un-europeo-spalmato-presenta-numerosi-vantaggi
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
2 ore

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
3 ore

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
Calcio
5 ore

L’apostrofo rosa tra il Botta e la Nazionale

Nel giorno del suo 31esimo compleanno Mattia Bottani festeggia la convocazione di Yakin: ‘Non ci credevo più, proverò a dimostrare che non si sbaglia’
CALCIO
5 ore

Al Grasshopper non meno di nove partenze

Le cavallette cambiano pelle in vista della prossima stagione. Al momento, cinque mancati rinnovi e quattro rientri dal prestito
tiro
5 ore

Vittoria di Oxana Baetscher ai Campionati cantonali juniores

All’84esima edizione della Giornata cantonale del giovane tiratore a 300 m, successo della pregassonese davanti a Luca Veglio e Alex Patocchi
scherma
6 ore

Ancora un titolo svizzero a squadre del Club Lugano Scherma

Ai Nazionali di spada di Neuchâtel, festeggiano le ragazze U20, battendo in finale il Ginevra di un solo punto. Quarto posto per le U17
PODISMO
6 ore

Oehen e Stampanoni trionfano al Tamaro Trail

Elhousine Elazzaoui ha invece migliorato il trentennale record della Giubiasco-Carena. Domenica in programma la Staffetta Vigor
Hockey
6 ore

Smacco Danimarca: la Slovacchia le soffia il posto all’ultimo

Tatar e compagni infliggono una severa lezione agli scandinavi. Mentre nell’altro girone anche gli Stati Uniti chiudono la prima fase con un successo
Altri sport
6 ore

‘Dopo Merckx e Cancellara, riecco il ciclismo nel Mendrisiotto’

Presentata la 5ª tappa del Tour de Suisse in agenda il 16 giugno sulle strade che hanno già vissuto epiche battaglie. ‘Favorito Marc Hirschi’
CICLISMO
6 ore

Tappa a Hirt, Hindley rosicchia 4” alla maglia rosa Carapaz

Nella giornata del Mortirolo, al Giro d’Italia si impone il ceco, davanti al giovane olandese Arensman. Domani altra frazione di montagna
CALCIO
8 ore

Pascal Besnard lascia la presidenza del Servette

Didier Fischer, patron della Fondazione 1890, diventa amministratore del club e rileva ad interim la carica dell’ex giocatore granata
TENNIS
8 ore

Laaksonen accede al secondo turno del Roland-Garros

L’elvetico ha superato in quattro set lo spagnolo Pedro Martinez e si appresta a sfidare il danese Holger Rune (Atp 40)
TENNIS
8 ore

Finisce subito l’avventura francese di Viktorija Golubic

La 29enne zurighese battuta in tre set (6-2 2-6 6-1) dalla statunitense Katie Volynets, piazzata al di là della centesima posizione nella classifica Wta
CALCIO
9 ore

Breitenreiter lascia lo Zurigo per l’Hoffenheim

Dopo aver vinto il titolo della Super League, il tedesco fa ritorno in Bundesliga con un contratto valido per le prossime due stagioni
Hockey
10 ore

Svizzera, due punti per chiudere. Ai quarti contro gli States

Rossocrociati imbattuti e primi di gruppo dopo la fase preliminare del Mondiale, al termine di una partita contro i tedeschi decisa ai tiri di rigore
Calcio
14 ore

Che regalo di compleanno per Bottani: convocato in Nazionale

Confermando le indiscrezioni della vigilia, Murat Yakin ha selezionato il numero dieci del Lugano, che proprio oggi compie 31 anni, per la Nations League
CICLISMO
1 gior

Ellen van Dijk, l’ora al femminile ha un nuovo nome

Sulla pista del velodromo solettese di Grenchen, la trentacinquenne olandese ha battuto il primato della britannica Lowden: 49,254 metri
Calcio
1 gior

L’Fcl e una squadra da (ri)costruire, con il Crus e per l’Europa

Il giorno dopo la conclusione di una trionfale stagione, la società bianconera ha voluto fare il punto gettando già lo sguardo alla prossima annata
CALCIO
08.06.2021 - 14:41
Aggiornamento : 17:14

‘Un Europeo spalmato presenta numerosi vantaggi’

Il bernese Martin Kallen, direttore della fase finale: ‘Stiamo risolvendo gli ultimi inghippi legati al Covid-19. Pronti a muoverci con soluzioni alternative’

di Stefan Wys/Ats

Per la quinta volta, Martin Kallen rivestirà il ruolo di direttore del torneo finale dell’Europeo. In un’intervista rilasciata a Keystone-Ats, il bernese ha ricordato quali aspetti devono ancora essere risolti prima del calcio d’inizio del torneo e ha spiegato i motivi per i quali l’aver organizzato una manifestazione di simile portata in 11 nazioni diverse rappresenta un vantaggio proprio in tema di pandemia.

Qualche mese fa ha detto “Mi piace avere problemi”. In questi giorni deve sentirsi in paradiso… 

«Non è una deduzione del tutto sbagliata. Mi piacciono le situazioni difficili. Tuttavia, al momento non siamo confrontati con circostanze davvero impegnative, più che altro dobbiamo risolvere qualche piccola difficoltà».

Può fare qualche esempio?

«Al momento, i tifosi di Croazia e Repubblica ceca non hanno il permesso di entrare in Inghilterra senza essere sottoposti a quarantena, per cui non potranno assistere alle partite delle loro squadre nella fase a gironi. Inoltre, stiamo trattando con il governo tedesco le condizioni di ingresso per le persone provenienti dall’Inghilterra. Un inghippo che potrebbe trasformarsi in un vero problema se una squadra che ha giocato a Londra dovesse recarsi a Monaco per la fase a eliminazione diretta (nel caso di vittoria di gruppo potrebbe essere il caso anche della Svizzera, ndr.). Ora come ora, in Germania la legge non lo consente, a meno che ci si metta in quarantena».

In quel caso la sede della partita potrebbe essere spostata?

«Aspettiamo e vediamo, non precorriamo i tempi. Il governo tedesco ci ha presentato una soluzione. Non l'abbiamo ancora sul tavolo, ma una cosa è chiara: il nostro obiettivo è che non vi sia alcuna imposizione per la quarantena. Con i test negativi, l'ingresso al paese dovrebbe essere garantito».

E nel caso in cui un giocatore dovesse risultare positivo al test, cosa succederebbe?

«È in vigore il protocollo di ritorno alle competizioni, proprio come è stato il caso durante tutta la stagione. Il giocatore interessato verrebbe posto in isolamento, gli altri si sottoporrebbero a un test e, in caso di risultato negativo, potrebbero proseguire ad allenarsi in bolla. In campo potranno esserci soltanto giocatori risultati negativi. Fa eccezione la Scozia, dove, secondo i regolamenti locali, in caso di test positivo tutta la squadra dovrebbe essere messa in quarantena. Ecco perché anche Croazia e Repubblica ceca hanno deciso di allestire il loro ritiro fuori dalla Scozia».

Undici sedi, undici paesi, diversi regolamenti di ingresso e di quarantena. La situazione rimane fragile. Non è difficile capire chi afferma che un Europeo come questo, in un momento come questo non andava organizzato…

«Non credo sia una mossa sbagliata. La situazione attuale, con undici paesi implicati, presenta pure aspetti positivi. Un numero maggiore di tifosi possono vedere la loro squadra senza dover viaggiare all’estero. Inoltre, ci saranno meno tifosi stranieri negli stadi. Normalmente, rappresentano il 35% del totale, ma quest’anno la percentuale sarà assai inferiore. Per esempio, soltanto 300 tifosi svizzeri affronteranno la trasferta a Baku, mentre a Roma ce ne saranno circa 1’500. Questo facilita pure il compito delle autorità locali. Senza dimenticare che se dovessimo improvvisamente far fronte a problemi in una o due nazioni, avremmo a disposizione numerose alternative».

Una situazione, quest’ultima, che non spaventa l’Uefa, diventata una sorta di esperta in materia. Lo scorso anno le finali delle Coppe europee sono state organizzate con brevissimo preavviso, mentre poche settimane fa la finale dell’ultima Champions League è stata spostata da Istanbul a Porto…

«In fin dei conti, è tutta questione di saper pianificare. Se si tratta di piccoli dettagli, si può raggiungere l’obiettivo finale anche destreggiandosi all’ultimo momento con qualche mossa da giocoliere. Abbiamo sempre avuto – anche prima dello scoppio della pandemia – un piano A, un piano B, un piano C e, addirittura, un piano D. Di norma basta il piano A, ma per l’Euro avevamo bisogno pure del piano B e abbiamo altresì integrato alcuni aspetti del piano C. Stesso discorso per la finale di Champions. A Istanbul era tutto più o meno pronto, c’erano già 100 persone al lavoro, mentre a Porto ci siamo trovati a dover ricominciare da zero. Ma siccome avevamo studiato in anticipo tutti gli scenari, siamo stati in grado di superare i problemi che man mano ci si sono presentati».

Per l’Euro quale sarebbe lo scenario di un cambiamento all’ultimo minuto? Facciamo un esempio: Italia - Svizzera non può essere disputata a Roma nel giorno e nell’ora previsti…

«Se una partita deve essere rinviata, ma può andare in scena nello stesso stadio, inizierà il giorno successivo alle 12.00 o alle 15.00, appena prima degli appuntamenti regolarmente in calendario. Se la dobbiamo spostare di sede, si giocherà in uno stadio nel quale nei due giorni successivi non vi sono partite in programma. E, ovviamente, si giocherà senza pubblico. In linea di principio, rimane possibile lo spostamento in uno stadio che non fa parte degli undici selezionati per la manifestazione».

Soluzioni che all’Uefa potrebbero costare un pacco di soldi…

«Ci aspettiamo di perdere diverse centinaia di milioni di franchi di entrate. Per quanto riguarda la vendita dei biglietti, siamo a circa il 42% delle nostre entrate pre-pandemia. Abbiamo anche molti costi aggiuntivi, per esempio a causa dello spostamento delle partite da Bilbao a Siviglia. O per le fan zone che non vedranno la luce, ma per le quali bisognerà comunque pagare i fornitori. Ma ce la siamo sbrogliata assai bene, sono fiero di quanto raggiunto. In questo settore si possono bruciare centinaia di milioni supplementari se non si lavora in modo rapido e preciso sulle migliaia di contratti in gioco».

Come vivrà l'Euro, da direttore del torneo?

«Sarò in viaggio per la maggior parte del tempo, assieme al segretario generale Theodore Theodoridis. Visiterò le undici città e vedrò tutte le squadre almeno una volta. Prevedo di assistere a circa 25-30 partite. E sarò presente per il terzo impegno della Svizzera, a Baku contro la Turchia».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
direttore euro2021 martin kallen uefa

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved