Polonia
Arabia Saudita
14:00
 
Tunisia
0
Australia
1
fine
(0-1)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
QATAR 2022
5 min

All’Australia basta un gol di Duke

Grazie a una strenua difesa la Nazionale dell’Oceania resiste al tentativo di rimonta di una Tunisia che è quasi fuori dal Mondiale
CURLING
1 ora

All’extra end la Svizzera regala il titolo alla Danimarca

Agli Europei di Östersund, Silvana Tirinzoni e compagne avevano a disposizione l’ultima stone, ma l’hanno sprecata
Video
Qatar 2022
3 ore

Spogliatoio lasciato come... nuovo: il Giappone incanta

Dai tifosi ai giocatori nipponici il grande senso civico dimostrato nel ripulire spalti e cabine prima e dopo la vittoria contro la Germania
i mondiali dal divano
7 ore

Ipercinetico Armando: fenomenologia di un telecronista

Fra metafore, immagini, neologismi e modi di dire, Ceroni tramanda ai posteri un modo di fare giornalismo sportivo singolare e (forse) sottovalutato
il dopopartita
13 ore

Sarebbe servita una terza fase ‘e più velocità’

Dopo quattro vittorie di fila e una buona prima metà di gara, il Lugano ritorna a perdere a Friborgo. Marco Müller: ‘Entrambe le squadre brave in difesa’.
IL DOPOPARTITA
13 ore

Il ritorno della sconfitta. ‘Avessimo dato il 5% in più...’

Johnny Kneubuehler e un venerdì a secco di gol e di punti, con il portiere del Bienne Harri Säteri assoluto protagonista. ‘È frustrante perdere così”
CALCIO
14 ore

Bellinzona ancora sconfitto, benvenuta pausa invernale

Allo Sciaffusa basta una rete di Bobadilla nel primo tempo per superare uno spento e incostante Bellinzona, quasi mai in partita
Basket
18.03.2022 - 15:00

Per il Lugano è forse l’ultima spiaggia, ma le energie...

Reduci dal derby perso, i Tigers si giocano domani a Boncourt molte delle già limitate chance di continuare a sognare i playoff. La Sam ospita il Ginevra.

di Dario ‘Mec’ Bernasconi
per-il-lugano-e-forse-l-ultima-spiaggia-ma-le-energie

Spinelli e Lugano tornano in campo domani, i primi a Nosedo alle 17.30 contro Ginevra, i secondi a Boncourt. Chiaramente le fatiche del derby di mercoledì (vinto da Massagno) si faranno sentire, soprattutto perché le nostre due compagini viaggiano con gli affettivi ridotti: la Sam con Dusan Mladjan in panchina a far compagnia a Hüttenmoser, i Tigers con i loro soli tre stranieri a guidare la combriccola di giovani. Non siamo, a livello svizzero, nella situazione di sostenere a lungo questi ritmi perché da noi il professionismo è per pochi, per lo più stranieri, e quindi le risorse psicofisiche sono sempre limitate.

La sfida fra la Sam e Lions sarebbe di richiamo se i ginevrini non fossero confrontati con una situazione di grandi difficoltà, emerse in questa seconda parte di stagione. La scoppola presa a Friborgo martedì, finita a cifre uguali ma di senso opposto (95-59 per i burgundi), e la sconfitta interna contro Swiss Central la dicono lunga sulla situazione dei ragazzi di Stimac: una sorta di armata Brancaleone che, più che altro, brancola sul campo. Cose per altro già viste contro i bianconeri e solo il calo fisico nell’ultimo quarto ha reso loro facile il finale di gara. La Spinelli che ha messo sotto il Lugano è stata vera solo nella seconda parte della partita, quando ha cominciato a difendere e a chiudere l’area. I luganesi hanno opposto una resistenza anche eroica sino a 7 minuti dalla fine, precipitando poi da un -3 a un -18 finale. Abbiamo visto cose molto buone da Martino, dal solito Williams e da Marko Mladjan, un Kovac in recupero e un Taylor non sempre lucido: Nikolic ha litigato non poco col ferro, ma globalmente più che sufficiente.

Per il Lugano la trasferta di Boncourt è una specie di ultima spiaggia per accedere ai playoff: la vittoria del Basilea mercoledì ha scavato due successi di margine, non sarà facile. I ragazzi di Nikolic hanno grande carattere e voglia di lottare ma, come si è visto nelle recenti gare, le energie non bastano per 40 minuti e nell’ultimo quarto, quando il cervello è in apnea, anche le scelte sul campo vanno a ramengo. Lo si è visto chiaramente con passaggi in tribuna, palle perse e tiri senza criterio, anziché amministrare le forze e giocare con raziocinio. Ancora una volta, l’ennesima, senza avere un play adeguato – con Cafisi comunque positivo – tre lunghi non bastano. C’è da augurarsi che i "nostri" giovani trovino punti importanti per dare quel contributo essenziale per arrivare a vincere e continuare a sperare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved