A Sankt Moritz, nel bob a due, arriva la prima medaglia iridata per la Svizzera dal 2016
SCI ALPINO
20 ore

Mikaela Shiffrin si ferma a sei centesimi dal record di Stenmark

Nella Repubblica Ceca la statunitense chiude lo slalom alle spalle della tedesca Lena Dürr. Migliore elvetica, Michelle Gisin con il nono posto
Tennis
21 ore

Ventiduesimo Slam per l’insaziabile Djokovic

A Melbourne il serbo piega il greco Stefanos Tsitsipas in soli 3 set: 6-3, 7-6 (7/4), 7-6 (7/5)
Hockey
21 ore

Una giornata a Bristedt per la testata a Kovar

Lo svedese sanzionato dal giudice unico per l’intervento scorretto ai danni del ceco, sabato in Davos-Zugo. Punito anche Tanner per un fallo su Romanenghi
Sci
22 ore

Per Marco Odermatt, a Cortina è... ancora domenica

Il nidvaldese completa un weekend da favola: dopo il trionfo della vigilia, il 25enne concede il bis nel secondo superG
Hockey
1 gior

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
15.05.2022 - 14:57
Aggiornamento: 17:05

Sul treno dell’esodo bianconero, tra scaramanzia e pronostici

‘Nel 1993 c’ero, voglio poter dire la stessa cosa oggi’. Oltre 9’000 tifosi partiti dal Ticino hanno invaso Berna

sul-treno-dell-esodo-bianconero-tra-scaramanzia-e-pronostici

La pressione è tanta. La voglia di esserci pure. Anche se la partenza ufficiale dei treni speciali e dei treni di linea è a Lugano, già dalle stazioni di Chiasso e Mendrisio il popolo bianconero ha risposto in massa. Per quanto ci riguarda, la partenza è alle 8.11 da Chiasso. L’arrivo alla stazione di Lugano poco meno di mezz’ora dopo ci restituisce un’immagine inedita. Il binario 1, quello da cui parte il treno speciale delle 8.51, è gremito in ogni angolo. Così tante persone non le abbiamo mai viste nemmeno nelle giornate di esodo pasquale o negli anni di viaggi in treno tra il Ticino e l’università. Ci sono famiglie con bambini, giovani e meno giovani, gruppi. Tutti con un unico obiettivo: esserci. Per scelta – e ci rendiamo subito conto di non essere soli – saliamo sul treno di linea delle 9.02. È un treno doppio, come quello speciale del resto, che si riempie in un attimo. Sciarpe, cappellini, t-shirt ufficiali, maglie ufficiali di questa e delle scorse stagioni la fanno da padroni. Prima del primo cambio, ad Arth Goldau, avviciniamo qualche tifoso, interrompendo chiacchiere su pronostici – della serie "non succede ma se succede" – e stato di forma della squadra.

Per Italo, partito come noi dal Mendrisiotto con i due figli, «queste sono giornate da vivere e alle quali non si può mancare. Io l’ho vissuta da piccolo, mi fa piacere farla vivere anche ai bambini». Un pronostico? «Quando si parte, e fino a quando comincia la partita, si è scaramantici».

Erica fa il viaggio con noi, arriva dalla Valle di Muggio. «Sono un cuore bianconero sin dalla nascita. Mio papà mi ha sempre portato a Cornaredo e "purtroppo" la passione mi è rimasta». Ha deciso di intraprendere la trasferta verso Berna «perché non voglio mancare questa occasione e se dovessimo vincere, e le sensazioni sono positive, voglio poter dire che io c’ero». Il pronostico è presto servito. «Ce la faremo. Dopo tutto, loro in Coppa hanno affrontato solo squadrette».

Antonio e Massimiliano sono zio e nipote del Luganese che frequentano "regolarmente" anche Cornaredo. «Oggi è un giorno speciale per il Ticino: non esserci oggi è come non aver trovato il biglietto». Antonio spiega di «avere un’età che mi permette di guardare le partite con gli occhi della ragione e non della passione. Ho quasi paura di vincere perché non so cosa potrebbe succedere dopo». Un punto mette d’accordo entrambi. «Se il risultato sarà positivo, dobbiamo essere riconoscenti al presidente Renzetti: con il suo carattere ha fatto parlare del Lugano e ha contribuito a tenere alta l’attenzione sulla squadra».

Alle 10.15, con tre minuti di ritardo sulla tabella di marcia delle Ffs, arriva il primo cambio ad Arth Goldau. Il treno verso Lucerna ci aspetta sul marciapiede vicino. Continuiamo il viaggio con un gruppo di ragazzi. Dalla loro radio arrivano le parole di carica pronunciate da Mattia Croci-Torti prima della semifinale. L’ambiente si scalda grazie anche alla musica. Scambiamo qualche messaggio con amici partiti prima di noi. Ci dicono che, a pochi chilometri da Berna l’ambiente è caldo. Come lo troviamo a Lucerna, dove il tifo si alza e tutti gli avventori della stazione si accorgono che il Ticino si è mosso in massa. Sull’Interregio a due piani verso Berna notiamo un gruppo composto, ci dicono, da membri dell’associazione storici della Svizzera italiana e della Ticino Blockchain technology Association. Stanno viaggiando in 10, tra loro anche due "stranieri, tifosi acquisiti" (con tanto di sciarpa bianconera) e il necessario per un aperitivo nostrano. «Il viaggio sta andando bene e in modo sereno. Le sensazioni sono positive». E la scaramanzia regna sovrana: c’è anche chi ipotizza un’ampia vittoria del San Gallo… Nel vagone vicino al nostro il tifo continua a farsi sentire a suon di, tra gli altri, «la capitale è bianconera». Notiamo anche una faccia nota: il collega di Radio Ticino Davide Maggiori. «Sono qui perché ero già stato alla finale del 1993, all’allora Wankdorf, perché andavo alle Medie con la nipote del presidente Francesco Manzoni e avevamo organizzato il pullman da Balerna. Dopo 29 anni, vista la possibilità di rivedere il Lugano di nuovo in finale e a Berna, ho voluto esserci e riassaporare il gusto delle trasferte in compagnia, osservati dalla gente delle stazioni che ti guarda durante i cambi del treno».

«Certo che più ci avviciniamo, più la tensione sale», ci fa notare un compagno di viaggio. Giunti a Berna, condividiamo gli ultimi minuti di treno con i tifosi sangallesi. Sono le 12.15 e l’ambiente è disteso. Alla stazione del Wankdorf la Polizia ferroviaria ci indica la strada… Verso la Coppa!

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved