Lucerna
1
Young Boys
1
2. tempo
(1-1)
Lugano
1
Servette
0
2. tempo
(1-0)
AC Bellinzona
0
Sciaffusa
2
2. tempo
(0-0)
Atalanta
0
Fiorentina
0
1. tempo
(0-0)
DJOKOVIC N. (SRB)
0
CILIC M. (CRO)
0
1 set
(4-1)
GCK Lions
5
Winterthur
2
3. tempo
(4-2 : 0-0 : 1-0)
Ticino Rockets
1
La Chaux de Fonds
5
3. tempo
(0-3 : 0-0 : 1-2)
Dra.gosier-ga
1
Langenthal
3
2. tempo
(0-2 : 1-1)
Olten
2
Turgovia
1
1. tempo
(2-1)
Visp
0
Sierre
1
1. tempo
(0-1)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
TENNIS
15 min

A Sofia, Marc-Andrea Hüsler conquista il suo primo titolo Atp

Lo zurighese ha superato in due set il danese Holger Rune. In settimana sarà impegnato nell’Atp 500 di Astana da 61.mo giocatore del ranking mondiale
FORMULA 1
34 min

La Red Bull si consola con il trionfo di Sergio Perez

Solo settimo, Max Verstappen non ha potuto festeggiare il suo secondo titolo mondiale. Il messicano davanti a Leclerc e Sainz
BASKET
4 ore

La stagione inizia nel segno della Spinelli

Massagno ha nettamente sconfitto i Lugano Tigers nel primo derby. Gli uomini di Montini hanno retto soltanto nei minuti iniziali
BMX
5 ore

Zoé Classens di nuovo sul podio

In Colombia la vodese chiude per la quarta volta in stagione nei primi 3
CALCIO
5 ore

Una brutta giornata per chiudere una brutta settimana

Promotion League, il Chiasso sconfitto a Nyon al culmine di giorni in cui si è parlato molto di aspetti che esulano dal campo. Tre espulsi tra i rossoblù
MOTOMONDIALE
5 ore

MotoGP, Quartararo braccato da Bagnaia

In Thailandia vince Oliveira, in Moto2 si impone Arbolino, in Moto3 successo per Foggia
Indonesia
7 ore

Calca dopo la partita di calcio, almeno 125 morti

I tifosi dell’Arema Fc erano arrabbiati per la sconfitta subita contro la squadra rivale, tanto da invadere il campo. Sceso il numero delle vittime
hockey
19 ore

L’Ambrì si prende due punti e ferma il Rapperswil

I biancoblù tornano al successo: sangallesi sconfitti 4-3 al supplementare alla Gottardo Arena.
hockey
19 ore

Il Lugano ritrova compattezza e la vittoria a Bienne

Con una rete per tempo i bianconeri espugnano la Tissot Arena e vendicano la sconfitta subita ieri con il Kloten
FORMULA 1
1 gior

Singapore, nona pole stagionale per Leclerc

Il monegasco scatterà davanti a Perez e Hamilton. Giallo Verstappen (solo ottavo), probabili problemi alla benzina che stava... per finire.
motociclismo
1 gior

Prima pole in MotoGP per Marco Bezzecchi

Tris Ducati in prima fila. Il pilota italiano della VR46 scatterà davanti a Jorge Martìn e Francesco Bagnaia.
Hockey
1 gior

Marco Müller (Hcl) fuori fra le due e tre settimane

La decisione dopo gli esami strumentali per valutare l’infortunio riportato nel corso della partita alla Cornèr Arena contro il Kloten
Hockey
1 gior

Ambrì-Piotta in emergenza infortuni: arriva Dario Wüthrich

Il difensore in prestito al club leventinese fino alla fine di dicembre: già a disposizione con la partita contro il Rapperswil
hockey
1 gior

A Lugano tornano le luci spente. ‘Cambiamo registro’

Cornèr Arena espugnata (per la terza volta) anche dal neopromosso Kloten. Herburger: ‘Dopo il derby pensavamo di aver intrapreso la strada giusta’.
HCL
1 gior

A Lugano si chiude tra i fischi. Con la vittoria del Kloten

Dopo le buone impressioni nel derby, i bianconeri cadono di fronte agli Aviatori, che alla Cornèr Arena centrano il loro primo successo stagionale
BOXE
1 gior

Colombia, morire sul ring a venticinque anni

Luis Quiñones non ce l’ha fatta: aveva combattuto sabato per il titolo nazionale dei pesi superleggeri, è morto a causa di un trauma cranico encefalico
Tennis
1 gior

Sofia, Hüsler non si ferma: sfiderà Musetti in semifinale

Numero uno elvetico dopo il ritiro di Federer, il ventiseienne mancino zurighese elimina il polacco Majchrzak dopo aver saputo cancellare due matchpoint
CALCIO
1 gior

Cornaredo, un fortino da tornare a difendere

Il Lugano riprende il cammino in Super League ospitando il Servette, rivelazione di inizio stagione. Assenti, tra gli altri, Bottani e Celar
FORMULA 1
1 gior

La Red Bull sfora il budget cap, a Singapore scoppia la bomba

In regola, invece, Ferrari e Mercedes. Occorrono regole più chiare e semplici. Intanto, Verstappen potrebbe diventare campione del mondo già domenica
RALLY
2 gior

Balerna, con la prova spettacolo s’accendono i fari sul rally

Stasera s’inaugura l’edizione 2022 della Ronde ticinese, che vivrà il momento ‘clou’ domani a Isone. Meno iscritti del solito? ‘È anche colpa dell’euro’
Tennis
2 gior

Belinda è in semifinale a Tallinn: sfiderà Krejcikova

La sangallese in Estonia per la quarta volta in stagione arriva alla fase decisiva di un torneo Wta, sconfiggendo in due set la croata Vekic
MOTOCICLISMO
2 gior

A partire dal 2023 la MotoGp sbarcherà in India

Lo ha annunciato la Dorna che nei giorni scorsi aveva ufficializzato una tappa anche in Kazakistan
BASKET
2 gior

Molti volti nuovi per il derby tra Tigers e Spinelli

Le due ticinesi in campo domani all’Elvetico nella prima giornata di un campionato che vede l’Olympic Friborgo quale grande favorito
laR
 
06.04.2021 - 21:00

Il Monthey e quel privilegio che sembra la Champions

La formazione di Seconda Lega interregionale ha potuto allenarsi senza restrizioni per preparare l'ottavo di finale di Coppa Svizzera con il Lugano

il-monthey-e-quel-privilegio-che-sembra-la-champions

Ci sono Real Madrid - Liverpool e gli altri quarti di finale di Champions, ma anche la sempre sentita sfida di Serie A tra Juventus e Napoli e il Clasico tra Real e Barcellona. E poi c’è Monthey - Lugano. Sì, in cima alla lista delle partitissime imperdibili della settimana pubblicata sui profili social del club, in casa vallesana c’è (e non poteva essere altrimenti) il match valido per gli ottavi di finale di Coppa Svizzera contro i bianconeri, ospiti della compagine di Seconda Lega interregionale domani alle 18 allo stadio Philippe Pottier.

«Ah no, la Partita con la P maiuscola è quella contro il Lucerna, perché domani eliminiamo il Lugano e passiamo il turno – si diverte il tecnico del Monthey Cédric Strahm riferendosi al fatto che il vincitore della sfida sa già che nei quarti di finale ad aspettarlo troverà la compagine di Fabio Celestini, giustiziera negli ottavi del Chiasso –. Scherzi a parte, siamo carichissimi, aspettiamo questa partita da mesi e non vediamo l’ora di scendere in campo e di vivere un appuntamento speciale per la squadra ma anche per il club e tutto il paese, perché il Monthey non era mai arrivato negli ottavi di finale di Coppa Svizzera. Peccato non poterlo condividere con i nostri sostenitori che avrebbero certamente creato una splendida cornice per l’evento, ma ci sentiamo comunque dei privilegiati a poter giocare questa partita».

Già perché i vallesani nelle ultime tre settimane sono stati tra i pochi sportivi amatoriali in Svizzera a poter praticare un'attività di contatto senza le restrizioni ancora imposte a causa della pandemia dalle autorità federali, che ad esempio per gli adulti vietano non solo le competizioni ma anche gli allenamenti, se non in gruppi di al massimo 15 persone rispettando le distanze o indossando la mascherine. Uno stop forzato baipassato grazie al via libera concesso dal medico cantonale proprio per permettere alla compagine vallesana di preparare il match di Coppa con il Lugano... «E proprio per questo come detto ci sentiamo dei privilegiati, in questo periodo difficile in molti stanno soffrendo perché non possono praticare lo sport che amano e noi invece dopo cinque giorni di allenamenti senza contatto, da tre settimane abbiamo potuto tornare a farlo in libertà perlomeno per quel che riguarda il lavoro sul terreno, poi fuori adottiamo comunque le misure di protezione ormai note come l’uso della mascherina e la doccia a casa. Per il momento sta andando bene in quanto in un mese non abbiamo avuto casi positivi. Domattina i giocatori si sottoporranno tutti a un test per avere il via libera di giocare contro il Lugano, incrociamo le dita».

Quando perdere significa fermarsi

Riprendere dopo quasi sei mesi di inattività – il Monthey era al comando del gruppo 1 di Seconda inter con 21 punti in 10 partite al momento dell’interruzione dei campionati lo scorso ottobre – non è mai semplice, specie in una situazione del genere in cui entrano in gioco altri fattori oltre alla preparazione atletica… «L’euforia è stata grande sin dal primo giorno anche se non è stato tutto semplice, i giocatori avevano ricevuto un programma personale per tenersi in forma ma non tutti erano allo stesso livello. Inoltre essendo sportivi amatoriali e non professionisti, c’era il problema legato ai datori di lavoro preoccupati che i propri dipendenti si mettessero a rischio, a tal proposito abbiamo avuto anche alcune discussioni con i giocatori e come club abbiamo espresso la massima comprensione per chi non se la sarebbe sentita di allenarsi senza restrizioni, ma tutti, anche grazie alla condiscendenza dei datori di lavoro, si sono riaggregati al gruppo. A maggior ragione in una situazione del genere è stato davvero speciale poter tornare in campo e la partita con il Lugano per noi è ancora più importante proprio per questo: se dovessimo venir eliminati, dovremmo nuovamente fermarci».

Come Astrix e Obelix contro i Romani

L’unico modo per scongiurare questa eventualità – in attesa della ripresa del campionato, non ancora agendata ma con la lega che ha già fatto sapere che si punterà a completare almeno la metà delle partite (ne mancano quattro nel gruppo del Monthey) per validare la stagione – è compiere l’impresa contro la truppa di Maurizio Jacobacci. E non a caso sempre sui social della società vallesana in un fumetto i bianconeri sono stati presentati come l'esercito romano, mentre i padroni di casa si sono paragonati ai Galli guidati da Asterix e Obelix… «Il Lugano è una bella squadra con un ottimo allenatore, chiaramente domineranno il match dall’alto di un tasso tecnico decisamente più elevato. Ho guardato la partita con il Servette (1-1 domenica, ndr) e si muovono davvero bene anche cambiando sistema di gioco. Dal canto nostro cercheremo di compensare la differenza di qualità con l’organizzazione e il carattere, sfruttando le occasioni che sono sicuro i miei giocatori sapranno costruirsi. Poi non si sa mai, abbiamo effettuato un bel percorso quest’anno in Coppa vincendo anche in Ticino (2-1 in casa del Balerna al secondo turno, dopo aver superato la compagine di Promotion del Black Stars in quello precedente, ndr) e da un certo punto di vista abbiamo rotto il ghiaccio con questo tipo di partite e con la diretta televisiva l’anno scorso contro il San Gallo (sconfitta 4-1 al primo turno, ndr), per cui proveremo a giocarci tutte le nostre chance. In fondo, è un po’ la nostra Champions League».

Jacobacci alle sue seconde linee chiede serietà e responsabilità

Se il Monthey non disputa una partita ufficiale da metà ottobre, ben diversa è la situazione per il Lugano, reduce dall'1-1 di domenica in casa del Servette e che in questo 2021 ha già disputato ben 15 match. Comprensibile quindi, considerata anche la differenza di categoria tra le due formazioni, la volontà di Maurizio Jacobacci di far rifiatare chi è stato chiamato maggiormente in causa dando spazio alle cosiddette seconde linee.

«Oss ha un problema fisico così come Covilo che ha subito un piccolo intervento al piede, tutti gli altri dovrebbero essere a disposizione – ha spiegato il tecnico bianconero nella conferenza stampa della vigilia –. L'intenzione è di lasciare a riposo qualche giocatore e portare in Vallese gli elementi che finora hanno avuto meno spazio, non per snobbare il Monthey ma per sfruttare la nostra rosa ampia e dare chance a chi ha giocato meno negli ultimi tempi».

Il 58enne bernese ha quindi confermato che in Coppa dovrebbero trovare spazio dal primo minuto elementi come il portiere «Osigwe, Guidotti, Macek, Lungoyi, Opara, Gerndt, Facchinetti e altri», ma ha anche tenuto a sottolineare come «non è una squadra di ripiego ma una formazione che può farsi valere. Sappiamo come la Coppa riduce le differenze e in partite di questo genere, oltre alla qualità, conta la mentalità. Anzi è la caratteristica principale, voler a tutti i costi decidere la partita al più presto per non andare incontro a difficoltà: sappiamo che quando una cosa inizia male poi finisce peggio, per cui mi aspetto serietà e grande responsabilità».

Sul tipo di partita che i suoi giocatori dovranno affrontare, "Jaco" ha le idee chiare... «Sappiamo che loro la metteranno sul fisico e noi anche sul quel piano dobbiamo essere superiori. La qualità fa la differenza solo se il resto degli ingredienti viene messo in campo. In ogni caso non farò una teoria importante sull’avversario anche perché del Monthey conosciamo poco. Quello che mi interessa è come si comporta la mia squadra. Mi importa far capire ai ragazzi che hanno una responsabilità nei confronti della società e di chi ha passato il turno contro lo Sciaffusa: ricordiamo che non fu facile, l’abbiamo vinta all’ultimo istante dei supplementari (gol qualificazione di Covilo al 117', ndr). La Coppa è una cosa importante da non prendere alla leggera, non rientra nella mia mentalità e non voglio nemmeno vedere i miei giocatori snobbare l’avversario».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved