la-stagione-della-sam-si-ferma-a-neuchatel-o-forse-no
Il coach massagnese Robbi Gubitosa
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
basket
6 ore

Rinnovo faraonico per Nikola Jokic

Per il 27enne serbo, pivot dei Denver Nuggets pronto un contratto da 264 milioni su cinque anni
hockey
7 ore

Hockey, Mondiali U18 a Basilea e Porrentruy l’anno prossimo

L’anno seguente la competizione femminile si terrà invece in Ticino
tennis
7 ore

Djokovic avanza facilmente a Wimbledon

Il serbo atteso ora all’esame Van Rijthoven, avanti anche Alcaraz, Norrie e Sinner. Tra le donne bene Jabeur, male Sakkari. Bencic avanti in doppio
Calcio
7 ore

Mohamed Salah rimane al Liverpool

L’attaccante egiziano ha firmato con i Reds un prolungamento di contratto valido fino al 2025
CICLISMO
8 ore

Prologo bagnato, Yves Lampaert crea la sorpresa

Il belga della Quick-Step prima maglia gialla del Tour de France. A Copenaghen ha preceduto Van Aert e Pogacar. Male gli svizzeri Küng e Bissegger
L’ANGOLO DELLE BOCCE
9 ore

Bucchieri campione svizzero di categoria B

Il portacolori del Boccia club Uster ha vinto a Rancate, superando in modo chiaro Claudio Vanossi dell’Ideal. Fuori in semifinale Sandra Bettinelli
FORMULA 1
9 ore

Hamilton in grande spolvero nelle libere di Silverstone

Si arriva al weekend di gara con i soliti gossip di circostanza e, soprattutto, con il brutto affare delle dichiarazioni di Nelson Piquet
calcio
9 ore

Lugano e Inter di fronte nella ‘Lugano Super Cup’

Il 12 luglio a Cornaredo si affrontano i vincitori della Coppa Svizzera e della Coppa Italia
CALCIO
11 ore

Bernt Haas nuovo direttore sportivo del Grasshopper

L’ex nazionale aveva ricoperto lo stesso ruolo a Vaduz (con Giorgio Contini) e a Sciaffusa. Per il Gc esordio il 24 luglio contro il Lugano
CALCIO
12 ore

Divorzio tra l’Olympique Marisglia e Jorge Sampaoli

L’allenatore argentino aveva espresso dubbi in merito alla volontà della società di operare sul mercato per essere protagonista nella prossima Champions
BASKET
12 ore

Brittney Griner a processo in Russia per traffico di droga

Il dibattimento è iniziato oggi in un sobborgo di Mosca. La stella della Wnba accusata per il possesso di un liquido a base di cannabis. Rischia 10 anni
BASKET
17.05.2022 - 22:51
di Dario 'Mec' Bernasconi

La stagione della Sam si ferma a Neuchâtel. O forse no

Spinelli costretta alla resa anche nella sfida decisiva in casa dell’Union. Ma ecco spuntare un giallo: neocastellani con quattro stranieri in campo?

Finisce alle 21.28 del 17 maggio la stagione della Spinelli, sconfitta in gara 4 a Neuchâtel per 76-73. Una sfida, come in gara 2 e in gara 3 che poteva avere esiti opposti ma, in gare come queste, i dettagli alla fine decidono. E se nelle altre due gare si poteva magari recriminare su qualche decisione arbitrale, un alibi più che altro, in gara 4 c’è stato un arbitraggio coerente e corretto per 40 minuti, con poche ininfluenti sfumature, e lo diciamo subito per sgomberare il campo delle recriminazioni. Noi, per lo meno, la vediamo così.

Toniamo alla gara che il Neuchâtel ha condotto per 34 minuti su 40, con un unico vantaggio ospite sul 42 a 41 al 2’ minuto del terzo quarto. Vantaggi, quelli del Neuchâtel mai superiori a 6 punti, sempre rintuzzati dagli uomini di Gubitosa. E se nei primi due quarti non si è assistito a una supremazia evidente, se non a un miglio gioco d’assieme dei neocastellani, va detto che il tandem Taylor-Williams è stato il migliore, non solo perché assieme han messo 34 punti, ma proprio per la spinta e il dinamismo messo in campo. Taylor, con Martino al fianco, ha reso di più. Ma chiaramente, se vai a giocarti l’accesso alla finale e il trio di tiratori mette la misera di 16 punti (5/19 e 4 liberi di Marco), 11 Marko Mladjan, 3 Kovac e 2 Dusan, è chiaro che il gioco della Spinelli è andato ramengo. Vuoi perché la palla è circolata con troppa lentezza, vuoi perché molte soluzioni sono state mal costruite, per impazienza, egoismo e altro ancora. Il Neuchatel ha giocato in maniera ordinata: ha puntato sull’uno contro uno di Colon (18 punti) e Fofana (11), ha sfruttato Popovic contro avversari più lenti e ha trovato ben 12 punti di un Giddens spesso solo in mezzo all’area. Se ci mettiamo l’efficacia di un Morris che non forza mai nulla ma ne mette 8 con 6/6 dalla lunetta e, infine, i 4 rimbalzi di Anabir e la decisiva stoppata sulla penetrazione di Taylor a 3 secondi dalla sirena sul 75 a 73, abbiamo il quadro di una squadra vera. Le percentuali non sono lontane: Neuchâtel 24/43 da 2 contro il 21/39, 4/15 da 3 contro 4/17, 16/25 nei liberi contro 19/25; 9+23 i rimbalzi, contro 9+24, 9 palle perse contro 12. Nei punti dalla panchina il divario è evidente: 35 punti per Neuchâtel 29 per la Sam, 14 a 12 in contropiede, 15 a 12 secondo tiro. Insomma cifre quasi identiche, ma sempre un dettaglio a favore dei neocastellani.

Nell’ultimo quarto, la Spinelli ritrova il pareggio dal 69 a 64 al 69 pari con Marko Mladjan a 1’55" dalla sirena. Giddens, Dusan, Martin, Marko si alternano fino al 75 a 73 a 13" dalla fine con Popovic in entrata: come detto Taylor è stoppato e Timberlake mette 1/2, mentre Marko Mladjan trova solo il ferro all’ultimo secondo. Game over e arrivederci a ottobre.

«Il rammarico è quello di aver buttato al vento gara 2 e dopo si è fatto tutto complicato – è il primo commento di Gubitosa –. Sapevamo che sarebbe stata dura, siamo arrivati a un niente dal rimandare tutto a gara 5, ma ci è mancata lucidità e freschezza in alcuni elementi. Loro hanno trovato energia, determinazione e spazi per punire ogni nostro errore».

Alla fine, quando si perde di 4 punti la seconda sfida, di 2 la terza e di 3 la quarta, si possono raccontare tante cose, visto che i dettagli che hanno deciso i risultati sono tanti che si potrebbe attaccarsi alla dea bendata e chiuderla qui. Ma come la Sam ha perso queste tre gare sarà argomento di molte riflessioni, presenti e future. E sabato le finali le giocheranno Olympic e Neuchatel. A meno che...

Il quarto straniero che non t’aspetti

Infatti, ad articolo concluso ecco la sorpresa: da Neuchâtel giunge notizia che l’Union sia sceso in campo con 4 stranieri contemporaneamente, mentre invece il regolamento ne concede solo 3. Le domande a questo punto sono molteplici: possibile che nessuno se ne sia accorto? Che succederà ora? Sarà vittoria a tavolino per la Sam? Sarà tutto da rifare? Ci sarà una gara 5 giovedì a Nosedo? Domande che, quando si parla di basket svizzero, hanno sempre il sapore di un tuffo nell’ignoto. Affaire à suivre.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
sam massagno swiss basket league
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved