Cremonese
0
Lecce
2
2. tempo
(0-0)
OTTE O. (GER)
Wawrinka S. (SUI)
17:15
 
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
3 ore

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
16 ore

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
16 ore

Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’

I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
Tennis
17 ore

Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1

Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
18 ore

Ambrì, una sconfitta che non ci voleva

La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
18 ore

Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti

Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
CALCIO
22 ore

Il nuovo ‘Nacho’ ha sete di riscatto

Dopo un anno difficile sul piano personale e deludente in campo, Ignacio Aliseda è tornato sereno: ‘Voglio mostrare al Lugano tutte le mie qualità’
Formula 1
23 ore

La Ford torna in Formula 1 con la Red Bull

Il costruttore automobilistico statunitense fra tre anni farà ritorno nel Circus che aveva abbandonato nel 2004
sci nordico
23 ore

A Dobbiaco cade Nadine Fähndrich

La lucernese fuori in semifinale (come Valerio Grond tra gli uomini) e perde la testa della Coppa del mondo di sprint
ATLETICA
1 gior

Sepulveda Moreira e Tahou brillano nei 60 metri

Ai campionati ticinesi di sprint e ostacoli che a Locarno hanno chiuso la stagione indoor
Basket
1 gior

Domenica di festa per la Sam, per il Lugano invece cerotti

A Nosedo arriva il Monthey, nel pomeriggio in cui verrà celebrato il trionfo in Coppa. I Tigers, invece, vanno a Nyon. ‘Siamo in emergenza’
unihockey
1 gior

Il Ticino è ai playoff ‘e non era evidente’

I rossoblù di capitan Monighetti hanno chiuso settimi la regular season, ora nei quarti c’è l’Obvaldo: ‘Avversario giocabile, ciò che viene, viene’
OLIMPIADI
1 gior

La posizione di Washington: ‘Sì ai russi, ma senza bandiera’

Anche gli americani dicono la loro sulla presenza degli atleti di Russia e Bielorussia a Parigi. ‘Dev’essere chiaro che non rappresentano il loro Paese’
CALCIO
laR
 
07.09.2020 - 15:09
Aggiornamento: 20:21

'Swiss Style', il marchio della Nazionale

Con un punto in due partite di Nations League la Svizzera è stata mal ripagata, ma ha mostrato di sapere dove vuole andare e la direzione da pendere

swiss-style-il-marchio-della-nazionale

Un solo punticino in due partite, contro l'Ucraina (sconfitta 2-1) e la Germania (1-1), è quasi una miseria per la Nazionale svizzera al debutto della seconda edizione di Nations League. Perché i risultati non rispecchiano quanto mostrato in campo (soprattutto contro i tedeschi) da una squadra che ha mostrato sensibili progressi sul piano della manovra. La Svizzera sta costruendo un suo stile di gioco e questo rappresenta un aspetto molto positivo dell'evoluzione vissuta negli ultimi anni. Le idee, che Petkovic dimostra di avere e che il gruppo è disposto a seguire, rappresentano la base per la costruzione di un'identità. Senza idee, nel calcio non c'è futuro: non sai dove vai, quale direzione prendere e perché. Dubbi che non sono mai un buon auspicio.

Contro Ucraina e Germania, la Svizzera ha mostrato di saper tener fede al suo stile, che vede l'avversario non tanto come una variabile alla quale doversi adattare, quanto come un elemento da tenere in considerazione per poter recitare al meglio la propria parte. Ci si poteva immaginare che dieci mesi di forzata pausa potessero aver fatto scivolare più di un granello di polvere negli ingranaggi di Petkovic. Un timore che le due partite hanno dissipato, nella qualità della prestazione se non nel risultato.

Un allenatore orgoglioso

«Sono orgoglioso della prestazione della mia squadra – ha affermato domenica Vladimir Petkovic –. E non solo per quanto mostrato contro la Germania, perché questa non era che il punto finale di una settimana di lavoro, nel corso della quale ci siamo preparati molto bene e abbiamo tratto giovamento dall'essere tornati trascorrere del tempo assieme». Come se tra Gibilterra (novembre 2019) e Ucraina (settembre 2020), non fossero trascorsi nove mesi: nonostante le assenze di peso (Xherdan Shaqiri, Fabian Schär, Denis Zakaria, Admir Mehmedi), la Svizzera ha ripreso da dove aveva lasciato, aggiungendo ulteriori colori alla sua tavolozza del suo gioco. A mancare è stato davvero soltanto il risultato.

Ma questo è un privilegio che la Nations League concede: potersi mettere alla prova contro avversari di primo livello, in grado da fungere da cartina di tornasole per eventuali esperimenti tecnico-tattici, senza dover mettere tutto in discussione nel caso in cui il risultato non dovesse premiare il lavoro svolto. Vladimir Petkovic lo ha capito fin dalla prima edizione di due anni fa ed è intenzionato a continuare a sfruttare questa opportunità: la Nations League è la competizione ideale per aiutare la progressione del gruppo.

Da giovedì a domenica il miglioramento è stato visibile a occhio nudo. «Alla luce della prestazione offerta, il punto con la Germania rappresenta la ricompensa minima – ha sottolineato Petkovic al termine sfida di Basilea –. Non è scontato che da una partita all'altra si possa migliorare in modo così sensibile. L'importante è sentire di aver dato il massimo. In Ucraina non siamo riusciti a farlo per 90 minuti, con la Germania, nonostante le difficoltà incontrate in avvio, siamo stati in grado dare il massimo per il resto della partita».

Il pressing come nuova identità

I fatti parlano da soli, sono matematica. Dopo l'unico tiro in porta a Leopoli – il gol di Haris Seferovic –, contro i campioni del mondo 2014 ve ne sono stati sei. In particolare, è migliorata e di molto la qualità delle occasioni create. Una situazione figlia anche del diverso approccio della formazione di Shevchenko rispetto a quella di Löw, più propensa a concedere qualche spazio quale conseguenza del pressing molto alto sull'uscita di palla dell'avversario. Nonostante la pressione tedesca, la Svizzera ha saputo rimanere sè stessa, iniziando il possesso palla già all'interno della sua area di rigore, come ha sempre cercato di fare da quando al timone c'è Petkovic. E quando proprio non era possibile uscire palla al piede, gli elvetici hanno dimostrato di sapersi appoggiare sulle palle lunghe, molto ben gestite a centrocampo, in particolare da Haris Seferovic.

Soprattutto, e questa è stata probabilmente la lezione principale di questa settimana settembrina, la Nati ha deciso che d'ora in poi eserciterà molta, molta pressione. Almeno fino a quando il fisico reggerà, non importa contro quale avversario. L'Ucraina e la Germania hanno perso alcuni palloni importanti nella loro metà campo, proprio perché la Svizzera aveva deciso di pressare in maniera coordinata, accettando l'uno contro uno su tutto il campo e mettendo in conto la possibilità di farsi trovare un po' scoperti sulle eventuali ripartenze. Una filosofia che andrà sottoposta alla prova del nove in ottobre nella trasferta in Spagna. Nella speranza che la prestazione sia finalmente premiata anche dal risultato. «Vedo il bicchiere mezzo vuoto – ha commentato un esigente Petkovic –. Nelle prossime partite, dovremo cercare di riempirlo un po'».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved