BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
fine
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
6
COB Jackets
0
fine
(3-0 : 2-0 : 1-0)
STL Blues
4
TB Lightning
3
fine
(0-3 : 2-0 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
DAL Stars
3
CAR Hurricanes
0
3. tempo
(1-0 : 1-0 : 1-0)
BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
fine
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
6
COB Jackets
0
fine
(3-0 : 2-0 : 1-0)
STL Blues
4
TB Lightning
3
fine
(0-3 : 2-0 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
DAL Stars
3
CAR Hurricanes
0
3. tempo
(1-0 : 1-0 : 1-0)
croci-torti-emozioni-fortissime-e-un-po-di-commozione
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

Un Lugano da 3 su 4. ‘Certo che quando si è al completo...’

Grazie a Carr, ma non solo, i bianconeri mettono sotto il Servette. Samuel Guerra: ‘E ora il gioco di transizione è tutta un’altra cosa’
Hockey
4 ore

La gioia di Cereda: ‘La squadra ha accettato di soffrire’

Il coach biancoblù si complimenta con i suoi per la reazione sul ghiaccio di Zugo. ’Non ci siamo fatti prendere dal panico, è stata questa la chiave’
Hockey
6 ore

Ambrì Piotta, la rivincita è servita

I biancoblù espugnano Zugo (4-3) al termine di un’ottima prova. In rete anche Hietanen e D’Agostini
Hockey
6 ore

L’abnegazione, la pazienza e poi la mira di Daniel Carr

Quarantasette minuti senza reti, poi lo show del canadese del Lugano, la cui doppietta spegne definitivamente i sogni di gloria del Ginevra Servette
Gallery
Calcio femminile
9 ore

La Svizzera ne rifila sette alla Lituania

La Svizzera consolida il primo posto in un girone in cui le avversarie più temibili sono le Azzurre, impostesi 5-0 ai danni della Romania
Sci
9 ore

Quarantena per chi vien dal Canada, gare di St. Moritz a rischio

Con le nuove disposizioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica i due superG potrebbero saltare. Gli organizzatori sperano in un’eccezione
Rugby a 7
9 ore

I 7 Sirs in dicembre al prestigioso Dubai7s

Un po’ di Svizzera italiana al più importante torneo internazionale di rugby a sette, unitamente all’altrettanto famoso Hong Kong Sevens
Sci di fondo
10 ore

Cologna salta Lillehammer per allenarsi a Davos

Il 35enne grigionese non sarà presente il prossimo weekend per la tappa norvegese di Cdm e si concentrerà sull’appuntamento casalingo dell’11-12 dicembre
Calcio
10 ore

Con l’Yb sfida d’alta quota, ‘ma dobbiamo rimanere umili’

Lugano domani a Berna contro i campioni svizzeri, che non stanno brillando. Il mister bianconero Croci-Torti: ‘Attenti a non peccare di presunzione’
Tiri liberi
13 ore

Dal carro di Carnevale al palazzetto dello sport

Il ‘sì’ uscito dalle urne sancisce la realizzazione di una struttura che sarà all’altezza delle esigenze sportive e al passo con i tempi
Calcio regionale
19 ore

Team Ticino, i risultati del weekend

Vincono l’Under 21 e l’Under 15, pesante sconfitta per l’Under 18 a Ginevra
Calcio
1 gior

Lionel Messi asso pigliatutto: settimo Pallone d’Oro

L’argentino preferito a Robert Lewandowski. Migliore squadra il Chelsea, miglior portiere Gianluigi Donnarumma, migliore giocatrice Alexia Putellas.
Basket
1 gior

Swiss Basketball, una commissione etica dopo il caso Elfic

Il vicepresidente Claudio Franscella illustra i passi della federazione. ‘Decideremo anche quali sanzioni, se del caso, adottare’
Gallery
Pugilato
1 gior

Vincente e con il sorriso: ‘Richi’ Silva il ring lo saluta così

Il professionista ticinese del Boxe Club Riazzino ha impreziosito la ‘Faido Boxing Night’ con un successo ai punti ai danni del georgiano Rati Migriauli
Hockey
1 gior

Raphael Herburger, un ‘aquilotto’ che non si fida delle Aquile

Il Lugano domani ospita alla Cornèr Arena un Ginevra-Servette che precede di soli 4 punti. L’austriaco: ‘Come noi anche loro non sono dove vorrebbero’
L’angolo delle bocce
1 gior

A Claudio Croci Torti e Morris Gualandris il Gp Borgovecchio

La coppia della Centrale di Novazzano ha battuto in finale Ridha Sediri e Rodolfo Peschiera (San Gottardo)
Atletica
1 gior

Al cross capriaschese doppietta per Roberto Delorenzi

Alla terza tappa della Coppa Ticino Ftal fanno festa gli atleti di casa, con sette vittorie e undici podi
Tennis
1 gior

Susan Bandecchi vince il torneo Itf 25’000 di Ortisei

Per la ticinese è il quarto successo in carriera, il primo nel 2021. In doppio sconfitta solo in finale, in coppia con la svizzera Ylena In-Albon
Calcio
1 gior

Dal 2022 più squadre in Promotion League e Prima Lega

L’Asf riforma le strutture delle categorie ed elimina il limite di Under 21 in Promotion League per promuovere i giovani talenti
Calcio
27.10.2021 - 20:580
Aggiornamento : 23:20

Croci-Torti: ‘Emozioni fortissime e un po’ di commozione’

Celar e Amoura firmano il 2-1 ai danni dello Young Boys che vale il passaggio ai quarti di Coppa contro il Thun. Il Crus: ‘Dedicata a Cao’

La gioia del ‘Crus’ si mischia all’emozione viva, alla commozione: questa è una vittoria con una dedica speciale. «Le emozioni sono tante e tutto molto intense - spiega il tecnico dei bianconeri -. La prima è legata alla risposta dei ragazzi in campo; la seconda è connessa alla qualità dello Young Boys. Ma ce n’è una terza: sono una persona che tiene molto alle persone, alle relazioni. Sono molto legato alle persone che lavorano con me. Oggi purtroppo Cao (Ortelli, ndr) non era con noi, ha avuto un problema di salute. Avevo dentro questa emozione, la voglia di vincere per dedicargli il successo, so quanto ci teneva. La mia emozione finale si spiega così».

Lugano nei quarti di finale di Coppa Svizzera contro il Thun, quindi, dopo aver eliminato i campioni svizzeri, Sua Maestà lo Young Boys che si sta pure difendendo bene in Champions League. Un’impresa di quelle memorabili, ebbene sì, riuscita a una squadra più affamata dei rivali gialloneri, più cinica sotto porta (Celar e Amoura le firme sul 2-1 di Cornaredo) e, dunque, meritevole del passaggio del turno in una competizione che ha fatto registrare anche l’uscita di scena dello Zurigo, del Basilea, del Servette.

Di che andarsela a prendere, questa Coppa... «Questa è la prima cosa che mi è stata chiesta dalla proprietà - spiega Croci-Torti, eccitato, soddisfatto e, come ricordato, al limite della commozione -. O meglio: mi è stata chiesta una salvezza tranquilla, d’accordo, ma anche di fare bene in Coppa. Da ragazzo sognavo di giocare al Wankdorf, mi hanno sempre entusiasmato le finali di Coppa alle quali ho assistito. Questi ragazzi la vogliono tutti, quella finale. Alcuni di noi si ricordano bene quella di Zurigo, e meditano di prendersi la vendetta. Perché di vendetta si parla».

Alla vigilia invocava la partita perfetta. Non lo è stata sul piano stilistico, ma ha altri e ugualmente validi pregi, questa prestazione. «A livello di mentalità è stata una partita incredibile, sin dal 1’. Un Yb che nel primo tempo fa così poco l’ho visto poche volte. Nella sofferenza, penso anche alle defezioni di Maric e Daprelà in retrovia, ci siamo esaltati. C’era già l’atmosfera giusta negli spogliatoi. Prima della partita ero molto tranquillo, proprio perché avevo avvertito ottime sensazioni».

Il Lugano ha risposto alle sollecitazioni del suo mister alle aspettative del suo pubblico, finalmente accorso in massa a Cornaredo in una serata che meritava di essere vissuta. «Con la gente che ti spinge e ti motiva cambia tutto, ma proprio tutto. È soprattutto nei momenti di sofferenza che la gente diventa determinante, in quanto ti spinge e ti agevola il compito. Per un allenatore la risposta più bella e la soddisfazione più grande sono legate proprio alla risposta dei giocatori in campo: è esaltante vedere in quale modo hanno fatto tutto quello che ho chiesto loro. I ragazzi non solo sono stati fantastici sul piano dell’atteggiamento, ma hanno anche interpretato la partita nella maniera giusta. Tatticamente abbiamo concesso poco nel primo tempo, mentre nella ripresa abbiamo saputo soffrire. Mi posso solo congratulare con chi ha lottato in maniera che definirei “atroce”. Sono in panchina da sei partite, non ho una grande esperienza. Battere una squadra che poche settimane fa ha sconfitto Cristiano Ronaldo, beh qualche soddisfazione ce la prendiamo volentieri.».

Il rigore fallito, il regalo di Lauper

Ci sono i buoni presagi, come il rigore causato da Martins in uscita dalla propria area di rigore (manata ai danni di Celar, il classico episodio favorevole piovuto un po’ dal nulla). Poi ci sono quelli cattivi, come l’esecuzione dal dischetto di Ziegler neutralizzata da Van Ballmoos, infortunatosi nell’intervento e sostituito dal 18enne Laidani, portiere della U19 rossocrociata. Pensi che sia la serata giusta, poi però ti ritrovi costretto a inghiottire il boccone amaro del rigore fallito, dell’occasione sprecata, del bonus gettato alle ortiche.

Se non fosse che, però, per non farsi mancare niente in un primo tempo in cui è regnata un po’ di sana confusione, tra interruzioni di gioco e interventi dei sanitari, ecco un altro dei presagi favorevoli, di quelli che ti riportano l’ottimismo agli istanti che hanno preceduto il rigore fallito dal centrale bianconero: Lauper se la prende comoda sulla tre-quarti difensiva, la palla la porta in orizzontale senza liberarsene, Custodio da buon mastino annusa la presa e subodora la ghiotta opportunità, si scatena in pressing in combutta con Celar e recupera il pallone che l’attaccante sloveno spedisce in fondo al sacco, a tu per tu con Laidani. Una sciocchezza colossale da parte del centrale ospite, abbandonato però dai compagni di reparto. Segno che forse, in casa Yb, la concentrazione non era esattamente ai livelli di guardia.

Né la reazione giallonera è stata avvertita, prima dell’intervallo. L’unica emozione l’ha infatti regalata il numero uno bianconero Saipi, la cui leggerezza a stretto contatto con Elia (conclusione da posizione defilata con la porta sguarnita, Hajrizi ha messo una pezza) è il classico rischio da non correre. Oltre che il terzo presagio favorevole della serata, per il modo in cui si è concluso, senza conseguenze pratiche.

La spinta dell’Yb frutta due pali

In avvio di ripresa è un altro Young Boys, nell’atteggiamento ma anche negli uomini, visto che Siebatcheu aveva rilevato Kanga alla fine del primo tempo, mentre Fassnacht ed Aebischer sono stati mandati in campo con il chiaro intento di alzare il tasso tecnico di una squadra che ha spinto in modo deciso sin dalle prime schermaglie. A riprova di quanto l’inerzia del confronto sia mutata - e a proposito dei presagi di cui sopra -, i due clamorosi pali colti da Fassnacht, con Saipi supportato a dovere dal montante alla sua sinistra. Significativo, ancorché reso vano dal fuorigioco in avvio di azione di Ngamaleu, il gol dell’1-1 ovviamente annullato dal direttore di gara.

Il castigo di Amoura

Per l’attesa reazione al predominio ospite, il Lugano si è affidato ad Amoura, in campo per Celar e subito nel vivo del gioco con un “numero” e una conclusione intercettata da Laidani. Attento Saipi, sulla punizione velenosa di Aebischer. Mettiamoci anche questo, tra i presagi favorevoli, quelli che poi sono sfociati, nella loro espressione più bella, nel raddoppio firmato da Amoura, lanciato verso Laidani da Lovric e letale nel superare il portiere di riserva di un Yb finito al tappeto nel momento in cui confidava di rimettersi in carreggiata. Vano e valido solo a fini statistici l‘1-2 di Rieder all’89’.

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved