SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
6 ore

L’hockey stravagante di Sankt Moritz ’48

75 anni fa, al termine di una lunga pausa forzata, per ospitare i primi Giochi dopo la pace ritrovata furono scelte la Svizzera e le nevi engadinesi
il dopopartita
11 ore

L’Ambrì espugna Zugo ‘con la testa e con la lotta’

Uno spunto di Heed dopo 14" di overtime regala la decima vittoria da due punti ai suoi. Pestoni: ‘Ora sottovalutare l’Ajoie sarebbe un errore gigantesco’.
IL DOPOPARTITA
11 ore

Lugano in bianco in un martedì nero. ‘Questione di feeling’

Cinque schiaffi nel primo tempo, triste primato di una partita che si spegne subito. Gianinazzi ‘Probabilmente, un domani gestirei la cosa diversamente’
Altri sport
12 ore

Hockey su prato, Lugano promosso in Serie B Indoor

Decisivi i due successi ottenuti contro Grasshopper e Berna al torneo finale di Prima Lega a Zurigo
Hockey
13 ore

Tim Heed regala due punti d’oro all’Ambrì Piotta

Ottima prestazione dei leventinesi a Zugo: la sfida ha premiato la truppa di Cereda, vittoriosa 3-2 dopo l’overtime
Hockey
13 ore

Nuovo tonfo del Lugano, gode il Friborgo

Dolorosa sconfitta per la truppa di Luca Gianinazzi: ospiti padroni totali alla Cornèr Arena e vincenti per 6-1, con cinque gol nei primi 20’.
Unihockey
16 ore

Ticino fermato dal Kloten

I bellinzonesi, sconfitti in casa dai Jets 7-3, chiudono settimi in classifica e sfideranno nei playoff l’Ad Astra
sci nordico
16 ore

Campionati regionali, vince un... varesino

Fra le donne successo di Manuela Leonardi di Bedretto, fra le ragazze vince Anna Pronzini e fra i ragazzi Levin Arduser
Basket
16 ore

Nancy Fora: ‘Importante la cultura del lavoro’

La cestista ticinese spiega i segreti dei successi dell’Elfic Friborgo, squadra che in Svizzera non ha praticamente rivali
Tiri liberi
12.10.2021 - 13:05
Aggiornamento: 16:08

I mondi (squilibrati) del basket svizzero

L’inizio di stagione ha confermato come tra gli uomini si viaggi a due velocità (Olympic, Sam, Ginevra, poi le altre); tra le donne Friborgo non ha rivali

di Dario ‘Mec’ Bernasconi
i-mondi-squilibrati-del-basket-svizzero

Il basket ha ripreso il suo cammino e noi torniamo con la rubrica che continua a essere ambito di riflessioni, considerazioni e critiche varie al nostro mondo cestistico: senza la pretesa di essere il Verbo ma dare spunti di riflessione.

L’inizio di stagione ha messo in evidenza come vi siano almeno due mondi diversi nel campionato maschile di serie A e un mondo unico in quello femminile. Partiamo da quest’ultimo, nel quale l’Elfic è già sicuro che sarà triplete anche in questa stagione, in quanto la squadra friborghese nelle tre competizioni nazionali non corre decisamente il rischio di trovarsi davanti avversarie degne di questo nome. L’unica incognita sarà rappresentata dalle decine di punti di scarto che infliggeranno alle avversarie, comunque dalle due in su. La finale di Supercoppa (Ginevra schiacciato 87-32) e la prima di campionato (74-44 al Pully) ne sono un esempio eclatante e ci chiediamo che senso abbia un campionato talmente scontato.

In campo maschile la sostanza non muta di molto ma potrebbe esserci perlomeno una corsa a due, forse a tre, anche se come si è visto in entrata di stagione Ginevra ci sembra diversi passi indietro rispetto alle scorse annate. Il presidente Fattal non è uno che si accontenta e quindi c’è da pensare che in corso d’opera arriverà a investire su stranieri di calibro superiore per tener testa a Olympic e Spinelli che, almeno per ora, sono due spanne sopra le altre. Lo si è visto chiaramente nel weekend anche se le rispettive avversarie Swiss Central e Starwings non sono state dei test ardui (eufemismo) visto che già dopo 20 minuti erano sotto di 20 e 25 punti. Sabato Massagno sarà ospite proprio dei ginevrini e, forse, qualche indicazione in più la si potrà avere. Dalla quarta all’ottava poltrona la stagione si prospetta molto equilibrata, mentre per le ultime due vedremo quali saranno i risultati nelle prossime giornate.

Tra un derby e l’altro, le giovani crescono (o devono farlo)

Per quel che riguarda le tre squadre femminili ticinesi di B, si troveranno con metà calendario farcito di derby. Il Riva si è aggiudicato il primo con la Muraltese mettendo in campo alcune giocatrici che hanno dimostrato di essere cresciute molto in questi ultimi mesi: non fanno più un palleggio e poi ferme, bensì giocano l’uno contro uno, tirano con una certa velocità e giocano assieme. Le locarnesi per ora contano sul trio Franscella-Seabrook-Brussolo, in attesa che crescano le giovani. Il Bellinzona non ha invece avuto scampo contro il Divac, squadra zurighese molto tosta. Quello che ci pare strano è avere un gruppo Ovest di 10 squadre e un Gruppo Est di 7. Non era meglio un campionato unico? No, ci dicono, perché i costi per le trasferte sarebbero troppo alti. Di bizzarro c’è certamente il fatto che qualsiasi club può iscriversi direttamente in serie B e ripartire da lì. Una facilitazione che si può anche tollerare, visto il numero ridotto di squadre femminili. Sarebbe però importante che ci fosse davvero un progetto futuro costruttivo dietro a questi percorsi, perché altrimenti il settore sarà sempre più carente.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved