Calcio
27.12.2018 - 17:520

Dall'Italia e dall'estero, follia ultrà senza confini

Tra i protagonisti degli scontri di mercoledì a Milano prima di Inter-Napoli (un morto e 4 accoltellati) anche individui provenienti da Nizza

Gli incidenti di San Siro in occasione di Inter-Napoli hanno visto come protagonisti anche tifosi provenienti da oltre frontiera in nome delle tante e diverse alleanze tra le curve in Europa. Oltre ai supporter del Varese, di cui faceva parte il 35enne tifoso morto Daniele Belardinelli, al Meazza erano presenti anche gli ultrà francesi del Nizza gemellati di fatto con quelli nerazzurri. Anche i portacolori della squadra di Mario Balotelli sono schierati all'estrema destra, insieme ad altre tifoserie francesi come quelle del Paris Saint Germain, del Lione e del Lille. E non mancano i precedenti in cui tifosi del Nizza, come del resto altre tifoserie straniere alleate con altre curve del Bel Paese, sono sbarcati in Italia per motivi lontani rispetto al supporto nei confronti della loro squadra. Proprio insieme ad alcuni esponenti della curva dell'Inter hanno affrontato quelli del Saint Etienne, in occasione di un match di Europa League del 23 ottobre 2014. In passato, ci furono scontri con i tifosi del Genoa (che, a loro volta, sono gemellati con la curva del Napoli) e ci fu un episodio che coinvolse gli azzurri, in occasione del preliminare di Champions League del 2017: in quella circostanza, 12 ultras nizzardi furono arrestati per lancio di petardi davanti all'hotel dove alloggiava la squadra partenopea. Non è escluso, infatti, che i tifosi del Nizza fossero arrivati in forze a San Siro per una sorta di vendetta nei confronti di quelli del Napoli. Una tesi questa che darebbe agli incidenti di San Siro il sigillo della premeditazione sfociata poi in tragedia per la morte del capo tifoso di Varese investito da un suv.

L'ultima tragedia di una lunga lista

Dentro uno stadio o lontano diversi chilometri, c'e' un filo nero che accomuna le tragiche storie di tifo e morte, da Vincenzo Paparelli a Ciro Esposito: la dinamica della tragedia di Daniele Belardinelli, ieri prima di Inter-Napoli, e' diversa da tutte le altre ma allunga la terribile lista di decessi per violenze nate dal tifo, tra le quali c'è anche quella del poliziotto Filippo Raciti ucciso a Catania nel 2007 durante gli scontri fra opposte tifoserie di Palermo e Catania. Ecco solo alcuni delle tragedie “da tifo”.

28 ottobre 1979 - Vincenzo Paparelli, tifoso laziale, muore colpito in volto da un razzo partito dalla curva della Roma mentre in Curva Nord attendeva l'inizio del derby della Capitale.

30 settembre 1984 - Marco Fonghessi è accoltellato a morte dopo Milan-Cremonese da un tifoso milanista come lui che lo scambia per un rivale quando reagisce agli ultrà che tagliano le gomme della sua auto.

9 ottobre 1988 - Nazzareno Filippini, 32enne tifoso dell'Ascoli, è ferito e muore poco dopo gli scontri al 'Del Duca' in occasione della partita con l'Inter.

4 giugno 1989 - Antonio De Falchi, 18 anni, romanista, muore di infarto durante la fuga dall'assalto di ultrà rossoneri prima di Milan-Roma.

30 gennaio 1994 - Salvatore Moschella, 22 anni, muore gettandosi dal treno dopo essere stato aggredito da tifosi del Messina dopo il derby col Ragusa.

29 gennaio 1995 - Vincenzo Spagnolo, tifoso del Genoa, è accoltellato a morte da un ultrà rossonero prima di Genoa-Milan.

24 maggio 1999 - Vincenzo Lioni e Ciro Alfieri, 15 anni, Simone Vitale, 21, e Giuseppe Diodato, 23, muoiono nel rogo del treno che riporta tremila tifosi della Salernitana a casa dopo la partita di Piacenza. Il fuoco era stato acceso dagli stessi tifosi, nei pressi della stazione di Salerno.

17 giugno 2001 - Antonino Currò, tifoso messinese di 24 anni, muore dopo esser rimasto in coma alcun giorni per una bomba carta lanciata dalla curva del Catania.

20 settembre 2003 - Sergio Ercolano, ventenne tifoso del Napoli, cade nel vuoto e muore a seguito di scontri con la polizia prima del derby con l'Avellino.

11 novembre 2007 - Gabriele Sandri, 28enne tifoso della Lazio, muore nella stazione di servizio di Badia al Pino, ferito dal proiettile sparato dall'agente della stradale Vincenzo Spaccarotella.

30 marzo 2008 - Matteo Bagnaresi, 28enne del Parma, è ucciso in un'area di servizio tra Asti e Alessandria dalla manovra incauta di un pullman di tifosi juventini.

25 giugno 2014 - Ciro Esposito, 31enne tifoso del Napoli, muore 50 giorni dopo esser stato ferito a Roma da un colpo di pistola prima di Napoli-Fiorentina, finale di Coppa Italia. A sparare Daniele De Santis, ultrà della Roma.

Due turni di stop per i cori razzisti

La serata di San Siro oltre che per dagli scontri fuori dallo stadio è stata macchiata anche dai cori razzisti partiti dalla curva dei tifosi dell’Inter e rivolti al difensore senegalese dei partenopei Kalidou Koulibaly. Insulti che costano ai nerazzurri due gare a porte chiuse e una terza con il “2° anello verde privo di spettatori”. Lo stesso difensore, protagonista di una polemica reazione contro l’arbitro Mazzoleni, è stato sanzionato con la sospensione per due partite. Stessa punizione per il compagno di squadra Lorenzo Insigne, colpevole di avere gravemente offeso il direttore di gara.

Tags
curva
scontri
vincenzo
napoli
nizza
san siro
morte
squadra
occasione
san
© Regiopress, All rights reserved