laRegione
quarantena-soft-quale-ancora-di-salvezza
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
9 ore

Lo Young Boys torna con tre punti dalla nebbia di Sofia

Grazie a una rete di Nsame i bernesi si impongono 1-0 contro il Cska Sofia e mantengono vive le speranze di passaggio del turno nel girone A di Europa League
Sci
11 ore

Lara Gut-Behrami sale sul podio nel parallelo di Lech

Nella gara vinta dalla solita Vlhova la ticinese si è fermata nei quarti contro l'americana Moltzan, prima di chiudere terza superando la svedese Hector
Calcio
13 ore

Posata a Zurigo una targa commemorativa per Köbi Kuhn

A un anno dalla morte dell'ex allenatore della nazionale svizzera, la città sulla Limmat ha inaugurato un'insegna sulla casa dove è cresciuto
Hockey
14 ore

Ciaccio pronto per la prima contro i suoi ex compagni

'Promosso' a titolare fisso dall'infortunio di Conz, il 31enne mantiene i piedi per terra: 'Voglio garantire alla squadra le chance di vincere'
Formula 1
14 ore

A Bahreïn, Robert Kubica torna al volante di Alfa Romeo

Il 35enne polacco piloterà la monoposto del finlandese Kimi Raikkonen nella prima sessione di prove libere
Altri sport
16 ore

Sci di fondo: Dario Cologna può piazzare ancora qualche acuto

Con un mini tour di tre giorni prende il via nel weekend in Finlandia la stagione. Per il 34enne grigionese sarà il 15° anno in Coppa del Mondo.
Calcio
22 ore

Un milione di persone attese per 'el Pibe de Oro'

La salma del campione argentino Diego Armando Maradona sarà esposta in camera ardente nel palazzo presidenziale Casa Rosada di Buenos Aires
GOLF
1 gior

Il gesto di Mickelson: mezzo milione all'università

E la generosità del golfista non è isolata: Barkley, Curry e Manning si schierano a sostegno di altri atenei storicamente frequentati da studenti neri
BASKET
1 gior

Alle Tigri il campionato torna a sorridere

Dopo quattro sconfitte contro le migliori della classe il Lugano festeggia il successo ai danni del Monthey.
AUTOMOBILISMO
1 gior

Riecco la Dakar. 'Avrà un percorso più tecnico'

Presentata l'edizione 2021, la 43esima della serie, che prenderà il via il 3 gennaio. Castera: 'Su un tracciato inedito nella misura del 90 per cento'
Calcio
1 gior

Antonio Cabrini: 'Maradona immarcabile e con un cuore grande'

Il Campione del Mondo 1982 a laRegione: 'Straordinario. A Napoli si prese sulle spalle una squadra e la sua città senza mai chiedere nulla in cambio'.
CALCIO
1 gior

Un campione, mille contraddizioni

Solo in Argentina è possibile capire la simbiosi che ha legato Maradona alla sua gente
GALLERY
Hockey
1 gior

Ecco il Niederreiter 2.0. 'Troverò nuovi modi per segnare'

La stella grigionese dei Carolina Hurricanes ha stravolto la sua estate nel tentativo di fare un passo in più nella sua carriera. 'Dovevo pur provare qualcosa'
Gallery
Calcio
1 gior

L'Argentina si ferma: è morto Maradona

Un arresto cardiorespiratori ha messo fine alla vita del miglior calciatore di tutti i tempi. Aveva sessant'anni. Una cavalcata folle tra eccessi e trionfi
Calcio
1 gior

L'Uefa infligge lo 0-3 a tavolino all'Ucraina, Svizzera salva

La Nazionale rossocrociata conserva il posto nella Lega A della Nations League
Tennis
1 gior

Il Masters 1000 di Madrid durerà due settimane

Dal 27 aprile al 9 maggio l'edizione 2021 dell'unico torneo Atp Masters 1000 e Wta Premier Mandatory che si disputa in Europa
Calcio
1 gior

Lewandowski a caccia della doppietta di premi

Già premiato dall'Uefa, il polacco che con i suoi gol ha trascinato il Bayern alla Champions è tra i finalisti del miglior giocatore Fifa dell'anno
Calcio
2 gior

Champions, agli ottavi Barcellona, Juve, Chelsea e Siviglia

Avanti due squadre spagnole, un'italiana e una inglese: caduti di martedì i primi verdetti nella competizione europea per club
Calcio
2 gior

Finalmente vittoria, e il Chiasso ritrova il sorriso

All'ottavo tentativo i rossoblù di Raineri festeggiano il primo successo, battendo lo Xamax grazie a un rigore di Sifneos. 'Meritavamo i tre punti'
Gallery
Hockey
2 gior

Al Lugano bastano due gol per domare il Ginevra

Alla Cornèr Arena i bianconeri centrano il loro quarto successo consecutivo. Per la prima volta in stagione l'attacco del Servette non segna
CALCIO
30.10.2020 - 17:320

Quarantena soft quale àncora di salvezza

Rinviata Lugano - Young Boys. Michele Campana: 'Se il Governo vuole che lo sport prosegua deve garantirci le condizioni quadro'

Lugano - Young Boys di domenica 1º novembre è rinviata a data da destinarsi. L'attesa decisione della Swiss Football League, dopo i due casi di positività e le sei quarantene tra i bianconeri, è giunta ieri nel primo pomeriggio, ma che i campioni svizzeri non sarebbero scesi a Cornaredo era diventato chiaro subito dopo i risultati dei test, con Osingwe positivo al fianco di Bottani, e Oss, Sabbatini, Baumann, Odgaard, De Queiroz e Jovanovic costretti all'isolamento... «Nel complesso, ci è ancora andata bene – commenta Maurizio Jacobacci –, perché al di là di Bottani e Osigwe tutti gli altri possono continuare ad allenarsi, per quanto all'interno di una bolla, quindi in modo separato. Di questo dobbiamo ringraziare il medico cantonale Giorgio Merlani, perché altre realtà della Super League, penso ad esempio al Vaduz, sono messe molto peggio, con il confinamento dell'intera squadra».

Il Lugano, dunque, dovrebbe tornare in campo sabato prossimo a Losanna. Il condizionale, però, è d'obbligo, alla luce dei sempre più numerosi casi di positività riscontrati nello sport. Una situazione che non può non preoccupare il direttore generale bianconero Michele Campana... «Rispettiamo le decisioni delle autorità sanitarie, per quanto il club si sia attenuto rigorosamente a quanto riportato nel concetto di protezione a suo tempo approvato. È però chiaro che a queste condizioni ben difficilmente si potrà andare avanti a lungo. Il Governo spinge affinché si prosegua la competizione perché non vuole metterci al beneficio del lavoro ridotto e punta giustamente a evitare un altro lockdown totale, ma per andare avanti occorrono le condizioni quadro. Stiamo camminando sulle sabbie mobili, ogni volta che un giocatore ha un raffreddore restiamo sul chi vive per due giorni, se qualcuno risulta positivo perdiamo tre o quattro giorni di lavoro: l'incertezza è davvero troppa. Quando in un weekend ci ritroviamo ad avere una sola partita di Super League (Sion e Vaduz erano già in quarantena, mentre oltre a Lugano - Yb è stata rinviata anche Servette - Zurigo per la positività di otto ginevrini, ndr) occorre davvero porsi delle domande».

I conti senza l'oste

C'è un peccato originale in tutta questa situazione... «Ed è rappresentato dalla mancanza di un protocollo che tuteli il prosieguo del campionato e che tratti in maniera differente alcuni sportivi professionisti, in particolare quelli di calcio e hockey. È assolutamente prioritario giungere a una soluzione condivisa da tutti i medici cantonali, in modo da poter attuare, in caso di positività, la cosiddetta quarantena light, con la quale vengono isolati soltanto i casi positivi, mentre tutti gli altri possono proseguire a svolgere la loro attività. Anche perché nessuno sa quanto forte e quanto lunga sarà questa seconda ondata. Da parte nostra c'è la ferma volontà di portare a termine tutte e 36 le partite, di rispettare i contratti con gli sponsor, con le televisioni e anche di accettare l'assenza del pubblico, ma per poter andare avanti dobbiamo ricevere una contropartita. E l'unica certezza è rappresentata da un protocollo chiaro».

Protocollo che, a dire il vero, sembrava essere stato trovato già prima dell'inizio del campionato... «Il problema è che la Lega ha fatto i conti senza l'oste. L'inghippo è legato al federalismo e alla legge sulle pandemie. Nelle situazioni particolari, le competenze spettano ai cantoni e l'Ufficio federale della sanità pubblica non può imporre ai medici cantonali una visione unicova. La fregatura, però, è che quando si arriva alla situazione straordinaria, come era stato il caso in primavera, si è già in una condizione di lockdown, con tutte le attività ferme, calcio compreso. Manca una via di mezzo e credo che se questa via non è stata trovata, significa che chi sta ai vertici non ha svolto bene i suoi compiti».

Sta alla Swiss Football League, insomma, prendersi carico del contesto... «Capisco che sia molto difficile trovare delle soluzioni, in caso contrario il problema sarebbe già stato risolto. La pandemia è in continua evoluzione e forse in estate ci eravamo illusi troppo presto che il peggio fosse alle spalle. Dal profilo etico, come da quello finanziario, sarebbe impensabile costringere i giocatori a vivere nella bolla di un hotel, oppure sottoporli a continui test come viene fatto in altre realtà: l'unica strada percorribile è quella di trovare un accordo per una quarantena light, con le buone o con le... cattive».

Vale a dire? «Bisogna spingere chi siede nelle posizioni di vertice ad approvare un protocollo soft per gli sportivi professionisti. Nei prossimi giorni qualcosa dovrà per forza accadere, i club discuteranno tra di loro per capire verso quale direzione muoversi. Probabilmente è giunto il momento di fare pressione sul Consiglio federale, sperando in un'unione di intenti – fino ad ora realizzatasi – tra il mondo del calcio e quello dell'hockey: volete che l'attività continui, non ci concedere aiuti diretti, ci permettete di contrarre debiti (un aiuto sì, ma solo fino a un certo punto), cercate evitare un lockdown, ma allora dovete venirci incontro e trovare una soluzione ad hoc. In caso contrario ci ritroveremo ogni settimana con una partita su cinque in calendario, con un danno enorme che andrebbe ad aggravare ancor di più una situazione finanziaria già precaria. Stiamo camminando su un filo e ci rendiamo conto, alla luce dei tassi di infezione e di una percentuale di positività vicina al 30%, che il contagio di giocatori diventa praticamente inevitabile, nonostante la rigida attuazione dei protocolli di sicurezza. Siamo a un bivio: o lo sport prosegue, oppure si ferma. Ma se deve proseguire, occorre accettare che i professionisti di determinati campionati non vengano trattati come un normale cittadino».

Lo sport per evitare la depressione

La Lega di hockey ha fatto sapere che fino a dicembre l'attività andrà avanti. La Swiss Football League non ha per ora preso posizione... «Si tratta di due sport che vivono in un contesto differente. L'hockey è poco influenzato da calendari e federazioni internazionali e quest'anno è pure stata annullata la Champions League, per cui le decisioni possono essere prese in maniera autonoma. Il calcio, invece, è confrontato con un calendario internazionale molto fitto, con un mercato che apre e chiude in date precise, con una Uefa impegnata a cercare di coordinare il tutto affinché non vi siano federazioni che decidano di interrompere da un giorno all'altro i loro campionati, causando un danno a tutto il sistema calcio. Si tratta di situazioni chiaramente diverse».

L'ultima parola al tecnico maurizio Jacobacci... «È importante che il campionato prosegua. Non dobbiamo lasciarci terrorizzare dal virus, nonostante tutte le brutte notizie che ci stanno piovendo addosso. Lo sport svolge anche una funzione terapeutica per tutti coloro che amano questa o quella disciplina. Un blocco delle attività rischierebbe di portarli verso la depressione».

CALCIO: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved