WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
4
ANA Ducks
3
fine
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 1-0)
Detroit Red Wings
5
CHI Blackhawks
7
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 2-3)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
4
ANA Ducks
3
fine
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 1-0)
Detroit Red Wings
5
CHI Blackhawks
7
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 2-3)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
un-circolo-vizioso-dal-quale-e-difficile-uscire
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
6 ore

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
7 ore

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
8 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
10 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
10 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
11 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
11 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
11 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
TIRI LIBERI
11.01.2022 - 18:570
Aggiornamento : 19:12

Un circolo vizioso dal quale è difficile uscire

L’emergenza pandemia acuisce i problemi del basket elvetico, in primis la scarsa attrattività di un campionato che fatica a portare tifosi nei palazzetti

Siamo di nuovo in emergenza pandemia, con gare che vengono rimandate e quarantene varie, il che non è certamente un bene per il nostro basket. I vuoti allontanano il pubblico, già di per sé molto scarso nelle medie elvetiche, tanto più che il prodotto basket non raggiunge certamente livelli di eccellenza. Mancano i personaggi che accendono gli stimoli, i giocatori che con le loro prodezze portano entusiasmo e spettacolo e allora la gente, non solo i tifosi, corrono a vedere le partite. C’è almeno un giocatore straniero che milita nel nostro campionato che ha queste caratteristiche? No. E allora bisogna trovare delle nuove vie per riportare la gente ad assistere alle sfide e ridare visibilità a questo sport che sta perdendo quota.

In un recente scambio di opinioni, Gaby Gisler, ex presidente della Lega, fatta sparire dalla nuova gestione di Swiss Basketball, mi diceva come il Comitato della Lnba si fosse battuto su alcuni punti essenziali perché il basket potesse avere un impatto più costante sul pubblico. Il doppio turno venerdì e domenica, limitato comunque a due o tre volte per girone, aveva avuto un maggiore impatto sui tifosi. Ma, soprattutto, l’incremento del numero di turni, 3 o 4 a dipendenza del numero di squadre che compongono la serie A, poteva dare maggiore interesse e maggiori stimoli alle società e, conseguentemente, anche all’interesse dei media e del pubblico.

Il tutto, va sottolineato, con un preciso indirizzo delle società verso il professionismo totale, offrendo ai tifosi una maggiore qualità tecnica e competizioni di buon livello. Scelte che avrebbero senza dubbio dato al nostro basket una maggiore qualità e una visibilità tale da suscitare maggiore interesse dei media e anche degli sponsor.

A oggi, possiamo verificare come queste idee siano via via naufragate per l’assenza di una progettualità globale, con non poche società che arrancano ai minimi economici tanto che, alla fine di ogni campionato, non si sa con quante squadre si comincerà la prossima stagione.

Non è certo colpa della pandemia se siamo in questa situazione. Però ora ci si può chiedere se non sia il caso di ridurre da tre a due turni la stagione regolare, perché oramai di regolare non c’è nulla. La preoccupazione che si arriverà a intasare le settimane con gare di recupero è reale, con conseguenti infortuni e squadre ulteriormente ridotte negli effettivi da vari problemi. Perché non va dimenticato che, a parte tre o forse quattro squadre, il professionismo totale è una grande utopia e le strutture societarie sono molto ridotte da una politica giovanile spesso deficitaria e non in grado di sopperire in maniera adeguata ai bisogni immediati della prima squadra. Un circolo vizioso dal quale sarà difficile uscirne.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved