lugano-esordio-con-i-fiocchi
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
2 ore

Roland Koeman esonerato, è giunta l’ora di Xavi?

Il Barcellona si è separato dal tecnico olandese dopo la sconfitta con il Rayo Vallecano. L’ex centrocampista blaugrana tra i favoriti per la successione
Calcio
15 ore

Kwadwo Duah infrange il sogno del Chiasso

I rossoblù ci credono ma l’exploit di Coppa sfuma al supplementare. La soddisfazione di Vitali: ‘Sono orgoglioso della prestazione offerta dai ragazzi’
Gallery
Calcio
17 ore

Croci-Torti: ‘Emozioni fortissime e un po’ di commozione’

Celar e Amoura firmano il 2-1 ai danni dello Young Boys che vale il passaggio ai quarti di Coppa contro il Thun. Il Crus: ‘Dedicata a Cao’
RUGBY
17 ore

La demenza dopo le botte alla testa. ‘Ora sono spaventato’

Il racconto di Bobbie Goulding e di altri ex campioni vittime dei colpi ricevuti in campo. ‘Trattati come pezzi di carne, non come degli esseri umani’
Hockey
18 ore

È il momento del ritorno di Arno Del Curto. Con l’Austria

L‘ormai sessantacinquenne tecnico grigionese fungerà da assistente a Roger Bader nel quadrangolare di Jesenice. ‘Sono felice che voglia darci una mano’
VELA
19 ore

Vendée Globe, Alan Roura e il mecenate che fabbrica i sogni

Alla sua terza campagna intorno al mondo, il ginevrino sarà al timone di Hugo Boss 7, l’Imoca da 4 milioni ricevuta in dono da un personaggio misterioso
GINNASTICA
22 ore

Hitomi lascia l’ospedale. Sulle proprie gambe

La ventunenne giapponese era caduta mentre si allenava in vista della finale dei Mondiali. ‘Sono dispiaciuta di non aver potuto soddisfare le aspettative’
Hockey
22 ore

Zugo, Dario Simion sotto i ferri

L’attaccante valmaggese è stato operato a una gamba, dopo essersi tagliato martedì con un pattino di un avversario. Dovrà star fuori all’incirca due mesi
Hockey
1 gior

McSorley padrone a Sierre, non in pista ma con la pista

L’allenatore canadese del Lugano guida una cordata che ha firmato due lettere d’intenti con club e città vallesani per la costruzione di un nuovo impianto
Calcio
1 gior

Il difensore del Bayern Monaco Lucas Hernandez evita il carcere

Il Tribunale Provinciale di Madrid ha accolto il ricorso del calciatore, sospendendo l’esecuzione della pena di sei mesi per maltrattamenti
Tennis
1 gior

Tra Djokovic e l’Australian Open c’è Victoria

Lo Stato di cui Melbourne è capitale ha escluso di accordare un permesso speciale ai giocatori non vaccinati, tra i quali ci sarebbe anche il serbo
Gallery
Calcio
1 gior

Spycher assicura: ‘Niente cali di tensione da parte dell’Yb’

Impegnato su tre fronti, lo Young Boys è ospite domani sera del Lugano per la Coppa. Il diesse giallonero: ‘Questo torneo permette di vincere un titolo’
Hockey
1 gior

L’Ambrì ritrova i tre punti. ‘E la grinta che era mancata’

Trascinati da Bürgler, i biancoblù tornano a sorridere a spese del Langnau. ’Quando segni ti festeggiano, ma io sono felice per Johnny e André’
Hockey
1 gior

‘Questa boccata d’ossigeno ci voleva proprio’

Calvin Thürkauf torna sul successo (in scioltezza) del Lugano alla Cornèr Arena a spese dell’Ajoie
Hockey
1 gior

Contro l’Ajoie, i bianconeri calano il poker

Senza strafare, il Lugano mette sotto i giurassiani: alla Cornèr Arena finisce 4-1
CALCIO
19.09.2020 - 20:570
Aggiornamento : 22:10

Lugano, esordio con i fiocchi

Gran bel primo tempo dei bianconeri che mettono sotto il Lucerna. Nella ripresa, rimasti in dieci (espulso Lungoyi) devono stringere i denti

Signori, giù il cappello davanti all’esordio del Lugano nella nuova stagione di Super League. I bianconeri di Jacobacci hanno fatto un sol boccone del Lucerna e portato a 12 la striscia di risultati positivi conseguiti a Cornaredo. Il primo tempo è stato pressoché perfetto, con due reti, almeno altre tre clamorose occasioni e un controllo quasi assoluto della situazione. Soltanto nella ripresa, una volta rimasti in dieci per l'espulsione di Lungoyi al 69' (era in campo da 3'!), i bianconeri sono stati costretti a gestire la situazione, correndo alcuni rischi (il palo di Sidler al 75'), ma capitolando soltanto al 91' (testa di Ndiaye). Qualcuno potrà argomentare sulla pochezza proposta dagli uomini di Celestini, ma se il Lucerna è parso poca cosa è anche merito dei bianconeri. «Posso solo essere orgoglioso di questa squadra – afferma Maurizio Jacobacci in conferenza stampa –. Abbiamo disputato un ottimo primo tempo e siamo stati sul pezzo pure nei primi 15' della ripresa, nonostante di fronte avessimo una squadra forte fisicamente. Siamo però sempre riusciti a metterli in difficoltà, con trame di gioco anche spettacolari. Peccato per l'espulsione, provvedimento che mi è sembrato severo, ma godiamoci pure questa bella vittoria, pur rimanendo con i piedi per terra».

Un primo tempo coperto dagli applausi

Con una squadra rodata, del tutto simile a quella che tanto bene aveva chiuso lo scorso campionato (Osigwe e Guerrero le uniche novità), il Lugano ha subito ritrovato il bandolo del suo gioco, con ficcanti azioni ad ampio respiro, sempre alla ricerca della verticalità. La solidità della difesa è cosa conosciuta (buono l’esordio di Osigwe, sicuro negli interventi e deciso nel dirigere il reparto), mentre a centrocampo Lovric e Sabbatini hanno riservato lampi di classe (per tutti l’assist di tacco dell’uruguaiano a favore di Bottani per il 2-0, pezzo di bravura sufficiente a ripagare il biglietto d'ingresso). Davanti sono andati in rete sia Gerndt (20', conclusione dal limite, con goffo intervento di Zibung), sia Bottani (32' piattone da centroarea a concretizzare quella che è forse stata l’azione più spettacolare dei primi 45').

Un primo tempo perfetto, tanto che al ritorno negli spogliatoi la squadra è stata osannata con uno scrocio di applausi, invero inusuali a Cornaredo... «Li abbiamo sentiti, eccome – conferma Mattia Bottani –. E ci hanno dato una carica supplementare, tant'è che tornati in campo abbiamo subito sfiorato la terza rete in almeno due circostanze. Avremo bisogno di questo sostegno anche quando le cose andranno magari meno bene».

L'espulsione ha cambiato la ripresa

Nella ripresa, dopo un 3 contro 1 clamorosamente fallito da Bottani, l'espulsione di Lungoyi ha costretto la squadra a rivedere i suoi piani e a badare soprattutto ad amministrare il risultato. Compito svolto piuttosto bene, al di la del gol di Ndiaye. Ma a voler trovare il pelo nell'uovo, la partita andava chiusa già nel primo tempo, tutt'al più nei primi 15' della ripresa, tanto per non finire, una volta tanto, con il cuore in gola. Resta il fatto che in gol sono andati i due attaccanti, constatazione che non può che far felice Jacobacci... «Il gol di Gerndt è stato un fulmine che ha freddato il portiere, ma lo ha sempre detto: "Se non tiri non puoi segnare". Oggi ci ha provato da lontano e, dotato com'è di una buona castagna, ha fatto centro. L'azione del secondo gol è stata stupenda, con il tacco di Sabbatini a liberare Bottani. Il quale, non so se ve ne siete accorti, ha segnato di sinistro. Certo, se dovesse arrivare un altro attaccante lo accoglieremmo con piacere, perché la concorrenza è sempre improntante. Ciò detto, concentriamoci su coloro che al momento fa parte della rosa e diamo loro fiducia».

Il gol del 2-0 potrebbe permettere a Mattia Bottani di ritrovare quella fiducia venuta meno la scorsa stagione, anche a causa dell'infortunio che lo aveva a lungo tenuto lontano dal campo... «Mi aiuterà a liberarmi dei cattivi pensieri avuti in questi mesi, dopo l'infortunio e la stagione non brillante dell'anno scorso. Potrò lavorare in maniera più serena per cercare di dare continuità alle mie prestazioni. Ma soprattutto, questi tre punti garantiranno alla squadra serenità e morale».

Rispetto all'anno scorso il Lugano ha cambiato poco, anzi pochissimo. E in campo si è visto sin dai primi minuti... «Non dimentichiamo – aggiunge Jacobacci – che sono comunque partiti diversi giocatori, da Yao a Aratore, da Yanga a Pavlovic, da Untersee a Jefferson, tutti uomini che non avevano giocato moltissimo, ma che avevano fornito il loro prezioso contributo. È altresì vero che la continuità è importante, fa sì che la squadra possa continuare a crescere partendo da una situazione di stabilità già acquisita. A volte siamo stati criticati per la mancanza di gioco o per l'eccessivo difensivismo, ma non bisogna pensare che a me non piaccia giocare in maniera offensiva: non dobbiamo però dimenticare che siamo qui in primo luogo per essere concreti e fare risultato. Il fatto che a volte rimaniamo un po' più bassi non significa che non si possa comunque far male all'avversario. I risultati danno serenità, tranquillità, rendono più piacevole il lavoro quotidiano».

Se è vero che chi ben comincia è a metà dell’opera, la stagione del Lugano si prospetta densa di soddisfazioni, soprattutto se i bianconeri sapranno chiudere in anticipo e senza affanni partite che per un’ora hanno chiaramente dominato.

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved