SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Bob
4 ore

Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero

Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
8 ore

Questione di prospettiva

Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
15 ore

Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile

Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
16 ore

Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi

Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
Sci
16 ore

Lake Louise, Sofia Goggia e un sorriso al fotofinish

Nella prima libera femminile della stagione l’italiana batte per 4 centesimi Suter e per 6 l’austriaca Hütter. Lara è 18esima: ‘Domani ci riprovo’
QATAR 2022
18 ore

Svizzera affronta la Serbia senza Sommer ed Elvedi

I due ancora alle prese con un attacco influenzale. Saranno sostituiti da Gregor Kobel tra i pali e da Fabian Schär in difesa. Shaqiri in campo da subito
Qatar 2022
19 ore

La Corea sconfigge il Portogallo B e va agli ottavi

I sudcoreani rimontano la rete iniziale lusitana, ribaltano il risultato e, grazie al maggior numeri di gol segnati, superano l’Uruguay
QATAR 2022
19 ore

Questione di millimetri, il gol del Giappone era valido

La Fifa precisa che la rete con la quale i nipponici hanno sconfitto la Spagna era regolare, siccome la proiezione della sfera toccava la linea di fondo
Qatar 2022
19 ore

L’Uruguay batte il Ghana 2-0, ma non basta

La sconfitta del Portogallo contro la Corea permette agli asiatici di superare la Celeste a livello di gol segnati
Hockey
20 ore

Fatton senza ghiaccio per sei, otto settimane

Prestato allo Zugo a metà novembre, il ventunenne portiere del Lugano ha rimediato lo strappo dei legamenti di una caviglia
BASKET
02.10.2022 - 14:08
Aggiornamento: 14:58

La stagione inizia nel segno della Spinelli

Massagno ha nettamente sconfitto i Lugano Tigers nel primo derby. Gli uomini di Montini hanno retto soltanto nei minuti iniziali

di Dario ‘Mec’ Bernasconi
la-stagione-inizia-nel-segno-della-spinelli

Partenza col botto del campionato di serie A, anzi, due botti. Il primo è legato alla presenza di oltre 400 persone al derby fra Tigers e Spinelli, il secondo alla sconfitta dell’Olympic a Monthey. Il pubblico del derby si è raccolto a inizio gara per un minuto di silenzio a ricordare una persona di spessore umano e tecnico del nostro basket, Angelo Ghirlanda, e Pia Dell’Acqua, moglie dell’indimenticato Seo, mamma di Ivano e nonna di Massimiliano, scomparsi in questi mesi.

Poi è iniziata la gara e, dopo un 4-0 dei bianconeri, la Spinelli non ha più fatto vedere palla ai padroni di casa: un 13-0 in 2 minuti con la tripla di Marko Mladjan e derby indirizzato presto sui titoli di coda. Già, perché la Sam ha messo un 9/10 dalla lunetta, mentre i bianconeri han sofferto con un canestro al minuto: 16-29 al 10’.

Nel secondo quarto Kovac e compagni hanno chiuso bene in difesa, andando sul 28-45 al 5’, portandosi poi a +22 con le triple di Kovac e Martino, 31-53 al 18’. E i bianconeri? Con Lawrence e Ross a litigare col canestro, solo Zinn, il migliore, e Hamilton hanno tenuto il colpo: e se concedi due stranieri alla Sam è la fine. Nel terzo quarto, Massagno ha lasciato un po’ più di spazio e la partita si è mantenuta attorno ai 20 punti di scarto, con Gubitosa a dare minuti a tutti, ricevendone dei segnali positivi da parte di tutti o quasi. Tre azioni da 3 punti a cavallo dei quarti, hanno definito lo scarto maggiore, +27 per la Spinelli in entrata di ultimo quarto, dopo di che i tifosi luganesi han potuto finalmente vedere Ross centrare il canestro, coadiuvato da Lawrence, con lo score ad assumere dimensioni più solidali come il -16 finale: 82-98. D’altra parte, il confronto era impari al di là dei proclami o della prudenza: la Spinelli è una squadra solida, che gioca da anni con lo stesso gruppo, dove Zoccoletti e Galloway si sono inseriti alla perfezione. Il pivot, top score con 27 punti e 13 rimbalzi, ha dominato l’area, annichilendo il pur positivo Hamilton, 40 minuti di campo, 19 punti e 9 rimbalzi. Ma il 20 su 48 al tiro del Lugano contro il 23 su 42 della Sam, i 28 rimbalzi a 40 sono eloquenti. Ross, 0/9 da 2 e 4/7 da 3, Lawrence 6/11 da 2 ma 1/6 nel primo tempo, sono stati insufficienti. Molto bene Zinn in regia, con 9 assist e 6/11 di sostanza e non a partita chiusa come i due compagni di cui sopra. Insomma, da una parte una Spinelli rodata e completa, dall’altra un Lugano da costruire.

«Dobbiamo lavorare ancora molto, sia in attacco ma soprattutto in difesa – ci dice Montini –. La difesa sul perimetro è stata fragile, permettendo tiri aperti a tutti, mentre la carenza di fisicità sotto le plance ci ha condizionato. Dovremo essere umili e bravi a costruire e a essere più squadra. I giovani, a cui non chiedo 10 punti, han fatto la loro parte, ma devono crescere».

Gubitosa è sereno: «Avevo detto che cominciavo la stagione con due stranieri e ho lasciato in tribuna James. Per il resto ho avuto risposte importanti da tutti: c’è stata intensità quando si trattava di mettere al sicuro il risultato, ma poi non abbiamo lesinato l’impegno. Avere rotazioni lunghe è un vantaggio evidente».

Lugano Tigers: Bracelli 3 (1/2), Lawrence 17 (6/11, +5/6), Bernardinello, Ross 17 (0(9, 4/7, +5/5), Warden 4 (1/2, 0/2, +2/2), Dell’Acqua 3 (1/3), Zinn 19 (6/11, +7/8), Hamilton 19 (7/14, 0/1, +5/8), Mina (0/1, 0/3), Togninalli: Ne Matasic e Ali.

Spinelli Massagno: D. Mladjan 8 (2/4, 0/3, +4/4), Williams 6 (0/1, 0/1, +6/6) e 11 rimbalzi, Martino 7 (2/3, 1/2), M. Mladjan 16 (5/7, 2/8), Koludrovic 5 (1/2, 1/1), Zoccoletti 9 (0/4, 3/4), R. Kovac 14 (1/2, 3/6, +3/3), P. Kovac 3 (0/1, 1/1), Caprotti 3 (0/1 1/1), Stevanovic, Veri, Galloway 27 (12/17, +3/4).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved