CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
NATIONS LEAGUE
2 min

Vittoria storica, carenze croniche

La selezione guidata da Murat Yakin torna dalla Spagna con qualche certezza in più, ma pure con la consapevolezza di essere sguarnita in certi ruoli
TENNIS
5 ore

L’ultimo sipario sulla fabbrica delle emozioni

‘Non mi piace perdere’, dice King Roger. Ma alla Laver Cup di Londra è così che va a finire, con la sua Europa costretta alla resa dal resto del mondo
BOCCE
13 ore

Ai Mondiali di Roma la giovane Svizzera non delude

I giovani rossocrociati tornano dalla competizione juniores con un argento e un bronzo, conquistati dai ticinesi Ryan Regazzoni e Giorgia Cavadini
ATLETICA
16 ore

Kipchoge batte se stesso A Berlino nuovo record

A trentasette anni il keniano si ripete sulle strade della capitale tedesca, dove aveva già stabilito il primato della maratona nel 2018
CICLISMO
21 ore

Evenepoel iridato di prepotenza

Arriva anche il titolo mondiale nella stagione strepitosa del giovane belga
Calcio
22 ore

La vittoria contro il Basilea lancia definitivamente il Chiasso

Contro l’U21 renana decide il gol di Manicone al decimo della ripresa e settimana prossima c’è la capolista Stade Nyonnais
tennis
23 ore

Stan Wawrinka fuori in semifinale a Metz

Il vodese costretto al forfait dopo 17 minuti del penultimo atto contro Bublik, per un problema alla coscia
MOTOMONDIALE
1 gior

MotoGp, vince Miller, Quartararo ottavo, Bagnaia a terra

L’australiano della Ducati ha terminato la gara nipponica davanti a Binder e Martin. Il francese allunga in vetta al Mondiale
NATIONS LEAGUE
1 gior

Svizzera corsara, successo storico in Spagna

Dominando nel primo tempo e soffrendo nella ripresa, i rossocrociati trovano tre punti importantissimi: a segno Akanji ed Embolo
Hockey
1 gior

Il Lugano accelera ma non decolla

Buona prestazione dei bianconeri che però soccombono anche al Losanna
Hockey
1 gior

Ambrì, la prima sconfitta sotto gli occhi di McCourt

In vantaggio di un gol fino al 49’, i biancoblù di Cereda beffati da un Ginevra Servette che aggancia il capolista Bienne grazie a due gol in un minuto
CALCIO
1 gior

Rossocrociati in Spagna pensando già al Qatar

La nazionale Svizzera affronta stasera le Furie rosse per la Nations League
CICLISMO
1 gior

Le speranze mondiali dell’emergente Mauro Schmid

Domani a Wollongong, in Australia, in palio il titolo iridato della corsa in linea
13.04.2021 - 19:35
Aggiornamento: 22:08

Il Lucerna soffia il Lugano fuori dalla Coppa

Bianconeri eliminati (2-1) dopo una partita pazza e condizionata dal vento, con un rigore sbagliato da Maric al 121' e tanta sfortuna per i padroni di casa

il-lucerna-soffia-il-lugano-fuori-dalla-coppa
+3

Il Lugano è fuori dalla Coppa Svizzera. A Cornaredo i bianconeri sono infatti stati battuti 2-1 dal Lucerna nel match valido per i quarti di finale, al termine di una partita pazza giocata persino bene dai padroni di casa, ma nella quale Sabbatini e compagni sono stati ribaltati dagli ospiti guidati dall'ex Fabio Celestini anche a causa di una bella dose di fortuna.

Rispetto alla sfida di campionato con il Losanna Jacobacci ha deciso di rispolverare la difesa a quattro inserendo Daprelà (al posto di Kecskés) nel ruolo di terzino sinistro con Lavanchy a destra e la coppia Maric-Ziegler davanti a Osigwe, confermato tra i pali in assenza dell’infortunato Baumann. Riproposto anche Bottani nel ruolo di trequartista dietro alle punte Gerndt e Abubakar, mentre a centrocampo Custodio (di rientro dalla squalifica) ha ritrovato il suo posto accanto a Sabbatini e Lovric.

Bottani apparecchia, Lovric trasforma

I padroni di casa hanno da subito preso in mano le redini dell’incontro e se nel primo quarto d’ora non sono andati oltre a una conclusione a lato di Sabbatini, al 18’ si sono creati tre occasioni nel giro di altrettanti minuti che hanno portato al meritato vantaggio: dopo la bella parata dell’estremo difensore avversario Müller sulla conclusione di Abubakar e il palo sfiorato da Maric sul susseguente calcio d’angolo, è stato Bottani a scippare il pallone a Sidler sulla fascia sinistra e a servire un assist al bacio a Lovric, che da centro area ha messo in rete. La reazione degli ospiti non si è fatta attendere e ha portato alla traversa colpita pochi minuti dopo con uno splendido esterno dalla distanza dallo stesso Sidler, mentre al 33’ è ancora stato il Lugano a rendersi pericoloso ma Bottani ci ha messo troppo a concludere ed è stato chiuso da Knezevic.

Il vento aiuta il Lucerna

La ripresa si è aperta con Covilo inserito al posto di Bottani e il conseguente avanzamento di Lovric alle spalle degli attaccanti. Il bosniaco si è subito rivelato utile per contrastare il forcing dei lucernesi, che hanno provato ad aumentare la pressione ma che non sono riusciti a crearsi occasioni da rete, mentre Custodio e compagni non sono riusciti a capitalizzare un paio di ripartenze. A rovinare i piani di un Lugano che sembrava poter difendere senza troppi patemi il vantaggio (nonostante i metri guadagnati dagli avversari) ci hanno pensato un pizzico di sfortuna e il vento, che hanno disegnato la beffarda traiettoria con cui il traversone di Schürpf al 79’ ha sorpreso sul primo palo Osigwe (miracoloso pochi istanti prima su Ndiaye).

La beffa è completa: palo di Ardaiz, gol di Ndiaye

Una rete che ha rimandato il verdetto ai supplementari, dove i bianconeri sono tornati a macinare gioco guadagnando terreno e rendendosi pericolosi con un missile alto non di molto dalla lunga distanza di Abubakar, ma soprattutto con il clamoroso palo colpito al 106' da Ardaiz, con il pallone girato di testa dall'attaccante urugaiano sullo splendido cross di Sabbatini che dopo aver incocciato sul montante interno ha danzato sulla linea di porta senza però varcarla.

Il destino si è poi rivelato (se possibile) ancora più beffardo all'inizio del secondo tempo supplementare, quando ancora il vento ha trasformato il lunghissimo rinvio del portiere Müller in un assist per Ndiaye, che ha sfruttato la sua rapidità per sgusciar via a Maric e Ziegler e superare, ancora sul primo palo, Osigwe. Un gol che si è rivelato decisivo anche perché al 117' Müller con un vero e proprio miracolo ha impedito al colpo di testa di Maric di finire in rete, mentre nel primo dei due minuti di recupero lo stesso difensore si è fatto intercettare il calcio di rigore assegnato per il fallo del portiere su Abubakar.

Lugano - Lucerna (1-0) 1-2

Reti: 21’ Lovric 1-0. 79’ Schurpf 1-1. 107' Ndiaye 1-2

Lugano: Osigwe; Lavanchy, Maric, Ziegler, Daprelà (112' Facchinetti); Custodio (86’ Macek), Sabbatini, Lovric (112' Lungoyi); Bottani (46’ Covilo); Abubakar, Gerndt (70’ Ardaiz)

Lucerna: Müller; Sidler (63’ Schwegler), Lucas, Knezevic, Frydek (91’ Burch); Tasar, Grether (63’ Wehrmann), Emini (63’ Alabi), Ndiaye; Schaub (108' Alounga), Schürpf

Arbitro: Bieri

Note: Lugano senza Baumann, Guerrero e Oss (infortunati); Lucerna privo di Sorgic, Ndenge e Schulz (infortunati). 22’ traversa di Sidler. 106' palo Ardaiz. 121' Müller para un rigore a Maric. Ammoniti: 34’ Sabbatini. 53’ Gerndt. 72’ Frydek. 83’ Schwegler, Wehrmann. 98’ Ardaiz. 101' Lavanchy. 117' Alabi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved