MERTENS E./ZHANG S.
2
GOLUBIC V./OSORIO C.
0
fine
(6-3 : 6-2)
riva-e-la-mia-famiglia-ma-a-questa-offerta-non-potevo-dire-no
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
2 ore

L’Asf solleva Vogel dalla panchina della U17

Alla base della decisione una differente visione sull’implementazione della nuova filosofia di gioco
Atletica
3 ore

Caroline Agnou non ce la fa: niente Eugene per lei

Reduce da un infortunio ai Campionati svizzeri, l’eptatleta elvetica deve gettare la spugna per i Mondiali statunitensi
basket
17 ore

Rinnovo faraonico per Nikola Jokic

Per il 27enne serbo, pivot dei Denver Nuggets pronto un contratto da 264 milioni su cinque anni
hockey
18 ore

Hockey, Mondiali U18 a Basilea e Porrentruy l’anno prossimo

L’anno seguente la competizione femminile si terrà invece in Ticino
tennis
19 ore

Djokovic avanza facilmente a Wimbledon

Il serbo atteso ora all’esame Van Rijthoven, avanti anche Alcaraz, Norrie e Sinner. Tra le donne bene Jabeur, male Sakkari. Bencic avanti in doppio
Calcio
19 ore

Mohamed Salah rimane al Liverpool

L’attaccante egiziano ha firmato con i Reds un prolungamento di contratto valido fino al 2025
CICLISMO
20 ore

Prologo bagnato, Yves Lampaert crea la sorpresa

Il belga della Quick-Step prima maglia gialla del Tour de France. A Copenaghen ha preceduto Van Aert e Pogacar. Male gli svizzeri Küng e Bissegger
L’ANGOLO DELLE BOCCE
20 ore

Bucchieri campione svizzero di categoria B

Il portacolori del Boccia club Uster ha vinto a Rancate, superando in modo chiaro Claudio Vanossi dell’Ideal. Fuori in semifinale Sandra Bettinelli
FORMULA 1
21 ore

Hamilton in grande spolvero nelle libere di Silverstone

Si arriva al weekend di gara con i soliti gossip di circostanza e, soprattutto, con il brutto affare delle dichiarazioni di Nelson Piquet
BASKET
20.06.2022 - 14:12
Aggiornamento: 15:44
di Dario ‘Mec’ Bernasconi

‘Riva è la mia famiglia, ma a questa offerta non potevo dire no’

Valter Montini commenta il suo nuovo ruolo alla guida dei Lugano Tigers: ‘La società mi ha chiesto di far crescere ulteriormente i giovani’

Il Lugano Basket avrà Valter Montini quale allenatore per la prossima stagione. Il presidente Cedraschi aveva richiamato al comando Salvatore Cabibbo, il vice dello scorso anno, e già allenatore nel 2020/2021, ma il coach italiano è stato "scippato" ai bianconeri dalla sua ex società, la Spinelli Massagno, con Gubitosa che si... riappropria, diciamo pure con grande gioia, del suo vice, dopo due anni da avversario. Montini prende il posto di Milutin Nikolic che diventerà direttore tecnico.

La scelta di Montini non è una grande novità, visto che anche negli scorsi anni si vociferava il suo nome: Valter è un allenatore di lunga esperienza in Italia, in particolare a Cermenate, e nel basket elvetico al femminile: con lui il Riva Basket ha vinto una Coppa Svizzera e tanti titoli nel settore giovanile, sia a livello cantonale, sia svizzero. Nel 2020/2021 era allenatore del Winterthur in serie A e aveva chiuso il campionato al secondo posto. Valter è stato allenatore della Nazionale femminile U16 e ha seguito delle associazioni regionali. È proprio al ritorno da Coira, dove ha tenuto un camp per giovani U14 e U16, che lo troviamo: una sorpresa, questa chiamata? «Certamente, anche perché avevo sentito che Cabibbo sarebbe tornato a dirigere i Tigers. Poi mi ha chiamato il presidente Cedraschi e abbiamo combinato».

Difficile dire di no, nonostante l’amore per il Riva Basket? «Non è stato facile sul piano affettivo, perché Riva è la mia seconda famiglia: con questa società ho lavorato per un decennio, ho visto crescere molte giocatrici, ci siamo presi soddisfazioni a tutti i livelli. Anche la scorsa stagione in B ho visto una squadra giovanissima e rinnovata per sette decimi crescere bene e siamo arrivati terzi, a un nulla dalla promozione. Però, sul piano professionale e sportivo, questa chiamata è di quelle che non si possono rifiutare».

Una scelta che non è un salto nel buio... «Per nulla: innanzitutto perché ho già avuto esperienze in serie C nella regione di Cantù, e poi perché comunque il basket maschile svizzero l’ho sempre seguito in questi anni. Inoltre, Lugano mi ha chiesto di far crescere ulteriormente i giovani e quindi in questo ambito mi trovo benissimo e lo dimostrano anche i risultati ottenuti».

Lugano è una piazza in evoluzione, proiettata a far maturare giovani del vivaio per garantirsi un futuro solido: scelta condivisa? «Certamente, a Riva ho sempre lavorato con questo spirito. Poi si tratterà di scegliere gli stranieri adeguati ai nostri bisogni e avere la pazienza di costruire un gioco e una filosofia di squadra. Senza un’unità interna, una squadra non può funzionare. Quindi si lavorerà su più fronti per cercare di ottenere il meglio. Sono entusiasta di iniziare questo percorso che mi auguro positivo per tutti, giocatori, società e tifosi: riportare questi ultimi in massa all’Elvetico deve essere uno stimolo per l’intera società bianconera».

Un Valter Montini sempre pacato e puntuale, certamente aperto al dialogo, ma non per questo incline a subire pressioni e ingerenze, come è giusto che sia per chi assume un ruolo di questo spessore.

Per i Lugano Tigers la nuova... prima pietra è stata posata e ora aspettiamo le altre.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
basket lugano tigers valter montini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved