TSITSIPAS S. (GRE)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
1
2 set
(3-6 : 1-0)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
12 ore

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
14 ore

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
16 ore

Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto

A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
20 ore

Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei

La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
21 ore

È Aryna Sabalenka la regina d’Australia

La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
Sci
22 ore

Rientro riuscito: Odermatt fa suo il primo superG di Cortina

Il nidvaldese non lascia scampo alla concorrenza. Ad accompagnarlo sul podio il norvegese Kilde (secondo a 35 centesimi) e l’italiano Casse
Basket
1 gior

Quasi 4 milioni per una maglia di LeBron James

Cifre da capogiro per l’asta di New York. L’oggetto più ambito la casacca indossata nel 2013 dal cestista
Calcio
1 gior

‘Carmelo Bene, male tutti gli altri’

In un libro di recente pubblicazione vengono raccolti alcuni degli scritti a sfondo sportivo firmati da un maestro del teatro italiano del Novecento
04.12.2022 - 19:03
Aggiornamento: 19:22

La Sam e un weekend che è un bell’affare

Spinelli sempre più leader, con quattro punti di margine grazie alla sconfitta del Vevey a opera del Boncourt. Il Lugano, invece, s’arrende a Ginevra

di Dario ‘Mec’ Bernasconi
la-sam-e-un-weekend-che-e-un-bell-affare
Ti-Press/D.Agosta
Andjelkovic e compagni allungano il passo

La Sam Massagno mantiene la leadership allungando a +4 in classifica il margine anche sul Vevey, sconfitto dal Boncourt, garantendosi così la prima posizione per gli spareggi che porteranno alle Final Four di Montreux. Nulla da fare per i decimati Tigers in quel di Ginevra, con un 94 a 75 eloquente nelle cifre ma con buone cose in casa bianconera. Pur se la Spinelli ha avuto una partita molto complicata a Nyon, in perfetta sintonia con le preoccupazioni espresse da Gubitosa alla vigilia. In una giornata dove il tiro degli esterni non è certamente funzionato al meglio, il 3/11 di Williams e il 7/16 di Marko Mladjan sono due esempi, ma stride anche il 2/6 di Kovac, ai minimi stagionali in fatto di conclusioni, come il 3/9 di Dusan Mladjan, diciamo che la squadra ha vinto con l’esperienza. In effetti il Nyon non avrebbe demeritato avendo condotto la gara per oltre 30 minuti, riuscendo ad avere anche un margine di 12 punti a metà del terzo quarto, 56 a 44. Ma poi la qualità dei ticinesi è emersa e, con una difesa un po’ più attenta, è maturata la vittoria finale per 71-75.

Una gara subito in salita con il Nyon a scappare a +8 a metà primo quarto, 19-11. Vantaggio che cala a un solo punto, 34-33 al 7’, prima di un parziale di 9-3 che porta lo score sul 43-36 a metà gara. La rincorsa della Sam si ferma al 4’ (45-42) con Kovac, perché poi i vodesi piazzano un 11-2 per il 56-44, +12 al 5’ del terzo quarto. Reazione dei ticinesi che infilano un 4-12, con la tripla di Dusan Mladjan al 30’, e 5-0 in entrata di ultimo quarto con un 2+1 di Martino: parziale di 4-17 a cavallo dei due quarti, micidiale. Il Nyon sta in scia sino al 66 pari al 5’. Poi un 5-0 per Massagno che con la tripla di Martino va a +5 (66-71) all’8’, il Nyon torna in parità a 56" dalla sirena ma sono i fratelli Mladjan (Marko da 2 e Dusan 2/2 nei liberi) a firmare la vittoria, con i padroni di casa a litigare col ferro: 71-75 e primato consolidato.

Il Lugano, arrivato a Ginevra senza Warden e Ross, aveva poche speranze ma tanta buona voglia di giocarsela. I Tigers sono stati presi subito con decisione dai ginevrini con un 15 a 6 al 6’ e +12 alla prima pausa, 25 a 13. Divario che è salito gradatamente fino a +22, 46 a 24 al 6’ e a +21 a metà gara. Percentuali del 56% contro 39% e soli 3 giocatori a punti per i Tigers. Con le dovute differenze legate al risultato, va detto che nel secondo tempo il Lugano ha giocato alla pari con i padroni di casa, con 16 punti messi a segno dal trio Bernardinello, Mina e Bracelli. Chiaramente le strapotere fisico sotto le plance, alla fine 43 rimbalzi contro 31, ha fatto la differenza in secondi tiri e contropiedi. Però i ragazzi di Montini hanno lottato sino alla fine e questo è un segnale di maturità importante e utile per andare avanti bene.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved