SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
4 ore

Frei e il Basilea respirano grazie alla vittoria in Coppa

Al Letzigrund battuto il Grasshopper grazie soprattutto a una doppietta di Zeki Amdouni. Dopo le magre in Super League, i renani rialzano la testa
BASKET
4 ore

La Sam domina il Neuchâtel, i Tigers resistono un tempo al Vevey

Una vittoria e una sconfitta nel turno infrasettimanale. Decisivi due parziali: la Spinelli piazza un 32-0, il Lugano incassa un 10-29
hockey
6 ore

‘Sono sorpreso, contento e orgoglioso’

Grande onore per il linesman Eric Cattaneo, scelto per la finale di Champions: ‘Rispetto al campionato non c’è la stessa conoscenza con i giocatori’
Rugby
7 ore

Sergio Parisse lascia il rugby: è nel XV ideale di ogni tempo

L’ex capitano della nazionale italiana si ritirerà a giugno. Con lui, nel team migliore di sempre secondo ‘PlanetRugby’, anche il compagno Castrogiovanni
CALCIO
9 ore

Per la Fifa i reati sessuali diventano imprescrittibili

La federazione internazionale ha provveduto a un aggiornamento del codice etico. In precedenza, i casi andavano in prescrizione dopo 10 anni
CALCIO
9 ore

È guerra tra Alpstaeg e il Cda dell’Fc Lucerna

Il principale azionista della società ha sporto denuncia, sia penale, sia civile e ha chiesto alla Sfl di indagare prima di concedere la licenza 2023-24
pugilato
10 ore

Tiago Pugno diventa professionista

Il 30enne pugile ticinese è ora alla ricerca di risorse economiche per lanciare al meglio la seconda parte di carriera
TENNIS
10 ore

La Svizzera sfida la Germania con un Wawrinka nel motore

Coppa Davis, da venerdì a domenica a Treviri affronta la squadra del campione olimpico Alexander Zverev
Basket
20.03.2022 - 12:42
Aggiornamento: 15:00

La Sam cresce alla distanza, i Tigers fanno il contrario

Massagno contro Ginevra fa la differenza nella seconda metà del match consolidando il secondo posto. Il Lugano paga un calo di energie e cede a Boncourt

di Dario ‘Mec’ Bernasconi
la-sam-cresce-alla-distanza-i-tigers-fanno-il-contrario

Un weekend senza sorprese per le due ticinesi, con la Spinelli che si mangia i Leoni ginevrini e le Tigri ticinesi che soccombono nel Giura. Risultati frutto dei differenti valori che le squadre esprimono.

A Massagno il Ginevra ha fatto l’ennesima figuraccia, se pensiamo che la squadra del presidente Fattal era una delle candidate al titolo. Invece oggi è un insieme senza costrutto e solo la lentezza del gioco dei padroni di casa nel primo tempo ha permesso ai ginevrini di stare in partita. «Siamo molto prudenti all’inizio di gara – dice un po’ sorridendo coach Gubitosa –, perché siamo contati, con Dusan e Hüttenmoser fuori, quindi partiamo un po’ a rilento cercando anche di non caricarci di falli».

Infatti la Sam è partita bene in fatto di percentuali al tiro (50% nel primo quarto, 7/14), lasciando però gli spazi agli avversari che l’hanno imitata con un 8/16, per una partita che aveva le sembianze di un riscaldamento e poco più: 22-18 al 10’. Nel secondo quarto le cose sono anche peggiorate, con un 12/30 per Kovac e compagni e un 36% per gli ospiti, senza particolari acuti e con scarti mai sopra ai 5 punti (31-26 al 6’ e 35-34 alla pausa). Nel terzo quarto è scesa in campo una squadra ben diversa e per Ginevra è scesa la notte; dal 37-38 al 2’ lo score è passato sul 46-38 in 2 minuti e mezzo e, dopo uno 0-4, la Spinellli ha infilato un 13-0 che valeva il viaggio anticipato sotto le docce: 59-42 (parziale di 24-8 nel quarto) con Massagno al 43% (21/49) contro il 34% (14/41) ospite e con Kovac protagonista grazie a tre triple consecutive che hanno destabilizzato tutti. Nell’ultimo quarto la musica non è cambiata perché, a cavallo dei due quarti, Ginevra ha subito un parziale di 28-4, restando la bellezza di 6’35" senza mettere un solo punto. 78-51 il finale con 13 punti di Taylor, 10 di Williams (ma anche 9 rimbalzi e 4 recuperi, il migliore), poi Kovac 19, Nikolic 17, Mladjan 9, James 6, Veri 4, Martino 0.

I bianconeri calano negli ultimi due quarti

Il Lugano dal canto suo a Boncourt non ha potuto nulla, seppur reggendo il confronto – come spesso accaduto in stagione – fino a metà gara (41-39). Fino al 24’ (53-47) i bianconeri sono stati a due possessi, poi il Boncourt ha allungato a 60-49 al 7’ per infine chiudere la frazione con un parziale di 23-14 (64-53). Nell’ultimo quarto i giurassiani hanno controllato la gara, mantenendo un vantaggio attorno alla decina di punti, prima di chiudere 92-81. Nel Lugano hanno realizzato: Criswell 18 punti, Hunphrey 22, Bracelli 0, Robertson 26, Stevanovic 7, Dell’Acqua e Cafisi 3, Mina 2. Simili i rimbalzi, 33-34; meglio il Lugano nelle palle perse, solo 7 contro 12. Ma, ancora una volta, la differenza è stata legata al prosciugamento delle energie, pagate negli ultimi 15 minuti e i soli 15 punti dai cinque svizzeri schierati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved