la-sam-cresce-alla-distanza-i-tigers-fanno-il-contrario
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
7 ore

‘Contro il Lugano II voglio vedere l’atteggiamento giusto’

Debutta domani a Giubiasco il Bellinzona di David Sesa, già rimasto colpito da Pablo Bentancur e ‘dal suo amore ed entusiasmo per il club’
Nuoto
7 ore

Rientro da Budapest con (spiacevole) sorpresa per Noè Ponti

Reduce dai Mondiali in Ungheria, il gambarognese, via social, ha comunicato la sua positività al coronavirus
Tennis
9 ore

Golubic non stecca l’entrata. Laaksonen e Bencic invece sì

La zurighese supera il primo turno di Wimbledon battendo in due set (chiusi con il punteggio di 6-4 6-3) la tedesca Perkovic
Tennis
10 ore

Wimbledon finisce ancora prima di iniziare per Berrettini

Finalista lo scorso anno, l’italiano deve alzare bandiera bianca a poco dal suo esordio. Fermato dalla positività al coronavirus
Atletica
10 ore

Doping, quattro anni di stop per Alex Wilson

Lunga squalifica per lo sprinter elvetico, positivo al trenbolone. A 31 anni, la sua carriera rischia di chiudersi qui
Storie mondiali
18 ore

Buff Donelli, una star del football prestata al soccer

La seconda edizione della Coppa del Mondo di calcio, nel 1934, fu voluta e accomodata da Mussolini in persona
nuoto sincronizzato
23 ore

Il nuoto sincronizzato in Svizzera fa i conti con gli abusi

Bufera sul dipartimento gestito da Swiss Aquatics, respingono le accuse ma si dimettono i co-direttori sportivi Markus Thöni e Patricia Fahrni
Tennis
1 gior

Wawrinka cede alla distanza a Jannik Sinner

Il vodese deve salutare Wimbledon al primo turno, sconfitto dal talentuoso italiano 7-5 4-6 6-3 6-2
Basket
20.03.2022 - 12:42
Aggiornamento: 15:00
di Dario ‘Mec’ Bernasconi

La Sam cresce alla distanza, i Tigers fanno il contrario

Massagno contro Ginevra fa la differenza nella seconda metà del match consolidando il secondo posto. Il Lugano paga un calo di energie e cede a Boncourt

Un weekend senza sorprese per le due ticinesi, con la Spinelli che si mangia i Leoni ginevrini e le Tigri ticinesi che soccombono nel Giura. Risultati frutto dei differenti valori che le squadre esprimono.

A Massagno il Ginevra ha fatto l’ennesima figuraccia, se pensiamo che la squadra del presidente Fattal era una delle candidate al titolo. Invece oggi è un insieme senza costrutto e solo la lentezza del gioco dei padroni di casa nel primo tempo ha permesso ai ginevrini di stare in partita. «Siamo molto prudenti all’inizio di gara – dice un po’ sorridendo coach Gubitosa –, perché siamo contati, con Dusan e Hüttenmoser fuori, quindi partiamo un po’ a rilento cercando anche di non caricarci di falli».

Infatti la Sam è partita bene in fatto di percentuali al tiro (50% nel primo quarto, 7/14), lasciando però gli spazi agli avversari che l’hanno imitata con un 8/16, per una partita che aveva le sembianze di un riscaldamento e poco più: 22-18 al 10’. Nel secondo quarto le cose sono anche peggiorate, con un 12/30 per Kovac e compagni e un 36% per gli ospiti, senza particolari acuti e con scarti mai sopra ai 5 punti (31-26 al 6’ e 35-34 alla pausa). Nel terzo quarto è scesa in campo una squadra ben diversa e per Ginevra è scesa la notte; dal 37-38 al 2’ lo score è passato sul 46-38 in 2 minuti e mezzo e, dopo uno 0-4, la Spinellli ha infilato un 13-0 che valeva il viaggio anticipato sotto le docce: 59-42 (parziale di 24-8 nel quarto) con Massagno al 43% (21/49) contro il 34% (14/41) ospite e con Kovac protagonista grazie a tre triple consecutive che hanno destabilizzato tutti. Nell’ultimo quarto la musica non è cambiata perché, a cavallo dei due quarti, Ginevra ha subito un parziale di 28-4, restando la bellezza di 6’35" senza mettere un solo punto. 78-51 il finale con 13 punti di Taylor, 10 di Williams (ma anche 9 rimbalzi e 4 recuperi, il migliore), poi Kovac 19, Nikolic 17, Mladjan 9, James 6, Veri 4, Martino 0.

I bianconeri calano negli ultimi due quarti

Il Lugano dal canto suo a Boncourt non ha potuto nulla, seppur reggendo il confronto – come spesso accaduto in stagione – fino a metà gara (41-39). Fino al 24’ (53-47) i bianconeri sono stati a due possessi, poi il Boncourt ha allungato a 60-49 al 7’ per infine chiudere la frazione con un parziale di 23-14 (64-53). Nell’ultimo quarto i giurassiani hanno controllato la gara, mantenendo un vantaggio attorno alla decina di punti, prima di chiudere 92-81. Nel Lugano hanno realizzato: Criswell 18 punti, Hunphrey 22, Bracelli 0, Robertson 26, Stevanovic 7, Dell’Acqua e Cafisi 3, Mina 2. Simili i rimbalzi, 33-34; meglio il Lugano nelle palle perse, solo 7 contro 12. Ma, ancora una volta, la differenza è stata legata al prosciugamento delle energie, pagate negli ultimi 15 minuti e i soli 15 punti dai cinque svizzeri schierati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lugano tigers spinelli massagno swiss basket league
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved