SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Bob
6 ore

Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero

Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
10 ore

Questione di prospettiva

Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
17 ore

Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile

Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
18 ore

Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi

Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
Sci
18 ore

Lake Louise, Sofia Goggia e un sorriso al fotofinish

Nella prima libera femminile della stagione l’italiana batte per 4 centesimi Suter e per 6 l’austriaca Hütter. Lara è 18esima: ‘Domani ci riprovo’
QATAR 2022
20 ore

Svizzera affronta la Serbia senza Sommer ed Elvedi

I due ancora alle prese con un attacco influenzale. Saranno sostituiti da Gregor Kobel tra i pali e da Fabian Schär in difesa. Shaqiri in campo da subito
Qatar 2022
21 ore

La Corea sconfigge il Portogallo B e va agli ottavi

I sudcoreani rimontano la rete iniziale lusitana, ribaltano il risultato e, grazie al maggior numeri di gol segnati, superano l’Uruguay
QATAR 2022
21 ore

Questione di millimetri, il gol del Giappone era valido

La Fifa precisa che la rete con la quale i nipponici hanno sconfitto la Spagna era regolare, siccome la proiezione della sfera toccava la linea di fondo
Qatar 2022
21 ore

L’Uruguay batte il Ghana 2-0, ma non basta

La sconfitta del Portogallo contro la Corea permette agli asiatici di superare la Celeste a livello di gol segnati
Hockey
22 ore

Fatton senza ghiaccio per sei, otto settimane

Prestato allo Zugo a metà novembre, il ventunenne portiere del Lugano ha rimediato lo strappo dei legamenti di una caviglia
Calcio
22 ore

Il Lugano di Croci-Torti torna a sudare. ‘Siamo carichi’

Ritrovo a Cornaredo per i bianconeri, per l’inizio della preparazione al campionato che riprenderà il 22 gennaio. ‘Una preparazione diversa dal solito’
CORSA D’ORIENTAMENTO
04.10.2022 - 12:20
Aggiornamento: 16:52

La finale di Coppa del mondo sorride agli svizzeri

A Davos e Klosters, ottime prove degli elvetici che hanno tenuto testa a svedesi e norvegesi. Elena Roos terza nella prova long

di Lidia Nembrini
la-finale-di-coppa-del-mondo-sorride-agli-svizzeri

Nel weekend, Klosters e Davos hanno ospitato il girone finale di Coppa del mondo, che ha confermato ai vertici mondiali la svedese Tove Alexandersson e il norvegese Kasper Harlem Fosser. Le tre gare conclusive hanno confermato pure il buon momento dell’orientamento svizzero in campo internazionale. Gli svizzeri hanno lasciato alle nazioni scandinave vittorie e podi solo nella gara middle, mentre la staffetta e la terribile gara long hanno laureato i rossocrociati Simona Aebersold e l’intramontabile Daniel Hubmann. La ticinese Elena Roos torna dai Grigioni con il successo nella staffetta e soprattutto con la medaglia di bronzo nella prova long, alle spalle della Aebersold e della norvegese Benjaminsen.

Le competizioni sono iniziate il sabato ai 2’000 metri di Klosters Madrisa, in condizioni invernali, con nevischio e parzialmente nebbia, che hanno accompagnato le tre frazioniste della staffetta femminile e gli atleti della staffetta maschile. La gara è stata appannaggio della Svizzera in entrambe le formazioni; il lancio per le ragazze è stato dato da una Elena Roos molto combattiva, che ha concluso in terza posizione la prima tratta, e ha mandato sul percorso in seconda frazione Sabine Hauswirth, brava a mantenere il contatto stretto con le svedesi che erano al comando. Poi nella frazione conclusiva Simona Aebersold ha raggiunto nel ripido della montagna la svedese Sanna Fast e l’ha presto lasciata alle spalle, tanto nelle parti in costa del tracciato, quanto nella discesa finale che portava al traguardo, poco sopra la stazione della funivia. Alle spalle di Svizzera 1, Svezia e Norvegia si sono assicurate i ranghi d’onore.

La staffetta maschile ha spedito in prima frazione l’esperto Daniel Hubmann, che ha concluso la sua fatica al comando, e ha dato il cambio a Florian Howald, in debito di velocità rispetto agli avversari svedesi e norvegesi che in seconda tratta comandavano le operazioni. Grazie alla prestanza fisica di Joy Hadorn, in terza frazione, Svizzera 1 è riuscita nelle dure e ripide salite del percorso, a recuperare i battistrada e a scavare un margine sufficiente a tenere a bada la squadra norvegese e quella svedese, classificate nell’ordine.

La seconda giornata di gara, a Davos Wolfgang, ha goduto di condizioni meteo decisamente più favorevoli, ma per gli orientisti svizzeri non è stata una giornata positiva. La migliore delle ragazze nella prova middle, vinta dalla Alexandersson, è stata Simona Aebersold, piazzata al quinto rango. Marion Aebi ha chiuso al sesto rango ed Elena Roos al tredicesimo, staccata di poco più di 4 minuti dalla vincitrice, e tuttavia abbastanza soddisfatta della sua prestazione, nella quale ha effettuato un paio di scelte di itinerario non del tutto felici. Al maschile, il migliore degli elvetici è risultato Daniel Hubmann, terzo dietro a Kasper Fosser e allo svedese Albin Ridefelt, più veloce di un solo secondo.

La giornata conclusiva ha rimesso per la Svizzera il campanile al centro del villaggio. Vittoria nella prova long di Simona Aebersold, davanti alla norvegese Andrine Benjaminsen, che incamera il secondo argento individuale, e stupendo terzo rango di Elena Roos, perfettamente a suo agio in questa specialità, che l’aveva già vista primeggiare in Coppa del mondo a Grindelwald, nel 2017. A cinque anni di distanza, malgrado il grave infortunio dell’autunno 2021, la Roos si conferma fra le migliori al mondo e chiude al settimo rango la Coppa del mondo 2022. La gara maschile è stata una dimostrazione di classe e di esperienza di Daniel Hubmann, vincitore davanti allo svedese Max Peter Bejmer e al vincitore della Coppa del mondo 2022 Kasper Fosser. A 39 anni di età, il Federer dell’orientamento svizzero ha ribadito di essere il migliore, quando oltre alla forma fisica per imporsi conta la tecnica raffinata.

Così gli svizzeri, con i successi di Klosters e di Davos hanno lanciato alla grande i Mondiali 2023 che si terranno in luglio a Flims Laax.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved