la-super-league-non-sorride-piu-lugano-ko-anche-a-san-gallo
CALCIO
24.04.2022 - 16:08
Aggiornamento: 16:38

La Super League non sorride più, Lugano ko anche a San Gallo

Bianconeri battuti 3-0 dall’avversario che affronteranno nella finale di Coppa Svizzera. La decisione già nel primo tempo con Görtler, Von Moos e Schubert

Terza sconfitta consecutiva per un Lugano che in Super League ha racimolato soltanto uno degli ultimi 12 punti in palio. I bianconeri hanno avuto vita breve a San Gallo, in quello che poteva essere considerato una sorta di antipasto della finale di Coppa Svizzera in programma il 15 maggio a Berna. In svantaggio già dopo 19’ per un rigore concesso dal Var a seguito di un fallo di Lovric su Von Moos, la compagine ticinese ha conosciuto una seconda parte di primo tempo da incubo e ha frustrato le speranze di una possibile rimonta nel giro di 3’, incassando le reti di Von Moos (su errore in uscita di Hajrizi) e Schubert (poderoso colpo di testa dal limite dell’area piccola).

In campo con una formazione rimaneggiata dopo le fatiche della semifinale di Coppa, il Lugano ha pagato l’assenza di Bottani e non si è praticamente mai reso pericoloso per Zigi fino al 45’, quando il portiere sangallese è stato costretto a respingere d’istinto in uscita una conclusione di Celar. Il ritmo imposto dai padroni di casa, sorretti come sempre da un pubblico caloroso, ha messo in grossa difficoltà una difesa diretta da Custodio per il turno di pausa concesso sia a Maric, sia a Daprelà.

Non si può dire che il Lugano non ci abbia provato, in particolare sulla fascia destra con il solito generoso Lavanchy, ma è sempre mancata la precisione nell’ultimo appoggio, per concludere manovre apparse il più delle volte frutto del caso e non di una precisa volontà.

Nella ripresa Mattia Croci-Torti ha provato a muovere le acque, inserendo subito Aliseda e a seguire Amoura e Mahmoud, ma la musica non è cambiata. Anzi, la pressione dei padroni di casa si è accentuata e soltanto la traversa, su colpo di testa di Schubert al 52’, ha negato loro il quarto gol. Il Lugano, davvero troppo impreciso in fase di costruzione, non ha combinato nulla fino al 71’, quando nel giro di tre minuti si è creato due occasioni che avrebbero potuto clamorosamente riaprire la sfida, ma prima Amoura, poi Mahmoud (74’) si sono fatti respingere da Zigi la conclusione a botta sicura.

È finita dunque con la chiara e meritata vittoria del San Gallo. Tra tre settimane al Wankdorf lo scenario sarà senza dubbio diverso, ma di certo la netta sconfitta del Kybunpark non rappresenta un ottimo viatico. Per giungere alla finale in eccellenti condizioni psico-fisiche, occorre invertire la rotta anche in Super League.

San Gallo - Lugano (3-0) 3-0

Reti: 19’ Görtler (rigore) 1-0. 31’ Von Moos. 34’ Schubert 3-0

San Gallo: Zigi; Cabral, Stergiou, Maglica, Sutter (79’ Lungoyi); Görtler, Fazliji, Toma (47’ Jankewitz); Von Moos (79’ Schmidt), Schubert (64’ Duah), Guillemenot (64’ Besio)

Lugano: Saipi; Hajrizi (46’ Aliseda), Custodio, Ziegler; Lavanchy, Durrer (56’ Mahmoud), Lovric, Sabbatini, Valenzuela (72’ Rüegg), Haile- Selassie (56’ Yuri), Celar (56’ Amoura)

Arbitro: Cibelli

Note: 17’048 spettatori. San Gallo senza Quintilla (squalificato), Stillhart, Münst, Witzig (infortunati); Lugano senza Baumann, Facchinetti, Bottani, Guidotti (infortunati). Ammoniti: 14’ Guillemenot. 26’ Fazliji. 61’ Yuri. 84’ Custodio

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fc lugano san gallo super league
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved