vogel-promuove-muri-ha-le-qualita-per-rimpiazzare-vlado
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
57 min

Marchesano tra i candidati della Swiss Football Night

Il ticinese dello Zurigo tra i finalisti per il titolo di miglior giocatore della Super League. Il 27 gennaio la cerimonia di premiazione
SKICROSS
1 ora

Lesione al ginocchio per Fanny Smith

La vodese si è infortunata in Canada nell’ultima tappa di Coppa del mondo. Conta di ristabilirsi prima dell’inizio dei Giochi di Pechino
Hockey
2 ore

Se ne va una bandiera: Vauclair lascia l’Hcl e torna all’Ajoie

È il direttore sportivo del club giurassiano, con cui ha firmato un contratto di cinque anni. ‘Mi sentirò sempre parte della famiglia bianconera’.
Calcio
2 ore

Monzialo e Lungoyi lasciano il Football Club Lugano

L’attaccante francese in prestito fino a giugno alla squadra austriaca Skn St. Pölten; il nazionale U21 girato al San Gallo
Tennis
5 ore

Con Bencic si chiude il sogno svizzero agli Australian Open

È la prima volta dal 1995 che la Svizzera non è rappresentata nel terzo turno del tableau maschile o femminile a Melbourne
Tennis
6 ore

Jil Teichmann si inchina a Victoria Azarenka

La svizzera ha perso 6–1 6–2 contro la ex numero uno al mondo
Hockey
16 ore

Non è un martedì facile, ma il Lugano torna a sorridere

Traber e Bertaggia spianano la strada, ma poi i bianconeri debbono fare i conti con il ritorno dell’Ajoie, prima di centrare la prima vittoria del 2022
Podismo
21 ore

Lukas Oehen e Giulia Salvadé vincono il cross di Bellinzona

Gab protagonista con cinque vittorie nella quinta prova di Coppa Ticino Ftal Aet che ha lanciato l’annata 2022. In evidenza anche Rcb e Sab.
Bob
21 ore

Follador chiude la stagione tra i migliori d’Europa

Grazie anche alle prestazioni del pilota del Bcsi (con il frenatore Nicola Mariani), la Svizzera ritorna tra le prime quattro nazioni al mondo
L’angolo delle bocce
21 ore

Si riprende a giocare da Cavergno con una gara a coppie

Stagione 2022 al via domenica con una sfida regionale proposta dalle bocciofile Stella di Locarno e Verzaschesi di Gordola
NUOTO
22 ore

Dominio azzurro nel Meeting del Ceresio

Solo 12 delle 78 medaglie in palio sono andate ai ticinesi. Tra gli atleti di casa, in evidenza Tamas Terner ed Emanuele Brivio
Unihockey
22 ore

Weekend da 6 punti, playoff più vicini per il Ticino

La squadra di Tomatis ha battuto Grünenmatt (9-7 in trasferta) e Sarganserland (8-3 all’Arti&Mestieri) ed è quarta in classifica
Hockey
22 ore

Alatalo, Loeffel, Müller, Fora e Simion voleranno a Pechino

Resi noti i 25 ‘eletti’ che Patrick Fischer porterà alle Olimpiadi. Obiettivo dichiarato della Svizzera: le semifinali
Sci nordico
23 ore

Ai Campionati nazionali l’oro va a Fähndrich e Steiner

Nello sprint vittorie di Van der Graaf e Riebli. Progressi per il ticinese Alessandro Vanzetti, dodicesimo e diciannovesimo
Tennis
23 ore

Murray l’inossidabile batte Basilashvili in cinque set

Il britannico è di ritorno a Melbourne a tre anni di distanza da quella che avrebbe dovuto essere l’ultima partita della carriera
Basket
23 ore

Senza alcun senso la formula della Coppa

Il sorteggio libero è anacronistico e sfavorisce troppo le squadre di categoria inferiore. Domani in campionato torna in campo (a Monthey) la Sam Massagno
Tennis
1 gior

Niente impresa per Henri Laaksonen, battuto da Medvedev

Il russo, numero 2 al mondo, mette fine ai sogni di gloria dello sciaffusano agli Australian Open. Eliminate anche Vögele e Golubic
Hockey
1 gior

Storica quintina di Timo Meier sulle piste di Nhl

L’appenzellese degli San José Sharks diventa il primo giocatore svizzero a realizzare cinque gol nella medesima partita di Nhl
Tennis
1 gior

‘Djokovic era sereno, gli australiani un po’ meno’

Tristan Schoolkate, sparring partner di Nole durante il suo breve soggiorno australiano, racconta a laRegione l’incontro con il campione serbo
Gallery
Calcio
1 gior

Petkovic, dall’altare di Bucarest alla polvere della Gironda

Il pesante 6-0 rimediato a Rennes pone l’ex ct della Svizzera a serio rischio esonero. Il suo Bordeaux è penultimo con la peggior differenza reti
 
24.08.2021 - 19:380
Aggiornamento : 20:15

Vogel promuove ‘Muri’: ‘Ha le qualità per rimpiazzare Vlado’

Il 44enne già capitano dalla ‘Nati’ dice la sua sull’ex compagno di squadra che venerdì diramerà le sue prime convocazioni da allenatore della Svizzera.

Venerdì con le prime, attese convocazioni per l’amichevole con la Grecia (tra una settimana) e le partite delle qualificazioni mondiali contro l’Italia (domenica 5 settembre a Basilea) e l’Irlanda del Nord (tre giorni dopo a Belfast) si aprirà ufficialmente la gestione di Murat Yakin sulla panchina della Svizzera. Un momento sicuramente delicato per una Nazionale reduce dalla (con)vincente era Petkovic culminata con l’entusiasmante cavalcata europea ma interrottasi a sorpresa a fine luglio con la scelta del tecnico svizzero-bosniaco di lasciare l’Asf per sedersi sulla panchina del Bordeaux. Da qui la ricerca di un degno sostituto, individuato infine (dopo alcune rinunce da parte di altri candidati) dal direttore delle squadre nazionali elvetiche Pierluigi Tami nell’ex internazionale rossocrociato e già allenatore di Sciaffusa, Sion, Grasshopper, Spartak Mosca, Basilea, Lucerna e Thun.

Chi conosce bene “Muri” è Johann Vogel, suo compagno di squadra per cinque stagioni al Grasshopper tra il 1993 e il 1997, nonché nella Nati tra il 1995 (anno del debutto in rossocrociato del centrocampista) e il 2004 (in settembre l’addio alla Nati del difensore).

«Toccherà a Murat ma sarebbe cambiato poco anche con qualcun altro, alla fine l’obiettivo è uno solo, portare la Svizzera ai prossimi Mondiali – ammette con un certo cinismo Vogel, oggi tecnico della selezione rossocrociata U17 –. In ogni caso lui ha già dimostrato di avere le qualità per ricoprire questa carica, ha accumulato esperienza internazionale prima da giocatore e poi anche come allenatore, ruolo nel quale ha avuto una bella evoluzione, per cui non vedo problemi. Anzi, quella dell’Asf mi sembra una buona scelta sulla quale si può costruire qualcosa di importante. Già da giocatore si vedeva che aveva qualcosa in più, in particolare a livello tattico, sentiva il calcio e lo sapeva leggere, per cui era già abbastanza chiaro che prima o tardi avrebbe intrapreso il percorso da allenatore. Poi chiaramente ci vuole pazienza per aspettare l’occasione giusta, ora che è arrivata starà a lui sfruttarla».

Certo è che come detto per il 46enne di origine turca non sarà facile rimpiazzare un Petkovic che aveva creato un legame molto forte con i “suoi” giocatori… «Vlado e il suo staff hanno fatto un grande lavoro, non si arriva a certi risultati per caso dall’oggi al domani e sono stati premiati con i quarti di finale all’ultimo Europeo. Tra l’altro ho avuto la fortuna di essere presente a Bucarest in occasione di Svizzera-Francia ed è stata davvero una serata emozionante, così come tutto il percorso della nostra nazionale, che oltre alle qualità tecniche ha messo in campo anche un grande spirito di gruppo e molta solidarietà, si è vista una squadra unita, anche appunto con lo staff tecnico. Murat dovrà essere in grado di inserirsi in questo meccanismo collaudato portando le sue idee ma senza scombussolare gli equilibri trovati dal gruppo. Non sarà facile, ma come detto ha le qualità per farcela».

‘Lo spirito di gruppo è sempre stato forte in Nazionale. E Xhaka è un buon capitano’.

Caratteristiche quelle portate in campo dalla Svizzera di Petkovic che non sempre in passato sono sembrate proprie delle selezioni elvetiche, ma il 44enne ex capitano assicura che «in tutte le generazioni in nazionale c’è sempre stato un forte spirito di gruppo, poi bisogna avere anche un po’ di fortuna. Ad esempio noi nel 2006 ai Mondiali in Germania siamo usciti ai rigori (negli ottavi contro l’Ucraina, ndr), ci era mancato davvero poco per andare avanti e scrivere a nostra volta la storia del calcio svizzero ma avevamo comunque disputato 120 minuti nei quali avevamo messo in campo una grande solidarietà. In ogni caso quello che importa ora è il presente, bisogna dare continuità al buon momento e cavalcare l’euforia che si è creata per ottenere buoni risultati e qualificarsi per la Coppa del mondo».

Un ruolo centrale lo avrà chi attualmente porta – come Vogel un tempo – la fascia di capitano al braccio, ossia Granit Xhaka, fresco di rinnovo del contratto con l’Arsenal e autore di un grande Europeo che l’ha in un certo senso riconciliato con i fans elvetici… «Durante una carriera ci sono alti e bassi, non tutto va sempre come si vorrebbe o come desidera la gente, ma fa parte del gioco. In ogni caso credo che Granit abbia ormai raggiunto una certa maturità e che a quasi 29 anni sia al top della sua parabola da giocatore. D’altronde lo ha dimostrato facendo una partita incredibile contro la Francia, match nel quale ha vinto il duello diretto con Pogba, per cui direi che Murat può tranquillamente contare su di lui».

‘Sognavo il Milan e ce l’ho fatta, ora voglio far crescere i nostri giovani’

La cavalcata della Svizzera a Euro 2020 ha avuto un effetto anche sui giovani rossocrociati, che Vogel ha ritrovato dopo il lungo stop dovuto alla pandemia in occasione della doppia amichevole contro i pari età dell’Italia di metà agosto (successo 3-0 degli Azzurri a Lecco e rivincita 1-0 degli elvetici a Losone)... «Indubbiamente il percorso della Nazionale maggiore all’Europeo ha creato molto entusiasmo, i ragazzi sono fieri di portare la maglia rossocrociata e in questo caso giocavano proprio contro i campioni d’Europa, per cui erano ancora più motivati. Inoltre era da oltre due anni che non disputavano un match internazionale con la maglia rossocrociata e in particolare la partita di Losone era molto attesa perché hanno potuto giocare davanti alle loro famiglie, amici e fidanzate. È stato molto bello».

Una situazione talmente particolare da far passare il risultato in secondo piano… «Proprio per quanto spiegato in precedenza, alcuni giocatori erano un po’ nervosi, ma ho anche visto delle belle cose. In particolare rispetto alla prima partita nella seconda mi è piaciuta la solidità messa in campo dai miei ragazzi, che hanno vinto molti più duelli. Alcuni elementi poi sono più avanti di altri a livello di preparazione, ma abbiamo cercato di far giocare tutti e siamo stati ripagati con una vittoria che fa bene al morale».

Chiusa la carriera da giocatore nel Gc nel 2012, Vogel ha subito iniziato ad allenare nelle giovanili del club zurighese, prima di prendere in mano la U17 del Psv Eindhoven (club con cui ha disputato 240 partite, tra cui 38 di Champions League) e infine passare nel 2019 a lavorare per l’Asf e per il momento afferma di non sentire in maniera particolare il richiamo di una squadra di club… «Non ho mai parlato voler arrivare ad allenare in Super League o chissà dove in due, cinque o dieci anni. Sono convinto che un giorno succederà, ma per il momento sto bene dove sono, amo i giovani e amo poterli formare. Io stesso ho quattro figli e vedere questi ragazzi crescere e poterli accompagnare verso il successo o comunque la propria realizzazione trasmettendo loro le mie conoscenze e la mia esperienza, è un privilegio».

Nessun sogno nel cassetto quindi? «Il mio sogno era poter giocare nel Milan e l’ho realizzato. Come allenatore invece non è che si sogna di allenare una determinata squadra, perlomeno non io. Parlerei piuttosto di obiettivi e il mio è aiutare i giovani rossocrociati a crescere».

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved