laRegione
Nuovo abbonamento
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
24 min
Primo caso di coronavirus in Super League
Il difensore dello Zurigo Mirlind Kryeziu positivo al Covid-19. Ha sintomi lievi e si trova in quarantena
CALCIO
38 min
Per il Basilea c'è il Wolfsburg o lo Shakthar
Europa League, effettuato il sorteggio per i quarti di finale. I renani nel ritorno degli ottavi devono difedere il 3-0 contro l'Eintracht
CALCIO
1 ora
Champions, l'Atalanta aspetta il Psg
Effettuati i sorteggi per la Final 8 in programma dal 12 al 23 agosto a Lisbona. In caso di qualifica, la Juve affronterà il ManCity o il Real Madrid
CALCIO
2 ore
L'Aarau si separa dall'allenatore Patrick Rahmen
Al suo posto il suo ex assistente Stephan Keller che a sottoscritto un contratto valido fino al 2023
FORMULA 1
2 ore
Confermati i Gp del Mugello e di Sochi
Entrambi gli appuntamenti sono previsti nel mese di settembre. Al momento le gare assicurate sono dieci
HOCKEY
2 ore
Evelina Raselli torna alla Ladies
La 28.enne poschiavina lascia la Svezia dove aveva trascorso gli ultimi sei mesi. In arrivo a Lugano anche Andrea Odermatt e Nathalie Buser
CALCIO
3 ore
Germania - Svizzera a Colonia
La sfida, valida per la Nations League, è in programma il 13 ottobre alle 20.45
CALCIO
14 ore
Il Lugano strappa un punto pirotecnico al San Gallo
I bianconeri raggiungono il pareggio all'83' con Lavanchy e nel finale sfiorano il colpaccio con una punizione di Lovric
Atletica
16 ore
Del Ponte e compagne tornano a volare al Letzigrund
A Zurigo la ticinese con Kambundji e Dietsche seconde nella 3x100 m degli Inspiration Games. La bernese anche terza nei 150 m, Sprunger seconda nei 300 h.
Hockey
17 ore
Ticino Rockets verso il decollo con rinnovato entusiasmo
La compagine di Swiss League, che tornerà sul ghiaccio il 3 agosto, conferma Sébastien Reuille e annuncia il ritorno dell'ex capitano Colin Fontana
CALCIO
18 ore
Lugano, esordio di Daniel Pavlovic
Per affrontare il San Gallo Maurzio Jacobacci deve fare a meno dell'indisponibile Fabio Daprelà. In attacco la coppia Janga - Gerndt
Atletica
20 ore
Con gli italiani il livello si alza e fioccano i primati
Successo per la serata di Bellinzona, con diversi record personali in un meeting organizzato dalla Sab arricchito dalla presenza di atleti della Penisola
SCI
21 ore
Di nuovo sulla neve tra sorrisi e speranze
Gli atleti rossocrociati di slalom e gigante si sono ritrovati sul ghiacciaio di Zermatt. Tanguy Nef: 'Finalmente un'estate intera di allenamento'
HOCKEY
1 gior
Fontana torna ai Rockets, Reuille rimane
Il primo ha concluso la sua esperienza a La Chaux-de-Fonds, mentre il secondo mantiene la funzione di responsabile dell'area sportiva
CALCIO
1 gior
Torna l'Europa, domani il sorteggio della Final 8
Inedito finale per Champions (dal 12 al 23 agosto a Lisbona) e Europa League (dal 10 al 21 agosto in Gemania). Basilea a un passo dai quarti
CICLISMO
1 gior
Dal 2021 Chris Froome vestirà la maglia della Israel Start-Up Nation
La Ineos non prolungherà il contratto, in scadenza a dicembre, con il quattro volte vincitore del Tour de France. Il quale ha subito trovato una nuova sistemazione
Altri sport
1 gior
La Federazione svizzera di ginnastica sospende Felix Stingelin
Dopo le accuse di maltrattamenti, mobbing e insulti la federazione ha deciso di sospendere il responsabile dello sport d’élite
Tennis
1 gior
Hüsler e In-Albon conquistano il torneo di Cadro
Si è chiuso dopo dieci giorni di partite lo Swiss Master organizzato dal tennista di casa Luca Margaroli. Tra le donne fuori in semifinale la ticinese Bandecchi
Calcio
1 gior
Il Lugano è pronto a difendere il suo fortino dal San Gallo
Domani i bianconeri ricevono il leader virtuale del campionato (1 punto in meno dall'Yb ma con una partita in meno) a Cornaredo, dove sono imbattuti da 7 partite
Calcio
10.11.2018 - 06:000

‘Alla fine, a decidere è una persona’

Per Massimo Busacca, il Var è uno strumento utile, ‘ma dietro al monitor c’è sempre un uomo, con la sua capacità di lettura’

Quello che inizialmente era un esperimento salutato con un pizzico di scetticismo, benché se ne fosse intuita subito l’importanza, si è rivelato un’operazione di grande successo. Che il calcio non ha cambiato, bensì “ripulito”. «È l’arbitro che gestisce la partita – puntualizza Massimo Busacca, direttore della divisione arbitri della Fifa –, che sa come si deve comportare, che sa trovare una soluzione e sa come uscire da determinate situazioni scomode. A mio giudizio l’uomo, l’essere umano, deve rimanere al centro della questione. Le mie perplessità iniziali circa l’utilizzo del Var erano legate proprio a queste mie considerazioni di ordine... umano: quali cambiamenti porterà la tecnologia? Vedremo arbitri robot? Sarà una macchina a prendere le decisioni? Poi, però, alla luce dei risultati, delle difficoltà che oggi si hanno nello scovare un fuorigioco di pochi centimetri, a capire se un giocatore cade dentro o fuori area, se ha segnato o meno con una mano, l’unica soluzione è la tecnologia, perché l’uomo non può vedere tutto. Scandali che sono avvenuti in passato, di cui ancora oggi parlano tutti, non sono più ammissibili. Se si ragiona così, ci si convince che il Var può davvero essere utile. Purché il fattore umano resti al centro. È l’uomo che sa interpretare e ‘leggere’ la partita. La macchina non è in grado di capire la dinamica delle azioni, la gravità di un contatto. Tanto è vero che per visionare certi episodi servono più inquadrature, più prospettive, da più telecamere. Davanti alla macchina, quindi, c’è sempre un uomo con la sua capacità di lettura e interpretazione delle situazioni. Non è la tecnologia a decidere. È l’uomo a valutare quello che è accaduto. Il Var è uno strumento che serve per valutare, per dare all’arbitro la possibilità di vedere una seconda volta quello che ha visto in campo. Il Var non è lì per decidere. L’ultima parola spetta all’arbitro.

Ecco perché la sua figura continua a essere centrale.
Dalla mia esperienza in campo come arbitro, ma anche come dirigente, dico che se non puoi contare su un grande arbitro in campo e su un grande Var, anch’egli un direttore di gara di primo livello, ti chiedi quanto la tecnologia possa essere d’aiuto. Ne consegue che si deve continuare a lavorare su sviluppo e istruzione, investendo nella formazione degli arbitri molto più di quanto si investa nella tecnologia. Per capirci: se ho 1’000, investo 800 sullo sviluppo e solo 200 sulla tecnologia. La proporzione deve continuare a essere questa. È fondamentale ricordare che investire unicamente sulla tecnologia non risolve tutti i problemi.

Se lo strumento viene utilizzato bene, è di grande aiuto, perché cancella sviste ed errori grossolani in grado di cambiare un risultato, o di eliminare una squadra da un torneo.
Al Mondiale di Russia è emerso che senza il Var l’arbitro avrebbe il 95 per cento di decisioni giuste prese, mentre con l’ausilio delle tecnologia la percentuale è salita al 99 per cento. Un piccolo margine c’è ancora, e continuerà a esserci, per le difficoltà legate all’interpretazione di certe situazioni. L’abilità di un arbitro sta nel lasciare finire l’azione, per poi andare a verificare. Direttore di gara e assistente hanno modificato il loro modo di operare in campo. E qui torniamo alla loro abilità, e all’esperienza. Ci sono arbitri che hanno agito in un certo modo per anni, e oggi, da apprendisti quali sono, si chiede loro di avere già grande esperienza. È difficile trovarne, di apprendisti così, in ogni ambito professionale. Il calcio, però, non ti permette di non essere subito qualificato. Se in Russia avessimo avuto problemi e avessimo cercato di giustificarli parlando di apprendistato, nessuno lo avrebbe capito, perché l’aspettativa relativa alla direzione arbitrale è molto alta, in una competizione così importante.

Una bella sfida, per la Fifa.
Capita di discutere di situazioni di gioco non chiare verificatesi in Russia, alcune delle quali continuano a esserlo ancora oggi. Se però non ci fosse stato il Var, avremmo ancora il medesimo problema delle situazioni irrisolte, ma non avremmo risolto i casi che invece la tecnologia ha chiarito. Alla fine abbiamo avuto una ventina di situazioni chiarite, più o meno una ogni tre partite del Mondiale. È un risultato importantissimo. Senza il Var saremmo andati incontro a gravi errori che avrebbero eliminato delle squadre dal torneo. Il 95 per cento di decisioni giuste prese è sì un dato soddisfacente, ma si tende a dimenticare il peso specifico del 4 per cento supplementare dovuto al Var. Un peso enorme perché riguarda decisioni che cambiano il risultato. È una percentuale pesantissima. La gente guarda a quello, non al 95% di decisioni giuste. La prospettiva è opposta a quella del calciatore. Un attaccante può giocare malissimo tutta la partita, avere il 95 per cento di cose fatte male, poi con un gol la risolve lui e la gente lo porta in trionfo perché ha fatto vincere l’incontro. Per gli arbitri è diverso: il 95 per cento rientra nella normalità delle cose, per un giudice. Da un arbitro di livello ti aspetti che prenda le decisioni giuste, che faccia sempre bene. Non gli è permesso sbagliare. Se sbaglia, e qui torniamo al 4 per cento imputabile al Var, alla fine la gente si ricorda dell’errore che ha fatto perdere o ha eliminato una squadra. Il Var ha eliminato, se usato bene, il grande scandalo che condiziona un incontro, o un torneo.

Il Var, inoltre, ha un effetto deterrente.
In Russia non c’è un cartellino rosso per falli brutali, non c’è un gol realizzato in fuorigioco, la media di cartellini è abbastanza bassa. Tanta roba, come si suol dire. Il Var diventa un mezzo di prevenzione. I calciatori sanno di essere seguiti, il loro comportamento ne viene influenzato. Si guarderanno bene, in futuro, dal simulare o dal commettere irregolarità gravi, perché sanno di essere seguiti da una telecamera. L’arbitro è invitato a ricordarlo, durante le partite.

Tutto sommato sono state contenute anche le temute interruzioni.
Una ventina, in 64 partite. È quanto auspicavamo che succedesse. Ed è merito del lavoro svolto con i direttori di gara a livello di istruzione, in campo, con simulazioni con i giocatori, lavorando su approccio tattico, intelligenza calcistica, corsa, anticipo. È su questi aspetti che ci siamo chinati per lo più, ai Mondiali. Non tanto sul Var. L’abbiamo studiato, allenato, applicato, ma non a scapito della formazione. L’istruzione avrà sempre la nostra priorità.

 

CALCIO: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved