ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
una-polemica-assenza-della-quale-non-si-sentiva-il-bisogno
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Basket
2 ore

Nba: in palio c’è l’anello del 75esimo, le stelle lo vogliono

I campioni in carica Milwaukee Bucks saggiano subito la forza dei Brooklyn Nets nel match che inaugura la stagione del giubileo della lega
CALCIO
10 ore

Primo gol in Turchia per Mario Gavranovic

Il ticinese protagonista di una bella prova (ha fornito anche due assist), nonostante la sconfitta 6-3 del suo Kayserispor ad Alanyaspor
Tennis
11 ore

Di male in meglio: la stagione ‘folle’ di Rémy Bertola

Il ticinese di 23 anni racconta il suo anno a più facce: una prima parte ‘tutta storta’, la ripresa, la classifica più alta mai raggiunta, l’infortunio
Tennis
13 ore

Il Master a Melide ha chiuso il sesto Memorial Gandini

Ai dieci tornei in calendario quest’anno per il Circuito ArTT dedicato ai seniores, hanno partecipato in totale 149 tesserati
Hockey
13 ore

‘Ora sì che mi sento nuovamente parte del gruppo’

Un gol e un assist nel weekend del ‘comeback’ in National League dopo un anno di stop. D’Agostini: ‘È stata lunga, ma il peggio è dietro di me’
TIRO
14 ore

A Roberto Facheris e Marco Zimmermann il 23º Trofeo Raiffeisen

Ottimi risultati a Taverne per la gara federativa che ha proposto competizioni nel match olimpionico e nelle 2 posizioni
CALCIO
14 ore

La U21 si fa preferire, ma alla fine è 3-0 per il Winterthur

Ticinesi battuti nonostante la buona prestazione sul piano del gioco. Importanti vittorie per la U18 e per la U15 Academy
AUTOMOBILISMO
14 ore

Secondo posto per Marciello sul circuito di Indianapolis

Trasferta positiva, nonostante qualche problema logistico per il mancato arrivo nei tempi prestabiliti di vettura e materiale
Hockey
15 ore

È Lauri Korpikoski il quinto straniero del Bienne

Il 35enne attaccante finlandese, che nel 2019 aveva vinto il titolo con i Lions, giocherà con i Seeländer fino al termine della stagione
HOCKEY SU PRATO
15 ore

Contro lo Stade Losanna, il Lugano si impone 2-1

Buona prestazione della compagine ticinese nella prima partita della seconda fase di campionato, al cospetto di una squadra proveniente dall’élite elvetica
ROLLER
16 ore

Al Biasca non basta la partenza lampo

La compagine ticinese a segno due volte nei primi due minuti, ma poi il Ginevra torna in partita e si impone 3-2
Corsa d’orientamento
18 ore

Nel Mendrisiotto conferme e sorprese

A Rovio Noemy Cerny batte la nazionale Elena Pezzati, che però si rifà nello sprint. Tobia Pezzati firma invece la doppietta in campo maschile
Bouldering
20 ore

Ha iniziato ad arrampicare per gioco, ora sogna le Olimpiadi

Incontro con Davide Torroni, quattordicenne di Gordola campione svizzero U14 e U16: ‘Prediligo corda e boulder, perché le vie sono sempre diverse’
CALCIO
02.09.2021 - 19:070
Aggiornamento : 19:43

Una polemica (assenza) della quale non si sentiva il bisogno

L'esordio di Murat Yakin in panchina è stato ‘rovinato’ dalla positività al Covid di Granit Xhaka. Una volta di più il capitano si ritrova nell'occhio del ciclone

Ma la Nazionale aveva davvero bisogno di una nuova e potenzialmente devastante polemica? Il giorno dopo l'esordio in panchina di Murat Yakin, delle indicazioni scaturite dall'amichevole contro la Grecia non importa a nessuno. Il tema che tiene banco è uno solo: la positività al Covid-19 di Granit Xhaka. Il quale, domenica sera non sarà in campo nella fondamentale sfida di Basilea contro l'Italia, valida per la qualificazione ai Mondiali 2022 in Qatar (alla luce del secondo test positivo del centrocampista dell'Arsenal, Yakin ha provveduto a convocare Fabian Frei, la cui ultima selezione risale al 2018). Una defezione della quale il neotecnico avrebbe volentieri fatto a meno, già alle prese con le assenze di Gavranovic, Shaqiri, Mbabu, Embolo, Benito, Cömert (commozione cerebrale, è già rientrato a casa) e Freuler. Ma Xhaka, nonostante l'appello della federazione a tutti i suoi membri (300'000) affinché ricorrano alla vaccinazione, ha deciso di non immunizzarsi (unico in tutto il clan rossocrociato). L'Asf, come da copione, lo ha difeso, sottolineando, per bocca di Yakin che «Granit, in quanto capitano, deve dare l'esempio. E in campo lo fa, ma è anche un essere umano ed è giusto rispettare la sua scelta». Se non fosse che la sua scelta (formalmente legittima come quella del 48% degli svizzeri non ancora completamente immunizzati) va contro gli interessi del gruppo, dello staff e della federazione. Siccome non risulta che Xhaka sia immunodepresso o intollerante al vaccino, c'è da pensare che la sua rappresenti una presa di posizione più che altro ideologica (non vogliamo nemmeno pensare menefreghista). E, allora, la domanda si pone: è giusto che la fascia di capitano venga messa al braccio di un giocatore che antepone i propri interessi al bene comunque del gruppo? Anche perché – sarà davvero un caso? – ogni qualvolta in seno alla Nazionale scoppia una polemica, Xhaka ci si trova in mezzo: dall'amore per gli aquilotti (gesto reiterato poche settimane dopo Russia 2018 in una foto postata in compagnia della fidanzata), al tatuaggio pre Europeo, alla violazione della bolla che ha permesso a un parrucchiere romano di entrare nel ritiro rossocrociato per tingere i capelli ad alcuni giocatori (con tanto di mimica provocatoria dopo la vittoria contro la Francia)... Dal punto di vista tecnico-tattico, per questa Nazionale Xhaka è imprescindibile: lo è molto meno quale esempio da seguire. Non in campo, dove ha dimostrato di saper trascinare i suoi compagni, bensì nei confronti dell'opinione pubblica e dei tifosi, i quali, a conti fatti, sono i veri azionisti della massima rappresentativa svizzera.

Detto che la scelta “no-vax” di Xhaka non la riteniamo affatto condivisibile, il compito che aspetta la Svizzera domenica sera al St. Jakob sarebbe stato proibitivo con o senza il centrocampista dell'Arsenal. Ad ogni buon conto, la sua assenza rappresenta un ulteriore handicap per uno Yakin che, comunque, esterna sicurezza... «Non vedo alcun problema, soltanto delle soluzioni. Il mio unico compito è di infondere immensa fiducia nei miei giocatori, affinché siano in grado di assumersi le loro responsabilità», ha affermato. Belle parole che rischiano però di perdersi nel vento, di fronte alla necessità di schierare un centrocampo di rincalzo, possibilmente con Sow e Zakaria al centro, Steffen e Vargas ai lati. E se pensiamo a quanto questo reparto aveva penato nella sfida europea di Roma, nonostante in campo vi fossero unicamente “titolari”, i presupposti per la rivincita non sono davvero dei migliori.

Senza contare che questa Svizzera somiglia al mitico Capannelle de “I soliti ignoti” di fronte a una bistecca. Senza Gavranovic, Shaqiri ed Embolo, con Seferovic rientrato contro la Grecia dopo quattro settimane di stop (e apparso in chiaro ritardo) e con il solo Zuber ad aver conservato la verve espressa agli Europei, l'attacco rossocrociato appare sdentato, difficilmente in grado di azzannare una difesa italiana che nonostante il cambiamento di mentalità imposto da Roberto Mancini, rimane uno dei reparti più impenetrabili d'Europa. Ma la sfida si giocherà verosimilmente a centrocampo, proprio come era successo nel mese di giugno all'Olimpico. Sarà lì che Yakin dovrà inventarsi un colpo di genio, per evitare che la difesa – unico reparto uscito indenne dalle vacanze estive – venga presa per la gola. Per il tecnico basilese, quella contro l'Italia sarà la vera sfida d'esordio alla guida della Nazionale, una sfida che dovrebbe vedere quale principale cambiamento tattico, l'abbandono della difesa a tre tanto cara a Vladimir Petkovic. Basterà per riequilibrare una sfida sbilanciata dalle troppe assenze in casa rossocrociata?

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved