Berna
Ginevra
19:45
 
Ajoie
Lakers
19:45
 
Zugo
Lugano
19:45
 
Zurigo
Ambrì
19:45
 
Langnau
0
Losanna
0
fine
Zugo Academy
0
GCK Lions
0
1. tempo
(0-0)
La Chaux de Fonds
Visp
19:45
 
Olten
Kloten
19:45
 
Langenthal
Winterthur
19:46
 
Sierre
Ticino Rockets
20:00
 
Berna
Ginevra
19:45
 
Ajoie
Lakers
19:45
 
Zugo
Lugano
19:45
 
Zurigo
Ambrì
19:45
 
Langnau
0
Losanna
0
fine
Zugo Academy
0
GCK Lions
0
1. tempo
(0-0)
La Chaux de Fonds
Visp
19:45
 
Olten
Kloten
19:45
 
Langenthal
Winterthur
19:46
 
Sierre
Ticino Rockets
20:00
 
derby-al-massagno-il-lugano-regge-un-quarto-d-ora
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
L'ANGOLO DELLE BOCCE
2 ore

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
2 ore

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
4 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
4 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
5 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
5 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
7 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
21 ore

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
1 gior

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
1 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
BASKET
24.10.2021 - 13:200
Aggiornamento : 14:37

Derby al Massagno, il Lugano regge un quarto d’ora

All’Elvetico, i Tigers partono forte, ma con il passare dei minuti esce la Spinelli e dalla pausa grande in poi non c’è più partita

a cura de laRegione

Il primo derby stagionale va alla Spinelli, come da copione, si potrebbe dire. Non da copione i Tigers che per un quarto d’ora rendono la vita complicata agli uomini di Gubitosa e danno un sapore intenso alla sfida. Sapore che ha per condimento anche la presenza di quasi 400 persone all’Elvetico, cose d’altri tempi, ma che fanno piacere.

I Tigers vanno in campo con l’atteggiamento di chi non vuole essere vittima sacrificale, la Sam con qualche intoppo di troppo in attacco. Così i bianconeri producono uno strappo iniziale, con un parziale di 8-0 che li porta dal 7-8 al 5’ al 15-8 al 7’. Gli ospiti rispondono subito con un 2-8 e così alla prima pausa si va sul 20 pari.

Il secondo quarto continua a braccetto sino al 29-30 al 4’, firmato da Bernardinello e dopo la tripla di Dell’Acqua. Ma con Robertson in panca, la Spinelli domina la scena degli ultimi 5 minuti: parziale impietoso di 1-16, condito da palle recuperate e contropiedi micidiali che non lasciano scampo ai giovani virgulti bianconeri. Il parziale di 14-28 diventa una sentenza perché i bianconeri non hanno argomenti per rientrare in partita. Chiusa metà gara sul 34-48, la Sam va in controllo e la differenza la fa lo spessore tecnico. Anche perché Criswell, dopo un primo quarto di lusso, 10 punti, diventa evanescente e ne mette solo 2 in due quarti: Humphrey viaggia a meno di un canestro per quarto, mentre sull’altro fronte Taylor straripa, ben coadiuvato da Williams, 10 rimbalzi per lui, con Nikolic e James a tagliare dal campo le torri bianconere. Il 49-69 all’ultima pausa è eloquente. Nell’ultimo quarto il Lugano non smette di lottare, ma se si perdono tre palloni consecutivi su rimessa, è chiaro che tutto si complica: sul +26 al 4’, 51-77 dopo uno 0-8, la partita va sui titoli di coda, con qualche spunto che serve solo ad abbellire il tabellino.

Il Lugano chiude con 4 giocatori in doppia cifra, con la novità dei 10 punti di Matasic che ha portato concretezza e solidità, al di là delle 4 palle perse: 4/5 al tiro e 3 rimbalzi, non male per un play di 19 anni. Troppo poco, invece, da parte di Humphrey, malgrado gli 8 rimbalzi, con 2/12 al tiro e 7/13 nei liberi. Robertson, 9 rimbalzi e 17 punti (8/10) ha fatto la sua parte, mentre Criswell (18 punti con 7/18) ha marcato assenza per oltre metà gara, risentendo dei problemi familiari che lo coinvolgono. Troppo poco per un’avversaria come la Sam che ha mandato in doppia cifra sei giocatori: Martino sempre più positivo 12 punti, Williams 12, Taylor 20, James 13 e Kovac 16. Il ticinese è incappato in una serata no, come i compagni, con 1/4 da 3 – 2 su 17 di squadra, ma è stato implacabile in difesa e dalla lunetta, 7/7. Assente Dusan Mladjan, come Stevanovic in campo avverso, il fratello Marko ha mostrato tutti i limiti della sua precaria condizione, con 2/8 al tiro. Un Lugano comunque in crescita anche se 17 palle perse e un misero 14/25 nei liberi creano un baratro a favore dell’avversario di turno. E se questo è la Sam, il dazio lo si paga a caro prezzo.

«Sono contento per quanto fatto nei primi 15 minuti – dice Nikolic –, ho visto una squadra vera: gli errori, anche per inesperienza, la latitanza di qualche giocatore e la forza dell’avversario hanno fatto la differenza. Ma l’inizio di gara ci ha fatto capire che stiamo crescendo».

Robi Gubitosa è lapidario: «Sapevo che avremmo faticato se non avessimo avuto la massima concentrazione e nel primo quarto lo abbiamo visto. Poi, quando le cose hanno cominciato a funzionare, a iniziare dal pressing, tutto si è incanalato come volevamo. Siamo forti, ma dobbiamo dimostrarlo sempre e con continuità».

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved