Griekspoor T. (NED)
0
ALCARAZ C. (ESP)
2
3 set
(4-6 : 6-7 : 0-2)
la-sam-aspetta-i-suoi-tiratori-i-tigers-gli-stranieri
Basket
17.12.2021 - 15:45
Aggiornamento: 16:18
di Dario Mec Bernasconi

La Sam aspetta i suoi tiratori, i Tigers gli stranieri

Ultime fatiche in campionato del 2021 per Massagno (impegnato in casa nel big match contro Ginevra) e Lugano (in trasferta a Nyon), in campo sabato

Spinelli Massagno e Lugano Tigers in campo domani per l’ultima gara di campionato del 2021: la Sam ospita alle 17.30 a Nosedo il Ginevra, mentre i bianconeri saranno di scena alla stessa ora sul campo del Nyon.

La sfida contro i Lions è interessante per verificare se i ginevrini risaliranno la china o saranno ulteriormente scacciati indietro (al momento sono terzi a -2 dai ticinesi avversari di giornata). In Coppa hanno perso in casa contro Swiss Central e in campionato hanno faticato su più campi. Eppure è una società che ha investito molto ma che sinora non ha trovato terreno fertile per mostrarsi di valore. La Spinelli, per contro, sta patendo un po’ le fatiche e ne è consapevole anche Gubitosa. Il coach cercherà di spremere tutte le energie possibili dei suoi per chiudere l’anno al primo posto e per garantirsi una pausa in tranquillità, anche se mercoledì ci sarà l’impegno in SB Cup contro il Boncourt, sempre in casa. Due partite importanti per ragioni diverse e per le quali non si possono fare discorsi di priorità: bisogna vincerle entrambe. Occorrerà che la squadra scenda in campo con determinazione sin dal primo minuto perché inseguire costa ulteriori fatiche e non è il caso di sprecarle. Ginevra è un buon complesso, in crisi d’identità, ma la sfida contro Massagno potrebbe rappresentare una sorta di sveglia e una spinta verso la rimonta in campionato. La Sam ha mostrato troppe lacune in difesa e una percentuale di tiro da 3 troppo bassa. Forse è più una questione mentale perché il trio di tiratori, Kovac e i due Mladjan, è da ben altre percentuali rispetto alle ultime due gare. Insomma, c’è da ricucire e presentarsi a Nosedo con tutte le carte in regola per affrontare al massimo una delle sfide più significative della stagione.

Il Lugano va in trasferta a Nyon sul campo della quarta forza del campionato, che ha una media realizzativa pari a quella dei bianconeri ma subisce mediamente 12 punti in meno. Il fatto è che i sottocenerini non sanno cosa sia difendere e se lo sanno lo applicano ben poco. In particolare quando hanno l’acqua alla gola e gli avversari sono già comodamente sui titoli di coda. I Tigers sono una compagine strutturalmente monca nelle forze straniere – aspetto sottolineato più volte – e senza giocatori capaci di “tenere” i play avversari, perlopiù stranieri. E ciò lo si paga con scarichi e penetrazioni che l’approssimativa difesa non riesce mai a contenere. A Nyon non sarà facile perché in casa propria la compagine vodese non rende la vita facile a nessun avversario. Però, come si è visto in qualche sprazzo di gara, il Lugano sa anche avere buoni spunti e se qualcuno, oltre agli stranieri, riesce a dare un contributo decente in fatto di punti, potrebbero arrivare anche sorprese. Chissà se l’aria di Natale, che consegnerà il biglietto delle vacanze, sarà uno stimolo in più.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lugano tigers spinelli massagno swiss basketball
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved