Empoli
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
1 ora

Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei

La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
2 ore

È Aryna Sabalenka la regina d’Australia

La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
Sci
2 ore

Rientro riuscito: Odermatt fa suo il primo superG di Cortina

Il nidvaldese non lascia scampo alla concorrenza. Ad accompagnarlo sul podio il norvegese Kilde (secondo a 35 centesimi) e l’italiano Casse
Basket
5 ore

Quasi 4 milioni per una maglia di LeBron James

Cifre da capogiro per l’asta di New York. L’oggetto più ambito la casacca indossata nel 2013 dal cestista
Calcio
9 ore

‘Carmelo Bene, male tutti gli altri’

In un libro di recente pubblicazione vengono raccolti alcuni degli scritti a sfondo sportivo firmati da un maestro del teatro italiano del Novecento
IL DOPOPARTITA
15 ore

Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’

Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
16 ore

Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi

Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
16 ore

Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie

I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
ciclismo
18 ore

Peter Sagan si ritira dal ciclismo su strada

Lo slovacco, triplice campione del mondo, da fine stagione si dedicherà unicamente alla mountain bike
volley
19 ore

Per il Lugano c’è lo Pfeffingen prima del derby

Sabato il campionato al Palamondo, domenica i quarti di Coppa Svizzera a Bellinzona
BASKET
09.10.2022 - 20:36

Nella domenica cestistica il Ticino sorride solo a metà

Il Lugano è costretto alla resa a Basilea, mentre la Sam batte il Boncourt all’overtime. Ma Gubitosa non è soddisfatto. ‘Contento solo per i due punti’

di Dario 'Mec' Bernasconi
nella-domenica-cestistica-il-ticino-sorride-solo-a-meta
Ti-Press/Gianinazzi
Isaiah “Oki” Williams lotta per la palla sotto canestro.

Domenica ondivaga per le due ticinesi di A, soprattutto per come sono maturate la vittoria della Spinelli all’overtime e la sconfitta dei Tigers a Basilea. Infatti, in entrambe le gare si è assistito a un’alternanza di vantaggi e svantaggi ma con esiti opposti: la Sam, risalendo anche da -14, il Lugano subendo dopo un +5, un’inezia se vogliamo.

Andiamo con ordine e vediamo come la Spinelli si è complicata la vita. Già, perché al netto della buona prestazione dei giurassiani, in giornata di grazia al tiro con un 50% complessivo e un 59 % da 2, va detto che Massagno ci ha messo molto o poco se vogliamo del suo: poca difesa, come testimoniano i 50 punti subiti nel primo tempo, con un 36-50 mitigato in -10 negli ultimi secondi grazie a due liberi e a un canestro su fallo antisportivo. Una difesa improbabile che solo nel terzo quarto ha dato quanto ci si aspetta, con soli 10 punti lasciati agli ospiti, con 4 minuti senza toccare il ferro. Un primo tempo inguardabile, insomma, perché anche in attacco le troppe forzature e gli errori al tiro, 16/34 contro il 21/34 ospite, sono stati molti. Poi, come detto, nel terzo quarto è salito, in cattedra Williams, il migliore della Spinelli, con 10 punti nel quarto che ha favorito il recupero: 62-60 al 30’. Nell’ultimo quarto è stato James, con 11 punti, a fare la differenza, sfruttando il fisico sotto le plance, mentre sul fronte opposto
Steinmann, 7 punti a metà gara e soli 2 nel terzo quarto, ha fatto da mattatore con 8 punti: risultato quasi sempre in bilico fino al +6 di Massagno, 80-74 all’8°. Poi la Sam ha forzato o quasi tre conclusioni con Marko, Martino a James, mentre il Boncourt è andato al pareggio con Bengui a -28", prima dell’ultimo errore massagnese.

Nell’overtime è emersa la classe di Dusan Mladjan, dopo 15 minuti di campo decisamente sottotono (2/9 al tiro), firmando ben 8 punti su 10 e dando così la vittoria ai suoi. «Non posso essere contento che per i due punti – dice Gubitosa – perché è stata proprio una giornata storta: tiri delle guardie che non entravano, difesa allegra con soli due giocatori a difendere nel giusto modo, Martino e Williams (19 punti, 9 assist e 7 rimbalzi), e molta incostanza negli altri. Ci può stare a inizio stagione, ma siamo stati noi solo nel terzo quarto».

Il Lugano si è visto sfuggire la vittoria nell’ultimo quarto, malgrado i 30 punti realizzati, anche perché gli Starwings ne hanno realizzati 28: 10 minuti di "ciapa e tira"… inutili. I Tigers hanno avuto un buon secondo tempo, recuperando dal 21-14 al 22 pari in 5 minuti: un fuoco di paglia, prima che i basilesi si riportassero avanti 38-35 a metà gara. Nel terzo quarto dal 51 pari al 7’ si è arrivati al 58-51 al 30’ e questo -7 è stato pagato fino alla fine. «Abbiamo avuto vantaggi che potevamo gestire meglio come squadra e non sprecando come singoli – dice coach Montini –. Non siamo lontani, ma loro hanno maggior fisicità che, alla fine ha pagato: all’immagine di Dikerson, 32 punti e 15 rimbalzi, anche se Lawrence ne ha messi 31: loro han sfruttato meglio le opportunità e quel 50% al tiro contro il 46% ha fatto la differenza»

Hamilton, 6/15 e Ross, 6/18, sono stati ancora insufficienti al tiro. «Diciamo che il primo ha patito fisicamente Dikerson, l’altro non ha ancora capito che la squadra lo può aiutare a trovare le soluzioni
migliori anziché forzarle. Una questione di tempo? Lo spero vivamente, abbiamo bisogno che tutti siano al servizio di tutti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved