Real Madrid
1
Manchester City
2
fine
(0-0)
Lyon
1
Juventus
0
fine
(1-0)
La Chaux de Fonds
3
Ajoie
9
fine
(2-1 : 0-3 : 1-5)
Turgovia
1
Visp
4
fine
(1-2 : 0-1 : 0-1)
Real Madrid
CHAMPIONS UEFA
1 - 2
fine
0-0
Manchester City
0-0
 
 
29'
MENDY BENJAMIN
VALVERDE FEDERICO
48'
 
 
MODRIC LUKA
54'
 
 
1-0 SUAREZ FRANCISCO
60'
 
 
 
 
78'
1-1 JESUS GABRIEL
 
 
83'
1-2 DE BRUYNE KEVIN
RAMOS SERGIO
86'
 
 
MENDY BENJAMIN 29'
48' VALVERDE FEDERICO
54' MODRIC LUKA
60' 1-0 SUAREZ FRANCISCO
JESUS GABRIEL 1-1 78'
DE BRUYNE KEVIN 1-2 83'
86' RAMOS SERGIO
First leg.
Venue: Santiago Bernabeu.
Turf: Natural.
Capacity: 80,000.
Referee: Daniele Orsato (ITA).
Assistant referees: Lorenzo Manganelli (ITA), Alessandro Giallatini (ITA).
Fourth official: Daniele Doveri (ITA).
Video Assistant Referee: Massimiliano Irrati (ITA).
Assistant Video Assistant Referee: Ciro Carbone (ITA).
Sidelined Players: REAL MADRID - Hazard, Asensio (Injured).
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:59
Lyon
CHAMPIONS UEFA
1 - 0
fine
1-0
Juventus
1-0
MARCELO FILHO
28'
 
 
1-0 TOUSART LUCAS
31'
 
 
CORNET MAXWEL
61'
 
 
28' MARCELO FILHO
31' 1-0 TOUSART LUCAS
61' CORNET MAXWEL
First leg.
Venue: Groupama Stadium.
Turf: Natural ( AirFibr hybrid grass).
Capacity: 57,261.
Referee: Jesus Gil Manzano (ESP).
Assistant referees: Diego Barbero (ESP), Angel Nevado (ESP).
Fourth official: Guillermo Cuadra Fernandez (ESP).
Video Assistant Referee: Juan Martinez Munuera (ESP).
Assistant Video Assistant Referee: Ricardo de Burgos (ESP).
Sidelined Players: LYON - Adelau00efde, Depay, Kone, Rafael (Injured).
JUVENTUS - Douglas Costa (Injured).
Second leg in Turin, Italy on 17 March 2020.
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:59
La Chaux de Fonds
LNB
3 - 9
fine
2-1
0-3
1-5
Ajoie
2-1
0-3
1-5
 
 
2'
0-1 THIBAUDEAU
1-1 COFFMAN
9'
 
 
2-1 DUBOIS
17'
 
 
 
 
26'
2-2 DEVOS
 
 
29'
2-3 SCHMUTZ
 
 
37'
2-4 STAIGER
3-4 CARBIS
41'
 
 
 
 
42'
3-5 HAZEN
 
 
52'
3-6 HUBER
 
 
54'
3-7 HUBER
 
 
55'
3-8 HAZEN
 
 
60'
3-9 CASSERINI
THIBAUDEAU 0-1 2'
9' 1-1 COFFMAN
17' 2-1 DUBOIS
DEVOS 2-2 26'
SCHMUTZ 2-3 29'
STAIGER 2-4 37'
41' 3-4 CARBIS
HAZEN 3-5 42'
HUBER 3-6 52'
HUBER 3-7 54'
HAZEN 3-8 55'
CASSERINI 3-9 60'
HC AJOIE leads series 3-1.
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:59
Turgovia
LNB
1 - 4
fine
1-2
0-1
0-1
Visp
1-2
0-1
0-1
 
 
15'
0-1 HAUETER
1-1 MEROLA
18'
 
 
 
 
19'
1-2 HOFSTETTER
 
 
30'
1-3 WIEDMER
 
 
60'
1-4 BURGENER
HAUETER 0-1 15'
18' 1-1 MEROLA
HOFSTETTER 1-2 19'
WIEDMER 1-3 30'
BURGENER 1-4 60'
EHC VISP leads series 3-1.
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:59
Real Madrid
1
Manchester City
2
fine
(0-0)
Lyon
1
Juventus
0
fine
(1-0)
La Chaux de Fonds
3
Ajoie
9
fine
(2-1 : 0-3 : 1-5)
Turgovia
1
Visp
4
fine
(1-2 : 0-1 : 0-1)
Real Madrid
CHAMPIONS UEFA
1 - 2
fine
0-0
Manchester City
0-0
 
 
29'
MENDY BENJAMIN
VALVERDE FEDERICO
48'
 
 
MODRIC LUKA
54'
 
 
1-0 SUAREZ FRANCISCO
60'
 
 
 
 
78'
1-1 JESUS GABRIEL
 
 
83'
1-2 DE BRUYNE KEVIN
RAMOS SERGIO
86'
 
 
MENDY BENJAMIN 29'
48' VALVERDE FEDERICO
54' MODRIC LUKA
60' 1-0 SUAREZ FRANCISCO
JESUS GABRIEL 1-1 78'
DE BRUYNE KEVIN 1-2 83'
86' RAMOS SERGIO
First leg.
Venue: Santiago Bernabeu.
Turf: Natural.
Capacity: 80,000.
Referee: Daniele Orsato (ITA).
Assistant referees: Lorenzo Manganelli (ITA), Alessandro Giallatini (ITA).
Fourth official: Daniele Doveri (ITA).
Video Assistant Referee: Massimiliano Irrati (ITA).
Assistant Video Assistant Referee: Ciro Carbone (ITA).
Sidelined Players: REAL MADRID - Hazard, Asensio (Injured).
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:59
Lyon
CHAMPIONS UEFA
1 - 0
fine
1-0
Juventus
1-0
MARCELO FILHO
28'
 
 
1-0 TOUSART LUCAS
31'
 
 
CORNET MAXWEL
61'
 
 
28' MARCELO FILHO
31' 1-0 TOUSART LUCAS
61' CORNET MAXWEL
First leg.
Venue: Groupama Stadium.
Turf: Natural ( AirFibr hybrid grass).
Capacity: 57,261.
Referee: Jesus Gil Manzano (ESP).
Assistant referees: Diego Barbero (ESP), Angel Nevado (ESP).
Fourth official: Guillermo Cuadra Fernandez (ESP).
Video Assistant Referee: Juan Martinez Munuera (ESP).
Assistant Video Assistant Referee: Ricardo de Burgos (ESP).
Sidelined Players: LYON - Adelau00efde, Depay, Kone, Rafael (Injured).
JUVENTUS - Douglas Costa (Injured).
Second leg in Turin, Italy on 17 March 2020.
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:59
La Chaux de Fonds
LNB
3 - 9
fine
2-1
0-3
1-5
Ajoie
2-1
0-3
1-5
 
 
2'
0-1 THIBAUDEAU
1-1 COFFMAN
9'
 
 
2-1 DUBOIS
17'
 
 
 
 
26'
2-2 DEVOS
 
 
29'
2-3 SCHMUTZ
 
 
37'
2-4 STAIGER
3-4 CARBIS
41'
 
 
 
 
42'
3-5 HAZEN
 
 
52'
3-6 HUBER
 
 
54'
3-7 HUBER
 
 
55'
3-8 HAZEN
 
 
60'
3-9 CASSERINI
THIBAUDEAU 0-1 2'
9' 1-1 COFFMAN
17' 2-1 DUBOIS
DEVOS 2-2 26'
SCHMUTZ 2-3 29'
STAIGER 2-4 37'
41' 3-4 CARBIS
HAZEN 3-5 42'
HUBER 3-6 52'
HUBER 3-7 54'
HAZEN 3-8 55'
CASSERINI 3-9 60'
HC AJOIE leads series 3-1.
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:59
Turgovia
LNB
1 - 4
fine
1-2
0-1
0-1
Visp
1-2
0-1
0-1
 
 
15'
0-1 HAUETER
1-1 MEROLA
18'
 
 
 
 
19'
1-2 HOFSTETTER
 
 
30'
1-3 WIEDMER
 
 
60'
1-4 BURGENER
HAUETER 0-1 15'
18' 1-1 MEROLA
HOFSTETTER 1-2 19'
WIEDMER 1-3 30'
BURGENER 1-4 60'
EHC VISP leads series 3-1.
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:59
In posa con la Coppa Svizzera conquistata nel 1968 (fclugano.com)
Calcio
15.02.2020 - 11:300

In ricordo di Remo, il gentiluomo

Pullica è stato una bandiera del Lugano degli Anni 60. Con cui vinse la Coppa Svizzera nel 1968

L’avventura ticinese di Pullica era incominciata a Locarno dove Remo, in arrivo da Carpi e già membro della rosa della nazionale olimpica italiana, era capitato, non si sa bene per quale motivo, agli inizi degli Anni 60. Forse perché, a quel tempo, c’era già un suo conterraneo che giocava nell’Fc Locarno, il portiere Meschieri. Gli anni di Locarno furono belli, indimenticabili, pieni di ricordi e di aneddoti curiosi. Raccontava, Remo, che una volta erano andati a giocare con il Locarno, che allora militava in Prima Lega, in una località della campagna zurighese nei pressi di un aeroporto militare. Accadde così che, a un certo punto, i bianchi incassarono un gol perché un suo compagno di squadra, invece di marcare come avrebbe dovuto l’attaccante avversario, si era distratto a guardare gli aerei militari che decollavano dalla vicina pista. Il passaggio al Lugano fu la logica prosecuzione della sua storia. Non si poteva non notare quel difensore centrale, alto, bravo di testa che, quando tornava in difesa dopo essersi spinto in avanti, muoveva le sue lunghe leve come fosse un trampoliere. L’intesa tra libero e stopper per quello che era noto come ‘il Lugano di Pullica e Coduri’ Con la maglia del Lugano Remo Pullica ha colto i successi più belli della sua lunga carriera di calciatore, a cominciare dalla vittoria nella finale di Coppa Svizzera del 1968 contro il Winterthur di Konietzka. Con Adriano Coduri, che era il libero – lui era lo stopper – aveva costituito un sodalizio difensivo che era entrato nel linguaggio dei tifosi e della stampa. Infatti si usava dire “il Lugano di Pullica e Coduri”, così come noi, da ragazzi, ripetevamo quasi come una filastrocca i nomi dei difensori della Nazionale svizzera degli Anni 50: Parlier, Neury, Bocquet. ‘Ogni tanto gli ricordavo la gigantografia con Grahn nella sala stampa del vecchio Letzigrund’ Era un piacere sentirlo rievocare i vari momenti della sua carriera di calciatore. Non mancava mai di sottolineare, con orgoglio, come fosse riuscito, in occasione di un suo breve soggiorno a Londra, ad allenarsi con i giocatori dell’Arsenal. Una volta mi disse di avere scoperto, quasi per caso, che Kudi Müller, attaccante del Lucerna e della Nazionale dei suoi tempi, lo aveva indicato come lo stopper che gli aveva procurato in carriera i maggiori problemi. E io, ogni tanto, gli ricordavo che, entrando nella sala stampa del vecchio Hardturm di Zurigo, vedevo sempre sulla parete una gigantografia che lo ritraeva mentre stava affrontando lo svedese del Grasshoppers, Ove Grahn. Ma c’era anche quel brutto ricordo che lo ha seguito, come un’ombra, per tutta la vita. Un passaggio arretrato troppo corto verso Prosperi, nella partita decisiva contro lo Zurigo a Cornaredo nella stagione 1967/68, gara decisiva per l’assegnazione del titolo di campione svizzero. Sulla palla si era avventato Fritz Künzli, il centravanti dello Zurigo scomparso pure lui poche settimane fa, che era andato a segnare il gol che avrebbe infranto i sogni di gloria del Lugano. Eppure Remo non si sottraeva mai al racconto di quel che era accaduto quel giorno. Il tempo aveva ormai rimarginato quella ferita e quell’episodio, sia pure doloroso, era entrato a far parte dei suoi ricordi. Sedia vuota, alla memoria Conclusa la carriera di calciatore Remo era entrato, molti anni prima di me, nel Panathlon Club Lugano. In quelle occasioni lo sentivamo ripercorrere, come in un film, le tappe della sua lunga storia. Al prossimo convivio, in calendario fra pochi giorni, lasceremo simbolicamente una sedia vuota alla sua memoria anche se Remo Pullica, il gen­tiluomo, sarà sempre spiritualmente insieme a noi.

© Regiopress, All rights reserved