l-uefa-approva-la-riforma-della-champions
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
L'ANNIVERSARIO
16 min

Quando il Ticino si fermò per Brasile - Italia

Il 5 luglio del 1982 ai Mondiali di Spagna si disputò una delle partite più significative della storia del calcio, anche per la nostra realtà
TENNIS
5 ore

Van Rijthoven ci prova, ma Djokovic è troppo forte

Wimbledon, il serbo ai quarti. Nella sfida tra astri nascenti, Jannik Sinner manda a casa Alcaraz. In campo femminile la tunisina Jabeur ai quarti
BASKET
8 ore

La Svizzera vince in Irlanda e prosegue il cammino

La Nazionale di Papatheodorou accede quale migliore seconda alla successiva fase di pre-qualificazione in vista degli Europei 2025
CICLISMO
10 ore

I destini incrociati di Jakobsen e Groenewegen

Al Tour de France, nel weekend, vittorie per i due olandesi protagonisti nel 2020 di un drammatico episodio
FORMULA 1
11 ore

Prima vittoria di Sainz al termine di un Gp folle

A Silverstone il ferrarista ha preceduto Perez, Hamilton e Leclerc. Gara spettacolare. Partenza ripetuta per l’incredibile incidente di Zhou
MOUNTAIN BIKE
12 ore

Europei U23 e junior, la Svizzera domina il medagliere

Tre medaglie d’oro, tre d’argento e tre di bronzo per la delegazione rossocrociata nella rassegna di Anadia, in Portogallo
Tennis
13 ore

Roger: ‘Spero un giorno di tornare qui, su questa erba’

Federer a Wimbledon per la festa dei 100 anni del Centre Court. Il renano: ‘Questo torneo mi manca’
Calcio
14 ore

Benito torna all’YB

Il 30enne lascia anzitempo il Sion
PALLANUOTO
15 ore

La stagione degli Sharks si arresta a Carouge

Lugano battuto anche in gara 2 dei quarti di finale ed eliminato dalla corsa al titolo. È il peggior risultato stagionale dal 2012
ATLETICA
15 ore

Record ticinese sui 400 ostacoli per Mattia Tajana

Il nuovo limite cantonale è stato ottenuto sulla pista di La Chaux-de-Fonds. A Biasca buone prestazioni espresse dai giovani ticinesi
Calcio
16 ore

Attaccante congolese per il San Gallo

Dall’Amiens arriva Akolo
Tennis
17 ore

Nadal avanza senza problemi

A Wimbledon lo spagnolo batte facilmente Sonego
CALCIO
19.04.2021 - 14:26
Aggiornamento: 16:50

L'Uefa approva la riforma della Champions

Il comitato direttivo rinvia a venerdì la scelta delle città per l'Euro e critica aspramente la cerazione di una nuova Super Lega

Il comitato esecutivo dell'UEFA ha accettato la riforma della Champions League a partire dal 2024, riforma che porterà le squadre qualificate alla fase principale da 32 a 36. Una decisione che cade a poche ore dall'annuncio della creazione della Super Lega europea con dodici squadre dissidenti, osteggiata dalle massime istanze del calcio mondiale ed europeo. La formula prevede, al posto dei classici gironi, un mini-campionato.

Per contro, il comitato esecutivo ha deciso di posticipare a venerdì la decisione finale in merito alle città che ospiteranno l'Euro 2021 (11 giugno - 11 luglio). Le candidature di Monaco, Bilbao e Dublino rimangono appese a un filo a causa della difficoltà dei rispettivi governi a confermare la presenza di pubblico negli stadi.

Super Lega, difesa davanti ai tribunali

Nel frattempo, la Super Lega europea ha deciso di rivolgersi, in maniera preventiva, ai “tribunali competenti” per garantire la sua esistenza. Un passo computo di fronte alla minaccia di una battaglia legale con le autorità calcistiche, secondo una lettera inviata all'UEFAa e alla FIFA.

La nuova entità “ha avviato le procedure presso i tribunali competenti per garantire la regolare istituzione e il funzionamento della competizione”, ha scritto la European Super League Company in una lettera ai presidenti di UEFA, Aleksander Ceferin, e FIFA, Gianni Infantino.

I promotori hanno detto di essere “preoccupati” per la reazione di UEFA e FIFA all'annuncio della nuova competizione. Domenica, la confederazione europea aveva minacciato di escludere i club ribelli e i loro giocatori dalle competizioni nazionali e internazionali, mentre la FIFA ha affermato che “disapprova una lega europea chiusa e dissidente”.

“La vostra dichiarazione ci obbliga a prendere misure protettive per assicurarci contro una tale reazione negativa (...) che sarebbe illegale – ha fatto sapere la Super Lega –. È nostro dovere assicurarci che vengano debitamente prese tutte le azioni disponibili per proteggere gli interessi della concorrenza e dei nostri decisori. Non vogliamo sostituire la Champions League o l'Europa League, ma competere con loro ed esistere accanto a questi tornei”, ha aggiunto la nuova organizzazione.

Ceferin: ‘Proposta orribile’

Nel frattempo, a margine dei lavori dell'UEFA, chiamata a decidere anche sulla riforma della Champions a 36 squadre e sul prossimi Europei, il presidente Aleksander Ceferin ha avuto parole di fuoco sulla nuova Super Lega... «È una proposta orribile, i pochi club aderenti sono mossi da avidità. I giocatori impegnati nella Super Lega non giocheranno né il Mondiale, né l’Europeo. È uno sputo a chi ama il calcio, non lasceremo che ce lo portino via. È una proposta disonorevole ed egoista».

E ancora: «Il novanta per cento dei guadagni dell'UEFA ritorna al mondo del calcio, non solo all'élite. La UEFA non si muove soltanto per denaro, ma per lo sviluppo del calcio. La Super Lega, invece, ha a cuore unicamente il borsellino, non la solidarietà. I valori del calcio sono altri».

Nel frattempo, però, si sta valutando quali sono i prossimi passi da compiere. In seno all'esecutivo, ad esempio, c'è chi chiede l'esclusione immediata dei club dissidenti da Champions e campionati nazionali attualmente in corso di svolgimento. L'organo dirigenziale della confederazione europea si riunirà ancora domani per valutare quale sia, dal punto di vista legale, la mossa migliore. La Premier League, dal canto suo, vorrebbe cacciare immediatamente i sei club inglesi fondatori della nuova lega (i due club di Manchester, Liverpool, Arsenal, Chelsea e Tottenham, ai quali si sono per ora aggiunti Juventus, Inter e Milan in Italia, Barcellona, Real Madrid, Atletico Madrid in Spagna).

Tifosi inviperiti

Piovono da tutte le parti le critiche dei tifosi. A Liverpool, gli Spion Kop 1906, uno dei gruppi più importanti della tifoseria dei Reds, hanno reso noto che ritireranno i loro striscioni dagli spalti della Kop, la curva simbolo della tifoseria del Liverpool: “Sentiamo che non possiamo più dare il nostro sostegno a un club che mette l’avidità finanziaria davanti all’integrità del gioco», hanno fatto sapere via Twitter.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fifa super league europea uefa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved